Salta i links e vai al contenuto

Il mio eterno dolore post-aborto

Lettere scritte dall'autore  ValentinaS.

Ogni madre comprende che, al momento del concepimento del proprio figlio, accade un miracolo unico. Io non ho avuto il coraggio di difendere la vita della creatura che stava nascendo dentro me.
Ogni mamma, anche la più sciagurata, sente immediatamente una vita che si sta formando dentro di sé ed è in grado di capire, prima della scienza, l’inizio della propria gravidanza.
Quello che scrivo è frutto del mio eterno dolore per aver ucciso il mio bambino con un aborto che ho voluto mettere in atto per evitare una gravidanza “indesiderata”, per la nascita di un bimbo che sarebbe stato il “frutto del peccato”.
Il mio bambino era, infatti, frutto di una relazione con un uomo di 20 anni più grande di me e sposato. Alla notizia della mia gravidanza, la nostra unica preoccupazione è stata quella di vivere col timore di rovinarci la vita e destare scandalo ed io, vigliacca, non ho pensato neanche per un istante di rivolgermi a Dio per chiedere il Suo Aiuto. Io ho firmato la condanna a morte del mio piccolo angelo! Non ho fatto nulla per difenderlo e tenerlo con me.
Nessuno mi aveva detto che il mio bambino doveva essere massacrato prima di essere estratto dal mio ventre: nessuno ha voglia di dirti che uccideranno il tuo bambino con inumane torture. Nessuno mi aveva detto che le creature abortite vengono gettate dentro l’immondizia come un normale scarto di macelleria.
La mia creatura è stata fatta in mille pezzi. Io ho ucciso un innocente che in ogni caso meritava di vivere.
Chiedo a Lui e a Dio di perdonarmi.
Io vivrò per sempre con questo peso: sono stata io a firmare la condanna a morte di mio figlio e nessuno potrà mai porre rimedio alla colpa di cui mi sono macchiata.
Chiedo alle mamme che hanno scoperto di aspettare un bimbo “indesiderato” di non gettare mai la spugna e di non ricorrere mai a questo metodo vigliacco per non affrontare un percorso che può essere tortuoso in alcuni casi, perché una soluzione si trova sempre. Io, purtroppo, l’ho capito troppo tardi e sono qui ad urlare tutto il mio dolore.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Il mio eterno dolore post-aborto

Lettere correlate a:

Il mio eterno dolore post-aborto

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

3 commenti

  1. 1
    Rospo -

    Ciao,un dolore tanto grande non può che ottenere un altrettanto grande perdono. Grazie per la tua testimonianza.

  2. 2
    Bohemien82 -

    Mah….

  3. 3
    Laigueglia -

    Lettera che amaramente denuncia una verità sempre nascosta dai media: l’aborto è un omicidio, anzi il peggiore degli omicidi. Il fatto che tu ne sia cosciente provoca tormento, tuttavia averne preso atto ti fa onore.

Lascia un commento

Massimo 2 commenti per lettera alla volta

Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso browser (da qualsiasi browser e dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili