Salta i links e vai al contenuto

Io, lui e l’altra (12 anni di differenza)

Lettere scritte dall'autore  The_Dreamer

Carissimo Direttore ed Utenti,

scrivo a voi perché ho bisogno urgente di sfogarmi con persone più grandi e con esperienza maggiore della mia.
Brevemente: quest’anno farò 22 anni; lo scorso aprile ho concluso una storia di tre anni e mezzo che durava da quando ne avevo 17. Come potete intuire, non ho avuto queste grandi esperienze in amore, perché sono “sbocciata” relativamente in ritardo rispetto alle mie coetanee. Primo ragazzo, prime esperienze… Dopo la nostra rottura e il relativo dolore, la scorsa estate ho conosciuto altri ragazzi, ma solo semplice frequentazioni che sono rimaste tali.
A settembre, sul web, ho conosciuto un ragazzo. Ragazzo forse non è forse il sostantivo più esatto… Perchè a 33 anni (quest’anno 34) si è ormai uomini.
Sono da sempre stata contraria alle relazioni tra persone con troppa differenza d’età, perché credevo che crescere insieme tra persone con 2/3 anni di differenza, fosse qualcosa di speciale ed insuperabile; e che una relazione con troppi anni di differenza non avrebbe mai potuto avere quel livello di “condivisione”.
Ovviamente, quando si parla senza cognizione di causa, si pecca quasi sempre.
Questo ragazzo, mi ha presa fin da subito. Dolce, gentile, carino, bel fisico, alla mano… ma non ero certamente intenzionata ad incontrarlo. Chiamiamola pura e semplice paura…credevo fosse tremendamente sbagliato per una come me. Ancora infantile per molti versi, matura per altri.
Dopo due settimane scarse di continui messaggi, di scambi di numeri di telefono e di chiamate sempre più lunghe mi sono decisa ad accettare il suo invito di vederci dal vivo. Mi sono detta “Ma sì, un pranzo insieme non è nulla di che. Buttiamoci!”
E così ho fatto, l’ho incontrato dopo il mio ultimo esame esame della sessione estiva, cercando di non compromettere gli studi.
L’incontro è stato… stupendo. Il suo modo di approcciarsi a me è stato da subito “fisico”. Non pensate male… Mi ha solo avvicinato a sé, mettendomi un braccio dietro la schiena per passeggiare. Siamo andati in un museo (amo l’arte ed è ciò che sto studiando da due anni) e poi calzone in osteria. Continui abbracci, carezze, ma nulla di più.
Direi che da quel giorno ha avuto inizio una frequentazione bellissima.
E’ un uomo colto, dolce, simpatico… A volte musone e depresso, perché non ama molto la sua vita.
Arriviamo al vero problema… Sono 5 mesi che ci frequentiamo ed io mi sono perdutamente innamorata di lui. Mi sento come quelle ragazzine cretine dei romanzi che sognano la storia d’amore con uomini impossibili… Eppure la mia storia è reale. Dannatamente reale.
A dicembre gli ho scritto una lettera per comunicargli i miei sentimenti.. Lui l’ha accolta bene, ma mi ha chiesto tempo e se fossi sicura, perchè lui è sempre stato un “cazzone” senza prospettive per il futuro.
Io sono un po’ giù di corda, perchè speravo in una sua risposta positiva. Ho bisogno di stabilità e vorrei capire il perchè lui continui ad aspettare. Ci vediamo tutti i week end, a volte dormo da lui, ci vediamo anche in settimana quando lui può, visto il lavoro abbastanza impegnativo che ha. Ci sentiamo per sms tutto il giorno, andiamo al cinema, mostre, a cena… Cosa sta aspettando? Mi parla dei suoi fratelli, dei genitori; mi ha rivelato molte cose intime di sé e per questo non credo lui mi stia prendendo in giro.
Da aggiungere a tutto questo c’è la sua ex: l’unica storia seria che ha avuto in 33 anni di vita.
Si sono lasciati ad agosto 2012, perchè lei lo ha tradito. Avevano una storia a distanza e lei ha solo un anno in più di me.
Nonostante il tradimento, si sentono quotidianamente… è capitato che lo chiamasse anche quando fosse con me. Lei a quanto so è fidanzata, ma io ho iniziato a focalizzare tutti i miei problemi per ottenere un qualcosa di ufficiale con lui, sulla presenza costante di lei.
Lui a settembre, mi diceva che “ci stava ancora sotto” come si dice qui da me. La situazione sarà cambiata ora che ci frequentiamo da un po’? Oppure mi sto illudendo?
Tra l’altro si sono rivisti quasi un mese fa, perchè lei aveva chiesto la sua assistenza (sta sanguisuga) per un’udienza e lui si è offerto di aiutarla, perchè “le vuole bene”, così mi ha riferito.
Io non ce la faccio più; perchè continua a sentire questa vipera? Lo ha tradito, lo sfrutta per farsi fare assistenza gratuita per delle multe che ha preso e che erano più che meritate! (eccesso di velocità 1000 euro di multe)! Perchè non lo lascia andare via? E perchè lui non vuole fare un passo successivo con me?
Ho bisogno dei vostri pareri sinceri… Davvero, non so più dove sbattere la testa.

Grazie a tutti 🙂

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Io, lui e l’altra (12 anni di differenza)

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

8 commenti

  1. 1
    Joshua -

    Se si sono lasciati (lo ha lasciato) ad Agosto 2012 e ‘ci stava sotto’ a Settembre 2013, allora ci sta sotto pure a Febbraio 2014.

  2. 2
    cam -

    Lui è ancora preso dalla sua ex, mi sembra di capire. Con te cerca di riempire il buco. Mi spiace essere franca, ma questo è quello che mi sembra di capire dalle tue parole. Anche perché se era preso da lei a settembre 2013, lo è anche adesso. Soprattutto se è stata così importante come storia.

  3. 3
    LUNA -

    Prenditi un uomo disintossicato da una storia precedente, che abbia risolto il distacco e non abbia un rapporto ambiguo con la ex.
    Per carità, per me l’amicizia tra ex può esistere, ma difficilmente dopo qualche mese e senza una vera fase di decompressione.
    E gli ex veramente amici fanno un passo indietro rispetto alle nuove storie, non segnano il territorio ecc.

    A 22 anni tanto più (ma sempre), e con l’idea che sia bello crescere insieme (non si finisce mai di crescere, quindi non è nemmeno per forza questione di età) che ci fai con chi premette che @è sempre stato un “cazzone” senza prospettive per il futuro.

    Lui non si sbilancia troppo seriamente e hai anche il dubbio che sia ancora dietro alla ex: se ti sposti cosa hai veramente da perdere adesso?
    Non in senso di un ultimatum, ma per un bisogno tuo di capire.
    Se è davvero interessato a te non ti lascerà andare (ma non in senso possessivo, eh, non parlo di questo) e forse, dopo aver riflettuto, saprà darti risposte più chiare, se è davvero ancora interessato a lei non ti farai male con un dubbio.

  4. 4
    Elena -

    Sembra la mia storia… Anche io studiavo arte… Dopo una lunga storia finita a 20 anni, mi ero innamorata di un uomo di 13 anni più grande… La faccio corta! Scappa da questa situazione, sei troppo giovane per soffrire e se soffrirai, sappi che la colpa sarà solo tua perché avevi molti elementi che ti facevano capire che non avrebbe funzionato. Le basi per iniziare una relazione non ci sono, tu sarai piena di ansia perché penserai che si sentono ancora, che lui la pensi ancora e sarà probabile. Probabilmente si sentiranno di nascosto (non ti sorpredere se terrà il cell silenzioso o spento). E un’altra cosa non meno importante, dici che non ama tanto la vita. Ecco, non fare la crocerossina, non riuscirai a salvarlo da se stesso, quella a cadere insieme a lui sarai tu e da ragazza piena di vita come sei adesso diventerai una larva come lui. Lascia perdere cara, sei troppo giovane, fai il tuo percorso, studia e non te ne pentrai! Ascoltami, ho qualche anno più di te e ne ho passate tante!Auguri!

  5. 5
    The_Dreamer -

    Vorrei ringraziare tutti voi! Prima di tutto premettiamo che lui ha lasciato lei. Lui ha avuto tutte le possibilità per poterci ritornare insieme, ma non l’ha fatto. Quando ci siamo incontrati io e lui, si erano lasciati già da un anno.
    Lui non mi vuole lasciar andare, io in sti giorni sto provando ad essere più distaccata e lui l’ha subito notato, dice che non è vero che io sto facendo tutto da sola. Io vorrei uscirne, ma non credo di volerlo davvero. E’ questo il guaio più grosso.
    Elena, la nostra esperienza è simile e il tuo consiglio mi ha toccata nel profondo.. Vorrei chiederti, com’è andata a te… Cosa non funzionava? Ho bisogno di vedere a cosa andrò in contro, magari riesco ad uscirne…
    Grazie a tutti, siete stati davvero gentilissimi!

  6. 6
    Elena -

    Sarà vero che è stato lui a lasciarla, ma cosa avrebbe dovuto fare dopo il tradimento? E’ una grande umiliazione, soprattutto per un uomo. Guarda, io non ho dato retta ai tormenti che avevo stando con lui e avevo sbagliato. Avevo gli attacchi di panico e lui era sempre più quello che non amava la vita, pur avendo accanto una giovincella piena di vita. Era riuscito a tirarmi giù insieme a lui. Beh, è andata che mi ha tradita…con una ex (non l’ultima). Ero ormai troppo scontata per lui. Poi sai com’è, quando ti senti solo (come il mio ex) ti aggrappi alla persona a cui vuoi bene e che ti vuole bene, ma dentro soffri… così abbiamo sofferto entrambi stando insieme.Io gli stavo vicino perché era depresso, pensavo per il lavoro, e invece… Quando ho scoperto il tradimento (a lei diceva di amarla e facevano dei progeti)l’ho lasciato…Mi ci era voluto un anno e mezzo per diventare “normale”. Ora sono passati 3 anni, so che lui è rimasto quello di sempre, sempre incasinato sentimentalmente ma solo e con poca voglia di vivere. Io ho tanti rimorsi, ho finito l’università con tanta fatica e mi trascino altre conseguenze psicologiche, ormai non più tanto gravi come una volta. Sai, a 20 anni pensavo di essere matura per certi colpi bassi e credevo di essere forte per sostenere qualcuno, soprattutto se si tratta di una persona che ami, ma non era così. Non sei mai pronta per certe cose. Io non volevo sembrare drastica, se sei decisa provaci, ma alla prima cosa che ti farà soffrire, lascialo e non permettergli più di farti del male. Non credere alle parole, guarda solamente i fatti. Vai per la tua strada e goditi i tuoi 20 anni serena. La sofferenza che proveresti ora non è niente in confronto alle conseguenze che potresti avere dopo.

  7. 7
    Luna -

    E’ che le persone irrisolte e che dicono pure di esserlo (molto spesso anche e proprio per mettere le mani avanti e scansare impegno emotivo e responsabilita’) qualsiasi eta’ abbiano sono di solito portatrici di molta frustrazione. Fermo che nella coppia i ruoli sono anche non netti, nel senso di intercambiabili, non dovresti fare da “infermiera” e da madre neanche ad un tuo coetaneo, figuriamoci ad un uomo piu’ grande di te. Una relazione paritariae reciproca e’ fondamentale indipendentemente dalle due eta’. Io non credo affatto che una persona debba chiudere fuori dalla porta parenti,amici in nome di un partner accentratore. Ma un’ex e’ tale perche’ non ha piu’ un ruolo sentimentale e emotivo centrale, cosi’ almeno dovrebbe essere, e se tu sei la persona che ama, con cui sta, con cui vive il suo presente e immagina e progetta il suo futuro, anche prossimo e quotidiano che sia, e’ te che deve rassicurare, non lei. Ripeto, affinche’ sia chiaro: si tratta di equilibri. Ci sono persone che nel nome di essere “rassicurate” loro diventano un pozzo senza fine in cui tutto il resto, normale, non puo’ esistere. Ma non mi pare proprio il tuo caso. E sta a lui anche farti capire quali sono le sue priorita’ affettive. E’ difficile incontrare qualcuno che non abbia avuto prima delle storie, all’eta’ di lui poi, e una persona che si sia fatta (si spera) anche una sua educazione sentimentale forse non e’ neanche male, no? Ma tu annusi dell’irrisolto e comunque delle perplessita’, al di la’ di lei, mi pare riguardino il vostro presente e la natura del vostro legame. Fermo che non partire in quarta per me non e’ un demerito, da un certo punto di vista pero’ lui lo ha comunque fatto ma con ambiguita’ sospese. E se tu non stai bene e hai bisogno di capire mi sembra normale che dobbiate chiarirvi.

  8. 8
    Marion -

    Ciao Luna, parlando di persone irrisolte, mi serve il vostro aiuto,
    Ho conosciuto il mio attuale compagno in ufficio, lui ha chiuso una convivenza di circa 4 anni e l’ha fatto perché si è innamorato di me. È andato via di casa da lei ma ci torna quando deve vedere la figlia che ha avuto da una precedente relazione. Il problema è continua a tornare nella sua ex casa dove ancora c’è la convivente perché in quel posto ha tutte le cose di sua figlia e perché la convivente ha promesso che lascerà l’appartamento ma questa cosa va avanti da 4 mesi. Io quando torna in quella casa non sono molto serena, lui mi tranquillizza dicendo che ama solo me e che quella è una pazza e che fa scenate di fronte alla bimba, però quei fine settimana non mi lasciano tranquilla perché so che lei lo vuole ancora. Lui ha iniziato la relazione con lei quando era ancora convivente con la persona con la quale ha fatto la bimba, anzi la signorina non si è comportata molto bene perché stava con lui sapendo che aveva messo incinta la compagna, quindi come puoi intrometterti in una coppia in procinto di diventare genitori? poi loro hanno iniziato il rapporto perché la ex di lui dopo più di un anno lo ha sbattuto fuori di casa, quindi penso che lui non provasse un grande amore per questa donna cosa che invece sta provando per me, perché la compagna l’ha lasciata subito x me. Inoltre man mano che lo frequento indizio a sondare un pò i suoi precedenti rapporti e ho scoperto che ha tradito tutte, nessuna esclusa. Poi però inizia i rapporti con le persone con le quali tradisce le altre, perché lui si innamora seriamente. A me dice di amarmi come mai ha amato nessuna, sente che è qualcosa di nuovo mai provato. Devo fidarmi? Può una persona magari tradire in passato solo perché non aveva ancora incontrato il vero amore? Io sono una persona molto tranquilla e paziente, magari con me riesce a risolvere qualcosa di irrisolto che ha dentro? Sono un pò spaventata dei suoi tradimenti seriali però ho sempre creduto che ogni storia è diversa e che l’amore sposta le montagne. Considera che con me ha avuto un colpo di fulmine e in giro di brevissimo tempo è andato via di casa. Cosa ne pensi?

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili