Salta i links e vai al contenuto

Le donne si trasformano

  

Sono passati 7 lunghi anni da quando la vita mi è cambiata a causa di una donna. Voglio scrivere in questo sito che tante volte ho letto e che mi ha aiutato a superare e a renderla per lo meno istruttiva una pessima esperienza con una donna. Voglio scrivere la mia storia anche se con nomi fittizi perché chi legga e si trovasse in una posizione simile alla mia allora non compia i miei errori. Infondo il più grande insegnamento da tanto dolore provato, dalle tante letture avute e dall’osservazione di innumerevoli esperienze altrui è che le donne funzionano per degli schemi simili sempre e comunque, e per carità lo faranno anche gli uomini, ma io l’esperienza l’ho fatta sulle donne per cui lascio gli uomini a chi ne sa più di me. Ci sarà sempre chi in cuor suo penso che la sua donna sia diversa ovviamente, mentre io credo che potrebbe aver semplicemente sfumature diverse ma tutti i suoi comportamenti hanno radici antropologiche e naturali. Di conseguenza mai porsi domande sui comportamenti femminili. Vanno solo capiti.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Riflessioni
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

7 commenti a

Le donne si trasformano

  1. 1
    Angwhy -

    tutti si trasformano,a seconda dei loro interessi e quasi sempre in peggio.le donne hanno solamente esigenze diverse,quasi sempre legate alla maternità,che gli uomini ovviamente non comprendono.gli uomini,dal canto loro,hanno esigenze(fisiche)che le donne fingono di non capire.alla fine è tutto un dare e un avere, quindi di solito finisce che si va dove si pensa di stare meglio(alla faccia di tante belle parole)

  2. 2
    Dasty -

    Caspita l’avevo lasciata come bozza. Non ho assolutamente finito!😂😂😂

  3. 3
    rossana -

    Angwhy,
    piccolo capolavoro di concetti in sintesi.

  4. 4
    Bohemien82 -

    “Di conseguenza mai porsi domande sui comportamenti femminili. Vanno solo capiti.“

    Ma va..non puoi capirli perchè, con tutta probabilità, non li capiscono nemmeno loro stesse.
    C’é, a mio avviso, solo da accettare che sono fatte così e comportarsi di conseguenza. Come? Come se ogni volta fosse l’ultima volta che la vedete. Quindi zero promesse a lungo raggio, nessuna progettualitá che vada oltre al “cosa mangiamo per cena stasera?”, zero iniziativa nell’aiutarla, hai bisogno? Me lo chiedi e poi vediamo. Rispettarle ed amarle sicuramente ma come se non ci fosse un domani. E non ci sará questo domani perché esso appartiene solo a voi stessi. Lei é una delle cose che potranno esserci in quel domani: non l’unica cosa che avrete.

  5. 5
    Rdf -

    Il problema secondo me è quando invece comprendi a fondo i meccanismi biologici naturali che stanno dietro i loro comportamenti apparentemente inspiegabili da un punto di vista etico, morale, logico culturale

    Se scoperchi la scatola ti rendi conto che sono in realtà molto semplici da capire, e tutto un castello di aspettative, speranze ed illusioni crolla definitivamente

    C’è un’unica triste ed abominevole realtà in cui a comandare sono “gli istinti di riproduzione e sopravvivenza” , che regolano ogni vita animale garantendo la prosecuzione di ogni specie

    Affetto, amore, famiglia, rispetto, condivisione, unicita’ , comprensione , solidarietà sono tutte ILLUSIONi romantiche, costrutti culturali

    è triste …ma è esattamente quel che fanno loro. Ti usano per sopravvivenza (casa lavoro sicurezza economica e protezione) e riproduzione (voglion tuo seme X figliare e scelgono seme valido)
    Il resto è tutta una recita che un bel giorno finisce con “non ti amo più”

    il concetto del “ti voglio bene” nn esiste, neppure lo concepiscono

  6. 6
    Giovanna2085 -

    Bohemien cosa ti hanno fatto per ridurti così?

  7. 7
    Bohemien82 -

    Giovanna cara, ho buona memoria, ma proprio non mi ricordo di te, sei nuova qui? Comunque..ridotto così come? Aspetta ti anticipo io: scommetto che vorresti dirmi misogino, maschilista, frustrato, sfigato e chissá quale altro aggettivo al solo scopo di convalidare, attraverso il tuo personale criterio di giudizio, l’analisi negativa che hai fatto di me basandoti su quell’unico commento! Be dimmelo pure se ti va, qui non sarai ne una novitá ne un’eccezione.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili