Salta i links e vai al contenuto

Perché siete su questo sito?

Ditemi, se vi va, i motivi per il quale siete su questo sito, i motivi per cui rispondete a chi vi scrive e cosa rappresenta per voi la possibilità di comunicare con degli anonimi piuttosto con le persone che vi circondano.

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:

Continua a leggere lettere della categoria: Riflessioni
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

43 commenti a

Perché siete su questo sito?

Pagine: 1 2 3 5

  1. 1
    Gabriele -

    Io personalmente, non considero questo mezzo alternativo o preferito al rapporto con le persone reali. Io ho scritto una lettera in un momento di grande difficoltà personale, volevo sfogarmi, volevo anche raccontare un tipo ben preciso di ingiustizia che sto subendo. Poi ho cominciato a scrivere commenti, perchè molte storie sono complesse, addirittura impensabili per me. Poi un altro motivo è la necessità di informare gli altri su delle situazioni: ho scritto una lettera dove volevo un’opinione sulla gestione dei necrologi, ed il risultato è stato, oltre ai commenti, l’ispirazione di una associazione nel mio paese contro l’abbandono scolastico e l’abbandono familiare, cioè favorire i rapporti tra le persone all’interno della famiglia.

  2. 2
    alb -

    hai ragione,luke pero’ e’ la vita moderna, e’ una forma di comunicazione, che ha il vantaggio dell’anonimato, e dello sforzarsi a scrivere,i propri pensieri, nella solitudine della propria stanza ambiente, dai dico una parola suggestiva e carismatica HERMITAGE,
    dove hai il pc senno’ dallo smart ph in un momento opportuno, meglio non al ristorante tra amici, poi il negativo e’ che non puoi vedere gli altri non puoi chiamarli sentirli pero’ se riesci ad avere una intesa puoi se ti fidi dare una mail

  3. 3
    alb -

    e poi leggi i pareri della community L, al D.
    bye

  4. 4
    J.J Bad -

    Una buona metà delle persone che scrivono su questo sito hanno del tempo da perdere. Chi ne ha un po’, chi ne ha evidentemente tantissimo.

    Se lo osservi per un po’ riuscirai a fare una netta distinzione tra chi lo utilizza con moderazione, cercando di dare poche risposte ma sensate e di aiuto, e chi invece ne abusa commentando in mille discussioni anche con sciocchezze nonsense pur di scrivere qualsiasi cosa, ma svelando problemi psicologici ben più gravi.

    Queste sono le due facce dell’anonimato.

  5. 5
    Rossella -

    L’atteggiamento verso la parola, da parte mia, denota una sfiducia verso la natura. Questa sfiducia affonda le sue radici nelle delusioni sentimentali. Io ho conosciuto la mia natura, mettiamo la così: oggi che dovrei fare? Dove dovrei realizzarmi? Ma che discorsi sono? E’ veramente tutto qui? Il resto ti sta stretto? Lo capisco. Ma allora cosa vuoi da me? Valuti il tuo passato come esperienza e poi mi parli di Dio? Veramente non capisco. Sacro e profano? Senza pentimento? Io la percepisco come una forma di bramosia: voce del verbo avere.

  6. 6
    alb -

    AMMETTO JJ BAD che qui si cazzeggia abbastanza pero’ ci sono anche cose interessanti chwe riguardano la nostra ” POVERA ” immensa humanitas

  7. 7
    distrutto97 -

    Sono una persona malata con seri problemi mentali

  8. 8
    Aloneinthedark -

    Perché mal comune mezzo gaudio.

  9. 9
    Amata -

    Non mi pongo tutti questi problemi a quest’ora. Scrivo perché mi rilassa, ovviamente preferisco i rapporti dal vivo. Questa è solo una valvola di sfogo o, comunque, di alleggerimento da qualsiasi tensione emotiva.

  10. 10
    Genny -

    Io sono su questo sito perché l’ho scoperto anni fa e mi piace.
    Rispondo a chi mi scrive perché è bello avere attenzioni e darle.

    Per me la possibilità di comunicare con degli anonimi piuttosto con le persone che mi circondano rappresenta un’occasione di confronto con chi ha piacere di confrontarsi altrettanto. Qui non ci mettiamo la faccia e allora manca quel impatto emotivo che si vive con il circondario. Si entra in contatto solo se e quando si vuole.
    A volte le persone scelgono di avere solo un confronto scritto dopo che non sono riusciti a gestire le proprie emozioni da vicino. (tipo rabbia, rifiuto, VERGOGNA..)
    Fondamentalmente confrontarsi qui è una fuga dalle relazioni umane dal vivo.
    Internet con le sue occasioni di incontro tra umani offre la facilitazione del confronto verbale. Ma dal punto di vista del confronto emotivo e fisico ci depriva. Ci mette a distanza emotiva e fisica. Ci isola dal rapporto umano vivo. Siamo controllati da questo nuovo sistema di contatto online perché qualcuno ci guadagna a livello economico. Come sempre qualcuno ha voluto sfruttare questa situazione per fare soldi.
    Il soldo corrompe molti a causa della ignoranza.

Pagine: 1 2 3 5

Lascia un commento

Max 2 commenti per lettera ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili