Salta i links e vai al contenuto

Esigente con me e con gli altri, per questo… scappano?

Lettere scritte dall'autore  

Salve a tutti. È così mi sono ridotta a scrivere qui per cercare di non sentirmi sola… in effetti non lo sono sempre visto che nella mia vita ci sono due figli, un lavoro che m’impegna fino alle prime ore del pomeriggio…. e basta!!! E forse è proprio questo il problema. Più volte mi ritrovo a desiderare una compagnia che mi “trasporti” in momenti di spensieratezza e mi aiuti a non prendermi troppo sul serio…. sono spesso esigente con me e forse manifesto questo anche nel rapporto con gli altri per cui… scappano? O forse mi vedono troppo perfetta e quindi… scappano? Comunque, girando un po’ al computer conosco questo sito ed eccomi qui… tra l’altro non sono su Fb, e non uso chat o altro simile, un po’ per mancanza di tempo, un po’ perché amo di più ciò che posso vedere, toccare, sentire… mi piace leggere ed ultimamente lo sto facendo spesso, mi tiene compagnia.
La mia storia è una lunga storia e potrei raccontarne tante, tutte legate ad età diverse e a periodi diversi della mia vita…. per ora mi fermo qui. Certo è che la sofferenza, anche per amore, la conosco!!!!!!!! Ahimè….

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

4 commenti

  1. 1
    colam's -

    non dai molte informazioni, però probabilmente la risposta già te la sei
    data: probabilmente scappano perché sei troppo esigente con loro, e che
    tu lo sia anche con te mitiga solo in parte.

    Ridurre questa tua forma di perfezionismo ?

  2. 2
    sarah -

    dipende da quanto sei esigente,io lo sono ad esempio nel senso che evito uomini alcolizzati,fumatori accaniti,infedeli,violenti e bugiardi, ci sono cose che possiamo tollerare e non ma anche gli altri sono così il problema è trovare un punto d’incontro ma non puoi fare tu tutto,l’altra persona deve fare la sua parte e il mio problema è questo,non trovo una persona con cui poter parlare e trovare un punto d’incontro,spesso molti scappano proprio perchè non sanno comunicare e preferiscono andarsene,non sanno che a volte basta solo chiarirsi invece di voltare le spalle

  3. 3
    Mau -

    Buongiorno.
    Mi piacerebbe capire in ‘cosa’ sei esigente.
    Cosa vuol dire essere troppo esigenti con se stessi e con il proprio partner?
    Dal contenuto della tua lettera, forse sbaglio, ma mi par di capire che sei separata.
    Se lo sei, in genere, le colpe si dividono in due.
    Far passare il messaggio che, siccome siamo ‘troppo esigenti’, ci riesce difficile trovare un compagno/a adeguato, e magari è anche causa di separazione.
    In sostanza il concetto di ‘esigenza’ viene visto in una luce positiva, anche come critica nei confronti di noi stessi, per giustificare il nostro comportamento nei confronti di altri.
    Spesso però in principio di ‘esigenza’ si fonde con il principio di ‘non tolleranza’.
    Voglio dire che talvolta siamo più portati a giudicare il lato delle persone che noi riteniamo negativo, piuttosto che esaltare quello che hanno di positivo.
    In tutti i casi sarei lieto di capire in cosa ti ritieni esigente, e anche in cosa hai sofferto.
    Ma della sofferenza, se ne vorrai parlare,… ti prego..tralascia quella ‘per amore’. Questo blog ne è pieno……
    Cordialità.

  4. 4
    isapie -

    Rispondo a Sarah, dicendo che sì mi evito i tipi..un pò viziosi..per quanto concerne al violenza, purtroppo quella non sempre sono stata capace di evitarla. Sembra che me li sia cercata con il lanternino..e per finire una violenza non solo fisica ma anche psicologica pensando che potessi fare andare avanti il mio matrimonio…( e qui confermo che sono separata). Lo so che le colpe sono divise per 2. Non ho mai pensato il contrario e per come sono fatta io, a volte le lasciavo solo a me. La mia esigenza diveniva forte nel volere “le coccole” , nel sentirsi vicina a qualcuno credendo che fosse il colui che potesse alleviare le tua mancanze..da ciò che ho vissuto in infanzia e proseguito sino ad oggi. Anche durante il matrimonio ho aspettato per molto tempo qualcosa che non è mai arrivato, durante anche esperienze negative o eventi luttuosi che insieme abbiamo vissuto e dico insieme solo perchè eravamo sotto lo stesso tetto..per altro..ognuno per i fatti propri. Eppure ho cercato di parlare, di solleticare qualcosa, emozioni, sentimenti..mi sono inventata, cambiata, dimostrata anche ciò che sono veramente..il risultato è stato…NULLA..e spesso lo è stato così anche nei miei rapportiprecedenti. Sto lavorando a questo e sto cercando di darmi un pò più di autostima..ma ci vuole tempo. Nel frattempo ho preso la decisione di romepre un matrimonio, lungo ma vissuto su ciò che nn c’era più, che non sentivo e su quanto continuava ad esserci ma che personalmente non mi dava più nessun tipo di stimolo !!! Spesso i miei figli notavano la nostra indifferenza e la nostra impossibilità e capacità di ridere, di viverci…oggi io sono la “carnefice” che mantiene un rapporto civile con l’ex per evitare traumi ai figli maggiori, per evitare discussioni …( del resto mi osno separata anche per questo). La sera non devo più fingere, mi manca certo la vita “comoda” di prima, devo fare i conti con “i miei conti in tasca” ma l’importante è non essere ipocrita, non solo con me stessa ma anche con i miei figli. Certo è che il mondo di prima, gli amici, si sono defilati TUTTI…e quindi anch’io sono sola, non ho amci con cui uscire, condividere un film, una passeggiata, una cena improvvisata o una festa comandata”…quando sono senza i miei figli mi sento eprsa..ma una donna ha bisogno anche di altro e per ora non c’è e se ve la devo dire tutta ho così paura che a volte credo che rimarrò SOLA per sempre..e mi viene il panico! Altre volte mi sento ridicola nell’esprimere tutto ciò.

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili