Salta i links e vai al contenuto

Perdere la dignità

Lettere scritte dall'autore  

Sono sempre stato molto orgoglioso, però da quando ho subito degli episodi avversi, un paio di anni fa, mi sono un po’ perso, sono caduto in depressione, ma ne sono poi uscito.

Ho finito per parlarne anche al mio datore di lavoro, per giustificarmi di alcuni comportamenti passati. Diciamo che ho finito quasi per implorarlo. Mi sento un vero cretino, la gente al lavoro mi stimava molto, non so in quanti lo sappiano ora, però qualcuno sicuramente lo sa. L’ho rivelato perché davvero ero in un momento di grande fatica e la gente mi dava addosso. Comunque il datore di lavoro si è dimostrata una persona a modo, almeno di facciata, poi chissà cosa avrà pensato.

Mi sento ora come uno che ha perso la dignità. È da coraggiosi tenere per sé i propri guai e soffrire in silenzio. Ho letto libri di gente che ha resistito a fatiche durissime, per esempio nel libro “Un uomo” della Fallaci. Non è che volessi essere proprio un eroe, però, non so, ora mi sento una persona che ha ceduto. Forse dovrei lasciare quel lavoro, per lavare l’onta.

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

4 commenti

  1. 1
    Rory -

    Ciao Leo 🙂
    Innanzitutto voglio complimentarmi con te per essere uscito da quel brutto mostro chiamato “depressione”. Questo è il vero coraggio: affrontare l’ostacolo e superarlo. E tu ce l’hai fatta. Quindi questo è sufficiente per poter aggiungere un punticino in più alla tua autostima 😉
    Per quanto riguarda il tuo disagio e il tuo sentirti “un cretino” per aver confessato al tuo datore di lavoro di aver vissuto un momento difficile, mi dispiace che tu ti sentaa in questo modo, perchè non ne hai assolutamente motivo. 🙂
    La vera forza e il vero coraggio non consistono nel tenersi dentro tutto e non far trapelare agli altri le proprie sofferenze. Questo non c’entra nulla con la dignità. La dignità, invece, consiste proprio nell’avere il coraggio di ammettere di aver sofferto, di aver affrontato un periodo grigio (come capita a tantissime persone) e di essere riuscito ad uscirne con le tue sole forze.
    Inizia a guardare la cosa da un’altra prospettiva, perchè credimi: sei una persona da stimare e non sei una persona che ha ceduto, anzi! Tutto il contrario. E non c’è motivo di cambiare lavoro: i tuoi colleghi, se mai dovessero sapere questa cosa, non potranno fare altro che complimentarsi per la tua grande forza d’animo. 🙂

  2. 2
    jjj -

    Una persona che guarisce dal cancro si dovrebbe vergognare? Ma scherzi? Non sembra che tu abbia ricavato molta saggezza da questa esperienza… Dovresti essere fiero di aver scavalcato la montagna più alta che esista!

  3. 3
    unless -

    Ciao Leo. Confidare i propri disagi sarebbe una cosa magnifica se gli altri avessero la sensibilità adatta a capire la tua situazione.

    Ci sono ambienti di lavoro che permettono questo e altri no.

    Se ti sei sentito di esternare quello che avevi dentro va bene, ma ora i tuoi colleghi vogliono una reazione. Apprezzano che ti sei aperto ma ce la devi mettere tutta affinchè loro capiscono che è stato un periodo, periodo che non deve durare per sempre.

    Fatti forza e fai vedere che sei il più forte.

    In bocca al lupo

  4. 4
    Leo -

    unless, il tuo è un commento molto profondo. Thanks.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili