Salta i links e vai al contenuto

Non riesco a smettere di pensare al suicidio

Lettere scritte dall'autore  maria elena coppola

Salve a tutti, è la prima volta che scrivo qui. Avrò 27 anni fra 6 giorni e come da titolo non riesco a smettere di pensare che voglio farla finita. Ho una famiglia che mi disprezza, i miei genitori mi dicono che sono pazza e devo farmi ricoverare, mi dicono che sono malata mentale, mia sorella di 20 anni mi picchia violentemente, io ho un leggero autismo. Non ho un lavoro, quindi non posso andarmene di casa. Sono seguita da una psicologa, ma si chiude a riccio se provo a parlarle di suicidio. Come devo fare? Prego x favore di non essere giudicata. Grazie. Un saluto a tutti.

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Non riesco a smettere di pensare al suicidio

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

9 commenti

  1. 1
    Yog -

    Mah, che dirti. Mi suona strano che una psicologa si “chiuda a riccio”, tanto più che in genere quel tipo di professionisti vengono pagati solo per ascoltare.
    Vista la situazione che hai descritto sinteticamente, piuttosto che stare a rimuginare pensieri neri, io fossi in te cercherei un posto da cameriera o una cosa così a 1000 Km di distanza e mi rifarei una vita tanto adesso lavoro ce n’è grazie a Salvini e Quota100.
    In alternativa cambia psicologa, ma tieni conto che dalle rape sangue non se ne cava neanche strizzandole e, oltretutto, rischi che ti dissanguino a te.

  2. 2
    Uomo Ragno 1989 -

    Ciao, mi spiace per il periodo che stai passando. Non hai un’amica con cui confidarti? I tuoi genitori non sanno che tua sorella 20enne ti picchia? Fatti forza comunque, il suicidio non lo devi proprio pensare, hai 27 anni e tutta la vita davanti. Non hai bisogno di un psicologo, ma solo di qualcuno che ascolti i tuoi sfoghi e i tuoi problemi e ti aiuti a superare questo momento pesto per te. Coraggio non ti abbattere piu di cosi.

  3. 3
    Teseo -

    Ciao Maria Elena,
    Innanzitutto mi spiace per il disagio che stai vivendo.
    Se fornissi qualche dettaglio in più, magari riusciresti a ricevere qualche consiglio pratico.
    Ad esempio, perché i tuoi genitori ti disprezzano? perché tua sorella si permette di picchiarti? se la psicologa non risponde bene alle tue esigenze non puoi cambiarla?
    Ora veniamo alla questione del suicidio.
    Non te lo meriti affatto. Avrai un leggero autismo, ti manca un lavoro, ci sono delle difficoltà con le persone care ma non è giusto tu debba sprecare il dono della vita che ti è stata data.
    Non ci sarà mai un’altra persona uguale a te, saresti un piccolo mondo prematuramente scomparso.
    Le persone intorno a te ne resterebbero colpite sul momento per poi dimenticare e continuare le loro vite.
    Anche chi ti ama davvero dovrebbe rassegnarsi portandosi dietro la ferita della tua perdita.
    Ci sarà qualcosa che ti piace in cui incanalare le tue energie piuttosto che in pensieri tanto negativi.
    Oltre a risolvere i tuoi problemi, concentrati su ciò che ami.
    Ci sono esperienze e persone giuste per te che se morissi non farai né incontrerai mai.
    Non privarle di te e non privarti di loro.
    Se sei arrivata fin qui puoi farcela, coraggio!

  4. 4
    Anam -

    La psicologa dovrebbe aiutarti ad andartene in quanto vivi in un ambiente poco sicuro e per legge, non dovrebbe essere cosi. Poi che gli psicologi siano dei buoni a nulla, e’ risaputo. Chiunque potrebbe farlo. Io sono a favore del suicidio, ma onestamente da come hai scritto, c’e’ un po’ di pinocchio. Se tua sorella ti picchia, fallo anche tu, a dispetto di quello che si dice i violenti capiscono solo la violenza. Potresti usare l’autismo come scusa.e quando tua sorella ti picchia, i tuoi dove sono, cosa dicono?

  5. 5
    ciro48 -

    La tua lettera mi incuriosisce. Io per un tentativo di suicidio non riuscito mi sono trovato presso una struttura TSO. Trattamento Sanitario Obbligatorio. Ci sono stato 15 giorni, quasi tutti passati a dormire per le schifezze che mi somministravano.
    Ho conosciuto molte persone in terapia. Decisi di riprendermi la mia vita e aiutare chi come me aveva perso ogni speranza. Mi laureai e ho lavorato per 20 anni in questo tipo di strutture da medio evo. Ho conosciuto colleghi psichiatri indegni di lavorare in questo settore molto delicato.
    Non ti prometto niente, il tuo cognome penso sia quello vero, e sa molto di meridione, come lo sono io. Se vuoi, possiamo sentirci in privato, senza incontrarci, se mi dai la tua e-mail ti contatterò e tenteremo di fare una vera psicoterapia tramite internet. Puoi fidarti, sono padre di due figlie più grandi di te. Ciao

  6. 6
    rossana -

    Maria Elena,
    tanti spunti e tanti suggerimenti, tutti interessanti e potenzialmente utili! sono contenta di questa ondata d’empatia nei tuoi confronti, e ho ben poco da aggiungere.

    mi limito a sottolineare: “Ci sarà qualcosa che ti piace in cui incanalare le tue energie.”

    se fossi in te, proprio da questo inizierei, per rafforzarmi e avere il coraggio di affontare in seguito il resto, a poco a poco, un pezzo del puzzle in cui sei immersa alla volta…

    non perderti d’animo: ce la puoi fare!

  7. 7
    maria elena coppola -

    Ciro 48,se vuole può aggiungermi su facebook.Ho solo quello.Mi chiamo Mariaelena Coppola e ho una foto del mio bagno.Cmq ho radici napoletane,il mio bisnonno era di Napoli,mentre io vivo in provincia di Frosinone,nel Lazio.

  8. 8
    Ciro48 -

    Ciao Maria Elena, non uso facebook, non ho tempo per queste cose, sono impegnato in cose più serie.
    Mi dispiace, comunque qui hai ricevuto ottimi consigli, non chiuderti, continua a scrivere, io ti ho aggiunto ai miei amici su questo sito.
    Ciao

  9. 9
    rossana -

    Maria Elena,
    sono tornata sulla tua prima lettera: a mio avviso, l’invito di Ciro sarebbe stato da cogliere al volo, come un dono.

    almeno provarci, dandogli un indirizzo mail.

    so di un utente del sito che ha aiutato molti giovani via mail, diventati poi suoi ottimi amici.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili