Salta i links e vai al contenuto

Gelosia dopo rottura

Lettere scritte dall'autore  marco48

Ciao a tutti, sono un ragazzo di 20 anni e dopo 3 anni di relazione ho troncato con la mia ragazza. Ma per spiegare il perchè ci metterò molto quindi ringrazio in anticipo chi avrà la voglia di leggere e magari di rispondermi.
Ebbene si, dopo 3 anni ci siamo divisi e ora la situazione è molto strana.
Tengo a dire che non è la prima volta, circa 5 mesi fa sono stato lasciato da lei, in un momento di altissima fragilità mentale, e ho fatto molta fatica a riprendermi, e probabilmente non mi sono ancora del tutto ripreso. Non mi spiegavo il perché, è bastata un’estate per cambiarla totalmente, mentre io ero molto impegnato col lavoro, lei si è presa moltissima libertà, cosa che io non le ho mai negato essendo una persona inizialmente per niente possessiva. Ma mi sono reso conto di un distacco via via sempre più grande, rinunciava anche a vedermi una volta a settimana per andare a ballare e divertirsi. Vedevo che si stava completamente dimenticando di me, ma non riuscivo ad accettarlo, ne a crederlo. Avendo io pochissimo tempo libero, quasi 0, la mia testa ha cominciato a risentirne e ho cominciato ad avere le paranoie. Mi sono trasformato nella persona più possessiva mai vista, e ho cominciato a pressarla e a starle molto addosso, errore ingenuo di una persona sicuramente poco esperta. Dopo due mesi di situazione orribile lei ha deciso di troncarla una prima volta. Io non sono riuscito a metabolizzarlo, e il dolore che ho provato non si può descrivere a parole.
Ero stravolto, incapace di fare ogni cosa perché la mia testa e il mio corpo sentivano una mancanza malsana verso di lei. Lei, che era la mia piccola, sulla quale all’inizio della relazione avevo seri dubbi che potesse essere adatta a me, che fin da subito mi ha dimostrato di volermi in una maniera sconsiderata, e che da quando me ne sono accorto non ho fatto altro che amarla con tutto me stesso. Mi sono reso conto di quanto io amassi quella persona, e ho continuato a spingere per rivederla, cosa che lei per settimane mi ha negato, anche in malo modo. Ma dopo 3 settimane di agonia, me la sono ritrovata sotto casa e quello che ho sentito con un solo abbraccio non è nemmeno spiegabile. Siamo finiti a letto e pian piano, giorno dopo giorno abbiamo ricostruito il rapporto. Ma era cambiato molto. Io avevo perso tanta fiducia verso di lei, avendo saputo di persone con cui ha avuto contatto, non oltre il bacio, ma comunque fisico. Non riuscivo più a credere alle parole che mi diceva, vedevo sempre la bugia, e purtroppo ho un ottimo intuito che non mi mente mai. Avevo la certezza che non me la diceva tutta, e dopo un mese che ci stavamo riprovando ho scoperto che aveva ribaciato un altra persona in discoteca. E li sono stato io a troncare. Ma essendo una persona veramente molto auto accusatoria, masochista di merda che non sono altro, ho cominciato a incolpare me per i suoi atteggiamenti. Ho sicuramente avuto delle mancanze, sono una persona molto sensibile, bipolare, mentalmente non stabilissima, e dai gusti molto semplici. Sono una di quelle persone a cui basta amare e sentirsi amato per stare bene, senza troppi ghirigori e troppe dimostrazioni eclatanti. Curo molto l’intimità, che per me è fondamentale, ed è forse l’unica cosa che è sempre andata da Dio tra di noi, ulteriore fatto che non mi fa comprendere perché deve cercare fisicamente qualcun altro.
Sta di fatto che dopo la mia troncatura è stata lei a dimostrarmi che non voleva perdermi anche se non ha mai ammesso di aver baciato quella persona. Ma ho deciso di premiare il fatto che questa volta fosse lei a non volermi perdere. Le ho dato un’altra possibilità, ma con una regola ben chiara: la sincerità. Volevo trasparenza, chiarezza, tra di noi, che purtroppo essendo due caratteri completamente opposti, abbiamo poche volte avuto dialoghi calmi, e senza scannarsi. Da lì sembrava che andasse tutto in discesa. Ci eravamo ritrovati praticamente del tutto, e io avevo smesso di avere dubbi e paranoie. Fino al giorno che non so perchè, mi maledirò sempre per questo, non ho sentito un forte desiderio di leggerle il telefono. Lo so è una cosa squallida, per tre anni non le ho mai guardato nulla. Ma avevo veramente speso tantissime energie mentali per questa relazione, e qualcosa di estremamente forte mi ha spinto a leggerlo mentre lei dormiva. E ho letto di tutto, per quanto tutte cose di mesi prima, sia di quando non stavamo più insieme, sia di quando ci stavamo riprovando, e probabilmente se non mi fossi fermato avrei trovato qualcosa anche nel periodo antecedente alla prima rottura. Non ci ho visto più, e ho avuto una reazione sconsiderata,ho ribaltato tutta la camera con lei che si è spaventata tantissimo e io che le urlavo contro. Sono dovuto scappare fuori per paura di metterle le mani addosso. Li mi sono reso conto di quanto questa relazione malsana mi avesse fatto toccare il fondo della mia psiche. Io sono una persona buona, per niente violenta, e amavo e amo tutt’ora quella ragazza più di me stesso. In quel momento ho capito quanto non poteva più funzionare, quanto io veramente abbia perso me stesso pur di avere lei. Per 10 giorni dopo quel fatto non ci siamo visti, anche se ci siamo sentiti via messaggio (io avrei voluto vederla prima per poterci lasciare in modi buoni). Ci siamo praticamente detti per messaggio, e poi a voce (purtroppo in discoteca) che era meglio starci alla larga e non sentirci per messaggio, perlomeno ora. Io sono riuscito a prenderla molto meglio dalla prima volta, anche se il dolore di perderla di nuovo si è fatto sentire. Una sera è venuta a prendere le sue cose e dopo un’ora che siamo stati a parlare non ho resistito e le lacrime sono uscite a fiotti. Non capisco più un cazzo, io la amo perdutamente, nonostante tutto, non riesco a non desiderarla tra le mie braccia. La vorrei proteggere, tirarla fuori dalla merda, vivere di lei. E quando gliel’ho detto è stata lei a dirmi che non sapeva se ora era ciò che voleva ancora e io l’ho accettato. Ora sto discretamente, diciamo che finalmente mi sono fatto una ragione che non tutto può andare come desideri. Una cosa che mi lascia perplesso è la sua gelosia, che non è mai mancata, ma nonostante che lei non sappia più se prova amore per me, continua a non sopportare il pensiero di me con un’altra. Ora io non la sto cercando, e da una settimana a questa parte è sempre lei che mi scrive e che mi chiede come sto. Probabilmente non riesce ad accettare che io mi scordi di lei, nonostante le abbia garantito che l’amore verso di lei non è mai finito, purtroppo.
Non sono una persona che riesce a nascondere quello che prova, e nonostante tutto io adoro quella ragazza, me ne ha fatte di cotte e di crude, ma nemmeno io sono stato uno stinco di santo. Vorrei solo che ci dessimo il meglio di noi, e so che è possibile. C’è un legame molto forte, quasi indistruttibile, che però non riesce a prendere la via giusta. So che ora dovrei pensare a me e lo sto facendo, ma sempre desiderando lei, e sapendo di un suo possibile ritorno. Vi chiedo aiuto, perché ho veramente bisogno di capire come comportarmi. So che da un occhio esterno può sembrare che la cosa migliore sia cancellarla dalla mia vita, ma ripeto, è un legame veramente quasi indistruttibile, nonostante tutto, perlomeno da parte mia. Lei ora fa molta fatica a capire cosa vuole, e so che il modo migliore per farglielo capire è standogle il più lontano possibile. Vorrei comunque un vostro parere, grazie in anticipo!

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Gelosia dopo rottura

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

6 commenti

  1. 1
    Bottex -

    “me ne ha fatte di cotte e di crude, ma nemmeno io sono stato uno stinco di santo”.
    La mia risposta ti sembrerà banale, scontata e ripetitiva, ma rimane sempre valida: non stare troppo in pensiero, siete molto giovani e avete bisogno di fare le vostre esperienze. Tanto più che nessuno dei due è stato trasparente al 100%. Anche non sapere veramente ancora cosa volete è normale. Io al tuo posto vedrei quel che è successo come una cosa che ti ha fatto maturare. Anche se si provano dei sentimenti molto forti (a quell’età poi, con gli ormoni a 1000, è facile), difficilmente queste storie sono definitive.
    Poi, per quanto riguarda le vostre rotture pregresse, fai questo esperimento. Prendi un foglio di carta nuovo, accartoccialo e poi prova a lisciarlo. Tornerà come prima? No, naturalmente. Quando una relazione si rompe, ripristinarla è in genere inutile. Anche se ci si riesce le cose non sono più come prima. Meglio quindi rassegnarsi alla rottura e voltare pagina.
    Si soffre, lo so. Ma sono appunto queste sofferenze che ci temprano e che ci fanno maturare, rendendoci col tempo migliori e facendoci capire esattamente cosa vogliamo.
    Morale della favola: meglio un no contact totale adesso. Cercate entrambi di andare aventi. Saluti.

  2. 2
    Riccardo -

    Non preoccuparti. Ripeto, non preoccuparti. Insisto davvero : non preoccuparti ! Il comportamento di questa ragazza nei tuoi confronti non mi pare molto corretto, anzi direi abbastanza infantile – ma questo è giustificabile data la sua giovanissima età. Ti tradisce, mente, gioca con te… e si dimostra persino gelosa. La soluzione l’hai già capita da solo : troncare in maniera netta, definitiva.
    P.S. Mi permetto di darti un piccolo consiglio. Scrivi che “amavo e amo tutt’ora quella ragazza più di me stesso” : ecco, in questo credo che sbagli. Mai permettere a qualcuno di sopraffare il bene che vogliamo a noi stessi.

  3. 3
    rossana -

    Marco,
    molto piacevole la lettura della descrizione che hai fatto del tuo “giovane amore”, per me non soltanto pilotato dagli ormoni, in quanto un amplesso, anche il più squallido e meno emotivamente motivato, non è mai come bere un bicchier d’acqua, ma include confronti intimi di vario genere, sia con se stessi che con il partner. a maggior ragione se si tratta di un interscambio amoroso abbastanza lungo.

    a mio avviso, la gelosia della tua ex si spiega in tutto l’insieme dell’atteggiamento infantile che ha dimostrato nei tre anni di relazione e, in particolare, nell’essere ancora alquanto egocentrica, come sono appunto i bambini.

  4. 4
    alisee -

    Mi sembra una relazione malsana,
    probabilmente tutti e due avete bisogno di crescere.
    La cosa migliore è troncare e prendere
    quello che è successo come esperienza.
    Mi sembra che lei non abbia (ancora) la
    forza di farlo e tocca a te.
    “No contact” e poi ci penserà il tempo.

  5. 5
    Yog -

    Il bacio, te lo dico da Professore, dal punto di vista meramente patogenico ed epidemiologico, è molto peggio dell’amplesso che alla tua età dovrebbe essere normalmente protetto.
    Lasciala perdere e ne guadagnerai anche in salute.

  6. 6
    Golem -

    Sei troppo idealista per la parte “romantica” dei rapporti. Ma avete 20 anni,siete all’inizio della conoscenza dell’amore, e in questo momento gli istinti contradditori prevalgono. In lei sopprattutto. Rassegnati, è un passaggio che dovete fare. Siete pieni di ormoni, l’amore è un’altra cosa.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili