Salta i links e vai al contenuto

Lei mi lascia ma continuiamo a sentirci

Lettere scritte dall'autore  

Storia classica e molto molto intensa la nostra. Io e lei due destini che si uniscono. Classico donnaiolo perditempo io, classica brava ragazza costretta ad essere così lei.
Solo un piccolo problema tra noi. Lei è già fidanzata. Parte un corteggiamento sfrenato da parte mia e dopo un tre anni passati ad inseguirla riusciamo finalmente a coronare il nostro sogno… Lei lascia il suo ragazzo e iniziamo a vivere la nostra storia d’amore…ma… C’è sempre un “ma”! Lei mi chiede di andare via dalla nostra città, di allontanarci dalle pressioni della sua famiglia e del suo ex, trovare lavoro fuori. Io decido che per noi sarebbe meglio restare, ho una ottima occasione lavorativa non posso lasciarmela sfuggire. Lei fa finta di capire. Passano i mesi, lei diventa fredda, ci lasciamo, torna con il suo ex… Non ha retto la pressione dei suoi e del suo ex sempre pronto a chiederle di sposarla ogni istante. Morale della favola…
Ci sentiamo ancora ma non ci vediamo da un anno. Lei mi continua a ripetere che è tutta colpa mia perchè se fossimo partiti sarebbe andato tutto alla grande.
Ora io credo e spero che l’amore sia altro ma davvero conta tanto il tempismo!!?!?
Un abbraccio,
V

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

8 commenti

  1. 1
    Giorgio -

    Ahhhh che brava bimba… e´colpa sua che e´incerta se sposarsi o meno con ul suo uomo e ha provato a fuggire da quella realtá scappando con te… ma che si prenda un po´ di responsabilita´!!! lasciala dov’e’ che hai fatto un affare….

    Giorgio

  2. 2
    Ema -

    Infatti… l’amore, quello vero, è altro … e penso che in un amore profondo non sia il tempismo a contare, proprio perchè quando è tale non necessita di fretta nè tantomeno di doversi spostare o allontanare da eventuali “minacce”, neppure quando si tratta di ex o di genitori e va avanti indipendente da ciò che gli gira intorno.

    Non so quanti anni abbiate, ma forse lei non era matura per iniziare una nuova storia adulta, e visti gli eventi, probabilmente non lo è neppure per continuare quella in cui è tornata.

    Sicuramente la “colpa” non è certo il fatto che non vi siate trasferiti altrove.

    In bocca al lupo!

  3. 3
    sarah -

    in amore non bisogna cedere alle pressioni altrui conta cosa proviamo noi, probabilmente non ti voleva abbastanza, posso capire il suo desiderio di evadere ma un vaffanculo a tutti quelli che rompono si può sempre dire.

  4. 4
    Valium -

    Già… L’amore è altro… Comunque non siamo dei bimbi. Abbiamo 30 anni!! Forse non è mai riuscita a dare quel Vaffanculo a tutti.
    Ed ora perchè si fa sentire?

  5. 5
    rossana -

    Valium,
    scusami per la durezza ma… il vaff… a te l’ha pur dato!

    se fossi in te, non mi chiederei perchè si fa sentire. cercherei piuttosto di stare alla larga da lei il più possibile…

  6. 6
    ventolibero -

    Tutti trentenni in crisi d’amore…alle volte mi chiedo se sia più veritiera la realtà ‘cinematografica’ di Verdone e simili, che ci rappresentano come instabili, fragili, avvolti in un sentimentalismo da copertina ma alla fin fine indifferenti, oppure questo spaccato di realtà quotidiana che emerge da questo sito che ci vede soffrire per lei che non c’è più, per lei che ormai è un’ex, magari un pò stronza, però sempre nei nostri pensieri…
    Alle volte, pensandoci e pensandola, considerando la sua piacevolezza direttamente proporzionale alla sua dabbenaggine, mi dico: che andasse a fanculo…ma poi…insomma oh, ne parlo poco e malvolentieri, ma le crisi d’amore esistono…
    Certo, non arrivo a sentirmi perso, a desiderare il suicidio, a volerla fare finita, ad essere così minchione non ce la faccio, però ci sto male, e tanto…
    Non accettava il mio mestiere, come intendevo farlo, il fatto che l’abbia lasciata sola nel bel mezzo di una serata per correre in ospedale, insomma ero tutto sbagliato, però…c’è sempre quel però…
    Alle volte mi chiedo se davvero ne valga la pena di sacrificare una vita possibile sull’altare di una convinzione profonda (tipo aver rovinato il rapporto con lei per via del fatto che essendo medico, soprattutto agli inizi, non riuscivo a pensare ad altro…trascurandola, e molto), ma allo stesso tempo penso: ed è giusto rinunciare a ciò che credi, o limitarti, semplicemente perchè a lei non sta bene?
    Ad ogni modo, anzi ad ogni buon conto, privandosi dell’una cosa o limitandosi nell’altra, per stare al mio personalissimo caso, non si vive, non bene, non si vive affatto…allora mi rendo conto che bisogna sempre posizionarsi sulla mediana (e lo so che mi sono contraddetto…ma i sentimenti mica sono geometria no?), in questi casi è d’obbligo, ma prima che sia tardi, prima che tutto vada perso…
    Questa merda di vita non concede altro!
    Scusate, mi sono sfogato, perchè oggi l’ho vista, vicinissima a me, dopo due anni abbondanti, ma sono 3 che tutto è finito…ed al pensiero costante si è affiancata rabbia e un’insana voglia di possesso, di prenderla, trascinarla, per far capire a quella testa stronza quanto è importante per me…ancora!
    In un’altra occasione ho parlato di un ‘cuore che mi salvi la vita’, nel senso di rendemela vera, piena, autentica, sentita, completa…ecco, intendo proprio questo!
    Ovviamente, stronzo a mia volta, non l’ho fatto…!

  7. 7
    Valium -

    Io credo che la nostra generazione sia uscita dal primo decennio del 2000 con una idea ben precisa :
    L’amore mordi e fuggi non basta!
    E allora finalmente siamo tutti noi in cerca dell’amore quello vero, quello che fa male, quello che ci fa piangere, ridere, emozionare, in cerca insomma della vita…
    E quando quella vita è così indissolubilmente legata ad una persona che è andata via… fa male!
    Cerchiamo solo di non essere vittime di noi stessi… amore non è una stampella che ci sorregge nel cammino… amore è un automobile che ci fa percorrere la strada senza stancarci… si può sempre scendere e fare il cammino a piedi!!!
    Abbracci, V

  8. 8
    rossana -

    Alessandro,
    mi dispiace per questo tuo dolore. so quanto possa far male, soprattutto quando si è molto giovani.

    sei comunque fortunato ad avere una passione nel tuo lavoro. anche adesso, che non lavoro più, non hai idea di cosa sarei disposta a dare per avere una passione slegata da relazioni.

    se posso permettermi un suggerimento, quando non si può dedicare molto tempo a una persona, figlio o compagna che sia, si dovrebbe cercare di investire molto in intensità nei brevi momenti in cui è possibile essere a lei dedicati. spesso funziona, soprattutto con gli adulti, se si comunica con loro in modo chiaro e continuo.

    forse non senti sempre tutti i cuori che ti seguono, il mio incluso. chi dà tanto di sè come te lascia ricordi indelebili. se soltanto lasci la tua finestra socchiusa, potresti essere sommerso di abbracci, anche soltanto sotto forma di brezza leggera.

    un abbraccio.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili