Salta i links e vai al contenuto

Finita dopo 2 anni e mezzo

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti,
ho bisogno di sfogarmi e ho trovato questo sito che reputo molto interessante e ricco di spunti di riflessione.
Cercherò di essere breve per non annoiarvi.
Io 32 anni, lei quasi 18.
Molti storceranno il naso, troppa differenza d’età.
La nostra storia è nata paradossalmente come nel film “Scusa ma ti chiamo amore” ed è durata 2 anni e mezzo.
Inizialmente io ero letteralmente terrorizzato nel pensare di stare con una ragazza così giovane…Poi mi ha conquistato. Si è dimostrata molto sveglia, lavoratrice e studentessa..Una ragazza che non si tirava indietro nel servire ai ristoranti fino alle 3 o lavorare la notte con i suoi facendo anche lavori pesanti…
Piano piano le cose hanno iniziato a cambiare, discussioni, liti “ordinarie” su motivi a volte futili, altre volte decisamente più seri.
Io ho il mio lavoro in un’Azienda, sono una persona ricca di interessi che viene definito il classico “bravo ragazzo”…Oggi sembra quasi una condanna esserlo.
In breve ecco le cose che non le andavano di me:
1) non vivo da solo, ma con i miei (non per scelta, ma perchè con i tempi che corrono preferisco andare a vivere solo quando avrò ancora più sicurezze).
2) dice che ho un rapporto troppo stretto con i miei (nel senso che a suo parere dovrei vivere distante da loro e staccarmi). Cosa non vera perchè con i miei ho un rapporto normale e a casa mia ho totale libertà. Inoltre avendo alcuni alloggi affittati preferirei invece di aprire un mutuo trasferirimi in uno di quelli. Lei storceva il naso perchè sarei comunque vicino ai miei).
Nel corso dell’ultimo anno mi ha fatto soffrire parecchio: a volte mi diceva che sognava ragazzi più autonomi e stavamo per mollarci per via di altre persone.
Le chiedevo di non fare certe cose che mi avrebbero fatto male e lei con la leggerezza del caso non ci badava e lo faceva ugualmente.
Ad oggi è finita da circa 40 gg. Lei è già stata con uno e mi ha raccontato i dettagli di TUTTO…In seguito con questo la storia è finita e da qualche giorno sta con un tipo che vive solo, che la controlla ed è ipergeloso…Non lo conosco, ma è uno che ha conosciuto per lavoro e l’ha presentato come il suo fidanzato ai parenti.
Prima diceva che non mi amava più, che la nostra storia era insostenibile, poi che stava male…nel mentre mi raccontava i dettagli della sua storiella passandomi sopra come un carroarmato.
Io a parte la cosa del vivere solo posso assicurare che a parte l’inizio della storia dove ero un po’ preso male (per via dell’età) le ho dato tutto me stesso, passando sopra a gesti e situazioni che mi hanno massacrato…Ho ripreso pure a fumare e avevo/ho l’ansia.
Non so che fare, tutti mi dicono di lasciare perdere, ma sono talmente idiota che potrei passare sopra tutto annullandomi e perdendo quella poca dignità che mi è rimasta.
Grazie
Alex

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    Andrea -

    Ciao Alex, le tue parole descrivono perfettamente la situazione: hai avuto una storia con una ragazza di nemmeno 18 anni. Per quanto possa essere matura è ancora un’adolescente e lo dimostra da come si è comportatata con te. Tu bravo ragazzo, quindi probabilmente buono e affidabile, lei (suppongo carina) con i soliti bamboccetti che le girano intorno e con i quali si diverte. Devi sicuramente riconquistare te stesso e la tua dignità, infondo tu sei un uomo fatto e lei la ragazzina, ai suoi occhi non ci sarebbe nulla di peggio di stare con uno senza carattere. Le paranoie sulla tua indipendenza sono cazzate, anche perchè cosa vuole pretendere lei che sicuramente vivrà ancora con mamma e papà. In questo momento si sente forte, sente di avere gli uomini ai suoi piedi e per quelle tipe li vanno bene i testa di cazzo, non certo gente come te..mi spiace..proverei a cambiare target..

  2. 2
    io -

    Guarda che a 17 anni anche se lavorano sempre BAMBINE sono… e le BAMBINE che si mettono con gli adulti (anzi, con 3 adulti diversi in 40 giorni) sono BAMBINE venute su male… e se posso dirtela tutta, fare cose spiacevoli a se stessi per assecondare i capricci di una BAMBINA non è una gran dimostrazione di amor proprio….

  3. 3
    Alex1 -

    Ragazzi devo dire che i vostri commenti sono azzeccati e mi hanno dato una certa carica. infatti li ho riletti più volte.
    Andrea ci hai preso su tutto, sul fatto che è carina, sul fatto che posso ritenermi una persona buona e affidabile, così come devo riconquistare la mia dignità.
    Lei ora mi vede come l’ombra dell’uomo che ero, devo farlo non per lei, ma per me stesso.
    Il commento di Io invece mi ha piacevolmente scosso dicendomi cose dirette, l’ultima frase sull’amor proprio è significativa e verissima.
    Dovrei rivolgere sulla mia persona tutte le attenzioni che ho versato su di lei annullandomi e facendo parecchie rinunce.
    Ho la pessima tendenza quando sono fidanzato da un po’ ad annullarmi ed a compiacere troppo la mia fidanzata…Sbaglio enorme.
    Poi quando soffro ecco che mi inizio a far del male: mi viene da non uscire, mi chiudo, smetto di fare sport, fumo…tutto ciò deve cambiare, dovrei essere capace davvero di amarmi di più…Grazie.

  4. 4
    Lili.. -

    purtroppo lei è ancora molto immatura..e non devi farti calpestare e assecondarla in tutto ciò che fa solo perchè la ami..lavora, ma questo non basta a farle capire cos’è davvero la vita, e quali sacrifici bisogna affrontare tutti i santi giorni..lascia che cresca con persone della sua età, e tu cerca di ritornare a frequentare persone con la tua stessa maturità..

  5. 5
    Alex1 -

    Grazie anche a te Lili..
    Sai, il punto è che lei difficilmente uscirebbe con coetanei (da lei ritenuti poco maturi), preferisce ragazzi più grandi.
    Poi c’è anche un’altra cosa da dire: lei non era più felice e la causa dell’infelicità era che non mi vedeva una persona”matura e autonoma”.
    Cosa che fa sbellicare dal ridere tutti quelli cui lo racconto perchè non è assolutamente così.
    Io mi reputo una persona coscienziosa, attenta…Certo, spesso mi piace ridere e scherzare, ma sono uno con la testa sul collo.
    E’ strano come le cose tendono a mutare nel giro di poco tempo, nel giro di poche ore.
    Mi spiego: due giorni fa quando mi ha detto che si era felicemente fidanzata mi sentivo a pezzi.
    Oggi è ovvio che a volte mi sento sconfortato, ma sento una specie di rabbia salire dentro di me.
    Fino a ieri volevo mandarle una mail, ma in questo momento non mi va più. Sarebbe un dialogo tra sordi.
    Sarò uno str…però l’unica cosa che vorrei è vedermela tornare sui suoi passi in lacrime e patire quanto ho patito io per avermi perduto.
    Sono stanco di stare male negli ultimi due anni dopo diversi tira e molla io, che somatizzo tutto, mi son beccato una gastrite e ho ripreso a fumare…

  6. 6
    ash -

    E’ successo anche a me. Io ne avevo 32 e lei quasi 20. Finì dopo tre anni e mezzo con gli stessi comportamenti immaturi e soprattutto con una buona dose di cattiveria e di menefreghismo nel massacrare come dici tu sbattendomi in faccia i nuovi interessi e facendomi sentire nullo.
    Non sprecare tempo te lo dice uno che di tempo ne ha buttato via tanto nella speranza di un suo ripensamento. Ti dico anche che si pentono dopo e ci impiegano (ragazze di quel tipo) dai due anni in su. Tuttavia le persone così vuote sono anche molto, anzi direi troppo orgogliose, difficile che te lo renderà noto.. e tu non stare mica ad aspettare, se non vuoi rovinarti la vita
    ciao

  7. 7
    Alex1 -

    Mi son dimenticato di aggiungere un paio di cose importanti riguardo cose che lei mi ha detto: oltre a chiedermi in continuazione quando sarei andato a vivere solo mi ripeteva in continuazione quanto la carriera e guadagnare fosse fondamentale per lei…Cosi’ da potersi pagare la scuola privata. La cosa sarebbe lodevole, ma spesso smuniva il mio lavoro in ambito commerciale da libero professionista dicendo che “…se avessi fatto il muratore avrei avuto più’ certezze”.Dice che con me ha pazientato tutto il 2010 che e’ stato un anno tremedo perche’ non ero autonomo, per poi andarsene con un altro con cui lavora…Oggi un’amica l’ha incontrata e mi ha detto che sta benissimo e nemmeno ha fatto una parola su di me. Mi auguro possa prima o poi capire chi sono veramente…

  8. 8
    Andrea -

    Ciao Alex, da un lato devo dire che mi spiace un pò averci preso su tutto, ma conosco un pò quei personaggi li e il copione purtroppo è più o meno sempre lo stesso per tutti. Ci sono molte ragazze che si ritengono mature,mai una che dicesse di ragionare come una ragazzina. Invece credo che sia un pò il male del nostro tempo,ormai è difficile trovare ragazze mature ad ogni età (figurati una diciottenne), sono quasi tutte incostanti, insoddisfatte e per esperienza, ragazzi posati e affidabili come te (e come me) li trovano spesso noiosi. Anche a me è capitato di sentirmi dare dell’immaturo mentre mi facevo il culo tra corsi e lavoro, pensando esclusivamente alle lei di turno. Comunque dopo un pò di tempo si stufano di tutti i generi di uomo, per cui fidati che il problema non sei tu. Sentirà la tua mancanza tra un bel pò quando magari si prenderà l’inculata dallo spaccone di turno e magari ti verrà a cercare, ma solo per vedere se avrà ancora qualche ascendente su di te. Secondo me la cosa migliore che puoi fare ora è prenderti un pò di tempo per te stesso e cercare poi possibilmente una donna e non una ragazzina. Secondo me, prendendo il discorso alla larga questo è il risultato del femminismo: donne lasciate libere di fare ciò che vogliono, quando poi nemmeno loro sanno veramente ciò che desiderano ed il puttanaio che c’è in giro ne è il risultato. Se la tua ex fosse stata educata ad essere donna già dalla sua famiglia, probabilmente si sarebbe comportata diversamente, invece ormai viviamo in un troiaggio legalizzato, per cui le vedi passare da uno all’altro come se nulla fosse. Anzi che spingere l’uomo a essere meno superficiale, si è spinta la donna ad essere più simile all’uomo. Bel risultato.

  9. 9
    Alex1 -

    Caro Andrea,
    che dire…Parole Sante.
    Noto una buona dose di cinismo nelle tue parole probabilmente frutto di dolori attuali o trascorsi, ma a volte quel cinismo ci salva e ci permette i vedere le cose con un po’ più di distacco.
    Mi son preso dell’immaturo, mi son sentito dire che ha sofferto un anno per questo prima di lasciarmi (sempre per il fatto che non mi reputava autonomo e troppo legato alla famiglia, cosa non vera) e la ho vista finire dopo un mese dalla rottura a casa di un altro, saperla completamente libera dal mio pensiero, leggera e felice come se niente fosse.
    Non so che dire. Siamo eccezioni Andrea?
    E se siamo eccezioni allora siamo destinati ad amare un’eccezione.
    Sono un romantico, tendo erronamente a idealizzare la persona con cui sto al punto di fare di tutto per vederla felice ed alla fine sembra quasi che la mia “fatica” non abbia alcun valore. Sembra quasi tutto scontato e banale.
    Io non sono “l’uomo che non deve chiedere mai”, io sono uno che non teme a mostrare i propri sentimenti, non sono un bastardo, sono uno che al termine “litigare” preferisco “discutere”. Però sono uno che in amore ce la mette tutta, sono un guerriero, uno che rivolterebbe il mondo…Eppure…? A volte credo di essere nato nel secolo sbagliato. Lei non c’è, sta con un altro ed io mi ritrovo seduto su una pietra (con umore altalenante) cercando di andare avanti,ma sperando forse egoisticamente di vederla strisciare. Sbaglio? Sì.
    Dovrei rivolgere più su di me quel sentimento che noi umani chiamiamo amore.

  10. 10
    Andrea -

    Se siamo eccezioni non saprei..sicuramente siamo la minoranza, tuttavia vedo molti ragazzi con carattere simile al nostro e con i nostri stessi problemi. Sono convinto che ci siano anche ragazze “come noi”, solo che è più difficile scovarle perché magari se ne stanno rintanate a casa mezze depresse.
    “Sono un romantico, tendo erroneamente a idealizzare la persona con cui sto al punto di fare di tutto per vederla felice ed alla fine sembra quasi che la mia “fatica” non abbia alcun valore.” Capisco benissimo quello che intendi in questa frase e posso dirti, come penso tu stesso già saprai, che sbagli. Non ho mai ben compreso il motivo, ma le ragazze funzionano un po’ al contrario, più ti dai da fare per loro, più le veneri e più perdi il potere contrattuale. E’ invece necessario tenerle un po’ sulla corda per non far diminuire il loro rispetto nei nostri confronti. Queste ovviamente sono le mie personali considerazioni alle quali sono giunto attraverso le batoste che mi sono arrivate negli anni.
    E poi c’è perennemente questa fissa che l’uomo debba essere sempre sicuro di sé, determinato, duro, massiccio e incazzato..praticamente il prototipo del co...one. Ma chi l’ha detto che uno sia più uomo di un altro solo perché è sicuro di sé e l’altro no? Anzi secondo me l’essere insicuri dimostra una certa autoanalisi/autocritica, una certa intelligenza ed apertura.
    Comunque a mio avviso sei una persona troppo profonda per quella ragazzina, non è in grado di capire certe cose e forse non lo sarà mai, inutile tentare di ragionarci, prima cerchi di dimenticarla e meglio è per te..

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili