Salta i links e vai al contenuto

Non so più cosa fare.. (2)

Ciao a tutti. sono lisa ho 24 anni. Sono laureata in lingue e ho proseguito con i due anni della specialistica, ma non ho più stimoli. I miei genitori sono separati da quando avevo 18 mesi e purtroppo io non sono mai riuscita a venirne fuori pur avendo fatto un percorso da una psicologa per due anni. Pensavo che la cosa potesse aiutarmi ed invece se per certi aspetti dopo diversi anni mi ha fatto ritrovare un rapporto civile con mio padre, dall’altro invece ha peggiorato il rapporto con mia madre che per 24 anni si è presa cura di me. Ho anche un ragazzo da circa 6 anni, ma con lui le cose non vanno per nulla bene. Non scendo nei particolari, ma comunque non mi sento per lui importante, ma non ho la forza di dire basta. E questo è un continuo motivo di scontro con mia madre, tanto è vero che mi ha ritirato le chiavi di casa e vuole sbattermi fuori. Mi sento fuori dal mondo, sola, abbandonata, non compresa. Tutti problemi che anche con la psicologa sono emersi, ma a quanto sembra mai risolti. Io questo ragazzo lo amo, ma lui è molto succube della famiglia. Non so più cosa fare, vorrei farla finita ma amo la vita e non voglio chiuderla. Amo mia madre, ma non sto bene dentro casa con lei. Mio padre non mi vuole in casa sua. Io non so più che fare, scatto dal nulla. Qualsiasi cosa mi venga detta io mi incavolo reagisco in malo modo, senza rendermi conto che la persona che ho davanti non ne ha assolutamente colpa. Sono gelosa di qualsiasi cosa e persona, soprattutto di mia madre. Sono gelosa se dà attenzioni a mio cugini, a qualsiasi altra persona. Tante volte ho pensato al suicidio, ma non trovo il coraggio. La paura di lasciare la casa in cui vivo con mia madre, mi incute una paura allucinante. Vorrei dire basta a questa vita di merda ma non so come fare, cosa fare soprattutto. Questa mattina mi sono svegliata e non avevo più voglia nemmeno di stare in piedi, tanto è vero che me ne sono tornata a letto. Con mia madre dovevo andare in ferie e non ci vado più perché non se la sente di rovinarsi le ferie. Io non so più cosa fare. Datemi una mano vi prego.
Grazie Lisa

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

4 commenti

  1. 1
    colam's -

    Per me la soluzione e’ semplice da dirsi: trovati un lavoro.

    Con il lavoro avrai altri stimoli e svaghi, man mano diventerai anche autonoma e potrai uscire di casa di tua madre. Con questa autonomia e nuove esperienze maturerai, e questo incidera’ sul tuo rapporto di coppia: o riuscirai a migliorarlo , o riuscirai a troncarlo.

    In bocca al lupo !

  2. 2
    trilly -

    e andare a vivere con delle amiche o cmq delle coetanee? in qualsiasi città universitaria c’è questa possibilità…
    ma non hai dei desideri, dei sogni che ti tengano ancorata al desiderio di vivere?

  3. 3
    LISA -

    Avevo pensato di lasciare l’università e andare a lavorare, ma ho paura di dare un grosso dispiacere a mia mamma che per me ha fatto tanto. La voglia di vivere io ce l’ho, voglio continuare a lottare per riconquistare la mia felicità e pensavo che avendo accanto questa persona la felicità l’avessi. Invece mi rendo conto che avendo grosse problematiche lui, le mie insicurezze le mie paure e i miei difetti aumentano ancora di più.. Ormai sono all’ultimo anno di università ed è anche quello che mi lascia perplessa se lasciarla o meno, perchè fossi al primo anno lo capirei ma sono all’ultimo e mi mancano ancora 8 esami, metà gli ho già fatti.

  4. 4
    Eric91 -

    Cara Lisa,
    Ho passato anche io dei momenti di inferno quando i miei si sono separati…Ed avevo solo 14 anni.Ho duvuto lasciare la scuola per motivi economici non appena ho compiuto 18 anni per contribuire alla mancanza di fondi, poichè un solo stipendio non ti porta da nessuna parte oggigiorno. Anche io sono abbastanza solo adesso,ho subito tradimenti da gente che conoscevo da anni (e si parla di ben 7) per uno stupido malinteso che poteva essere semplicemente sorvolato. Di morose non ne voglio parlare assolutamente, ancora sto male per l’ultima e non credo di avere la forza di cercarne delle altre; sono stanco di essere preso per il c*** ancora e ancora. Mi sono affidato alle poche amicizie VERE che possiedo, quelle che contano di più, e mi hanno salvato da un momento di crisi dove sono stato veramente vicino al suicidio (per la seconda volta, per di più). Ti capisco bene e so cosa vuol dire aver passato una situazione come la tua. Posso aiutarti se lo desideri, scrivimi a Reeven1987@libero.it , parlami delle tue paure e dei tuoi dubbi, che magari ne saltiamo fuori insieme. Fatti forza e affidati agli amici veri se ne possiedi. In caso contrario possiamo stringere un’amicizia e vedere se il dialogo può aiutarci entrambi. Un bacio ed un abbraccio 🙂

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili