Salta i links e vai al contenuto

Lettera ad un angelo

Queste parole non sono alla ricerca di aiuto o risposte.. queste parole sono uno sfogo.. il quale unico scopo è dare la prova al mondo intero di come un amore può esistere anche quando finisce..

Era il 22 dicembre del 2004 quando i tuoi occhi si sono chiusi in quella morsa fatale chiamate morte.. quando quel soffio di vento gelido mi ha spinto lontano da te,gettando te nel burrone.. non sono riuscita a darti la mano e tu sei caduto nell’abisso.. in un letto di ospedale ho visto il tuo cuore rallentare i suoi battiti.. ho visto le tue mani diventare fredde e ceree.. ho visto te.. e ho visto me spegnersi con te..

Sono passati due anni e io cammino col naso all’insù alla ricerca di qualcosa che possa riavvicinarmi a te.. alla ricerca di una stella che brilla più delle altre.. alla ricerca di quel soffio di vento gelido che possa portarmi da te..
Sai è difficile la vita da quaggiù.. ma io continuo a vivere.. per reallizare un sogno.. il sogno my e tuo.. di vivere insieme.. anche se diversi.. anche se..

anche se alla fine qualsiasi amore.. qualsiasi sentimento ha la possibilità di riaccendersi se il cuore umano batte ancora..
Il my amore è lì che scalpita il cielo.. ma.. è tutto finito!

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

5 commenti

  1. 1
    ALEBAR1 -

    La vita continua.. Puoi comunque dare il tuo amore ad un’altra persona.. A volte il destino ha più fantasia di noi: guarda in alto, ma guardati anche attorno. BEA

  2. 2
    Elena -

    Anch’io sto spesso con il naso all’insù….da quattro anni quasi, e la mia stella è mio figlio Alessandro, aveva soltanto diciannove anni quando è partito per la sua amata discoteca, ma è arrivato in cielo, oltre l’arcobaleno ed io non l’ho più visto, so però che da lassù sorride ed è con me, sempre…..continuo a tenermelo vicino scrivendogli, questo mi fa molto bene, mi aiuta a convivere con un immenso dolore. Lo scorso anno, dopo quasi tre anni dalla disgrazia, ho raccolto le mie lettere in una sorta di diario e mi sono raccontata, ne ho fatto un libro autobiografico che me lo ha in un certo senso ridato, so che lui non tornerà più, ma scrivere a lui e di lui, mi ha aiutata tantissimo, ricordarlo piccino e ripercorrere tappe importanti della sua giovane vita, della sua adoloscenza è stato per me come una ventata di aria pura…l’elaborazione del lutto è diversa per ciuscuno di noi, ma io in questo modo, anche se non capirò mai il perchè, anche se tante domande rimangono tutt’ora senza risposta, sono riuscita forse a dare un senso a tutto quanto, a continuare a vivere perchè in fondo la vita è bella e merita di essere vissuta, il dolore fa parte della stessa e bisogna accettarlo, come accettiamo tanto altro, il tempo…forse lenirà il nostro dolore, nulla sarà come prima, ma riusciremo ad essere perlomeno sereni, ne sono sicura…..

  3. 3
    giusi pontillo -

    La notte dell’anima

    Cammino vicina a te Signore
    Dentro le nuvole
    Inghiottita dal cielo
    Cieca nell’anima
    Aspetto la tua luce
    La tua pioggia.
    Il mio è un canto disperato
    Di una notte oscura
    Senza stelle.

    L’olmo felice

    Non vorrei essere
    Per te “o uomo”quell’edera
    che si posa sull’olmo felice
    Ma dimora
    e sosta
    di quest’ albero di pensieri
    -all’ombra secolare,
    aspettando
    il momento dell’amore.

    L’ermo colle

    Sull’ermo colle
    È come tornare a casa
    Dove silente
    Si squarcia un arcobaleno
    E ti fa sorridere
    Con un aquilone in mano.
    Qui dimora
    io nostro io fanciullino
    che ci porta lontano
    vicino a te Signore.

    Il solco della terra nel firmamento

    Mai solco fu cosi duro
    Nella terra bagnata dal sudore,
    Falciata dal raziocinio
    Come il solco dello Spirito
    Nel firmamento o donna;

    La tua anima creata da Dio
    Diventerà Primavera nell’’uomo
    con il seme della fede.
    Tu creatura in compassione
    dono della vita..
    -Nella vita nuova
    sarai Rinascita Eterna!

    Il glicine d’autunno

    Il Glicine d’autunno
    è ritornato e come un viado
    nel viale si è cambiato;
    povera Primavera
    del suo profumo tutta si è
    privata!
    ..e aspetta l’Inverno
    che lo spogli
    del suo denaro.

    Il cielo di Babele

    Il cielo di Babele
    È illuminato
    E il mio io fanciullino
    È ritornato
    Aspetta mare in tempesta
    La lotta è appena cominciata
    E l’uomo da me è ritornato
    Ma ancora non sa
    Che l’Ego caduto nel diluvio
    Viene salvato
    È diventa
    Il Se di una sola unità.

    Radici al vento

    Radici al vento
    hanno coperto di foglie
    la mia identità
    O uomo primordiale,
    nel sepolcro del Cristo
    e io come “donna”
    piango la mia nascita
    in ascesa dalle stelle
    al Sole…
    povere le mie radici al vento
    seccate come rose al gelo
    che ritornano con l’Inverno.

    La favola del serpente

    China sotto la luna
    il mio cuore si è pi

  4. 4
    SPEROancora -

    ciao ho letto le tue parole…mi hanno davvero commossa, io scrivo da un pò in questo forum per chiedere a dio di riportare indietro il mio amore..che ho perso , ma non per sempre o per lo meno in questa vita….prego perchè il mio amore ritorni e stasera pregherò perchè la tua vita possa risplendere nuovamente pregherò perchè la tua strada possa essere serena… e sappi che i vostri cuori continuano a battere uniti e che devi vivere per il vostro amore..un giorno vi rincontrerete, ma ora vivi…un bacio grande e un abbraccio…

  5. 5
    viviana -

    ho perso mia sorella di 27 anni esattamente il 9/05/2011, insieme a lei ho perso al gioia di ogni cosa, era in bici me l’hanno investita con un autobus ed io non so proprio come continuare a vivere per aiutare i miei genitori e stare vicino a mio marito.
    cercavo qualche libro scritto da qualcuno che ha vissuto lo stesso dramma infinito. senza di lei mi manca tutto, il l’amo infinitamente era un angelo gia’ su questa terra, meravigliosa, buona disponibile coltissima stupenda e serissima chi l’ha conosciuta sa chi era la mia adoratissima sorella

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili