Salta i links e vai al contenuto

Problema col sesso. Aiutatemi!

Lettere scritte dall'autore  

Salve, sono Stefania e ho vent’anni.
Spero di non dilungarmi troppo ma vorrei un vostro parere perché non so più cosa pensare.
Io non riesco a provare piacere quando faccio sesso col mio ragazzo. C’è da dire che non siamo molto vicini e che quindi non ci vediamo spesso, in media una volta a settimana e quindi lo facciamo una volta a settimana.
La situazione in passato è stata molto complessa, la relazione intendo ma ora dopo un po’ di tempo tutto sta migliorando decisamente anche se io soffro molto la lontananza, mi pesa parecchio.
Stiamo insieme effettivamente da circa un annetto anche se lo siamo stati già un altro anno in passato però non siamo mai riusciti a stabilizzare la cosa ovvero a vederci regolarmente e ad avere una vita normale di coppia.
Ci si vedeva qualche ora al pomeriggio in città… Stavamo seduti su una panchina a chiacchierare e a baciarci… mai andati insieme a cena, al cinema o in discoteca, insomma abbiamo vissuto il rapporto sempre in modo limitato… Ora le cose stanno leggermente cambiando perché andiamo almeno una volta a settimana al motel però sempre e solo per qualche ora.. E quindi non è comunque il massimo. Però contiamo di prenderci un appartamentino in affitto in modo tale che così facendo io possa andare da lui e stare ogni week end e quindi ad avere un rapporto di coppia finalmente normale.
Prima di parlare meglio del problema sessuale ci tenevo a precisare queste cose.
Comunque il problema è che non provo piacere, né nel sesso orale né nella penetrazione vera e propria.
Cioè sento il tatto ma non provo piacere, lui mi piace, lo amo, voglio stare con lui, la mia vita la voglio assolutamente con lui e su questo non c’è dubbio quindi non credo sia un problema con lui.
Però io non ho quasi mai voglia e quando ce l’ho non provo piacere, non è che abbiamo tanta intesa eh, avendo un rapporto di quel tipo non si può avere il massimo dell’intesa però non riesco a provare neanche quel minimo. Io penso che il problema è che proprio o non mi viene voglia o anche se ce l’ho non riesco ad eccitarmi e quindi a non sentire nulla.
Ho fatto controllo vari e fisicamente nessuna anomalia.
Allora ho iniziato a pensare ad un problema psicologico.
Ho parlato con un ginecologo e sessuologo che afferma una cosa a cui non avevo pensato.
Da piccola io stavo spesso con mio zio che a volte si toccava davanti a me seppur vestito ma si toccava… oppure mi faceva sdraiare davanti a lui e lui da dietro si masturbava… e cose di questo tipo, ma mai violentata e mai si è spinto oltre. O meglio dopo anni che lo rividi e rientrai in quell’appartamenton mi vennero in mente tutte le scene che io avevo rimosso, però guardando il letto mi ricordavo qualcosa, guardando la poltrona un’altra cosa ancora.. e così via… E io però pensavo che comunque essendo io diventata grande lui non avrebbe fatto più nulla invece molto spesso scherzando per farmi il solletico si fermava anche solo due secondi sul seno o sul sedere e toglieva però immediatamente la mano oppure mi aveva chiesto foto un po’ hot oppure mi fa battute ambigue con la bava alla bocca seppur io ora ho 20 anni.
Ecco il sessuologo/ginecologo dice che è sicuramente questo il probleme non ha mezzo dubbio.
Per essere ancora più sicura ho parlato con una psicologa che mi ha ribadito la stessa cosa precisando che l’aver rimosso tutto è proprio segno di trauma.
Io non so più cosa fare e anche se fosse vero che io abbia un trauma psicologico (non riesco ad esserne convinta al 100%) come si potrebbe risolvere la cosa? Continuando a far sesso sforzandomi anche se non mi va o anche se facendolo non provo nulla?!
Grazie per avere letto tutto. Spero di trovare un po’ di conforto perché ormai in queste condizioni far sesso è diventato un incubo. Se volete farmi qualche domanda sono a disposizione.
Grazie ancora
Stefania.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria:   - Amore - Sesso

4 commenti

  1. 1
    gio -

    Ciao stefania penso che dovresti dimenticare questi eventi passati anche se sgradevoli non serve a niente portarteli dentro, parlane con il tuo ragazzo di questo problema, non devi sforzarti e spero che lui possa starti vicino lo stesso. Cerca di capire cosa ti fa paura.

  2. 2
    diana -

    Ciao Stefania, quello che ti è successo è gravissimo, ma tu sei la prima che deve capirlo, dici che non sei sicura di questo trauma ma per parlarne probabilmente vuol dire che in fondo ti rendi conto della gravità e delle conseguenze che quegli episodi ti recano. Devi assoloutamente superarli, devi farti aiutare da uno psicologo ma devi trovarne uno bravo, di cui fidarti. Soprattutto devi parlarne col tuo ragazzo! Deve saperlo perchè anche lui ti deve aiutare!Credo che tu sia bloccata, ma sicuramente è normale dopo ciò che hai passato…Mi raccomando fai il possibile per superare questa situazione, fare l’amore con la persona che si ama è bellissimo!

  3. 3
    magirama -

    Ciao. Io vorrei dire innanzitutto che l’amore è amore. Essere vicini o lontani, vedersi una volta la settimana o tutti i giorni, quando si ama una persona e si sta bene con essa, si sente fiducia, il “format” del rapporto passa in secondo piano.
    Per intenderci, anch’io ho avuto una storia con una ragazza abbastanza lontana e ci si vedeva una volta alla settimana, certe volte anche noi eravamo in giro o in circostanze che non ci consentivano certe cose, però quando andavo a casa sua e rimanevamo soli, facevamo l’amore e tutto andava benissimo, inoltre il fatto di vedersi solo in quel giorno e avere la possibilità di farlo solo quel giorno rendeva tutto una festa. Diciamo che vedersi tutti i giorni fa diventare le cose monotone in fretta mentre vedersi una volta alla settimana è poco, ci vorrebbe una via di mezzo.
    Nel tuo caso però la questione non è quante volte vi vedete alla settimana o quante volte fate l’amore, il tuo problema è puramente mentale.
    Sicuramente devi parlarne col tuo ragazzo per evitare spiacevoli conseguenze in seguito, innanzitutto per essere sincera con lui, poi perchè se si accorge da solo che non senti piacere o che magari simuli, lo ferisci e anche tanto. Io penso che metterti alle spalle quei ricordi non sarà facile, però puoi provarci, stando col tuo ragazzo, trovando nuovi stimoli, cercando una maggiore intesa nella coppia, sono sicuro che una maggiore intimità migliorerà anche la fase sessuale. Non sarà comunque facile, ma ci puoi riuscire anche col suo aiuto.

  4. 4
    fredd -

    Ciao Stefania, innanzitutto vorrei dirti che vedersi solamente nei weekend non può essere la causa di questa situazione, non è poi così poco vedersi e fare l’amore una volta alla settimana, sono tantissime le coppie che non hanno una casa per conto proprio oppure che sono distanti e che quindi si vedono il sabato e la domenica, e questo problema non ce l’hanno, anzi il fatto di vedersi di meno di solito accresce il desiderio di intimità.
    Quindi sicuramente, se con la tua ginecologa hai escluso problemi di natura fisica, il tuo problema è di natura psicologica, è un blocco psicologico che si chiama “assenza del desiderio sessuale”, non sei l’unica ad averlo. Io sono stato con una ragazza che aveva il tuo stesso problema, con lei è finito anche l’amore proprio per questo motivo, ma non perchè da parte mia ci sia stata incoprensione, al contrario io ho fatto di tutto per starle vicino, ma soltanto perchè lei non si è fatta aiutare da nessuno specialista e alla lunga questa situazione è diventata logorante per entrambe.
    Posso assicurarti che se anche permetti al tuo ragazzo di fare l’amore con te, di toccarti e tutto il resto, lui percepisce che non ne sei coinvolta…e questa cosa lo fa soffrire molto più di quanto tu possa credere, anche se lui cerca di non fartelo pesare.
    Quindi il consiglio che ti voglio dare, proprio per la mia esperienza, è innanzitutto di parlarne con lui e di dirgli che tu hai questo blocco verso il sesso, e soprattutto di affrontare una psicoterapia con uno psicologo specializzato in sessuologia. Hai già fatto una chiacchierata con la psicologa, forse è vero che il blocco deriva da quello che hai visuto per colpa di tuo zio, ma comunque a prescindere dalla causa una chiaccierata non è sufficiente, devi affrontare una psicoterapia, e se il tuo ragazzo ti ama veramente saprà accettare i tuoi tempi ed aspettare che tu risolva il problema. Tanti auguri e un abbraccio.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili