Salta i links e vai al contenuto

Le ho dato la mia disponibilità, ma non si fa viva

  

Ciao a tutti, avevo scritto in un post dal titolo “mi ha lasciato ed ho capito di aver perso la ragazza della mia vita” (Link), devo premettere che a distanza di quel giorno che scrissi, sto meglio, nel senso che non piango più, e le giornate passano molto piu velocemente, anche la mente riesce a trovare piccoli stimoli che mi aiutano ad ammorbidire il dolore, che comunque fa ormai parte di me.
Ora vi spiego cosa e’ successo da quella volta che scrissi, due settimane fa gli dissi addio, stavo troppo male nel vederla o nel sentirla, male atroce che ti taglia il cuore in due, sapete cosa vuol dire bene anche voi cosa vuol dire e lo so, lo stomaco si strizza, non si apre bocca, si e’ freddi ecc ecc.
Bene, sono trascorsi 10 giorni di agonia, ed in questi 10 giorni mi sono fatto qualche sega mentale del tipo che sapendo che lei mi ha amato, se fosse vero amore tornera’, e la cosa mi dava qualche piccolo stimolo e miglioramento, unito alla preghiere che le dedico al mattino e alla sera, tutti i giorni ora, unito alla forza del tempo che lava via poco a poco alcuni aloni di memoria, poi ho ceduto ed ho deciso di volerle creare un dvd con delle frasi per me toccanti riguardanti i piu bei ricordi, con sottofondo musicale (paolo meneguzzi “grande”) e insomma cercare di colpirla al cuore come ultima chanse.
Ma poi in un batter d’occhio, credo che la mia mente sofferente si sia imposta un cosa, che credo e anzi e’ quello che mi avete detto voi, cioe’ che non mi merita, che non si abbandona così un persona che sa in cosa ha sbagliato, e che darebbe la sua vita per lei, senza pero’ nemmeno averne discusso. Cosi decisi di lasciar perdere il dvd perche’ sarebbe inutile, e di mandargli un sms dove le dissi chiaro e tondo che si e’ comportata male con me nonostante le promesse, i segreti che nessun’altra sa, il fatto che lei ci credeva e sentirmelo dire poco tempo prima dell’abbandono ecc ecc.
Lei mi rispose dicendomi che l’avevo ferita e che sapevo benissimo che non era cosi perche’ lei ha sofferto per la sua decisione e che mi vuole un bene dell’anima, ma io ero fermamente convinto dopo averci poi pensato sempre meglio, che ero io ad aver subito un grave torto, e la cosa mi ha fatto anche sentire meglio, dopodiche’ su msn le chiarii 2 cosette, e lei mi fece un lavaggio del cervello sulle motivazioni del suo abbandono, che credo agli occhi di un uomo non e’ facile comprendere, ma sono giunto alla conclusione che lei sia una ragazza immatura e che non mi merita.
Il problema e’ che ora io sempre in quella discussione, le ho dato la mia disponibilita’ a sentirsi e rimanere amici, ho deciso di voler soffrire per non perderla come amica, dato che in quel momento sentivo le motivazioni per farlo, sperando che se crescesse un po’, e il non sentirsi più suo, le avrebbe aperto gli occhi, e lei e’ stata subito contenta di cio’, della mia mano che le ho posto per amicizia. Adesso pero’ sto aspettando che mi chiama per sapere come va, dato che lei e’ stata la prima che ha voluto cosi, e fa parte dell’essere amici il sentirsi per parlare del piu e del meno, ma sono 3 giorni che non si fa viva, e io dico, secondo voi dovrei seguire la linea del ragazzo incazzato e deluso perche’ abbandonato da un ragazza immatura, quindi non cercarla o almeno il minimo insdispensabile per non passare da sconosciuti, oppure credere ad un ragazza che soffre perche’ sono stato la persona piu importante della sua vita e rendermi disponibile a lei? Io la penso ancora adesso molto spesso e la notte non dormo ancora pensando a lei, sepur stia meglio di prima, e’ davvero un casino incredibile,oltre ogni immaginazione quando si ama un persona, spratutto se si e’ sensibili come me, vorrei qualche consiglio da chi sa cosa vuol dire o possa immaginare, che un ragazza di 18 anni era innamorata e credo che era davvero cosi, ed anche io per lei, di un ragazzo di unun anni piu grande mettendosi in gioco prima che tutto accadesse..
Scusatemi immensamente per la lunghezza ma e’ un dovere spiegare al meglio la situazione anche per voi che mi aiutate, grazie in anticipo a tutti.

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

20 commenti a

Le ho dato la mia disponibilità, ma non si fa viva

Pagine: 1 2

  1. 1
    guerriero -

    hai capito bene,.
    ma darle la tua disponibilità ha sortito il solito effetto di chi lascia , specialmente in modo brutale, ovvero quello di rafforzare la convinzione che tu comunque ci sia, ed infatti lei se ne sta fottendo proprio per questo e perchè di certo ha un altro.
    invece porva a sparire, del resto ancora è passato troppo poco tempo.
    nn farle apire che tu sei la ad aspettarla, e fottitene del fregnacce che dice, tipo che ti vuole un bene dell’anima, che ha sogferto ecc. è la solita cazzata per pulirsi la coscienza e magari autoderesponsabilizzarsi. il concetto è questo, tu da lie volevi amore, nn te lo ha dato facebndo altre scelte’? bene allora rrivederci e grazie, nn esistono mezze misure. se è vero che si dice che quandio fnisce una relazione “finisce l’amore” (??), allora è anche vero che se finisce, nn esiste altro, ne amicizia ne cazzate varie, e tantomeno allora hanno senso gli eventuali ritorni.
    l’amore o c’è o non c’è, e chi decide di andarsene perchè nn c’è o è finito,nn può tornare dicendo che è ritornato contraddicendo se stesso. sarebbe una vera balla

  2. 2
    micione72 -

    caro Alberto, non credere sia meglio rimanere amici, nè tantomeno è buono che lei ti ricontatti!
    Te lo dico per esperienza personale!
    Capisco PERFETTAMENTE come ti senti! Capisco esattamente quello che intendi quando dici di volere conservare “almeno” la sua amicizia!
    Ieri sera, ANCORA, DI NUOVO, la mia ex si è fatta risentire! Abbiamo discusso via sms e finalmente ho avuto la forza di dirle CHE DEVE LASCIARMI IN PACE! CHE NON DEVE PIU’ TORMENTARMI! Finalmete gliel’ ho detto! Tutte le volte che mi aveva cercato in precedenza, io mi ero sempre prostiutito alle sue parole e non ti dico come stavo nei giiorni successivi al ricontatto! Peggio di prima! E in quei casi ti rendi conto che allora E’ PROPRIO VERO che il non sentire piu’ la persona che ti ha ferito, non puo’ che FARTI STARE REALMENTE MEGLIO!
    Spera che non si faccia piu’ sentire o se lo fa, sii duro!
    L’amicizia che vorresti darle, SERVIREBBE A LEI NON A TE!
    Ti abbraccio con affetto!

  3. 3
    Luigi -

    Un consiglio??
    Se ci tieni veramente e speri realmente di recuperarla (se mai ce ne saranno le condizioni) Sparisci… Sparisci…

    A volte funziona…

    Luigi

  4. 4
    Arcangelo Insanguinato -

    Ciao Alberto,
    Ho letto per curiosità la tua storia che in molte fasi è simile alla mia(Io ho scritto “Un sogno andato in frantumi”) con la diferenza che tu sei un ragazzo abbandonato da una ragazza ed io un ragazzo abbandonato da…un ragazzo. Ti dirò con tutto che lui fosse più grande di me(io 23 lui 27) mi sono dimostrato alla fine molto più maturo io di lui, l’amiciza è davvero una stupidaggine credimi e questo suo silenzio è semplicemente una forma di allontanamento…diciamo che ti ha addolcito la pillola con la scusa del rimanere amici, per carità magari sarà davvero in sofferenza ma nell’incertezza continua la tua vita e non aspettare lei, in fondo sei stato ferito e raggirato…col tempo si renderà conto della cavolata che ha fatto…buonafortuna e ciao

  5. 5
    guerriero -

    si alberto ascolta i consigli di Luigi e Micione. nn permetterle di ferirti ancora.
    Come ormai è noto io ho fatto così con la mia ex quando ha tentato di sentire la mia voce, dopo mesi di no contact totale (che le suonava strano eh eh). Io memore del passato allucinante, nn l’ho cagata di striscio, e lei nn si è fatta + risentire perchè di certo si è sentita offesa (pure?? aha ah) e ripudiata da uno come me e nn se lo aspettava. che adesso si consoli e gratifichi (se ci riesce) col suo nuovo amichetto pisellino col quale mi ha tradito.!!

    Ed io sono felice, perchè me ne fotto di lei e di tutto quello che la riguarda.
    ho raggiunto l’obiettivo e sto cancellando una vera m di persona, dimostrando a me stesso e poi a lei, chi dei due è + il debole ed il perdente, chi può camminare a testa al ta e chi invece no, chi nn perderà mai la stima delle persone e chi invece l’ha già persa.
    se ha dovuto subire delle umiliazioni ecc da parte dei lei, stai lontano e fanuculizzala, facendole capire che la pacchia è finita e che se vuole gratificazione se la cerchi ovunque ma nn + da te. la vita è la tua ed è bene che gli altri lo sappiano, comportati da vincente e vncerai , è solo quesatione di tempo

  6. 6
    guerriero -

    Arcangelo Insanguinato, bravo concordo pienamente, è così.
    se lei soffre ,si faccia un esame di coscienza per capire (forse) che altri soffrono molto più di lei per causa sua e delle sue scelte

  7. 7
    Monk -

    Micione, leggo con piacere della elaborazione del tuo “lutto” sentimentale, che sembra stia procedendo come deve, con tempi lenti come quelli che molti di noi hanno, ma pure sta procedendo.

    Ti siamo accanto in ogni momento, come tu, attraverso i tuoi posts, stai accanto a noi! Non molliamo!

  8. 8
    alberto -

    ciao a tutti,e grazie per le vostre risposte.
    vedete,io penso assolutamente che voi abbiate ragione,e quando e sopratutto se..mi ricontattera’(ma credo che lo fara’ a breve)le diro’ qualcosa di poco gradevole,cioe’ quello che gia le avevo detto 10 giorni fa sul non vedersi piu ecc ecc.
    purtroppo un grosso problema che mi limita molto nel viver serenamente e dimenticare la cosa,e’ che io sono sempre stato un ragazzo mostruosamente timido,cioe’ e’ vedete,non e’ facile sapere che hai molti sguardi addosso dovuti al fatto di essere un ragazzo attraente,ma non avere la possibilita’ di sfruttare la cosa per via della mia timidezza e si,diciamolo della mia scarsa autostima,questo vi assicuro che e’ 1 danno aggiuntivo di peso enorme,e questa storia per me sembrava quella perfetta,mi capiva in tutto,sempre accanto,ora a 30 anni quasi mi trovo a capire se la fuori ci sono belle ragazze disposte a capire la mente di 1 timido che fa fatica a fare le cose piu banali,io mi sento soffocato e privo di speranze.
    comunque sia,il primo passo da fare e’ quello di sparire da lei e ce la faro’,grazie ragazzi,siete davvero rassicuranti,vi faro’ sapere..

  9. 9
    micione72 -

    Carissimo Amico Monk,
    ti ringrazio immensamente per le parole di incoraggiamento!
    Quella di oggi è stata, per me, una domenica assai difficile!
    Diamine, se mi avessero detto un giorno che soffrire per Amore sarebbe stato cosi brutto, forse avrei rinunciato ad innamorarmi!
    Tuttavia, cosi’ facendo, avrei privato la mia vita di un suo aspetto importante che è quello di DONARE AMORE!
    Cosa fa essere la sofferenza d’ Amore cosi angosciante? Il senso di abbandono?
    Il senso di sconfitta e annientamento? La solitudine?
    La paura di non trovare piu’ una persona con cui dividere gioie e dolori?
    Forse ognuna di queste cose e forse la consapevolezza che senza Amare non si puo’stare!
    Solo quando ci riapproprieremo della nostra persona, solo quando aumenterà la nostra autostima, solo allora capiremo che l’unico errore commesso nel nostro passato d’ Amore, è stato quello DI AVERE AMATO TROPPO!
    E allora sapremo calibrare i nostri sentimenti, sapremo dosarli con saggezza e sapremo di aver trovato la nostra anima gemella!
    Ti saluto Monk!
    Ti saluto Guerriero
    Alberto, tirati su e cerca una ragazza piu’ adatta a te, per età, per cervello e per cuore!

  10. 10
    Monk -

    Alberto, stai tranquillo. Te lo dico perchè anch’io sono estremamente timido, e per giunta perchè – pensa! – la mia ex è stato il mio primo ed unico amore, anche fisico, come io sono stato il suo primo ed unico amore, anche qui pure dal punto di vista fisico (almeno fino a quando siamo stati insieme, ora non so se si sbatte qualcun altro ovviamente, e non mi interessa). Sono cresciuto con lei, da quando avevo 20 anni ad ora, che ne ho 29, e mi ha mollato due settimane fa di punto in bianco, senza nemmeno volermi incontrare per dirmelo in faccia.

    Quindi, a 29 anni, con una sola storia d’amore alle spalle, con una sola donna con cui sono mai stato a letto (parlamose chiaro), con un solo amico che vedo molto raramente, con la mia timidezza (non sono Alain Delon ma sono un bel ragazzo, e sono ad ogni modo – a quanto mi hanno sempre detto tutti – estremamente carismatico), mi sono dovuto rimboccare le maniche per raccogliere i cocci e ricostruire me stesso. E lo sto facendo, senza vedermi privo di alcuna speranza anche se, oggettivamente, la mia situazione non è tutta rose e fiori, come puoi capire (ma lo sarebbe stata se mi fossi addirittura sposato con la mia ex? no, sarebbe stato anche peggio!).

    Innanzitutto, anche se ti piace poco, l’attività fisica non può che farti bene. Stare a contatto con la gente può intanto aiutarti a fronteggiare la tua timidezza, come io ho deciso di fare con la mia (pensa che sto per iscrivermi a karate, per coniugare la ricerca di una serenità interna ed un buon addestramento fisico che mi faccia anche sfogare la rabbia che mi ha messo addosso il comportamento della mia ex). Il resto verrà da sé: lavorare su se stessi è il primo passo fondamentale. Facciamo un passo alla volta, ok? Senza guardare troppo in là, al momento in cui capiteranno altre persone. Per ora bisogna guardare a se stessi, seriamente, imparando dagli errori compiuti nelle storie che sono finite ed elaborando il nostro recente vissuto, così da cogliere l’occasione di crescere attraverso il fuoco della sofferenza.

Pagine: 1 2

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili