Salta i links e vai al contenuto

Davilmaycry: lettera d’addio. Domani non sarà un altro giorno

Chiedo scusa e umilmente perdono a coloro i quali vorrebbero continuare a restare legati alla vita ma non possono farlo, se ci fosse un modo per poter regalare il mio tempo a loro lo farei. E’ inutile adesso ogni tipica giustificazione, se ora sono più che convinto è perché ho valutato il tutto con molta ponderazione. In queste mie ore di lucidità, si aggiunge anche la tristezza nell’essere ancora consapevole di recare ulteriore sofferenza ai miei cari. Ma io, seppur in maniera assai egoista, preferisco andarmene da questo inferno, sarò più lieto nell’aldilà, anche se da fermo ateo sono certo del nulla. Ma quantomeno meglio il nulla del dolore. Non si può morire per amore? Forse sì o forse no, ma che importa a chi dare ragione, se non si ama più la vita allora è meglio lasciarla. A tutti coloro che mi conoscono e che forse leggeranno questa lettera: è vero, ho fallito ancora, ho dato ancora dispiaceri a tutti, sono debole, fin troppo debole! Tutta la mia forza risiedeva in quell’amore, e fui sempre debole nel non saperlo gestire, seminando attorno a me il nulla. Già sono bravo in questo, e forse è giusto farne parte adesso di quel nulla. Che nessuno si permetta a sprecare una sola lacrima per questo idiota, che nessuno pensi che avrebbe potuto fare di più, non è così, sono sempre io l’imbecille che non ascolta nessuno. A te mia piccola bimba: vivi la tua vita in armonia e serenità, non è colpa tua, tu hai solo agito nel giusto, nessuno può essere vincolato a stare con qualcuno altrimenti codesto si toglie la vita. La colpa è mia che non vivevo prima di incontrarti e che poi ho vissuto per te. Ai miei: io sarò più felice così, e voi avrete un peso in meno. Io ho scelto così per me perché non so andare avanti, mi dispiace, non vorrei trascinare nessuno con me, ma non posso neppure vivere nel mio atroce dolore solo per non causarne anche ad altri. A tutti: non è semplice dire alzati e cammina, ci siamo passati tutti, perché se voi non siete mai giunti alla mia decisione allora non ci siete passati, solo alcuni e che per giunta non conosco. Stasera sarà la volta, o al massimo domani, quando avrò perfezionato come congiungere un tubo allo scarico della mia auto. Non ho il coraggio di trovare altri metedi perché sono un vigliacco, ho paura di fallire e di restare disabile, e così facendo aggiungere ancora altra sofferenza. Me ne andrò addormentandomi si spera. In questo momento sto guardando le mie mani, che ancora si muovono mentre scrivo questa lettera, e sono calde, e tristi di non poter più stringere le sue dolci mani. Gioia mia ti amo immensamente, eri tu la mia vita, ma esentati da sensi di colpa, sarebbe ingiusto. Cosa accadrebbe se tutti coloro che non possono amare il proprio amore si uccidessero? Dovrebbero restare tutti insieme per forza? No di certo, finora non l’ho fatto e sono rimasto bloccato perché non voglio rovinarti la vita! Ma ora non ce la faccio più mi dispiace. Questo è quanto di più posso fare, estrometterti da ogni responsabilità, fatti una ragione che l’idiota sono io e che tu e le tue scelte sono sate le cose più normale di questo mondo. Per l’amor del cielo; siate felici per me che finalmente ho capito cosa voglio! Addio.

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

25 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    IO -

    sai che ti dico.. e te lo dico così a muso duro, perchè sono convinto che tutte le buone cose che ti hanno detto per te non hanno valore..
    beh io ti dico che non lo farai, per il semplice fatto che ti dai del vigliacco e per fare determinate cose ci vogliono due palle grosse come il mondo.
    Se la tua vita conta meno di un sentimento chiamato amore, ma fai attenzione, non parlo dell’amore in senso generico, ma solo del sentimento che hai provato per quella ragazza allora non hai nessuna stima di te stesso, l’amore è un sentimento che va e viene, nulla è per sempre, tramuta in mille cose, ma quel battito iniziale è solo una sensazione effimera.
    E diciamocela tutta, non hai provato amore.. ti sei solo appeso all’unica persona che ti si è avvicinata, hai consegnato la tua vita a lei e ti sei vaporizzato..
    Ti senti solo? non ti piace questo mondo? allora tira fuori le palle e vai a vivere altrove, vedrai che in un posto nuovo la tua testa inizierà ad essere colpita da 1000 cose che non conosci e se ti sforzi anche di uscire dal tuo guscio, vedrai che di donne ce ne sono 1000 fuori in cerca di te.
    Lo so, sono solo chiacchere, ma alla fine, quando ci si sente tristi e soli, nessuno ci può aiutare.. ti devi aiutare da solo.
    Se lo slancio non parte da te, puoi parlare con chi ti pare, che tanto torni a casa e tutto rimane come prima.
    La tristezza che senti è tutta nella tua testa e più non fai nulla più questo pensiero fisso non farà altro che martellarti all’infinito.
    Amico mio nella vita ci vuole un bel fan..ulo ogni tanto e allora che fai getti la spugna passivamente, accetti che i tuoi pensieri prendano il sopravvento? lo hai già fatto, anzi lo stai facendo.. il risultato è zero e di certo non arriverà la fatina magica a trasformare la tua vita! sforzati di uscire, girare, parlare, fai qualcosa e vedrai che il primo giorno sarà durissimo ma col tempo i vecchi ricordi rimarranno piccoli e tali da farti sorridere pensandoci.

  2. 2
    jacknife -

    ….ma veramente vuoi morire per un amore non corrisposto?
    caro davil, non sei il primo e non sarai l’ultimo a soffrire per una storia finita o mai iniziata…però farla finita per questo motivo mi sembra un po’ esagerato.Lo so, fa male, fa molto male,ma non sarà per sempre così, TE LO GARANTISCO! Sai, tanti anni fa mi sentii esattamente come te, pensai di non farcela, pensai che mai più mi sarei innamorato un’altra volta,che una come lei non l’avrei più trovata…infatti ne ho incontrata una migliore e, detto tra noi, col senno del poi, la mia beatrice, mi è apparsa alquanto opaca come figura.Davil non fare cazzate per favore, e stringi i denti perchè questa fase passerà, e ne uscirai più forte.Datti tempo, e pensa a te stesso, viziati un po’, pratica uno sport, regalati un viaggio ma niente cazzate…
    Dai che ce la fai!

  3. 3
    arturo -

    Ciao caro, da quanto leggo hai sofferto parecchio, hai ascoltato parecchie persone, ti sei confrontato con il dolore, hai trascorso momenti infelici e di buio totale, hai ragionato sulla tristezza dei tuoi genitori, ti preoccupi della tua amata anche se lei non ti vuole più…. insomma hai fatto tutto quello che fanno le persone lasciate ingiustamente da ragazze che consideravamo la nostra vita ! e adesso hai deciso bene di farla finita e di andare all’altro mondo ! ecco non ci sono parole per fermarti o per farti ragionare, perchè so benissimo che l’hai già fatto da solo … ti chiedo solo una cosa importante …. hai mai domandato a te stesso veramente quale doveva essere la tua vita ? cosa poteva essere la tua vita ? chi sei e cosa ti piace veramente ? secondo me l’hai fatto sicuro… ma fidati non troppo abbastanza… non sei andato nel tuo profondo per riflettere su cosa vuoi veramente… perchè se l’avessi fatto adesso non ragioneresti così ! nessun sentimento represso può essere più importante della nostra vita ! è come se fino ad adesso avessi vissuto solo in parte ! e poi io non ci credo che ti vuoi veramente uccidere ! e quindi ti lascio un BUONA VITA ! E RIALZA LA TESTA UOMO ! ALZA LA TESTA E TI ACCORGERAI DEL BELLO CHE TI CIRDONDA !

  4. 4
    Davilmaycry -

    Io vorrei credere a ciò che dici, se solo qualcuno avesse la forza e il cuore, e la capacità di esprimerle a parole, mentre le mie orecchie odono anche il suono di quelle frasi..
    Ma non ho nulla a cui aggrapparmi, vago come un pazzo solitario per le vie di un luogo che non mi dà neanche l’opportunità di poter guadagnare abbastanza per andar via..
    Mi sento come incatenato in questa Milazzo (ME).. ed ogni sforzo sembra dissolversi di fronte allo stesso medesimo ostacolo, me!
    Cosa credi che abbia fatto prima e dopo la stesura della lettera? Ho pianto, pianto e pianto, e sono stanco.
    Mi sono rimboccato le maniche 300 volte nella vita, mi sono sempre rialzato per scontrarmi sempre poi con lo stesso medesimo muro in faccia! Sono stato forte tante volte, tante di quelle che adesso mi chiedo a cosa serva essere forti se poi non c’è mai fine al peggio.
    Tu dici che io non ho palle per fare ciò che ho detto..e dici anche che il mio non è amore.. Sulla prima ne possiamo discutere, sarà il tempo a scrivere la sua cronaca, ma dell’amore, mi spiace smentirti. Laddove vorrei che tu avessi ragione e io torto, magari fosse come dici tu. Stavo per uscire prima di leggere il tuo commento, che devo dire ha in sè frasi che non lasciano indifferenti, mi fanno riflettere, sono le più oneste e sensate che io abbia “ascoltato” in questi mesi.
    Se ritonerò nei passi sarà merito anche tuo, che come nessuno, sei riuscito a smuovere il mio orgoglio.
    Ad ogni modo stasera qualcuno dovrà morire, e se non sarò io in senso letterale, dovrà essere comunque la morte di un qualcosa, forse del mio pianto, del mio modo di essere debole, non so..
    Adesso ciò che mi serve è una lunga passeggiata dove tirerò le somme. Ad ogni modo grazie mille.

  5. 5
    Stefano614 -

    Hai letto I dolori del giovane Werther, mi ha ricordato quella storia la tua lettera. Idealizzare l’amore non è una buona idea, ogni persona alla fine ha i suoi difetti, le sue piccolezze e per nessuna vale la pena di fare gesti estremi. L’impressione è che hai problemi di tuo amplificati dalla perdita di questa donna probabilmente. Comincia un cammino di analisi serio, la morte arriva per tutti, è l’unica cosa certa della vita. Se non dai valore alla tua vita aiuta chi ha bisogno che ne diano loro ..

    Coraggio

    Stefano

  6. 6
    Davilmaycry -

    ho letto sì I dolori del giovene Wether…ma 2 anni fa..bel libro,..ispirante,,ma nn mi sono fatto influenzare da Goethe… anche se alcune riflessioni sono stupende

  7. 7
    Davilmaycry -

    Anche se ormai il mio commento apparirà soltanto domani, io parlo comunque per questo momento:adesso sono le 10:20 di sera circa. Questa sera mi sono concesso qualcosa da mangiare, ormai non mangio praticamente più, solo tanto caffè e tante sigarette. volevo precisare a coloro che mi hanno risposto in questa lettera, che il mio sfogo parte al ritroso nelle lettere VOGLIO MORIRE del 17 mi sembra e nell’altra dove ci ho comunque provato VORREI MORIRE, MA IN VITA..
    Questo per chi pensasse che la mia decisione è dovuta solo alla delusione amorosa..è vero come dice STEFANO614, tutto parte da dietro e l’ho anche scritto.
    Comunque dicevo, oltre ad essermi concesso qualcosa da mangiare, stasera mi concederò anche il sonno, rimandando la mia decisione ad uno di questi giorni. Voglio concedermi una più accurata riflessione, grazie soprattutto alle parole del primo commento di IO. Un grazie di cuore a tutti voi che mi avete risposto: a JACKNIFE che mi colpisce con la frase della sua ex ora in stile opaco. Ad ARTURO che mi rammenta che forse ancora ho vissuto in parte. E a tutti quelli che mi hanno risposto nelle precedenti 2 lettere! Per stasera andrò a dormire, il che è tutto un dire.. perchè in questo momento almeno mi sono sentinto un pò meno solo..e piango adesso mentre scrivo, è assurdo come io mi sia ridotto nel sentire solo voi in questo istante come unici amici! Voi che neppure sapete chi sono.. Domani chissà come mi sentirò, ma ad ogni modo mi avete allungato la vita di un altro giorno.

  8. 8
    scruciolo -

    il solo fatto che sei qui a scrivere affinchè qualcuno ti ascolti vuoldire che non hai voglia di morire, hai bisogno di aiuto si, altrimenti lo avresti già fatto, chi vuole suicidarsi lo fa incondizionalmente e basta, sei ferito, vuoto non sai che fare della tua vita, credi di essere stato l’unico? l’amore verso gli altri come hanno detto altri viene e va è quello verso te stesso che rimane, comincia ad amare te stesso, osserva le tue calde mani, possono ancora darti tanto, Amati, nessuno è migliore di te. buona vita

  9. 9
    super -

    Quando leggo le tue parole, mi viene una rabbia.. lo sai perchè? ho perso il mio migliore amico domenica scorsa e 2 giorni fa si è tenuto il suo funerale. Aveva solo 32 anni, ha avuto una vita difficile, ha perso il padre due anni fa dopo anni di sofferenza, ha sempre fatto una vita di lavoro per avere un futuro sereno e non ha mai avuto una ragazza. E’ morto di tumore dopo 8 mesi dalla scoperta, l’ho visto morire ma lui è sempre stato forte, ottimista fino alla fine pensava di farcela sforzandosi e dandoci speranza anche se le condizioni era disperate. Non posso concepire che tu possa gettare via la tua vita per una storia d’amore, tu sicuramente starai soffrendo, ma credimi che non è nulla in confronto alla perdita di una persona cara. Tu, io, voi che scrivete DOBBIAMO considerarci fortunati di essere sani e poter vivere questa unica possibilità che abbiamo. TUTTI nella vita soffriamo per amore, ma fa parte della vita e c’è sempre la possibilità di rimediare SEMPRE finchè si ha la FORTUNA di vivere. Io non ti conosco ma visto che dici hai preso il “coraggio” di fare questa scelta, fai uno sforzo e vai a fare un giro a vedere dove c’è vera sofferenza, vai in un centro di malati terminali, apri gli occhi, vedrai che le tue pene d’amore non sono nulla in confronto alla voglia di vivere che vedrai in quelle persone. Non voglio sminuire il tuo dolore ma sappi che è MOMENTANEO mentre il dolore che ha chi perde una persona cara è per sempre…

  10. 10
    Stefano614 -

    @Super

    Credo che in questa società manchi ancora una coscienza collettiva, spesso nonostante la vicinanza molte persone, quelle più sensibili si sentono sole. All’inizio dell’anno anche io ho perso mio fratello per un tumore, aveva solo 45 anni. La morte sembra sempre una cosa lontana che sta sullo sfondo delle vite. A volte non ci si rende conto di quanto sia rapida a prendere noi o una persona cara prima che riusciamo a realizzare che cosa sta accadendo. In effetti quei reparti fanno riflettere molto sul valore della vita. Ho visto anche ragazzi e ragazze giovani con diagnosi di pochi mesi con gli occhi grandi, pieni di speranza, sono cose che ti cambiano la vita..

    Stefano

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili