Salta i links e vai al contenuto

Ho paura di ricominciare, di lanciarmi in una nuova avventura

Lettere scritte dall'autore  

Sempre io.. ho scritto vari post già su questo sito.. più ci penso e più mi rendo conto che non è il dispiacere che provo per il fatto di essere stato lasciato.. ma per il fatto che ho paura.. paura a lanciarmi in una nuova avventura col rischio di trovarmi con un pugno di mosche in mano per la seconda volta.. paura perché anche la persona che pensavo di conoscere come le mie tasche alla fine mi ha voltato le spalle come se niente fosse.. paura di non trovare qualcuna disposta ad accettare i miei difetti.. paura di me stesso.. non ho coraggio di provarci con le ragazze nonostante sia un ragazzo carino e quindi magari non subirei un rifiuto.. arrabbiato perché è successo a me e non a qualcuno che si è comportato peggio di me in amore.. deluso e frustrato per non riuscire ad uscire da questa situazione.. per avere pochi amici.. per passare i sabati sera a casa..
Deluso per essermi annientato per una persona che mi ha succhiato l’anima e poi ha smesso di amarmi.. deluso e disgustato.. bloccato da questa paura che la seconda storia non possa mai essere come la prima.. impaurito dal fatto di temere di non essere all’altezza della nuova compagna.. di non avere nulla da proporle.. di annoiarla con problemi e difetti.. di non soddisfarla anche sessualmente (duro poco).. arrabbiato frustrato e basta.. vorrei qualche parere..

L'autore ha scritto 28 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

12 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Fabricius -

    Tutte queste paure sono comprensibili e naturali, tuttavia se lasciate galoppare ti bloccano in un circolo vizioso di malessere!
    Da carattere romantico quale possiedo ti dico che anche per me è stato un duro colpo essere lasciato dalla ragazza con cui ho condiviso 3 anni della mia vita e per metabolizzarlo ci ho messo 8 mesi. Tuttavia arriva sempre il punto in cui qualcos’altro si frappone tra questo malessere e te e ti aiuta a rialzarti e ad intraprendere una nuova strada.
    Per la timidezza non so cosa consigliarti dato che è una brutta bestia che mi trovo a combattere anche io, però per tutto il resto ti consiglio di alternare momenti in cui liberare la mente, pensando a scaricarti facendo quello che ti piace, e momenti in cui riflettere su tutte queste paure in modo utile, magari facendoti aiutare da qualche amico (come stai facendo qui con questa lettera d’altro canto). Il tuo scopo è razionalizzarle, capire come poterle bypassare e trovare nuovi stimoli per rimetterti in gioco. Poniti delle domande:
    – Cosa mi piace fare?
    – Cosa realmente conta per me?
    – Cosa posso fare per migliorare la mia situazione?
    – Perché mi vengono queste paure?
    – La realtà corrisponde all’immagine che creo di me stesso?

    Queste sono alcune domande su cui scervellarti ma che vanno affrontate con senso critico ed oggettività, senza farsi prendere dal pessimismo. Prova a dare una risposta anche qua, così ti possiamo dare ulteriori pareri!

  2. 2
    La dura verità -

    Allenati per durare di più e tutti i tuoi problemi saranno risolti.
    Te lo dico perchè vorrei bypassare le varie “se ti ama ti accetta così. il sesso non è tutto” chi sminuisce il sesso lo fa inconsciamente perchè non la fa nel modo corretto.

    Io stesso ho avuto problemi di durata (19 anni). Ovviamente storia chiusa. Poi col tempo ho cercato di migliorarmi godermi il rapporto senza pensare alla durata e giocare sulla mia stessa mente che di fatto dirige tutto…anche i problemi
    Ora a 24 anni ho una storia di 3 anni ormai il sesso va a gonfie vele (si parla di tutta la notte…ovviamene con diverse pause di massaggi e coccole in mezzo) e la relazione pure.

    Sia chiaro non vuole essere un accusa di superficialità delle donne. Anzi. Il sesso è dove l’amore sboccia ed è giusto che sia da un lato che dell’altro ci sia voglia, passione e perchè no…abilità (che si può costruire nel tempo con il/la partner)

    Morale della favola: non girare attorno al problema. Risolvilo e risolverai tutto il resto come per magia.

    Fonte: esperienza personale..che ovviamente è soggettiva.
    In bocca al lupo per tutto

  3. 3
    jonnyno -

    grazie a @fabricius per aver risposto alla mia lettera..
    per me questa separazione è stata un trauma fortissimo, sono stato veramente male perche avevo riposto le aspettative di una vita in quella persona..sono rimasto molto deluso e amareggiato dall’atteggiamento che mi ha riservato..quello che piu mi sta frustrando è un po la solitudine..un po la preoccupazione che non so come fare a conoscere ragazze nuove dal momento che la mia cerchia di amici è molto ristretta ed è composta da una decina-quindicina di persone..sono una persona chiusa nel senso che posso frequentare una compagnia molto tempo e se parlo di piu con una persona all’interno di questa compagnia non so come chiederle il numero e non lo faccio aspettando che siano gli altri a propormi uno scambio di numeri di telefono..non prendo mai l’iniziativa per organizzare una serata o fare qualcosa di divertente ma lo delego sempre a gli altri cercando di attaccarmi al gruppo..sono timido ma poi quando mi apro con una persona riesco ad essere me stesso..
    iniziando a rispondere alle domande:
    mi piace passare il tempo in modo tranquillo, apprezzando il luogo in cui mi trovo e la persona che ho con me, costruendo un rapporto basato sul continuo dialogo e confronto..
    cio che realmente conta per me è avere una persona al mio fianco che mi desideri e da desiderare, da aiutare e da rendere felice
    per migliorare la mia situazione posso incominciare ad uscire, a parlare di piu con le persone che frequento e a propormi maggiormente
    le mie paure mi vengono perche conosco il mio carattere e conosco le ragazze di oggi
    la realta in parte corrisponde all’immagine che creo di me stesso perche fortunatamente ruesco a gestire ”due vite”separate..
    ti ringrazio per la disponibilità e attendo una risposta

  4. 4
    Fabricius -

    Perfetto, abbiamo iniziato a srotolare il problema! Questo è un passo importante a mio parere perché stiamo mettendo le carte in tavola e sarà più facile districarsi tra i problemi!
    Dalle risposte che mi hai dato l’impressione di essere un ragazzo con dei contenuti ma che non ha abbastanza sicurezza per farne un proprio punto di forza, soprattutto perché ti interroghi sul pensiero degli altri e ti preoccupi di far andare bene le cose, a volte magari concentrandoti più su quello che della situazione stessa. Se ho centrato il bersaglio allora ti consiglio di provare a seguire maggiormente le tue ispirazioni e voglie, cercando di scrollarti di dosso le preoccupazioni. Non dico di lanciarti in cose folli, ma inizia gradualmente. E’ importante che curi anche il corpo, agire sui tuoi difetti, in modo da acquistare più sicurezza anche in quel senso. Ti assicuro che influisce molto!

  5. 5
    jonnyno -

    si @fabricious devo dire che hai centrato in pieno il mio problema..ma vorrei capire cosa intendi per ”provare a seguire maggiormente le tue ispirazioni e voglie, cercando di scrollarti di dosso le preoccupazioni.” attendo risposta grazie

  6. 6
    Fabricius -

    Con quella frase intendevo che dovresti provare a comportarti come senti di volerti comportare, fregartene un po’ meno di quello che potrebbero pensare gli altri e di agire per il tuo bene! Io lo sto sperimentando in questo periodo e sto molto meglio!
    Ci tengo a specificare che non professo un balzo diametralmente opposto di comportamento: se adesso siamo nel nero, non saltiamo nel bianco ma spostiamoci nel mezzo, per dare un po’ di equilibrio alla nostra vita e al nostro modo d’essere (il nostro modo di fare non lo trovo, in teoria, sbagliato perché è contro la superficialità, però, in pratica, a forti dosi si cade nell’eccesso e quindi è sbagliato comunque)

  7. 7
    jonnyno -

    @fabricius scusa ma potresti gentilmente farmi uno o più esempi pratici anche del tuo atteggiamento? grazie

  8. 8
    Fabricius -

    Per esempio hai detto che hai pochi amici ed esci poco: allora al posto di chiederti magari se i tuoi amici abbiamo voglia di stare con te, a dove piacerebbe andare agli altri sii propositivo; se un giorno hai voglia di una cosa in particolare, cerca un po’ di gente e chiedi. Al massimo ti diranno che non ne hanno voglia!
    Io prima ero poco propositivo però ora cerco di organizzare qualcosa di tanto in tanto quando ho l’ispirazione (ora per esempio sto organizzando un uscita per andare a vedere dei gruppi che si esibiscono; oppure la domenica spesso chiedo per giocare a pallone). Se poi vuoi conoscere nuove persone chiedi ai tuoi attuali amici di portare anche amici che tu non conosci così da ampliare la tua cerchia molto in fretta 🙂
    Queste sono piccole cose ma piano piano di danno molta più sicurezza e soprattutto di fanno vivere con meno pesantezza. Se si vive con pesantezza allora anche l’ostacolo più basso sarà faticoso da saltare!
    Riassumendo quello che ti consiglio è, prima di cercare altre ragazze, di prenderti cura di te stesso e migliorare le cose di cui sei scontento (ovviamente se ti capita un’occasione interessante coglila!)

  9. 9
    jonnyno -

    @fabricius purtroppo il mio carattere me lo impedisce..sono entrato in un tunnel da cui non vedo via d’uscita..

  10. 10
    Fabricius -

    Se parti con questo blocco mentale sicuramente non ti smuovi! Resetta il cervello e prendila come una sfida, iniziando dalle cose più semplici per poi spaziare fino alle cose di cui ti importa!

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili