Salta i links e vai al contenuto

Pareri sinceri?

Lettere scritte dall'autore  

Non attaccatemi, e non giudicatemi per favore. Ho solo bisogno di sentire qualche parere sincero di persone che non siano influenzate dal rapporto di parentela o amicizia con me. Ho quasi 22 anni, frequento la facoltà di economia e commercio e sono al primo anno. Mi ritrovo ancora al primo perché prima di passare a questa facoltà, ho frequentato scienze dell’educazione. Sinceramente non so perché all’epoca io l’abbia scelta, forse per il mio amore verso i bambini o forse perché il mio diploma di liceo pedagogico suggeriva le strade delle facoltà umanistiche. Fatto sta che non mi dava soddisfazioni: studiavo a fatica e senza voglia, non mi sentivo motivata perché alla fine degli studi non avrei saputo cosa fare. E’ brutto dirlo ma, ahimè, gli sbocchi lavorativi per quell’indirizzo sono pressoché inesistenti. Così l’anno scorso ho preso la decisione di cambiare. Premetto che non ho mai avuto una precisa passione per qualcosa in campo “lavorativo”(nemmeno da bambina), quindi ho ponderato ogni possibilità a mia disposizione, e alla fine la mia scelta è ricaduta su economia. Innanzitutto perché -anche se al giorno d’oggi esiste poco lavoro in ogni settore- rimane comunque una delle poche facoltà italiane a poter offrirti ancora qualcosa. Poi perché, pur non avendo mai affrontato materie quali economia o finanza, leggendo i testi di mio fratello (che fa la ragioneria) sono materie che mi hanno interessato e di fatti nella maggior parte degli esami ho 30. Infine, l’ho scelta (scusate la bassezza della cosa, ma penso sia anche umano viste le circostanze attuali) sperando un giorno di avere un lauto guadagno. Ora però sono entrata in crisi e non so uscirne. Ho sempre odiato la matematica e purtroppo un paio di esami ad economia, su quella materia, ci sono, anche se non ci lavorerò con essa. E le persone che mi conoscono mi domandano “ma come, tu odi la matematica e fai economia?” non so cosa rispondere, è come se non avessi più personalità… boh, non so. Io sono un tipo a cui piacciono i bambini, a cui piace scrivere e leggere. Una ragazza predisposta a studiare lettere e filosofia o psicologia ecc. Ma, seriamente, non ho nessuna intenzione di spaccarmi sui libri e poi sgomitare per un posto fisso (senza offesa per nessuno).
Va beh, mi sono dilungata troppo. Volevo solo sapere… che devo fare? La sera mi assalgono i dubbi e i pensieri, è un periodo nerissimo! Mi domando sempre: “ho fatto la scelta giusta?” e poi subito dopo mi rispondo “sì che è quella giusta, anche perché adesso non puoi più cambiare: hai 21 anni!!”. Ho paura di non farcela. L’unica cosa che mi consola sta nell’avere la sicurezza di aver fatto la scelta giusta cambiando facoltà: molte mie amiche laureate non lavorano e si stanno dedicando alle ripetizioni ai bambini o facendo le commesse. Voi cosa ne pensate? Sono troppo grande per poter decidere ancora il mio futuro? O, ancora, qualcuno sa come possa essere diventare dottore commercialista? E’ da stamattina che sto in casa sbuffando… vorrei essere serena per poter studiare quel libro che mi guarda minaccioso, ma non riesco ad aprirlo! Voglio svuotare la mente e non pensare a tutti questi casini che mi creo!

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Lavoro - Me Stesso - Scuola

3 commenti

  1. 1
    phil -

    Ciao, secondo me se ora hai scelto economia, non puoi cambiare per la terza volta ma, devi andare avanti per quella strada.
    Per quanto riguarda matematica.. È solo un fattore psicologico (appunto) e siccome ti servirà devi sforzarti a fartela piacere. Sicuramente sarà difficile se sono cose che non hai svolto alle superiori, ma se ce la farai potrai sentirti gratificata quando riincontrerai le persone che ti dicevano che non eri portata per la matematica 🙂
    Sicuramente bisogna puntare il più in alto possibile.. Poi dove si arriva si arriva..
    Buona fortuna!

  2. 2
    enù -

    Per prima cosa ti dico che non è vero che “non si può cambiare una terza volta” o “perché ormai hai 21 anni”…io l’ho fatto (a 23 anni sono entrata alla terza facoltà che ho scelto) e conoscono altre persone che lo hanno fatto (forse qualcuno ha cambiato anche una quarta volta).
    Detto questo, il mio consiglio non è quello di cambiare facoltà!
    Secondo me sei sulla strada giusta…è normale che una o due materie siano più difficili e impegnative. Magari piuttosto che un appello, te ne serviranno 3 per superarle, ma non è certo questo che deve fermarti.
    Vedrai che riuscirai a superare l’ostacolo!!

    In bocca al lupo!

  3. 3
    io -

    “sì che è quella giusta, anche perché adesso non puoi più cambiare: hai 21 anni!!”
    che ridere che mi fa questa frase…:)…ma non prendertela non è una risata cattiva nei tuoi confronti…ma hai solo 21 anni…non preouccuparti della tua età, certo il mio non è un invito “alla folia”, la vita a volte richiede di essere realisti e pragmatci quindi a mio avviso hai fatto una scelta giusta.
    Fa quello che “devi” ma non scordarti di ciò che ti piace, sono scuro riuscirai a coinciliare le due cose.
    Del resto non è mica tanto strano ciò che accade a te, anzi, altrimenti saremmo un popolo di calciatori ed astronauti, ma ci sono tanti impiegati che sono cmq felici di poter giocare la loro partita di calcetto il venerdì sera…spero di essermi spiegato 😉
    su dai…rilassati…dalle poche parole che leggo di te sei una persona in gamba…ce la farai, ne sono SICURO!!! 😉
    Ciaooo

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili