Salta i links e vai al contenuto

Mi vien da piangere

Salve a tutti,
mi chiamo Andrea e sono un ragazzo friulano di 26 anni.
Poco prima di mettermi a scrivere qui, mi veniva da piangere pensando all’ argomento che volevo trattare in questa lettera, quindi sono uscito sul terrazzo, mi son fumato una sigaretta ed ora va un po’ meglio.
Sono solo. Due parole per esprimere un mare di problemi che sorgono nel non avere amici (anche se di veri amici sono rari nella vita, ma non introvabili) con i quali parlare, confrontarsi, esprimere opinioni ecc ecc.
Non ho avuto una infanzia invidiabile… già dalla 2 media i miei genitori erano sempre in litigio… in terza media
si separarono… e se le cose in famiglia non andavano bene, fuori non è che andava meglio…
I fatti di casa mia si seppero non so come nel paese e certi compaesanei (tral’ altro frequentanti le scuole superiori
dove c’ ero anche io) mi derisero fino all’ arrivo del diploma… (5 anni)
Questi non erano nella mia classe, ma trovavano sempre il tempo per sfottermi e deridermi… io non potevo fare nulla
se non stare zitto e fermo altrimenti le prendevo.
Tornavo a casa e mio padre (mia madre lasciò casa nostra al mio inizio della prima superiore) mi chiedeva: com’è andata?
“bene” dicevo io… avevo una media del sei… ma non parlavo mai con nessuno di ciò che subivo e sentivo di brutto sui me ed i miei genitori…(questi ragazzi sapevano cose che io non immaginavo sui miei genitori… in poche parole mia madre tradì mio padre…).
Inoltre, anche in corriera la stessa minestra mi toccava subire. Nessuno che mi difendeva cercando di capire il mio stato d’ animo.
Nel agosto del 1° anno di superiori mi successe poi un altro fattaccio che credo mi abbia condizionato la vita (mi vien da piangere, non riesco neanche a vedere bene i tasti della tastiera): ebbi un incidente nel cortile di casa e mi tagliai la falangetta del pollice sinistro… sarebbe a dire dalla punta del pollice fino a mezza unghia. Purtroppo
non hanno potuto riattaccarmi il pezzo restante.
Ebbene, dal secondo anno in poi ho conosciuto veramente quanto male può uscire da una persona o come nel mio caso da un gruppo di persone (branco): sfottuto, menato, preso in giro sia per il mio dito sia per la separazione dei miei genitori. L’ unico sfogo era arrivare a casa, trattenermi dalle lacrime mentre mangiavo e poi fiondarmi in camera a
piangere. Per 4 anni così. Non mi sono fatto ne degli amici ne amiche.
Ora a 26 anni, il carattere è cambiato ma rimane sempre una scheggia di ciò che ho provato in quegli anni….
Ormai mi è d’istinto nascondere il dito monco anche a tutti: gente che non conosco o che magari vorrei conoscere o sto interloquendo, per paura di venir giudicato.
Mi chiedo se mai avrò futuro… intendo un futuro con una splendida famiglia, una moglie che mi voglia tanto tanto bene e così altrettanto dei splendidi figli che vorrei avere.
Faccio un po di pesi in palestra, tennis e kickboxing (…sperando sempre di farmi dei nuovi amici… ma niente da fare),lavoro ce nè (ringraziando il cielo).
Sono un po timido, ma solo all’ inizio. Mi reputo un ragazzo vivace e con fin troppa voglia di sorridere.
Chiedo aiuto qui, a voi che leggete.

Un grazie in anticipo,
Andrea

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

18 commenti a

Mi vien da piangere

Pagine: 1 2

  1. 1
    Clara -

    Ciao Andrea!
    Ho letto la tua storia e mi spiace moltissimo per quello che hai passato. Prima di tutto per i tuoi genitori, non è certamente bello vivere con madre e padre separati. Anche se, leggendo quello che hai scritto, mi sembra di capire che con tuo padre vada abbastanza bene (magari non ci parli per via di quelle cose che hai sentito, ma mi sembra che, in linea generale, non stai male in casa con lui). Per quanto riguarda le “dicerie” di paese, so che è difficile farlo, ma fregatene! Se qualcuno ti deve dire qualcosa, quelli sono tuo padre e tua madre, la famiglia è la vostra, gli altri che ne sanno? Hai parlato con loro di quello che hai sentito dire? O almeno con tuo padre? Ma la cosa che mi ha colpito di più è stato “l’incidente del dito”. Devi sapere che io sono disabile da quando sono nata. Sono tutta intera (nel senso che non mi hanno amputato niente) ma le mie gambe proprio non vogliono saperne di tenermi su. Ho sempre pensato che le persone alle quali manca una mano, una gamba, un dito, non si sentissero cosi “frenate” da questo handicap. O forse il tuo handicap è la timidezza? Ma se è iniziale e basta, non dovresti avere grossi problemi, no? Non userò la solita frase che usano gli altri con me, quando piango perché non trovo l’amore. “L’amore arriva quando meno te lo aspetti” è una frase che mi fa profondamente schifo. Immagino che tu sia un bel ragazzo, sfrutta la tua bellezza e la tua simpatia (che sicuramente avrai) per conquistare una ragazza che ti vuol bene. In fondo tu devi far accettare un piccolo dito, mica 4 ruote :)! La mia battuta finale, ovviamente, non vuole essere una presa in giro, voglio solo dirti che, si può ironizzare sulle nostre difficoltà e quei pochi amici che ho, mi apprezzano proprio per la mia capacità di non prendere troppo sul serio la mia disabilità.

    Un bacio grande grande!

    Clara

  2. 2
    Cantautore -

    Se i tuoi amici e i tuoi compaesani si guardassero per un attimo anche dentro, constaterebbero il proprio marciume interiore e non criticherebbero, non giudicherebbero e non deriderebbero più nessuno!
    Purtroppo la madre degli stupidi è sempre incinta e non finisce mai di partorire!
    Vattene da quel paese.
    Mi dispiace tanto.
    Ti sono vicino.
    Un caro saluto.

  3. 3
    Narcissus -

    Ciao Andrea…cavolo certo ne hai passate,vorrei che al posto tuo ci fossero i tuoi cari compaesani così non di dirgliene quattro li avrei distrutti.alla moda di narcissus’.andassero a fare in culo,ma pure tu rispondergli fra le righe?scommetto la testa che uno cia la mamma t...a,l’altro il padre alcolizzato,l’altra il fratello in galera e magari quello che ti prendeva in giro x il dito magari era senza pisello.ma per favore…capisco l’essere più ‘passivi’caratterialmente ma pure tu reagire no?che ti vergogni per un pezzo di falange?non vergognarti che non stai andando in giro nudo.c’e gente che sta peggio di te esce senza gambe su una sedia a rotelle e non per questo si sente una vergogna….sei giovane,ti sembrerà un luogo comune,o una frase fatta ma puoi tranquillamente rifarti una vita.ridi e sorridi,quando vai in palestra aggancia qualcuno magari della tua età,,senza avere timori..magari sorridi da lontano all’inizio-se è una ragazza se è maschio no sennò ti prendono x omo XD-e magari avvicinati dicendogli’ti va di correre insieme sul tapis-ru’lan?-come si scrive?-così non mi deprimo da solo!’mostra tranquillità e non nascondere il dito vedrai che manco se ne accorgeranno…FREGATENE CAVOLO!

  4. 4
    antonio -

    avresti dovuto cominciare a fare la kickboxing da prima allora!
    no scherzo dai, ma penso che tu abbia tutte le carte in regola per farti una vita come tu la desideri.
    Auguri!

  5. 5
    valeria -

    Devi reagire! Così come avresti dovuto reagire tanti anni fa…chinare la testa e far finta di niente ti fa solo del male. Io ci sono passata e non è servito a nulla, se non ad arrivare al punto di odiare me stessa per come mi facevo trattare.
    Ora però sappi che c’è tantissima gente come te (di dove sei?) e prima o poi qualcuno simile a noi lo troviamo! Serve solo la volontà…Baci se ti va ci sentiamo inprivato!

  6. 6
    OnlyMestesso -

    Grazie a tutti per i messaggi, farò tesoro dei vostri consigli….
    Non so che altro dire. Per chi volesse scrivermi in privato lascio
    il mio indirizzo msn: erpudaccio@hotmail.it
    Grazie per il tempo che spendete per me
    Andrea

  7. 7
    ventolibero -

    Ma stai molto giù, davvero molto demoralizzato…
    Ricavo questa impressione da queste sole tue parole: ‘non so che altro dire’…su con la vita ragazzo!
    Forza, hai 26 anni, vai in palestra, quindi ti interessi di curare il fisico, sei un ragazzo vivace con fin troppa voglia di sorridere, forza ragazzo, forza!
    Ti parlo così e mi sembra d’esser tuo padre se non tuo nonno, quando poi ho soltanto trent’anni appena…e sto qui a incoraggiarti, a cercare di farlo, bloccato a pensare alla mia città, Genova, devastata da un’acqua ‘tutt’altro che benedetta’…
    Dai Andrea, coraggio…mi guardo intorno, mi guardo dentro e cerco di capirci qualcosa, e mi scopro a muovermi su delle macerie continue…il passato, le esperienze, i sogni, i desideri, le speranze, e tutto quel che ancora spero è solo un cuore, quello di una donna e quello di un amico sincero che mi salvi la vita…e intanto il tempo corre…e tutto quel che ottengo è un altro attimo di malessere e sconforto…
    Ti senti morire, e capisci che il morire vero non è se non questo vivere nel deserto, o almeno nella evanescenza delle speranze che ti privano del futuro…e invece, come direbbe il caro Bergonzoni: ‘bisogna agitarsi, agire fare e se si ha tempo baciare…’…e troviamolo no questo tempo per fare tutto questo?
    Possiamo accettare, possiamo consentire a noi stessi di sprofondare in un oceano di malinconia dove prima o poi nei suoi abissi affogheremo se non ci decidiamo a iniziare a nuotare?
    No ragazzi, di disastri ce n’è già così tanti in giro, noi cerchiamo quel cuore che possa salvarci la vita…è un nostro diritto, è giusto così, e perché è ingiusto che un ragazzo di 26 anni, vivace con fin troppa voglia di sorridere, si trovi a cercare aiuto su internet, come pure è ingiusto quello che sta accadendo a me, medico di 30 anni, con una grave patologia tumorale da combattere…
    Allora ragazzi, è giusto cercare d’esser felici, solo che spesso mi rendo conto quanto siano vere le parole di Robert Louis Stevenson: ‘non c’è dovere che sottovalutiamo di più del dovere di essere felici’…nonostante tutto, abbiamo sempre questo dovere, ogni sacrosanto giorno…nonostante tutto!
    Auguri amico,
    Alessandro

    P.S A Genova, nella mia amata città di mare, con i tre amici di sempre, dopo una nottata in mare, tra le onde a veleggiare alla ricerca del vento, c’è un rito che si ripete sempre, poco prima che arrivi l’alba ad interrompere quella sorta di magia: ci mettiamo a cantare dopo averci concesso chi il suo buon mezzo sigaro, cioè io, chi le sue sigarettine profumate e chi, i due più virtuosi, subisce solo il fumo passivo di noi più viziosi…cantiamo queste parole di una canzone dei Nomadi:
    LA CASA GLI AMORI GLI AMICI
    L’ULTIMO LIBRO SUL COMODINO
    IL RICORDO DEI GIORNI FELICI
    IL MARE IL CIELO I COLORI E IL VINO
    Non so quanto precisamente mi resti da vivere, ma continuo sempre ed ogni volta a brindare alla vita…sempre ed ogni volta, nonostante tutto!
    Piangi e corri, ridi e incazzati ma vivi…e sii sereno!

  8. 8
    Spyros -

    Forza Andrea! Dai che, magari ci vorrà un pò di tempo, ma ti rifarai alla grande!! Però, quando avrai dei nuovi amici, impara a valutarli bene. Circondati di persone sincere, almeno nel limite del possibile.. Ps se qualcuno ti sfotte per il dito tu fai così: alzi la mano, fai vedere bene cosa ti manca poi chiudi il pugno e lo dai secco sul naso del fenomeno, poi gli giri l’altro con l’altra mano e gli chiedi se ha notato una differenza tra le 2 mani.. Chissà, magari quella col dito leso gli ha fatto meno male! Facevo kick anche io, è bello! 🙂 Auguri!

    X Narcissus! Mi sei mancata 🙂 Vedo che sei sempre grintosa! 😉

  9. 9
    poitidico -

    Ciao andrea. Ma in che razza di persone ti sei imbattuto? Da non crederci! Mi spiace penso proprio che la tua sia stata solo una grandissima sfortuna imbatterti in un’età come l’adolescenza in persone così meschine. Però devi cercare di buttarti alle spalle il passato una volta per tutte, hai già sofferto fin troppo per quel che è successo e non devi permettere a questi cattivi ricordi di rovinarti il presente e comprometterti il futuro. Basta sono passati tanti anni da quei giorni, ti assicuro che nessun tuo coetaneo ti prenderebbe più in giro per una falange o per qualsiasi altra stupidaggine. L’importante e che ti liberi di quella brutta influenza che esercitano ancora su di te le esperienze che hai vissuto quando eri più piccolo.
    Ciau spero riuscirai a trovare quello che cerchi al più presto!!!!

  10. 10
    rossana -

    Alessandro,
    mi dispiace moltissimo per quanto ti sta accadendo.

    sono sicura che lotterai, senza arrenderti mai, e ti auguro di tutto cuore di riuscire a vincere.

    un grande abbraccio.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili