Salta i links e vai al contenuto

Liceo Classico

Ciao. Ho deciso di continuare il mio racconto della mia non facile vita segnata in modo, spero non permanente, dalla piaga del bullismo. Ringrazio chi mi ha scritto commenti.
Come vi dissi subii persecuzioni sia alle elementari che alle medie. Ma mai avrei immaginato che tutto ciò, straziante gia di suo, era solo l’antipasto di una tragedia umana che mi sarebbe presto successa.

Nel 1997 mi trasferii al Liceo Classico della mia città poichè in esso c’era poca matematica, la materia in cui stentavo maggiormente.
In classe eravamo circa 20, ora non ricordo precisamente, ma eravamo solo 3 maschi e tutto il restante erano ragazze.
Il carattere, le persecuzioni ed anche una delusione d’amore che racconterò più in là mi resero timido ed imbarazzato nella relazione con una qualsiasi ragazza. Arrossivo se una di loro mi si rivolgeva e farfugliavo parole incomprensibili nel rispondere.
Dicevo: eravamo in 3 maschi. Ben presto gli altri 2 legarono alla grande complice anche il tifo in comune per l’Inter mentre io ero Milanista.
E proprio questa mia diversa passione per una altra squadra mi causò, da parte loro, emarginazione e anche derisioni poichè quell’anno il Milan andava male in campionato.
In particolare uno di loro, si chiamava Dario I. , non sò cosa disse di me ad alcuni suoi amici di una altra classe perchè ogni volta che io passavo dinanzi a quella classe, oppure bastava che io mi avvicinavo alla porta di essa, subito qualcuno di essi mi schermiva senza motivo chiamandomi a gran voce.
Non capivo. Erano persone che non conoscevo che, sembrava, sapevano tutto di me. Cominciai ad odiare Dario. Non gli rivolgevo più la parola e lo accusavo di deridermi solo perchè ero Milanista.
L’anno fù orribile.
Con le compagne non legavo per il motivo che citai prima. Tra esse cito una ragazza di nome Sara A..
Mi prendeva in giro per via della mia ingenuità. Questa ragazza era la tipica persona che, in pratica, cambiava fidanzato una volta al mese e aveva rapporti con altri ragazzzi anche se ufficialmente fidanzata.
Io la odiavo, mi era di un antipatia….. Mi sfotteva di continuo ma io non le replicavo perchè credevo nel non alzare la voce nei confronti di una donna.
Poi non parliamo delle materie. Avevo la mia insegnante d’ italiano, latino e greco che c’è l’aveva con me. Andavo male si ma a me mi urlava spesso davanti a tutti ad ogni mio sbaglio a differenza di altri che invece aiutava a correggersi.
Cominciai a marinare le lezioni ed i giorni che non andavo a scuola erano i più belli. Stavo a casa da solo ed ascoltavo la musica ad alto volume.
Creavo le scuse più inimmaginabli per nascondere ai miei le assenze e me la cavai.

L'autore ha scritto 16 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso - Scuola

4 commenti

  1. 1
    Alessandro -

    Che brutta esperienza…come passavi le giornate in classe??? Stavi sempre seduto sul tuo banco e non aspettavi altro che la campanella di fine scuola? Oppure c’era qualche ragazza con cui parlavi ogni tanto? Anche io sono milanista e per fortuna non sono l’unico nella mia classe. Che musica ascoltavi quando stavi a casa? E a che anno stavi al liceo?

  2. 2
    natonel1983 -

    Ciao Alessandro.
    Era il 1997 che mi sono iscritto a quel liceo e nonostante gli anni trascorsi tutto mi sembra come fosse accaduto ieri.
    Avevo un carattere chiuso ed introverso, avevo difficoltà a legare con le ragazze per via della timidezza tuttavia ho un buon ricordo di due di esse che mi fecero sentire meno “solo”.
    Ma per il resto è quasi tutto da buttare.
    Quei miei due ex amici (chi li ha più sentiti dopo che me ne andai via) mi screditavano per la mia fede calcistica ed io soffrivo.
    Soffrivo anche perchè non riuscivo ad aprirmi come volevo.
    Passavo il tempo sul banco aspettando la fine di ogni lezione con la paura di essere interrogato e di fare ancora più brutte figure.
    A casa ascoltavo musica dance con la quale cercavo di sfogarmi e di divertirmi.
    Ciao. Grazie per avermi scritto

  3. 3
    Luca -

    Ciao Natonel! Io ho 16anni e posso dirti che ho vissuto più o meno le tue stesse esperienze. Tutto cominciò alle superiori! In prima superiore c’era una ragazza che mi piaceva all’inizio ma poi non mi piace più e sai perchè? Perchè mi prendeva in giro! La ODIAVO e ancora adesso! Non si ricordava come mi chiamo e mi rifiutava sempre su facebook! Mi prendeva in giro per il mio aspetto fisico e ora è stata bocciata ben 2 volte e sono felice così almeno non ce l’ho più tra i piedi! Invece c’è un mio compagno che ODIO a morte! Per il fatto delle persone delle altre classi che ti salutavano senza neanche conoscerti anch’io sono nella tua stessa situazione! C’è un forum famoso che si chiama Yahoo! Answers ( non so se lo conosci) e per colpa di quel mio compagno di classe che ODIO ha fatto vedere le mie domande che trattavano di bullismo ai miei compagni e loro le hanno fatte vedere ai loro amici delle altre classi! E quando i loro amici mi vedevano mi salutavano senza che io li conoscessi! Insomma ho più o meno vissuto la tua stessa esperienza e anch’io sono un ragazzo molto chiuso e timido! Spero che leggerai la mia risposta!

  4. 4
    Luca -

    scusa natonel mi sono confuso!

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili