Salta i links e vai al contenuto

Dopo tanti sacrifici sto toccando il fondo

  

Salve sono una moglie e mamma di 2 splendidi bambini, ho 35 anni e mi sento di toccare il fondo non solo per me più per i miei bambini, adesso arrivo al nocciolo.
Io abito a Napoli mio marito è uno dei tanti disoccupati, dopo 11 anni di lavoro in una ditta privata 7 anni fa è stato licenziato, e in più si è ritrovato due ernie del disco, comunque non può fare lavori pesanti e ha anche un decreto del 35% che non serve a niente. Io non ho mai potuto lavora per causa di mia madre che da sola non poteva stare. Dico questo perche da maggio che è morta mia madre l’unica fonte di reddito che avevo di 530 euro al mese in più i trattamenti per i miei figli.
Dopo la sua morte ho fatto richiesta all’inps la reversibilità di pensione perché i miei figli e mia madre erano contitolari della pensione di mio padre morto 5 anni fa, comunque morale della favola ieri ho ricevuto una raccomadata dall’inps che è stata respinta, giàci hanno messo 6 mesi per valutare in più sono stati penalizzati i miei figli per colpa di mio marito perché èisultato che nel 2006 h lavorato un mese facendo reddito di 400 euro,che poi il principale lo ha licenziato perché si era bloccato 2 mesi a letto.
Dico questo stanno togliendo il futuro ai miei figli e in più hanno fatto un torto alla memoria di mio padre che prendendoli in affidamento lui per un sostegno economico e per un futuro per loro l’inps ha distrutto la vita dei miei bambini, perché mio marito ha provato a lavorare, si è vero se uno dei genitore fa reddito si perde il diritto di reversibilità, ma non per un mese in 7 anni. Io non riesco a spiegarmi che a mio figlio che gli piace studiare e sogna un futuro da avvocato dovrà abbandonare gli studi dopo la scuola dell’obbligo perché non c’è possibilità, ma la cosa peggiore al momento è come mangiare, pagare le bollette. l’affitto. In questi mesi di attesa sono dovuta andare dagli usurai in attesa della riversibilità. Adesso vi chiedo se sapete più di me su questo argomento datemi una mano vi prego.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Lavoro - Me Stesso

2 commenti a

Dopo tanti sacrifici sto toccando il fondo

  1. 1
    Francesca -

    Ciao, purtroppo nn ti posso aiutare per quanto riguarda l’argomento “pensione di reversibilità” , però ti posso dare un consiglio. Considerato che sei ancora giovane non hai pensato di andare a lavorare come donna delle pulizie, o come badante o come operatrice di call center?
    Magari non risolverà i tuoi problemi però magari ti consentirebbe di non andare dagli usurai ..

  2. 2
    frattinima -

    Anch’io sono di Napoli, e per mia fortuna sono riuscito ad arrivare alla pensione. Non capisco perchè m’intendo poco, tuo marito è stato operato? E non è guarito, perchè so di amici miei che con l’operazione hanno risolto il problema, hanno ripreso a lavorare normalmente. Ma,ripeto:non me ne intendo molto. So solo che a mio padre, prigioniero di guerra, tornato a casa pieno di acciacchi, gli hanno riconosciuto la pensione 3 anni dopo morto! Io nelle vostre condizioni scapperei da Napoli, siete ancora giovani e (purtroppo) gli usurai. Ma se non lavorate almeno uno dei due,andate a vivere al nord, io ho una figlia laueata che suo malgrado lavora a Milano. Non gli piace, ma qui a Napoli si vive alla giornata,se vuoi dare un futuro ai tuoi figli, lo potrai fare solo lontano da napoli.Mi dispiace dirti questo, ma questa città è in un declino pauroso. Hanno chiuso tutte le maggiori fabbriche, che a loro volta davano lavoro a ditte d’appalto. Napoli non è l’Italia, e un’isola di dannati e condannati allo squallore, andare via è l’unica alternativa. Coraggio, affronta qusta dura realtà.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili