Salta i links e vai al contenuto

Amicizia e Solitudine

  

Ciao, Sono un adolescente di 15 anni con origini tedesche da parte del padre, sono alto, castano, occhi azzurri etc… il fatto che ho un serio problema con le relazioni (intendo amicizie), fino alla quinta elementare ero pieno di amici tra cui il mio migliore amico e le giornate le passavo con tanta felicità , successivamente mi sono iscritto alle medie nella stessa classe con il mio migliore amico, tutto bene fino  alla fine delle vacanze estive del primo anno scolastico (inizio secondo) io e il best friend litighiamo ( per una cosa che sinceramente ricordo poco, ma comunque la colpa era di entrambi) e senza ragionare l’amico raccontò a tutta la classe dicerie assolutamente false per vendicarsi nei miei confronti (frocio nazista, pedofilo , cose pesanti…) potete benissimo immaginare il risultato : l’intera classe mi odiava, io sempre più solo, bullizato etc. sono però riuscito in qualche modo ad ignorare tutti i fatti e finire le medie ma con il costo di abbandonare lo sport che praticavo (perché le voci giunsero anche nella squadra).

L’unica persona che veramente mi considerava era la mia migliore amica (la chiameremo Martina per questa lettera) e alleata delle medie contro i bulli, una persona d’oro, l’unica persona rimasta, finì per innamorarmi. Iniziano le superiori e finalmente posso ricominciare una nuova vita, io e Martina eravamo nello stesso istituto ma con indirizzi diversi (scientifico io e lei artistico) feci lentamemte nuove amicizie ma con ottimi risultati mi affezionai subito alla mia nuova classe (purtroppo ero diventato una persona fragile e timida per tutta l’esperienza vissuta alle medie) tutto molto bello insomma. 

Ma arrivò San Valentino heeheheh San valentino, l’istituto organizzò un vero e proprio apparecchio rovina amicizie, le lettere. In pratica erano disponibili delle scatole dove ognuno poteva mettere la sua lettera con scritto cosa provava per il destinatario. Mi arrivarono due lettere (ero felicissimo qualcuno che mi considerava) una anonima (non scopri mai chi fosse) e l’altra da Martina….. quando vidi la sua firma ero pietrificato in confronto a i miei compagni che esultavano per me…. io l’amavo, ma era anche la mia vera unica amica, io non sapevo cosa fare ! Nessuno sapeva della mia storia apparte lei, per cui non le diedi mai una risposta ed è stato lo sbaglio più enorme che ancora oggi mi perseguita, infatti lei non la prese molto bene, cominciò a ignorarmi ( e per carità rispetto la sua scelta, non ho scuse per questo) però cercate di capirmi era la mia unica amica l’avrei persa Anche se ci fossimo fidanzati ( basta una litigata a mandare tutto nella merda) 

Anche la prima superiore finì ( con un debito in matematica ) scrivevo ancora a Martina ma lei rispondeva sempre in monosillabico, mi abbandonò anche lei, e quella sicurezza che acquisì scomparve ancora. Passai l’estate da solo in depressione, però conobbi nuove cose gli Anime giapponesi (una passione che ancora adesso coltivo) e il Kpop (un antidolorifico efficace).

Riusci a farmi promuovere in seconda e le cose cambiarono (in meglio) arrivarono in classe due nuovi compagni una ragazza e un ragazzo bocciati, feci subito amicizia con il ragazzo ( lo chiamerò per questa lettera Filippo), lo considero in questo momento il mio migliore amico, però quando Filippo mi parla dei suoi amici io mi sento inutile e molto geloso, nel senso che ne parla così bene delle sue avventure con loro  che mi domando se veramente posso essere considerato un amico per lui. 

In classe ho fatto molte amicizie ma le persone di quella classe ti considerano come amico scolastico, nel senso che mai arriveranno a chiederti se vuoi uscire al di fuori dell’ambiente scolastico (a parte i compleanni o eventi organizzati dalla scuola) l’unico che veramente pensa a me è Filippo gli devo tutto Mi ha fatto ritornare il sorriso.  Ho fatto questa lettera per liberarmi dai rimorsi del passato e testimoniare che è vero che chi trova un amico trova un tesoro.

(accetto ovviamente consigli su come migliorare le relazioni e farsi nuovi amici)

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amicizia - Amore - Me Stesso

3 commenti a

Amicizia e Solitudine

  1. 1
    Esther -

    Si va be , non innamorarti pure del filippino. Farsi nuovi amici: beh, prendi l iniziativa e falli sentire importanti, scopri cosa piace loro, organizza, fatti avanti, proponi. Poi, se ti stanchi molli e cambi. È tanto semplice.

    Ps. Anche un cinema 🍿 o una pizza 🍕, dai!!! Che ci vuole!? Sei bello, alto e figo 😎, fatti corteggiare!

  2. 2
    Esther -

    I 2 giorni più importanti nella vita sono quello in cui sei nato e quello in cui capisci perché. La libertà è uno di quei perché.

    E tu dai l’idea di avere un gran bisogno di affetto, quasi tu non potessi farne a meno, come in una dipendenza: è difficile capire fin dove non vuoi spingerti con quel ragazzo. Stai attento a non combinare altri casini.

  3. 3
    Yog -

    Vabbè, se te piacciono i manga direi che la sfanghi. Sennò aspetta il parere di Rossella, che non mancherà di arrivare in doppia e ci prende meglio de I Ching.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili