Salta i links e vai al contenuto

Ho lasciato e mi sento solo

Salve, Ho 17 anni e le scrivo in una classica notte di insonnia. Il 13 marzo di questo anno ho lasciato la mia ragazza per motivi fisici; mi spiego meglio: Quando stavo con lei ero sempre stanco, vedevo le sue imperfezioni (come i baffetti), mi prudeva tutto e si insomma ci stavo male. Dopo 2 mesi di pensamenti ho deciso che dovevo lasciarla. Quei due mesi sono stati un agonia mostruosa: Piangevo, non riuscivo a studiare e a dormire, pensavo a lei e ai dolori che sentivo mentre stavo con lei a casa sua. Quando ci siamo lasciati ero a pezzi ma qualche giorno dopo stavo bene: riuscivo con i miei amici, facevo nuove conoscenze, ero più libero il sabato anche se spesso i ricordi mi tormentavano. La cosa peggiore di tutto ciò è anche il giudizio dei miei amici che spesso mi chiedevano: “Ma perché l’hai lasciata? Era bellissima!” Come darli torto… era davvero una ragazza stupenda, ma dopo 11 mesi mi sentivo come in trappola, come sposato e la cosa mi dava davvero tanta noia. La mia etica era passata da “romanticone da fiaba Disney” a: “Ho 17 anni… ho tutta la vita davanti e non voglio già fidanzarmi per una storia serissima con il matrimonio come traguardo tra 10 anni! La cosa mi spaventa”. Dunque presi la mia decisione. Ora, a distanza di 6-7 mesi, lei si è messa con un altro e, frequentando entrambi la mia stessa scuola, li vedo sempre in corridoio che si baciano e si accarezzano. Nei primi tempi ero contento ma ora mi sento strano: mi tornano su i ricordi, mi scendono le lacrime quando penso al suo cagnolino e ai suoi mitici genitori che non rivedrò mai più, alle notti insieme passate a coccolarci sulle mura della nostra città (Lucca) ecc… e mi sembra spesso di tornare in un’altra agonia! E’ un periodo che tutte le sere mi bevo una bella camomilla e mi addormento con i suoni della natura… mi aiuta molto a dormire e a scacciare questi dolori, ma il problema si manifesta a scuola e quando vedo le sue foto su Facebook. Ripeto: Era bellissima, davvero ma non riuscivo ad andare avanti e ora sto male nei momenti detti sopra e per i ricordi che ritornano. Come mi devo comportare? Cosa devo fare per superare questa situazione? Nelle foto ora la vedo una ragazza bellissima, mora e dolce e ci sto male perché l’ho lasciata ma quando ero con lei mi annoiavo e sognavo altre storie d’amore… Che comportamento infantile è il mio? Come eliminarlo per diventare finalmente un uomo responsabile che sa sopportare questi problemi? La ringrazio per il tempo dedicatomi.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

2 commenti a

Ho lasciato e mi sento solo

  1. 1
    Gaudente -

    non mi e’ ben chiara la parte in cui dici che era bellissima ma aveva i baffetti e che ti prudeva tutto.
    Insomma te la trombavi o no ?

  2. 2
    Andrea -

    Caro Damy, hai semplicemente fatto l’ “errore” che fanno in moltissimi, chiudere una storia convinti di poter spaccare il mondo. In realtà quando sei single senti la necessità di una storia seria, un pò per un discorso sessuale, un pò perchè le troppe uscite con gli amici annoiano. Ma quando sei fidanzato, senti al contrario la mancanza delle serate passate a sparare stupidate con gli amici e una storia fissa ti sta stretta.
    Ti capisco, perchè ci sono passato anche io. Il fatto è questo, se eravate innamorati, puoi provare a parlarle e a dirle quello che provi, se davvero teneva a te magari sarà in grado di perdonarti, al contrario ti dirà di no.
    Secondo me ti manca avere una ragazza piuttosto che avere lei come ragazza..

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili