Salta i links e vai al contenuto

Fondi Europei per l’imprenditoria giovanile, realtà di pochi

Lettere scritte dall'autore  

Buongiorno, mi chiamo Marco, sono un imprenditore poco più che trentenne.
Nonostante l’età posso già vantare un’esperienza lavorativa ultradecennale.
È veramente un vanto per me, non ho lesinato fatica e voglia d’imparare e mi ritengo fortunato per il bagaglio di conoscenze che ho acquisito nel tempo.
Non per questo mi sento appagato. Sono nel pieno delle mie forze, ho una gran voglia di fare, più faccio esperienza più capisco che ho ancora molto da imparare e, soprattutto, molto da proporre.
Ho operato, devo dire con successo, quasi esclusivamente nel settore commerciale. Ho ricoperto ruoli chiave e ho gestito un’attività di alto livello con un punto di vendita in pieno centro cittadino.
I risultati, ben retribuiti, ma pur sempre ascrivibili alle aziende per le quali ho lavorato, mi hanno spinto a tentare la via dell’imprenditoria. Sono sicuro delle mie capacità e ho un portafoglio clienti molto ampio e di qualità.
Ho anche un asso nella manica: un progetto innovativo di approccio alla clientela che ha già avuto il plauso di importanti ed esperti operatori di marketing.
È vero che il momento congiunturale è difficile, ma è pur vero che in momenti di crisi sono proprio le capacità e i progetti validi ad avere le carte in regola per potersi affermare.
Ora però vorrei fare una riflessione molto pratica.
Le capacità, l’entusiasmo e le conoscenze sono determinanti, ma, altrettanto determinante è la componente finanziaria.
Con molti sacrifici ritengo di poter gestire anche quella, ma mi chiedo anche quale sia il beneficio che deriva dall’essere un giovane imprenditore che opera nell’Europa unita.
Si parla di fondi stanziati e non utilizzati (almeno dagli italiani, gli abitanti dell’est sembrano più scaltri) , si predica di aiuti comunitari ai giovani, sembra che ci siano ma…non si vedono.
Non sarà che vengano, ad arte, destinati a pochi “fortunati/raccomandati”?
Ho chiesto delucidazioni a vari organismi pubblici e privati, circa la possibilità di accedere a qualche progetto europeo, ma le risposte sono state vaghe, per non dire evasive.
Mi sapreste indicare un “metodo” per saperne di più?
Sono stato un po’ polemico nello scrivere…. vi assicuro che lo sono molto di più dal vivo!!!
Grazie per avermi considerato.

Marco

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Cittadini - Lavoro

4 commenti

  1. 1
    Aura -

    Io sono più polemica di te: i Fondi non ci sono. Per gli onesti.

  2. 2
    DOLLARS -

    ho letto la tua lettera..
    la prima parte è una tua auto celebrazione.. ehehe ok ci sta.. nulla contro..
    per quanto riguarda il quesito, posso dirti che esistono bandi per l’imprenditoria giovanile.
    I bandi sono gestiti dalle singole regioni, quindi ti consiglio di controllare spesso il sito della tua regione per vedere se ci sono gare in tal senso..
    Dal punto di vista teorico quanto detto sopra è la prassi, ma.. si c’è sempre un ma.. tieni presente che siamo in Italia.
    Il bel paese diventato uno schifo pieno di gente incollata alla propria sedia.
    Sono sicuro che alla fine quei soldi vengano destinati a persone amiche di persone.. io non credo più nel mio paese.
    Ovviamente tentar non nuoce, quindi posso consigliarti di visitare il sito della regione e di portare tutta la documentazione richiesta.
    Sono anche io un giovane imprenditore, ma ho fatto tutto da solo..
    nel nostro paese i giovani sono trattati come un peso
    fankulo all’italia, mio adorato paese

  3. 3
    Criss -

    E’ molto semplice dare una risposta ai tuoi dubbi. Se il tuo progetto è una pizzeria, un centro estetico, un servizio di consegne della mozzarella, etc. allora i finanziamenti te li danno. Se Per caso trattasi di una cosa lungimirante, che magari riguarda settori dell’arte e spettacolo, o della finanza, o del sociale (tanto per dirne qualcuno), beh allora scordateli! I business plan che arrivano nelle “redazioni” degli enti erogatori di contributi, sono analizzati da persone che non capiscono nulla ma eseguono calcoli matematici: se il tuo ROI rispecchia certi parametri, allora rientri nel finanziamento, altrimenti sei destinato a “non essere capito”. Ti consiglio di rivolgerti al finanziamento privato e non pubblico.

  4. 4
    vincenzo -

    salve ,
    ho letto i vostri commenti quello che vorrei chiedervi è semplicemente a chi devo rivolgermi per richiedere fondi comunitari per l’imprenditoria giovani…
    insomma tra siti e link non p che ci si capisca molto
    grazie

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili