Salta i links e vai al contenuto

Lasciati da un anno e mezzo eppure ancora incatenati… ma è amore?

Chissà se qualcuno di voi ha mai avuto un’esperienza come questa.
Se sì, mi dia un consiglio. Asurda situazione.
Io e lui.. stati insieme 3 anni lasciati da un anno e mezzo ed entrambi ancora nn ci siamo dimenticati.. ma entrambi ci caghiamo sotto a tornare insieme ( per motivi validi..i nostri litigi tramutavano in tragedie sfiorate, e per questo ci siam lasciati).
Io ci sto ancora in fissa, non so è amore, come fare a giudicare un sentimento.
So solo che resisto al chiamarlo.
finchè nn mi chiama lui. In un anno e mezzo ci siamo visti 4 volte tra cui le ultime due siamo andati a letto. Entrambi ci siamo detti che ci amiamo.
Ma poi succedono cose strane per cui per un motivo o per un altro o io o lui ci defiliamo, per paura credo.Entrambi.. Quando lui nn mi chiama per più di un mese sto in ansia.. Poi mi chiama, mi ha scritto una canzone, dice che nn mi chiama per nn farmi perdere il senno..perchè nn sa come gestire le sue cose insieme alla nostra “NON STORIA”.. ma ecco, situazione troppo comoda la sua..

Sta lì, si fa le sue strorie.E’ alla ricerca, dell’amore
perchè insieme io e lui nn siamo riusciti a starci,e allora?
Io sto in una posizione di merda.! nn riesco a levarmelo dalla testa..
è dal 2006 che penso a questa persona .. prima che ci mettessimo insieme!
Forse è la mia “fissa” che lo tiene ancora al “guinzaglio”?
Entrambi abbiamo avuto altre storie sia di sesso che sentimentali.. eppure…
Entrambi ci pensiamo ancora. La sua frase ultima che mi ha detto ( l’8 agosto, l’ultima volta che ci siam visti e sentiti) è stata : Tanto tu vivi dentro di me.
Ok, detta così lui può sembrare quello che noi chiamiamo a roma “Un paraculo”.. un furbo.. eppure.. credetemi che io ci credo a quello che dice.. mi dice cose che sento pure io..
Ma poi..silenzi.. e la colpa nn è solo la sua.. dopo che ci vediamo lui prova a chiamarmi per giorni.. poi quando vede che nn rispondo..(per paura) lascia perdere.. e poi dopo parecchio tempo che nn chiama lo ricerco io.. se nn lo ricerco, per una scusa anche dopo mesi richiama lui..
E nn pretende mai sesso.. mi rispetta molto in questo..!
Non è una storia di merda? Io sto impazzendo..
E pure sarebbe finita quasi 2 anni fa!!!!!!!! ma nn è maaaaaaaaaaaaiiiiiiiii finitaaaaaaaaa!!!!!!!!!!
Ma che dobbiamo aspettare? che l’altro si innamori di un’altra? Dobbiamo vivere con questa attesa di merda..
Io mi sto rovinando le giornate a capire che devo fare..a come gestire questa cosa.. ormai da 5 anni!( perchè anche quando stavamo insieme la nostra storia era sempre in bilico) E’ estenuante.. nn ce la faccio più..
E’ come amare una persona che dice di amarti.. ma che nn la hai, e si fa le sue esperienze..tu le tue..
e poi vi ricercate con l’ansia che l’altro nel frattempo si sia innamorato.
help

L'autore ha scritto 11 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

4 commenti a

Lasciati da un anno e mezzo eppure ancora incatenati… ma è amore?

  1. 1
    Gilda -

    un po ti capisco ho avuto piu o meno una storia cosi, e sicuramente nn e una bella situazione ricordo di aver sofferto abbastanza anche io, e anche io dopo quasi 1 anno tira e molla litigando giurando che nn ci cercavamo piu xo finiva sempre il contrario dopo un paio di mesi succedeva la stesa cosa e ogni volta finivamo a letto. e anche noi come voi nel fra tempo ci facevamo le nostre storie,fortunatamente io ho avuto la fortuna di innamorarmi prima di lui e sn uscita io x prima da la situazione di merda come lo chiami tu anche xche e davvero una situazione di merda da come lo vissuta io, e lui ne ha sofferto abbastanza, xo quando ci pensavo dopo e immaginavo quanto sarebbe stata dura x me se invece succedeva a lui x primo. il mio unico consiglio che ti posso dare se riesci taglia prima che magari a te ti succede il contrario xche sarebbe un dolore piu grande di quello che forse provi adesso. buona fortuna ciao 🙂

  2. 2
    senzaprudenza -

    Ciao casadolce…ti capisco, anche io vivo una situazione identica alla tua. Io e il mio ex siamo stati insieme 6 anni e ci siamo lasciati da 3 ma non siamo ancora riusciti a dimenticarci!!! Ci inseguiamo ma non appena la situazione diventa pericolosa…lui scompare,non risponde al telefono, non mi cerca, dice di non provare più niente per me! Io sto soffrendo terribilmente, non riesco più ad uscire per paura di incontrarlo con un’altra( lui ha altre storie) ,non riesco più a vivere serenamente…Da qualche settimana ho deciso di scomparire, di girare veramente pagina…spero di farcela…queste storie non ci porteranno da nessuna parte,dacci un taglio!!! Un abbraccio

  3. 3
    LUNA -

    Più che altro la frustrazione è anche quella di sentire che così non si va da nessuna parte, mi sa. Nè individualmente, nè in coppia. visto che la coppia di fatto non c’è. C’è la corrente elettrica, ma non c’è quotidianità, nè vero appagamento. In bilico in una perenne crisi da risolvere non resta lo spazio per niente altro.
    Le ragioni per cui vi cercate, ma fuggite non appena ci sarebbe da metterla su un piano più serio possono essere molteplici. Le sapete/non le sapete voi.
    Anche un’attrazione – non solo fisica, intendo – o una complicità che comunque non sono abbastanza però per fare sul serio, anche per rinunciare alla libertà del non scegliere, non decidere, non prendere posizione. Può sembrare romantico non riuscire mai a lasciarsi, ma il vero romanticismo, forse, direi, è fare qualcosa insieme, veramente. Stare insieme ed insieme affrontare la vita, anche con i suoi momenti meno brillanti e le bollette.
    Forse insieme non siete mai stati veramente, visto che avete sempre vissuto in tensione. Forse i litigi erano mera incompatibilità, forse erano anche un modo per stare sempre un poco distanti.
    Ovviamente questo io non lo so, e non sto giudicando.
    Il punto è che quando le cose vanno così “storte” di solito si stanno ore/settimane/mesi/anni a chiedersi “ma cos’è che continua a unirci?” e si perde di vista il fatto che non è uno spostamento della crosta terrestre a tenere divisi, ma solo se stessi. il fatto che non ci sono evidentemente sufficienti ragioni per stare realmente insieme. da una parte, o persino da entrambe le parti. Dicevi dei litigi. Può capitare che due persone non ce la facciano proprio a stare insieme, anche se si piacciono. Idee diverse, visioni della vita diverse, caratteri infiammabili. Cosa si fa? si prende atto che è così, e si sta insieme prendendosi anche a calci che sia, si fa come voi, o si cerca di capire perché, veramente, si stava litigando sempre. Se c’è qualcosa che si può realmente risolvere, nel rapporto di coppia, o dentro di sè, individualmente. Se magari prima che in coppia è con se stessi che non si sta proprio bene. Riflettevo con te, non vi giudico. Non giudico neanche la magia che il vostro amore part time vi può regalare, mentre però vi sembra anche di girare in tondo. A volte, nella vita, si può avere anche bisogno di rapporti come questi, ognuno sa le sue ragioni. Quello che comprendo però (forse anche perché io stessa, seppure con dinamiche diverse, ho perso anni dietro una relazione arzigogolata, nè dentro nè fuori, nè insieme nè uniti, e pure convivendo, pensa che figo, e non sono certo masochista nè trovavo la cosa divertente, ma appunto ciascuno ha le sue ragioni o crede di averle o fa comunque quello che può) è il senso di frustrazione di non vivere pienamente e di perdere anni della propria vita. Queste storie di solito finiscono non solo perché uno si innamora di un altro/altra ma anche per consunzione (non che non possano anche volerci decenni)

  4. 4
    LUNA -

    , perché in fondo le storie hanno bisogno di essere nutrite di qualcosa di più, o anche perché ad un certo punto, innamorato di un’altra o un altro o no, uno dei due si rompe sonoramente la palle di “giocare”. Si stufa, insomma, si stufa anche di quegli aspetti che al momento potevano sembrare romantici. Allora tu vai ma poi torni diventa molto di più tu torni, ok, ma poi te ne vai sempre, e in fondo anche se in teoria mi stai pensando forse ovunque tu sia, al lato pratico nella mia vita non ci sei, veramente, quando ho bisogno di te. O anche ci sei se ti chiamo, ma nella quotidianità no, e mi ritrovo a chiamarti, se qualcosa di particolare mi accade, come se digitassi il numero del pronto intervento. Mentre mi piacerebbe sentirti come se fosse naturale. Perché la vita è anche questo.
    E se siamo anche noi a fuggire, come se la vicinanza emotiva più vera, scottasse, anche noi stessi ci possiamo rompere le palle di vederci come qualcuno sempre in fuga.

    Se continui a tenerti questa relazione (e sei convinta che lui non la sta manipolando in alcun modo, cioè facendoti fare colei che attende il cavaliere errante sempre con la minestra sul fuoco, e dandoti un pizzichino di rinforzo ogni volta che ti stai allontanando, e sei consapevole di non vivere magari con la speranza che prima o poi si riconcretizzi in una relazione stabile e quindi allontani anche l’idea di poter provare un interesse per un altro… se cioè insomma la percepisci invece comunque alla pari) evidentemente in questo momento ti va bene così. Siete due persone libere e a cui va bene essere libere che non riescono, per il momento o per sempre a recidere il cordone ombelicale di un rapporto che non sboccia concretamente. Siete liberi, intendo. Può anche andarvi bene così. In fondo c’è gente che sceglie di essere single per sempre o gente a cui va bene solo avere relazioni occasionali. Dov’è scritto che una persona non possa sentirsi appagata anche così, in una certa fase della vita. Le risposte per te le hai tu, prima ancora che nei perché lui torna e se ne va ecc, tu hai le tue risposte sul fatto se ti va ancora di andarlo a cercare e aprirgli la porta o se ti sei rotta la scatole.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili