Salta i links e vai al contenuto

La felicità e l’amore esistono davvero?

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti,
l’argomento se l’amore finisce mi ha toccato molto, in quanto sto passando un periodo molto negativo, sto cercando di capire se l’amore tra me e mio marito è finito, sicuramente mi rendo conto che principalmente è un mio problema, sono anni che cerco di pensare che tutto sarebbe cambiato, che era un periodo di crisi come succede a tante persone, però quando pur parlandone con lui e facendogli capire che non sei felice, che sei insoddisfatta, della vita che sto vivendo un po’ in amore un po’ a lavoro e aspetti che le cose vadano meglio sperando si risolvano col passare del tempo, arrivi al limite e anche l’amore che prima poteva essere il sentimento più forte e sicuro che avresti potuto provare ti rendi conto che arrivi ad un traguardo, che è finita, è finito l’amore per lui ma anche per tutto ciò che ti circonda, non hai voglia di fare nulla di parlare con nessuno, perché nessuno può capire quello che stai provando, perché pensi di essere egoista e di pensare a te stesso ma in fondo se si è proprio infelici e gli altri non se ne accorgono, forse vuol dire che non sei poi tanto egoista…
Di certo che in questi momenti di debolezza incontri sempre qualcuno che ti capisce che ti fa credere chissà cosa, che puoi essere felice e che accanto a lui potrai esserlo, ma al momento in cui sei pronta ad affrontare questa nuova avventura, senza badare alle conseguenze e senza progetto sicuro, ti senti dire che forse non è abbastanza quello che lui prova per te …
bhe non è un bel periodo per me e sono in pieno di una crisi, perdonatemi se vi ho annoiato…
E’ vero forse che la speranza è l’ultima a morire e se ci impiegherò una vita intera a trovare l’amore che voglio e la felicità che merito, ce la metterò tutta.

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook La felicità e l’amore esistono davvero?

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Famiglia

20 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Isis -

    Scusami se sono diretta..ma… hai atteso che le cose cambiassero senza far nulla in modo tale che cambiassero? Non so se mi sono spiegata bene…però…mi sembri in balia degli eventi senza…senza…fare nulla…forse è solo perchè non hai scritto tutto…forse…perchè sono io che non riesco a capire…
    Comunque, se tu soffri e gli altri non se ne curano non sei tu l egoista, questo è certo…

  2. 2
    guerriero -

    l’amore forse nn esiste, ma di certo esiste il rispetto, la fiducia, la dedizione, l’affetto e la volontà di rivitalzzare un rapporto, specie se esso in fin dei conti nn ha mai creato problemi.Secondo me se nn ci sono ragioni forti, un rapporto nn può finire, specie dopo molto tempo.
    E per ragioni forti io intendo, l’opposto di ciò che ho scritto prima, o peggio ancora la violenza ecc.
    L’amore è anche volontà di nn buttare le cose nel cesso.

  3. 3
    Alessandro_ -

    Ciao Danila,
    per esperienza ti posso dire che la felicità e l’amore esistono.
    Il problema siamo noi, sempre e perennemente insoddisfatti. Se di colpo, ti levassero tutto quello a cui tieni, marito, lavoro e tutte le cose a cui tieni, ti renderesti conto che eri già felice e che avevi tutto quello che ti serviva per esserlo. Siamo sempre insoddisfatti e cerchiamo sempre altrove ciò che abbiamo già, solo che quel che abbiamo non riusciamo a vederlo e ad apprezzarlo, proprio perché lo possediamo già. Il detto che dice che il vero valore delle cose lo capisci quando le perdi, anche se è una frase fatta, è purtroppo vera. Se fosse tuo marito a lasciarti e a non provare più amore per te, forse lo apprezzeresti di più di quanto non fai ora. Molti pensano e abusano della parola Amore. L’amore, se esiste, è immutabile ed eterno. Non è una cosa che si esaurisce come una batteria. Bisogna anche non confondere abitudine con la fine dell’amore. Se tu vuoi bene ad una persona, come puoi smettere di volerle bene. Come può, ad esempio, una madre smettere di volere bene ad un figlio. Potrebbe una madre dire: “il bene è finito”, dimmi potrebbe mai dirlo? Il problema più grave sai quale è? che nessuna parola di conforto e nessun consiglio potrà aiutarti. Solo tu puoi aiutare te stessa. Sei insoddisfatta? Lascia tuo marito, lascia il tuo lavoro, magari avendoli perduti per sempre forse riuscirai, col senno di poi, ad apprezzarli e ad apprezzare ciò che avevi, ma allora e solo allora ti renderai conto di ciò che avevi, solo allora ti renderai conto che forse eri già felice con quello che avevi, solo che non riuscivi a vederlo. Purtroppo siamo comuni esseri umani e i sentimenti che provi, in un modo o nell’altro, li provano tutti. Sai per me chi è la persona più felice del mondo? è quella persona che ha perduto tutto, perché scontento di quello che aveva e ha ritrovato quel che aveva perso. Quella è la persona più felice del mondo, credimi. Riguardo i momenti di debolezza, beh, ci nascondiamo sempre dietro la nostra debolezza per giustificare le nostre azioni ma quella non è debolezza, quella è solo il nostro modo di essere codardi. Mi sono ritrovato in molte delle parole che hai detto e come vedi, non sei la sola che prova questi sentimenti. Posso darti un consiglio? non accettare consigli. Guarda solo dentro te stessa e decidi tu, con la tua testa, cosa vuoi fare. Decidi tu se vale la pena lottare per quello che hai (e che non riesci forse a vedere) o mollare tutto, ma se devi lottare, devi farlo perché ci credi veramente e non per paura di mollare tutto e di lasciare il certo per l’incerto, altrimenti faresti del male a te stessa e alle persone che ti vogliono bene. Fai la tua scelta, qualunque essa sia, ma falla. Queste parole che ti ho scritto, sono frutto di esperienze personali e non voglio in alcun modo avere la presunzione di presentartele come una verità universale. È solo una opinione personale. Spero tanto che tu riesca a ritrovare la serenità perduta.

  4. 4
    Silvano -

    Ciao Danila,
    io credo che Alessando ti abbia detto delle cose sante!!!
    Alessandro è sicuramente uno dei pochi esseri umani ancora in possesso dei valori che ci distinguono dalle bestie… e poi tra le tante cose giuste ne ha detta una che dovrebbe far riflettere il mondo intero delle coppie: non accettare consigli da nessuno. Segui la tua strada ascoltando il tuo cuore e vedrai con il tempo che il cuore ti da sempre il consiglio migliore per risolvere i problemi della vita.
    Alessandro ti faccio i miei complimenti piu sinceri.
    Buona fortuna.

  5. 5
    Isis -

    Si l’amore e la felicità esistono davvero ma a volte siamo così ciechi e presi da altre cose che non ci rendiamo nemmeno conto di ciò che abbiamo e lo trascuriamo e così la fonte della nostra felicità e del nostro amore decade… siamo noi in primis a distruggere la nostra felicità…
    inoltre la felicità, per me, sta nelle piccole cose…non nei grandi traguardi…quelli si chiamano soddisfazioni non felicità

  6. 6
    Leilaluna -

    hai sbagliato.. e vuoi continuare a sbagliare.. mi sa che ti faranno nera qui..

  7. 7
    guerriero -

    secondo me si può benissimo evitare di lasciare un persona per capire che poi la sia aa.
    nn diciamo fesserie!! se si ama davvero nn si hanno dubbi e tantomeno è necessario allontanarsi , facendo soffrire l’altro

  8. 8
    danila -

    ciao a tutti,
    sono ancora io, vi ringrazio per cercare di aiutarmi a capire cosa possa essere giusto e cosa no,certo è la mia vita e devo fare chiarezza in me stessa, ma la cosa che forse ho omesso di scrivere nella mia lettera è che probabilmente la mia crisi maggiore deriva in questo momento dal semplice fatto che sono innamorata di un altra persona, la quale ho avuto vicino in un momento difficile e in un momento in cui mi rendevo conto che non ero felice con mio marito,questa persona mi ha fatto capire come si può essere felici in due, mi ha dato amore e affetto allo stesso tempo, quando ho vicino lui sto da dio, ma ad oggi che sono arrivata ad un bivio della mia vita, lui mi ha girato le spalle dicendomi che non mi potrebbe dare la felicità che cerco, e che io non potrei dargli la sua perchè comunque sono la moglie di un suo amico………
    e non si sente pronto ad affrontare una situazione così forte, ma la cosa che mi fa più male è che io non gli ho chiesto nulla, non lascerei mio marito per iniziare una storia con lui, ma al momento che lo farò vorrei essere sicura di contare sul suo affetto e sulla sua comprensione e poi fare un passo per volta…..
    non capisco ccosa gli possa essere successo, forse questa persona non mi ha mai amato come mi ha fatto credere e ora che è arrivato il momento di dimostrare i suoi sentimenti si è tirato indietro……..
    credetemi non lo capisco……. e penso che fin ora ha solo mentito su ciò che mi diceva

  9. 9
    Silvano -

    Ah ecco… ora è tutto chiaro finalmente!
    In pratica, ti scopi felicemente un amico di tuo marito e ora sei venuta qui a piangere per i tuoi sensi di colpa!
    Non aggiungo altro… voi donne pensate di essere tutte delle sante ma in realtà siete soltanto più paracule degli uomini e fate di tutto pur di ottenere i vostri scopi che a mio avviso in questo caso sono davvero schifosi!!!
    Fate ridere…

  10. 10
    Maxim -

    Ciao Danila,

    inutile dire che già avevo intuito che ci fosse la presenza del famoso “terzo incomodo”, definito nei miei vari interventi pure come “angelo custode celestiale” dove di celestiale ha ben poco, perchè il tutto si riduce ad una sola cosa, ma come sfascia-famiglie invece ha moltissimo!!!

    Che in un matrimonio si possano creare dei periodi di instabilità ed intolleranza con se stessi e con ciò che si ha e ci circonda è naturale, vorrei che qualcuno dicesse l’opposto.
    Bisognerebbe cercare di risolvere piuttosto, che sfasciare, magari rivolgendosi ad una terapista di coppia invece che permettere al famoso “terzo incomodo consolati afflictorum” di entrare a far parte dei momenti di debolezza dell’una o l’altro componente della coppia stessa.

    Lì il gioco, per questi vili personaggi schifosi di natura, è da sempre stato il loro forte, perchè aproffittando del momento di sbandamento, debolezza altrui non fanno null’altro che, con i classici approcci da stronzi, le due parole subito classiche (mi sembri un pò pensierosa, ma stai bene o c’è qualche cosa che non và?…non ti vedo tanto smagliante, come mai?) quindi solo loro sanno capire, consolare, far diventire, far sentire veramente di nuovo donne, ma solo con lo scopo unico di avere a loro vantaggio determinate cose (benedizioni magiche con il loro aspersorio divino) facendo credere che voi le state veramente a cuore per la vostra triste situazione, che vi pensano per questa tristezza che avete dal mattino alla sera, che nella testa e nella loro anima hanno solamente voi…si…si!

    Ma financo chè non arrivi il momento “clou” della situazione.

    Guarda che ti dico questo per ragione di causa, visto che mia moglie mi ha scaricato il 7 maggio scorso per una crisi esistenziale, andando via io di casa in quella di mia madre, ma poi rientrato di nuovo nella mia casa perchè lei è andata via di casa.

    Aggiungo inoltre che forme di recupero, nel mio caso del mio rapporto di coppia, anche se io avevo messo sul piatto della bilancia matrimoniale pure momenti “calanti”, per l’una o per l’altro, perchè possibili, non mi pare che ce ne possano essere più, almeno fin’ora, perchè lei è in uno stato di sua potenziale convinzione di guardare avanti e di non ritorno ed impetuosamente intollerante, grazie “all’angelo consolatore”, nei confronti di tutto quello che riguarderebbe ancora ed ha riguardato noi due.
    Almeno queste sono le notizie che sò da terze persone, in questo caso non incomode, perchè vorrebbero che le cose riprendessero fra noi due.
    L’ho vista, l’ultima volta, solo il 28 maggio alle 16.00 del pomeriggio, quando è venuta a ritirarsi altra sua roba, ma ne ha ancora da ritirare, poi il 29 mi ha mandato degli s.m.s. abbastanza velenosi sul fatto di come io le avessi dato l’ultimatum per uscire da casa mia, ma che era solo dovuto al fatto che non riuscivo più a tollerare che lei si andasse a divertire, mentre io mi sono spento completamente nella mia solitudine dal 7 maggio….

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili