Salta i links e vai al contenuto

Non sono più innamorato ed è assurdo…

Lettere scritte dall'autore  mauflex
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

116 commenti

Pagine: 1 2 3 4 5 6 12

  1. 31
    francy -

    Inagirabile.. Ma fammi un piacere, come si fa a ricostruire un’amore,gia’ con il presupposto che forse ci sara’ un’altro stato confusionale..Sei confuso gia’ da adesso,e non ti accorgi che i tuoi tira a molla fanno male a lei.Fatti un bel esame di coscienza,se sei certo di amarla,l’unico pensiero e’ per sempre…Lontano da me dare giudizi negativi su te,forse sono la persona meno adatta..Confusa lo sono stata per molto tempo, nel passato.. Ciao auguri

  2. 32
    Hank79 -

    Caro Mauflex,

    anche io mi trovo in una situazione molto simile alla tua e ormai da diverso tempo. E’ come se si scontrassero in me due forze titaniche, entrambe forti quanto contrapposte. E’ così frustrante non riuscire a comprendere sino in fondo i propri sentimenti.

    Anche io al solo pensiero di non vederla sto malissimo eppure sto male quando sto con lei, mi sento uno schifo. Mi chiedo davvero se il problema sia lei (sino a qualche tempo fa pensavo questo) od io, la mia incapacità di sentirmi all’altezza.

    E’ una situazione che mi reca talmente tanta sofferenza da volerla fare finitia, ma, ripeto, il solo pensiero di perderla mi distrugge e quando ho provato a non sentirla anche solo per due giorni sono stato davvero male.

    Non sono un ragazzino, ho anche io 30 anni e siamo fidanzati da diversi anni. All’inizio era tutto meraviglioso e facile. Adesso è tutto molto complicato.

    Come si fa a guardare con sincerità dentro di sè, tu come ci sei riuscito?

    Grazie mille.

  3. 33
    Inagirabile -

    Francy nella vita bisogna essere coscienti dei vari problemi contingenti che possono nascere, aldilà del mondo fantastico e pieno di amore che tutti sognamo.. i miei dubbi sono immanenti in ogni cosa, xkè nessuna cosa ha la presunzione dell’eternità.. soprattutto se parliamo di amore e soprattutto se ho già vissuto tale situazione.
    Hank ti capisco benissimo.. sappi che molte persone vivono questa situazione.. è una situazione che ti logora in maniera feroce.. con grandissima sincerità ti dico di non essere in grado di darti consigli.. spesso è facile parlare quando le situazioni non le vivi in prima persona.. in realtà anche chi le vive, spesso, non ha la soluzione adatta o forse, la conosce ma è troppo rischiosa e dolorosa nell’immediato per utilizzarla…

  4. 34
    mauflex -

    Ciao a tutti. Hank79…mi spiace che anche tu stia così male adesso ed è superfluo che ti dica che ti capisco benissimo.Mi chiedi come si fa a venirne fuori…io ti parlo della mia esperienza. Non c’è una regola fissa, ma magari posso cercare di darti un punto di partenza…per lo meno lo spero. Non so da quanto tempo tu stia in questa situazione, a me è durata circa due anni,tra alti e bassi; diciamo che c’erano periodi in cui era davvero insostenibile (crisi di pianto improvvise, piccole crisi di panico) ed altri periodi più sopportabili ma sempre con questo enorme BOH di fondo. A pensarci adesso è successo tutto in un momento che poi si sta rivelando essere stato un profondo cambiamento nell’equilibrio stesso del rapporto…un pò come se di fronte cominciassi a vedere un’altra persona, un’altra immagine di lei rispetto a quella che avevo dal momento in cui ci eravamo messi insieme. Certamente una presa di coscienza più profonda del rapporto, di certe responsabilità…ed anche molta paura. Da una parte capivo, vedevo che era (ed è!) una persona unica, speciale…con la quale mi sentivo di potermi aprire completamente; dall’altra la paura di andare più a fondo nel rapporto ed anche, egoisticamente, di precludermi altre strade, altre esperienze: queste erano probabilmente le cause del mio profondo malessere. Ho tenuto duro, ho fatto passare questo momento terribile senza nascondermelo, cercando di parlarne con lei, facendola inevitabilmente star male ma facendola partecipe di quello che sentivo, per non nascondergli nulla. Posso dire di esserne uscito? Adesso si, ma il ricordo di quella sofferenza mi ha lasciato un pò di paura. L’animo umano, almeno il mio, è davvero instabile… Il mio consiglio, se riesci, e se credi di aver trovato davvero una persona che non troveresti mai sulla tua strada…resisti. Io sono stato anche 4 o 5 volte dallo psicologo perchè non volevo cedere alla mia parte forse “meno responsabile”…e so di aver fatto la scelta giusta. Coraggio!!

  5. 35
    Hank79 -

    Caro Mauflex,

    mi specchio pienamente in ogni tua parola. Ho avuto una relazione splendida con lei, fintatoché non mi ha chiesto di andare a vivere assieme. Da quel momento, fra alti e bassi, il boom. Ho avuto un’infanzia dura, un legame molto forte con mia madre ed una separazione da mio padre vissuta in tenerissima età (neppure due anni): un’infanzia costellata di crisi di ansia da separazione e da abbandono.
    Anche io da quel momento ho cambiato la percezione del rapporto: mi sono visto in un’ottica adulta ed ho avuto molta paura. Sento anche io una parte di irresponsabilità, fanciullesca, che mi porta a dire: “butta tutto all’aria, torna alla tua vita in cui non devi rendere conto a nessuno”. Ma è chiaro che la sofferenza sottesa a questa scelta è perdere una persona per me davvero molto, ma molto speciale.
    La mia ragazza è al corrente di tutto questo e mi riesce ad amare ed accettare con una forza spaventosa (anche se ovviamente la fa stare male). Il problema è che mia coetanea e quindi sente come molto forti l’esigenza di creare con me una famiglia. Se già mi terrorizza l’idea della convivenza, figuriamoci un figlio!!! (io sto ancora studiando per un concorso molto difficile).
    Secondo me in questo periodo ho sbagliato target: il problema probabilmente non è lei, ma la mia immaturità e la paura della maturità e delle conseguenze che comporta. Forse devo davvero prendere coscienza di certi meccanismi e trovare le risorse per affrontare i miei fantasmi. Sarà dura, anche perché stare così male non è facile…
    Davvero grazie mille!

  6. 36
    parigina -

    la mia historia,quanto felice ero fino a due mesi fa.tutto era bello,come una coppia che ha voglia di amarsi..pensavo di sposarmi e fare una bella famiglia…ironico…!!e adesso che non capisco piu niente…ho tanto paura!! tutto inizia quando ho conosciuto lui..un ragazzo,non bello ma intelligente,la sua gran simpatia mi ha stravolta la vita.io che pensavo che non poteva mai succedere a me…perche pensavo di amare al mio compagno…y allora?? mi ritrovo che non si lo amo piu..perche da mesi penso a questo affascinante uomo e como lui pensa a me,noi che solo avviamo sfiorato le mani e ci siamo riconosciuti.vorrei dare una risposta..a tutto questo che mi succede…davvero sto male..il mio compagno e il uomo che ogni donna desidera e mi ama…adesso non riesco ni meno a guardarlo in faccia…faccio schiffo!!! prendere una decisione sara dura..aiutatemi a capire.grazie

  7. 37
    Stella di giorno -

    Buongiorno a tutti…scrivo qui perchè sono in crisi e voglio raccontare la mia storia…
    Sono fidanzata da circa tre anni e mezzo…ero innamoratissima di lui…ma ho seri dubbi che lui lo sia mai stato di me…ora gli voglio un bene immenso ma non sono più innamorata di lui…circa un anno fa c’è stata una grande litigata e crisi e ho deciso di cercarmi una casa..perchè viviamo insieme da quando stiamo insieme…e ora ci siamo…la mia casa è quasi pronta e fino a poco tempo fa non vedevo l’ora di trasferirmi…
    Dopo quel litigio son anche andata da uno psichiatra e uno psicoanalista perchè stavo tanto male…
    Durante questi 3 anni l’ho tradito due volte…cioè con due persone diverse…quando ormai sentivo di non essere più innamorata di lui…
    La prima persona non era il mio tipo…era forse voglia di evasione..non mi piaceva fisicamente e nemmeno caratterialemente…due modi di pensare e vivere completamente differenti…ma mi piaceva di lui che era innamorato di me…forse quello che sentivo che mi mancava dalla mia realzione…
    Il secondo l’ho conosciuto per caso…abbiamo 10000 cose in comune…e un po lo stesso modo di vivere…all’inizio è iniziata per scherzo…non mi piaceva fisicamente …ho pensato…all’inizio che volevo quelle emozioni…un po’ irresponsabilmente … ma poi credo di essermi innamorata di lui…lui mi cercava spesso … voleva vedermi … e poi si è allontanato di colpo lasciandomi spaesata…continua a rispondermi se gli scrivo…ad aiutarmi se gli chiedo qualcosa…ma è distante…e non mi ha più chiesto di vedersi…
    Io sono generalmente impaziente e lo cerco e cerco di capire…e più lo faccio più lui mi sembra si allontani…non so cosa fare..questa cosa mi fa star male…
    Ora ho deciso di cercare di non pensarci e staccare ogni collegamento per un po…me lo sono imposta…ma mi manca…
    Voi che cosa ne pensate?

  8. 38
    kiara -

    ciao a tutti
    è la prima volta che scrivo su questo spazio, spero di capirci qlc.
    Ho 25 anni e sono fidanzata da circa 9 anni con lo stesso ragazzo, in pratica siamo cresciuti insieme e questo in parte mi piace, ma ora ho anche tanti dubbi. circa 3 anni fa ho scoperto che mi ha tradito e io l’ho lasciato e sono stata malissimo. lui è tornato da me supplicandomi e alla fine ho ceduto perchè non riuscivo a immaginare la mia vita senza di lui. in questi tre anni ci sono stati alti e bassi, all’inizio è stato molto difficile perchè non avevo fiducia in lui e perchè io mi ero decisamente incattivita, ma con il tempo le cose sono tornate alla normalità, almeno apparentemente. la verità è che da quel giorno tutto è cambiato dentro di me, prima era tutto perfetto e io non riuscivo a immaginare la mia vita senza di lui, poi ho capito che l’amore perfetto non esiste e mi sono disillusa. ultimamente, in più, sento anche un gran senso di insoddisfazione, la mia vita non mi piace e purtroppo lui rapprendeta gran parte della mia vita. io vivo in un piccolo paese e non vedo l’ora di scappare per scoprire un mondo nuovo, lui lavora qui e sò che se ci dovessimo sposare non potrei spostarmi di molto. ho voglia di viaggiare e di cambiare tutto, di essere in continuo movimento e sento lui come un peso. lo sò è orrendo quello che dico ma è così, mi sento come una donna di 50 anni che ha tutta la sua vita già fatta, non posso cambiare molto finchè decido di stare con lui e poi ci si mette anche la gelosia che ormai in me è perenne, quindi anche vivere un rapporto a distanza è impossibile. davvero non sò cosa fare perchè ho paura che lasciandolo me ne possa pentire, ho paura di non trovare un’altra persona con cui sentirmi in sintonia come lui…. cosa posso fare?????

  9. 39
    mauflex -

    Ciao kiara, è un bel pò che non scrivo qui ed è anche un bel pò che la mia condizione è radicalmente cambiata. Alla fine mi sono lasciato definitivamente da circa un anno con la mia ex-ragazza. Nonostante sia stato un dolore molto grande per me e per lei abbiamo capito che continuare ad andare avanti e cercare di riparare e rattoppare un rapporto che non andava più bene da tempo fosse solo un continuare a prenderci in giro per paura di affrontare la realtà, cioè che io le volevo un bene infinito, non riuscivo a sopportare l’idea di non vederla né sentirla più, perché era (ed è) parte di me…ma non la amavo più. Era diventata mia sorella. Lo so che è terribile ma è così.
    Io non so precisamente cosa dire sulla tua situazione, ti dico solo che penso sia più che comprensibile e legittimo che tu a 25 anni abbia voglia di vivere la tua vita, di scoprire tutto quello che ti circonda, di provare esperienze che probabilmente nel tuo piccolo paese sarebbe impossibile provare. Non so davvero quale sia la giusta cosa da fare, ma penso di poterti dire cosa non fare: non seguire la voce che ti dice di abbassare la testa, di trovare compromessi o di fare rinuncie. Sono scelte che alla fine ti andranno sempre strette e ti provocheranno rimpianti e rancori che in un modo o nell’altro riusciranno sempre a manifestarsi in te, nei tuoi rapporti, nella tua vita quotidiana. Non è una scelta facile e capisco che sei legata a lui. Ci sei cresciuta insieme. Parlane con lui, cerca di spiegargli che vorresti fare altro e vedi come reagisce. Tieni conto che se non sei felice della tua vita sarà difficile essere felice in due. E’ un pò brutto da dire ma purtroppo è così. Facci sapere, un abbraccio forte.

  10. 40
    monica -

    Rileggi a mente fredda fra qualche giorno quello che hai scritto e fai quello che trasuda dalle tue righe, ovvero: tira fuori il coraggio e lascialo. Sai già quello che vuoi e stare per inerzia insieme con tutti questi dubbi non serve a niente, se non ad aumentare frustrazioni e condizionamenti. Se è davvero l’amore della tua vita troverete un nuovo equilibrio dopo che tu ti sarai sentita libera, come mi pare ora hai bisogno, e avrai trovato il tuo di equilibrio.
    So che non è facile. Bisogna maturarle certe scelte… ma mi sembra che tu abbia già capito molto, devi solo “fare”. In ogni caso questo è un suggerimento dato da una persona esterna e una soluzione basata su come sono fatta io. Non tollererei situazioni di ambiguità e incertezza, sia che provengano da me che da lui.
    Ti faccio i migliori auguri. Forza.

Pagine: 1 2 3 4 5 6 12

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili