Salta i links e vai al contenuto

Donne russe, divorzi e figli

Lettere scritte dall'autore  elenaivanova

Una domanda che mi viene spesso rivolta via email è la seguente: ma perché tante donne russe sono divorziate, e spesso hanno figli a carico?
Qual è la causa di questi divorzi e che ruolo hanno oggi i padri di questi figli?
Intanto va detto che il numero di divorzi in Russia è più alto che nel mondo occidentale. E che per una donna divorziata è molto difficile trovare un nuovo partner russo. Non solo, molte donne rimangono scioccate e terrorizzate dal loro marito russo, così tanto da non desiderarne un secondo.
Abbiamo già scritto della discriminazione verso le donne in Russia. E’ una cosa ancora attuale, anche se certamente con il tempo la situazione va migliorando. Uomini ubriachi che picchiano la moglie, tradimenti, abbandoni sono all’ordine del giorno e quasi sempre impuniti.
La prima ragione per i divorzi russi è probabilmente la tenera età in cui ci si sposa. Non è raro che, finita la scuola, due giovani convolino a nozze.
A diciotto anni tutto sembra filare liscio. Ma a quell’età tutto cambia in fretta, e così si finisce per divorziare. Alcol e abusi sono probabilmente una stupida valvola di sfogo per una vita insoddisfacente anche dal punto di vista sentimentale.
Le donne che divorziano e che rimangono con figli possono avere problemi economici: i mariti non sono costretti a pagare, visto che quasi sempre lavorano in nero, e in generale scompaiono senza più rivedere i bambini.
Dunque, una donna russa sarà disposta ad andare all’estero per conoscere un nuovo partner anche se ha dei figli a carico. Anzi, sarà per lei una opportunità quasi insperata di rifarsi una vita. E non si porrà problemi, se la cosa dovesse andare bene, a trasferire l’intera famiglia.
Elena Ivanova

L'autore ha scritto 2 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Condividi su Facebook: Donne russe, divorzi e figli

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria:   - Famiglia - Mondo

66 commenti

Pagine: 1 2 3 7

  1. 1
    rossana -

    sito visitato e sospetto confermato!
    questi tuoi post possono essere utili ma dovresti dirlo con maggior chiarezza: sarebbe più onesto!

    e chi ben comincia…

  2. 2
    elenaivanova -

    Ma quale sospetto?
    Boh…
    Neanche posso più mettere l’indirizzo del mio sito?
    http://www.ragazzerusse.org
    Cercare di promuovere il proprio sito è lecito, mi pare, e io non ho agenzie e non combino matrimoni e dunque non guadagno nulla. L’unico introito viene da un po’ di pubblicità, ma sono pochi euro.
    Promuovere il proprio sito si fa per il piacere di essere letti!
    E non c’è nulla di male.
    Quanto fa parlare l’invidia…

  3. 3
    Yoel -

    So che non è molto bello generalizzare, ma purtroppo tantissime donne del est europeo (o se voi della Ex Unione Sovietica) non ha per niente una buona reputazione…penso che dopo il crollo del comunismo avevano troppa fretta di raggiungere in tutti livelli l’occidente, disposti a fare tutto…il target principale di queste donne a mio avviso e un assalto sistematico al capitalismo…in questo caso quello Italiano… inventando sempre la solita storia… di figli che non vedono più e di mariti abbandonati perché imbevuti di vodka come l’ovatta per disinfettare le ferite. Ex operai e dipendenti di fabbriche di armi, insegnanti, attori e musicisti. E loro spesso laureate o diplomate, colte, un po’ dimesse, lucide e concrete. E poi scopri che insospettabilmente cucinano bene, lavano stirano cuciono e vogliono riportare il conflitto tra sessi indietro di 30 anni. Cosa che evidentemente stuzzica l’uomo italico .
    È una lotta impari perché a fronte dell’invasione femminile dall’est, quella maschile è poca cosa.
    Del comunismo nessuna parla volentieri. Pare che non ne sappiano nulla; è sempre qualcosa che riguardava la repubblica accanto: comunisti noi ucraini? No guarda erano i bielorussi, ti sbagli. Il russo noi lettoni? No ti sbagli noi abbiamo la nostra lingua: è germanica, non usiamo neanche il cirillico. Noi Ungheresi europei dell’Est? No guarda ti sbagli l’Ungheria è Europa Centrale, era un solo stato con l’Austria, ma che vi insegnano a scuola… Lenin? un pazzo morto in ospedale. E Baffone è meglio non nominarlo. Meglio di no. A un’analisi superficiale diresti che si vergognino di essere appartenute a un mondo che sembra aver subito il contrappasso di finire lui stesso nella spazzatura della storia.

    Ho povero uomo Italiano…apri i tuoi occhi…Io un semplice uomo Straniero ammiro la donna Italiana…Così bella e sensibile ma soprattutto romantica…che non cerca i tuoi tesori materiali …ma unico prezioso tesoro…il tuo amore, vuole soltanto sentirsi amata…ci vuole tanto per capirlo??

    Cari Saluti

  4. 4
    rossana -

    elena,
    niente di male a promuovere un sito.

    quando invece si promuove un prodotto (in questo caso le ragazze russe) bisognerebbe farlo con correttezza, e cioè non dicendo Dash è meglio di Dixan ma elencando semplicemente i meriti del Dash.

    se tu avessi fatto così, non ti avrei nemmeno risposto: avrei letto e appreso… e non è per invidia che ho esposto il mio pensiero. invidia di che? di un sito?

    ma dai…

  5. 5
    toni -

    Rossana che dici? le donne russe non sono un “prodotto”!!!!!
    e non mi pare che il sito di elena le presenti così.
    se vuoi, è un sito sociologico, con qualche banalità, ma non vende nulla, semplicemente descrive. Secondo me può essere utile a molti che cercano mogli russe (magari lo faccio anch’io :)), ed è scritto comunque molto bene.

  6. 6
    rossana -

    Toni,
    ho parlato di “prodotto” per semplificare e, ammetto, non ho visitato a fondo il sito di Elena.

    quello cui intendevo alludere era proprio il farsi collegamento per trovare una compagna russa. niente di male, fin qui, e mi fa piacere che chiunque ne possa trarre profitto.

    mi ha urtata il suo modo di contrapporre le donne russe alle donne italiane. ho soltanto inteso difendere la categoria, per quanto… difficilmente difendibile.

    spero di esseremi spiegata.
    ciao!

  7. 7
    Alan -

    Все кто были на востоке, кто любит и знает ваши трвадиции и културу знает что ты сказала правда, дорогая Елена Иванова. Почему люди говорят о ролитике когда ты говоришь о семьи?
    Причем тут коммунизм? Я не понимаю…
    Может бытб, что здесь кто-то еще думает “жену и быка не бери издалека”…или слово СССР значит поражение коммунизма…и во всякий раз он встретит русскиые люди думает о коммунизм как наш председатель совета министров…
    Искренне Ваш
    Алан

  8. 8
    Domenico -

    La mia ragazza è moldava:
    è arrivata in Italia perchè non poteva vivere in un paese dove il suo stipendo d’infermiera professionale le permetteva di comprarsi un paio di scarpe rinunciando al pane (non di quelle belline, ovviamente!), a meno di rubare.
    Non mi ha mai detto che la sua nazione non è stata comunista o non ha mai scritto in cirillico, anzi mi ha confermato che i giovani della sua età hanno dovuto fare una mezza guerra civile solo per poter parlare la propria lingua, e ancora adesso se nei negozi non parli russo non vieni servito.
    E non ha certo una cattiva reputazione, anzi quella ce la può avere la sorella di qualcun altro.

  9. 9
    olimpia81 -

    Senti Ivanova ma perchè nn tene torni da dove sei venuta?…l’italia è piena di prostitute e di gente che come te invita (ovviamente in maniera molto molto subdola) ad usufruire della prostituzione! Se i lettori nn capiscono di cosa sto parlando vadano a visitare il blog della signora Ivanova “gli italiani preferiscono le russe?” e capiranno di cosa sto parlando e cosa sto cercando di dire. Dovresti semplicemente vergognarti per le cattiverie che spari sulle italiane, ma nn ti fai schifo da sola quando ti guardi allo specchio? Ma come ti permetti di dire certe falsità??? E mi stupisco che certe stupidaggini vengano anche pubblicate… Sei indecifrabile nella tua meschinità e per chi è anche minimamente intelligente nn è difficile capire che genere di donna sei. Sputare nel piatto del paese che ti ha accolta….brava con lode!!!! E offendere altre donne……ti commenti da sola….

  10. 10
    Raffaele -

    Hai visto Irina ? Che ti ho beccato e colto in fallo ? Una donna molto informata quale Elena Ivanova descrive come sono gli uomini russi, cosa ti dicevo tempo fa ? Troppa vodka fa male.

Pagine: 1 2 3 7