Salta i links e vai al contenuto

La mia ex tenta il suicidio… colpa mia?

Lettere scritte dall'autore  

Buonasera a tutti. Quella che sto per raccontare è una storia abbastanza delicata. Pregherei alcuni soliti noti (è da un po’ che seguo il sito, pur non commentando, e ho imparato a conoscere alcuni di voi) di non chiedersi se la storia sia vera: lo è purtroppo. Accetto tutte, tutte le critiche, per quanto racconterò ma per favore non dubitate in merito alla veridicità.
Sono Massimo, 25 anni. Il 18 luglio è finita la storia con Martina. Siamo stati insieme 4 anni e da due e mezzo convivevamo.
Tra di noi le cose sono sempre andate mediocramente bene. Con lei ho sempre avuto una certa tranquillità. Non ho mai cercato una risposta alla domanda: “la amo”?. Evitavo di chiedermelo. Ci stavo insieme, ci stavo bene, facevamo regolarmente sesso, frequentavamo le solite persone, con le stesse discussioni. Mai un colpo di testa, mai una dimostrazione particolare, sempre le solite cose. Di fondo ci è sempre stato un enorme rispetto. Non l’ho mai tradita (non l’avevo mai tradita).
Improvvisamente è piombata nella mia vita una ragazza, Carla (né il suo né quello Martina sono reali, solo il mio lo è) la conosco da circa 3 anni. L’ho conosciuta all’università. Quella che inizialmente sembrava essere una conoscenza superficiale, di convenienza e limitata alle mura della facoltà, ha iniziato a trasformarsi. Eravamo sempre più vicini, intellettualmente. Lei è fidanzata da 2 anni, con un finanziere che lavora a 500 km da noi. Sentivamo l’uno il bisogno dell’altro. Vedevo che lei mi stimava, mi cercava, aveva bisogno di me e io di lei. Non è mai successo niente tra di noi. Abbiamo studiato insieme. Siamo stati pomeriggi e serate intere a studiare chiusi in una stanza e mai una volta l’idea di stare insieme ci ha sfiorato. Sapevo che lei provava qualcosa per me e innegabilmente sentivo di provare lo stesso “qualcosa” per lei.
È il giorno della mia laurea, quel maledetto/benedetto 18 luglio. (architettura) e il caso volle che la mia amica-collega sia in seduta con me. Ci sono tutti i miei parenti, amici, c’è la mia ragazza e ci sono i suoi genitori. Anche Carla ha con sé tutta la famiglia mentre il suo ragazzo non c’è. Durante tutta la giornata, i miei occhi e quelli di Carla si incrociano spesso, mi sento accolto, compreso e amato. Siamo vicini, complici. Io sostengo lei e lei me. Arriva il momento della proclamazione. Un misto di emozione, gioia, confusione… non riusciamo più a trattenerci, ci tenevamo per mano. Ci guardiamo negli occhi e un istante dopo la proclamazione ci baciamo come mai avevo fatto nella mia vita. Un bacio intenso e duraturo. L’unico. Il tutto è avvenuto in modo così spontaneo, è stato un attimo. Un attimo che ancora sento. Ad assistere a quel bacio c’erano tutti, tutti. Da quel momento non ho più visto la mia ragazza che scappò in lacrime. Ho ricevuto minacce su minacce dai suoi genitori e sono tornato dai miei la sera stessa. Ho naturalmente provato più volte a cercare Martina. Lei è andata a fare un viaggio con le sue amiche. So che si è divertita. So che “si era ripresa”, tramite fb ho visto innumerevoli foto in cui era con altri ragazzi, sembrava serena. Cinque giorni fa mi arriva un messaggio dalla madre: “se ci fosse riuscita, ti avrei ammazzato con le mie stesse mani”. Preoccupato, la telefono e mi dice che Martina ha provato a suicidarsi, ingerendo una enorme quantità di psicofarmaci. Ho provato ad andare in ospedale, voglio parlarle. Voglio spiegarle che con Carla non era mai successo niente e che da quel giorno non l’ho più rivista (zero totale anche con lei, non l’ho cercata né lei lo ha fatto con me). Quasi due mesi sono passati. Non voglio chiederle di tornare insieme, né di perdonarmi. Voglio solo spiegarle che quel che bacio è stato l’unico, frutto di un momento. Che evidentemente amavo l’altra, ma mai e poi mai avrei voluto farle così male. E poi… Carla? Ho capito in questi mesi che la amo. Che fare? La chiamo? Perché non lo ha fatto lei? La mia vita si in pratica fermata quel giorno.
Ditemi che fare.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria:   - Amore

81 commenti

Pagine: 1 2 3 9

  1. 1
    realtàdeifatti -

    beh provo a risponderti io..immagino gli altri utenti si rifiutino addirittura di mandarti a quel paese. Non starò ad insultarti..

    Anzitutto la domanda del post “è colpa mia?” mette in dubbio la tua intelligenza. Secondo te di chi è colpa? Addirittura la madre ti ha chiamato…chissà quanti pianti avrà dovuto consolare in questi mesi.

    Ora, io non voglio farti il sermone sull’amore perchè tanto non ci credo più, le stesse cose che hai fatto tu (tradire col pensiero e poi fisicamente) ogni giorno succedono a migliaia di persone.

    La cosa difficile da mandar giù..e affatto perdonabile..e che tu l’hai fatto con una strafottenza e superficialità, in un modo così plateale, così svergognato e bastardo che se ci fosse stato il fidanzato finanziere non mi meraviglierei se il giorno dopo avessi sentito al tg nazionale che vi avesse sparato alla testa in mezzo a tutti.

    Detto questo vedi almeno di avere la cortesia e la compiacenza di non infierire sulla poveraccia…lascia che ti odi perchè è l’unico modo in cui potrebbe recuperare in futuro la propria autostima…visto che l’umiliazione a cui l’ìhai sottoposta è davvero inconcepibile. Vedi di non pulirti la coscienza…e se te ne è rimasta un po’ accetta di non farti più vivo. Lei probabilmente, ora che poverina è AMMALATA x via di questa maledetta illusione culturale che voi tutti chiamate “amore”…vederti e sentirti pure rigirare il coltello nella piaga dicendo che amavi l’altra e non volevi ferirla…beh credo sia davveo un ulteriore errore: meriteresti di essere messo al muro. Rispetta la sua sofferenza ed assumiti le tue responsabilità. Lei deve giustamente cancellarti dalla sua vita e tu non hai più alcuna voce in capitolo.

    Detto questo …x quanto concerna l’altra tipa (che reputo altrettanto crudele ed egoista) …credo che il suo fidanzato (lo spero tanto) non sia sia stato messo al corrente dei particolari..ma sia comunque ora libero di fare la sua vita senza una falsa al suo fianco. Credo lei non si faccia più sentire perchè avrà probabilmente avuto problemi anche con i genitori..la qual cosa nonm mi meraviglierebbe affatto. Se le han tirato due schiaffi posso solo felicitarmi(bada ben, non perchè si è “invaghita” di un altro, cosa che può purtroppo accadere a tutti, ma per quello che ha fatto così spudoratamente senza il minimo rispetto per le persone che le volevano comunque bene).

    Io non credo che l’amore monogamico esista, ormai sono per la libertà sessuale ed emotiva.. ma credo fortemente nel rispetto, nelle buone maniere, nell’intelligenza, nel controllo (almeno se da esso dipendono altre persone).

  2. 2
    Roberto1972 -

    La tua é una delle classiche situazioni dove non é bello trovarsi, forse é peggio quella di Martina.
    Anche se tu le dicessi che era il primo bacio, non credo che a lei cambi qualcosa, lei era li per te, dopo l’esame lei si aspettava che avresti gioito con lei, invece lo hai fatto con un altra, è un umiliazione grandissima.

    Io credo che devi darle molto tempo per accettare il lutto della perdita e dell’umiliazione.

    In bocca al lupo, l’amore molte volte, rende felice una persona e ne distrugge un altra, questa è la fregatura…

  3. 3
    cyber81 -

    Mah, che l’amico si sia comportato come un ragazzino ok, che l’amico che ha scritto la lettera sia da biasimare ok.
    Ma non esageriamo con la storia dei suicidi, quello che è successo alla sua ex ragazza è quello che bene o male è successo al 90% della popolazione mondiale. Se tutti dovessimo rispondere con un suicidio la razza umana si estinguerebbe nel volgere di una generazione.
    No, io non credo che la colpa del tentato suicidio sia tua.
    Io credo che tu sia ancora un ragazzino, una persona un po più matura non avrebbe mai fatto in pubblico quello che hai fatto tu. Ma non puoi colpevolizzarti di una cosa così tanto grande.

  4. 4
    Joiedevivre -

    Tu. Sei. Un. Genio.

  5. 5
    Chemondo! -

    In bocca al lupo un corno. Fai schifo e questo è quanto. Non venirci a propinare la storia dell’istintività. Sono sempre stata una fervente incoraggiatrice dell’essere se stessi, onesti, leali, autentici. Questo non è seguire il cuore, caro arrogante ragazzetto, questo è un gesto che solo un ometto immaturo, per quanto laureato, sa fare… Vergognati! Anche chiederti se è colpa tua. Io fossi stata in sua madre davvero t’avrei tirato per il collo e se fossi stata la tua e ti avessi insegnato l’educazione come si deve, due ceffoni dopo il bacio con quell’altra non te li avrei di certo risparmiati.
    E sai perché? Non perché ti sei innamorato di un’altra. Perché sei stato un vile, a sapere di “Provare qualcosa” per qualcun altro e non avere il coraggio o il buon senso di parlarne, come due adulti, sinceramente e con il cuore in mano FIN DAI PRIMI DUBBI. Perché hai umiliato ingiustamente la tua fidanzata e per giunta davanti a parenti e pubblico, perché no giovane! questo non è rispetto, altro che storie! Tanti sacrifici (a meno che tu non provenga da una famiglia agiata, beninteso) per far studiare i figli, pensando di costruire la base oltre che culturale e professionale anche morale ed etica per renderli Uomini e Donne e poi guarda che bei risultati!

  6. 6
    Lupo35 -

    Sine verbis…

  7. 7
    Aimone -

    Rex, se tu l’avessi tradita in privato e lasciata non dovresti sentirti piu’ di tanto in colpa, perche’ il tentativo di suicidio sarebbe stata una reazione esagerata (comunque dolorosa e da comprendere) ad un fatto che succede a molte coppie del mondo.
    Pero’ l’hai umiliata, di fronte a tutti. Per di piu’ in una circostanza, come ha detto anche Roberto 1972, in cui stava aspettando il momento di buttarti le braccia al collo per condividere la tua gioia. L’hai calpestata come compagna di vita e come persona.
    Non concordo con Cyber81 sul fatto che la tua presunta immaturita’ possa in qualche modo alleggerire la tua posizione. Ci sono sbagli leggeri e sbagli pesanti. Il tuo e’ stato pesante e quindi si’, io ti ritengo responsabile del gesto di Martina.
    Se proprio ci tieni scrivile una lettera, ma poi sparisci dalla sua vita.

  8. 8
    Paolo25 -

    L’amore rende felice una persona e ne distrugge un’altra…complimenti per la citazione…non commento il post ma mi appoggio sul primo commento che ho letto quello dell’ex “sospeso”

  9. 9
    rex -

    grazie a chi mi ha risposto!
    mi rendo conto che quanto ho fatto è stato molto ma molto umiliante. ci sono stato malissimo. ho passato due mesi da cane. ho sbagliato, ne pago le conseguenze in più di un modo. il padre della mia ex aveva un’azienda edile, ero lì da più di un anno a lavorarci, facevo pratica. economicamente mi sono ritrovato in mutande…la sua era una famiglia molto ricca, non ho nemmeno più un auto (la comprammo insieme, adesso la tiene lei)!
    è stato un gesto irrazionale, se avessi seguito solamente la testa mai e poi mai lo avrei fatto: il mio non è solamente un discorso economico, o una convenienza.
    tuttavia non riesco a pentirmene, è stato uno degli attimi più belli che abbia mai vissuto. non è stato programmato.

  10. 10
    realtàdeifatti -

    mah cyber onestamente non comprendo il tuo mess. Capisco l’immaturità..ma questo al massimo lo potevo “accettare” se invece del discorso di laurea ci trovavamo invece di fronte all’esame della terza media. E poi un conto è esser fatti cornuti di nascosto..un conto invece è in faccia…davanti a tutti ed in un giorno particolare!

    Non è colpa sua????? Guarda non capisco di chi sia…del finanziere che non è venuto? Dei professori? della tinteggiatura del locale? Ci son persone che purtroppo ci credono con tutto loro stesse nell’illusione “amore romantico ” e quella poveretta era semplicemente una donna molto sensibile…calpestata nella propria dignità (oltre che nel proprio affetto) . Certo ammazzarsi non è la soluzione…ma senz’altro è la dimostrazione che ci sono “traumi” nella vita che possono sconvolgere anche l’equilibrio di una persona…mi meraviglio che tu non lo capisca.E mi meraviglio che rex faccia finta anche lui di non capire con quella domanda del ca zzo ” E’ colpa mia???”. Arrivare a fare una cosa del genere…limonarsi appunto come bambini delle medie un’altra davanti alla propria ragazza e i suoi genitori, per giunta, mi pare proprio ingiustificabile tanta è la superficialità ed irriverenza, menefreghismo e mancanza di buon gusto e autocontrollo..
    Non ci darebbe stato nulla di male se non fossero stati impegnati…cioè non so se ci arrivi. La tua ragazza ed i suoi ti vengono ad assistere in un giorno per te importante e tu la sbeffeggi in questo modo? e poi non sarebbe colpa del tipo? ma boh…rifiuto di capirti. Certo , gran parte della colpa è della vostra illusione e speranza riguardo l’amore…volete mettervi e mettere le manette..ma poi succedono queste cose….chissà perc hè vi ostinate. Ah già..” non era quella giusta/o”..ma fatemi il piacere basta con ste minkiate. La tessa cosa sarebbe sicuramente accaduto un giorno anche “con quella nuva” che l’ha mandato in calore…giusto il tempo che le farfalle se ne sparissero e nuove attrazioni si fossero affacciate nelle loro vite.

    Ad ogni modo se queste “stronzate” che andate a difendere e professare sull’amore monogamico romantico fossero abbattute una volta per tutte nella cultura popolare…queste cose, suicidi e sofferenza… si potrebbero evitare. Come? tramite la consapevolezza e la disillusione, illustrata fin da piccoli, che la vita di coppia non è quella di Cenerentola e del principe azzurro…ma piuttosto verosimigliante a soap opera come beautiful o cento vetrine….che le relazioni sono “a scadenza” e mai eterne, che il matrimonio è una gabbia culurale, che la proprietà privata e l’esclusiva sugli affetti di una persona non esiste..etc etc. Ma x voi qst concetto è indigeribile…non ce la fate ad accettarlo…o perchè siete intellettualmente limitati e non ci arrivate…o perchè non volete arrivarci (ma questa è ipocrisia bella e buona). va buoh…chapeau

Pagine: 1 2 3 9

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili