Salta i links e vai al contenuto

Navi e Migranti. Dove gli sbarchi?

Ho letto che , relativamente alle navi che hanno fatto dei salvataggi di migranti in mare ”Lo Stato di primo contatto non può che identificarsi in quello della nave che ha provveduto al salvataggio” Così il tribunale dei ministri di Roma si è espresso sulle accuse di omissione di atti d’ufficio ed abuso d’ufficio mosse contro l’ex ministro dell’Interno e del capo di Gabinetto Matteo per aver negato lo sbarco.. La notizia non mi ha meravigliato più di tanto anche perchè io ho sempre sostenuto che le navi godono dell’extraterritorialità e che sono parte dello Stato del quale battono la bandiera e che sarebbero soggette allo jus di quello Stato indipendentemente dal luogo nel quale in quel momento si trovano ad operare e navigare. I migranti hanno avuto in quei casi il primo approdo nello Stato del quale le navi battono bandiera.Mi peme dira che non sposo questa tesi ora ma che era questa la mia opinione quando ho inviato una mia lettera alla rivista Oggi pubblicata il il 10 aprile 2017 che di seguito trascrivo.
Perché tutti i naufraghi salvati (anche da navi non italiane) nel Mediterraneo restano da noi?
Al Direttore, la prego dedicare un momento di attenzione a questo mio dubbio.
I media spesso diffondono notizie di questo tenore: Nave battente bandiera ( …..Spagnola, Inglese etc …….).. ha salvato nel Mediterraneo naufraghi ( ……da barcone, da mare aperto etc………..) e li ha trasportati facendoli sbarcare nel porto di ……… (italiano ). In questi casi i naufraghi vengono presi incarico dal nostro paese che da quel momento provvede a rifocillarli, curarli ,se necessario, e ad avviarli nei centri appositi dopo averli identificati e dopo le procedure previste per i migranti economici e profughi. Sentendo la notizia ci si rallegra per le vite salvate e per la professionalità dimostrata dall’equipaggio della nave.
In qualità di cittadino italiano che ha delle reminiscenze scolastiche mi chiedo e chiedo : ma le navi in mare internazionale che battono bandiera di uno Stato non mantengono la territorialità propria? In questi casi i naufraghi recuperati perchè vengono contabilizzati fra quelli sbarcati direttamente in Italia? Che alla nave battente bandiera non italiana il primo soccorso venga dato nel porto di approdo italiano mi pare normale ma, di diritto, non dovrebbero, i naufraghi recuperati , essere considerati come direttamente arrivati sul territorio di quello Stato? Stando alle norme vigenti in Europa non competerebbe a quello Stato accogliere direttamente i naufraghi procedendo alla identificazione e considerando quello stesso Stato come primo accesso? Come mai questi immigrati vengono inglobati nei centri italiani? Grazie se mi aiuterà a chiarire questo mio dubbio.
Francesco Amoroso,

L'autore ha scritto 43 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook Navi e Migranti. Dove gli sbarchi?

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica - Riflessioni

12 commenti

  1. 1
    Bottex -

    Sinceramente, credo che i motivi siano davanti agli occhi di tutti. Intanto, sappiamo benissimo che le ONG sono associazioni solo falsamente umanitarie, in realtà il loro scopo è quello di raccattare soldi. Con queste vere e proprie tratte di esseri umani ci sono tante persone che ci hanno guadagnato un sacco di soldi e ci guadagnano tutt’ora. Anche italiani. Non oso nemmeno immaginare cosa ci sia in realtà dietro queste tratte.
    A questo si aggiunge la totale incapacità dei politici italiani attuali di opporsi agli sbarchi delle navi e alla UE (speriamo torni presto Salvini, che finora è stato l’unico che ha fatto qualcosa). Perché alla fine si sa che alla UE del nostro problema degli sbarchi non importa un bel nulla e ci lascia soli, altro che intese. Ho addirittura una teoria, forse falsa ma sicuramente non inverosimile. Cioè che gli alti vertici della UE pensino: ‘Italiani, avete un debito elevatissimo e un’economia fragile, prendetevi voi i clandestini e non rompete i c###i’. (continua)

  2. 2
    Bottex -

    Se poi pensiamo che ci sono comunque qui in Italia anche tanti cittadini “masochisti” che, per ragioni a me del tutto ignote, sono addirittura favorevoli ai clandestini e che, specie in questi tempi di crisi, invece di difendere con le unghie e coi denti quello che hanno, consentono a far entrare nel nostro paese persone che vanno poi ovviamente a gravare sulle spalle degli italiani e tra cui si nascondono anche individui pericolosi, il gioco è fatto. Pochi guerrieri e tanti pecoroni qui.
    Concludo dicendo che la mia paura è che se anche andassero al potere, come spero, Matteo Salvini e Giorgia Meloni, durerebbero poco, perché la UE non li lascerebbe governare. Il mio sogno sarebbe una linea politica che abbia come slogan: “prima gli italiani, poi, molto dopo, l’Europa, in quanto ai clandestini, risolvano i loro problemi a casa loro”. Ma è appunto un sogno, destinato a rimanere tale.
    PS: il razzismo e il fascismo con tutto questo non c’entrano proprio NULLA. Del colore della pelle e della cultura delle persone portate qui dalle ONG non mi importa niente. Se invece, difendere i confini nazionali e l’orgoglio italiano è fascismo, beh, allora sono ben contento di essere fascista.

  3. 3
    Nicola -

    Ti riporto quello che prevedono le leggi del mare ma preciso fin da ora che ciò non corrisponde alla mia opinione.
    Le leggi del mare prevedono in caso di naufragio tutte le imbarcazioni che si trovassero nelle vicinanze sono tenute a prestare soccorso e a trasbordare i naufraghi nel porto vicino più sicuro.
    Per questo motivo una nave che, ad esempio, batte bandiera Olandese è tenuta a “soccorrere” (poi parlerò anche di soccorso..) una imbarcazione in difficoltà al largo della Libia e portarla al riparo a Mal.. ehm.. No, a Tuni.. ehm.. No, a Lampedusa che è il porto più sicuro e dove non c’è una guerra in corso.
    E’ lampante che tutto ciò sia assolutamente ridicolo.
    Un altro aspetto di cui nessuno parla è cosa si definisce per naufragio, perché ho il sospetto che mettere 50 persone su un gommone che non potrà mai percorrere più di 10 miglia marine in pieno maltempo, non è classificabile proprio come “naufragio”.
    Io penso che se per più di una volta, mi mettessi su una bagnarola con il mare in tempesta, e gridassi al soccorso, dopo i primi interventi da parte della guardia costiera, mi lascerebbero affogare e presenterebbero il conto delle spese ai miei familiari.

  4. 4
    Angwhy -

    Bottex sono ragioni basate sull’ignoranza e sul pressapochismo,o magari dettate da qualche forma di interesse.per farti un esempio conosco un tipo che ha perso il lavoro, e a 55 anni avrà ben poche probabilità di ritrovarlo, ma lui, nonostante versi in condizioni quasi miserevoli,ce l’ha su a morte con Salvini e sostiene che il problema dell’italia è l’evasione fiscale,dopo aver lavorato in nero tutta la vita

  5. 5
    Bottex -

    Certo che sono dettate da una forma di interesse: il mio personale. E quello di tanti altri. Dicono che è sbagliato pensare solo al proprio tornaconto personale immediato, ma secondo me (purtroppo) è l’unica cosa ragionevole da fare oggigiorno. Io ne ho piene le ##### di persone che promettono mari e monti in futuro. Ho visto passare troppe promesse non mantenute. Quindi, anche se non mi fido di NESSUN politico, preferisco le decisioni semplici e immediate. Poi, questo non toglie che l’Italia sia piena di altri problemi e l’evasione fiscale è certamente uno di questi. Ma appunto, siamo già pieni di problemi, evitiamo almeno di sobbarcarcene altri. Un po’ di sano egoismo nei momenti di difficoltà per me è tutt’altro che sbagliato. Poi ognuno la pensi come crede, il futuro politico dell’Italia non dipende certo da me. Sono qui per esprimere le mie opinioni e basta.
    Quanto a Nicola, è vero che per la legge del mare bisogna soccorrere i naufraghi nel porto più vicino. Ma non dice che bisogna farli sbarcare e accoglierli.

  6. 6
    Massimo -

    Bottex ma cosa vuoi pretendere da un paese che ha la forma di una scarpa? Lascia perdere le promesse che non mantengono sono troppo impegnati a pensare alla manovra e alle manette per gli evasori, dai… Tanto da qui se ne vanno tutti, lo dice anche Caparezza…”Goodbye Malinconia”…

  7. 7
    Bottex -

    Ma infatti l’ho scritto Massimo, che è un sogno destinato a rimanere tale. E se non fosse per il fatto che non sono più giovanissimo e che non ho agganci all’estero me ne sarei già andato anche io.

  8. 8
    Massimo -

    Dove preferisci andare Bottex? Io alle Canarie…

  9. 9
    Yog -

    Non capisco dove sia il problema. In Italia i migranti non li vogliamo perché ci siamo rotti i cabasisi di pagare vitto a sbafo e cure mediche a babbo morto, perciò è inutile voltare 8 volte la frittata giuridica.

  10. 10
    Milena -

    Yog, ma lo sai che i migranti ti pagano la tua pensioncina? Chi disprezza compra!!!

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili