Salta i links e vai al contenuto

Domanda per le Donne (che hanno abbandonato)

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti,
leggendo numerose lettere e commenti noto che le donne generalmente lasciano senza dare molto preavviso (a parte i famosi segnali che sinceramente non vedo utili per risolvere), maturando tra se e se (oppure, forse, con persone esterne) la decisione, senza volerne discutere con il diretto interessato. In pratica metabolizzando il distacco per mesi per poi palesarlo quando oramai c’è poco da fare. La mia domanda è che cosa porta ad un comportamento di questo tipo, perché non parlare di una crisi piuttosto che chiudere definitivamente una storia come se non ci fosse più speranza alcuna per riparare? Credo che questa è una domanda che molti abbandonati si sono posta e mi piacerebbe avere un parere dalla parte di chi lascia, lasciando da parte i risultati di studi psicologici che confermano questo comportamento ma non ne spiegano le cause.
Con questo non voglio colpevolizzare nessuna.

L'autore ha scritto 7 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Riflessioni

110 commenti

Pagine: 1 2 3 11

  1. 1
    COGITO -

    perché le femmine sono schiave delle emozioni e quando inizia la piattezza della routine preferiscono chiudere ed inziare una storia nuova. poiché sono egoiste di natura, per non soffrire iniziano a staccarsi psicologicamente giorno dopo giorno così quando, a distanza di mesi, sono pronte e lasciano, non soffrono. non gliene frega niente di rimediare e cercare di salvare un rapporto! siamo noi uomini che ci teniamo, loro no! ecco spiegata l’apparente assurdità(per noi) che mollano dopo anni quando invece il rapporto, proprio perché pluriennale, dovrebbe essere solido e consolidato!! noi nel tempo rafforziamo, loro si annoiano! perché, ripeto, quello che per loro conta sono solo e soltanto le emozioni! preferiscono inziare un rapporto nuovo sicuramente stimolante rispetto a quello ormai pluriennale, scontato e stantìo. perché cercare di recuperare una relazione piatta e scontata quando possono iniziarne una nuova che le riempie di emozioni nuove?? ti sembrerà banale, infantile, stupida ma è questa la motivazione.

  2. 2
    Galooth -

    Non avrai mai una risposta soddisfacente da parte di una “donna che lascia”, perchè la decisione nasce principalmente da ragioni istintuali, esattamente come quando quell’attrazione, ora spentasi, è nata.
    Quindi, come suggerisce Cogito, sono le emozioni che le “comandano” anche quando queste sono frutto di illusioni o fantasie e non di una valutazione realistica del valore di quella relazione.
    Poi, anche se nessuna lo ammetterà mai, il loro è un giudizio istintivo prettamente “economico”, ma non necessariamente legato al denaro, quanto al benessere in senso lato che un maschio può fornirle, ed è quello che fa pendere la bilancia da una lato e non dall’altro. Quando percepiscono che c’è qualcosa di più confortevole, piacevole, eccitante e/o divertente in un altro maschio, si preoccupano di innamorarsene, e così mettono a posto anche la coscienza.

    Con questo voglio dire che paradossalmente possono sbavare dietro uno stronzo che oggettivamente le ignora, le maltratta e le umilia ma le fa sentire… vive, e trovare invece noioso un’altro che le asseconda, le rispetta e non le fa mancare niente. Non so se mi sono spiegato.
    In quell’economia di cui accennavo, il primo le fornisce certe “sensazioni” che il secondo non le dà, anche se nella logica più elementare le prime sarebbero lette come egoismo, menefreghismo e persino come il tanto odioso maschilismo.
    Insomma, trattare bene una donna non significherà necessariamente riceverne un ritorno “logico”, così come maltrattarla (in senso morale, ma purtroppo a volte non solo) non significherà essere allontanati da questa, anzi spessissimo è il contrario. Devi rassegnarti ad accettare che i fattori legati alla loro soddisfazione morale, sessuale e persino umana non seguono un percorso logico, men che meno nei rapporti sentimentali.

    La cosa migliore è non aspettarsi niente di scontato da loro, anche se le si ama. Possono stare con te per realizzarsi come donna e come moglie, ma avere sempre in mente uno che le ha trattate come un cane, ma che, per motivi insondabili, le faceva sentire… femmine. Non sempre i due aspetti di cui sopra coincidono nello stesso uomo, anzi, credo quasi mai. Quindi non cercare di leggere quanto ti è successo con la tua logica maschile, perchè non è quella adatta.

    La tua ex ha certamente trovato un altro, più adatto, (ecco i segnali famosi) a soddisfare quei bisogni di cui parlavo, lo ha “pesato” per un pò e quando ha capito che l’altro dava di più in quell’economia, ti ha detto… CIAO.

  3. 3
    Fabrizio -

    Ciao Cogito
    Mi pare di aver capito che la domanda era rivolta a loro, alle donne, a coloro cioè che lasciano in questo modo.
    La tua è una risposta che condivido in massima parte.
    Aspettiamo, se ci sarà, un parere da parte delle donne che lasciano così.

  4. 4
    Serenella -

    Caro Massi, ti rispondo da donna che ha lasciato, più che abbandonato.
    Nel mio caso è stata una scelta maturata internamente proprio come hai descritto te.
    Non sono riuscita ad esternare subito i miei dubbi e le mie ansie e questo non ha fatto altro che peggiorare la situazione.
    Quando sono riuscita a parlarne non voglio dire che fosse troppo tardi e infatti passarono altri 6 mesi dalla decisione definitiva di lasciarlo, ma sicuramente non sono stata in grado di gestire la situazione che avrei voluto salvare e invece ho solo sfasciato. Non ne vado fiera per nulla, perchè ho fatto soffire una persona oltre ad aver sofferto immensamente nel dover riconoscere la mia sconfitta personale del gestire il dialogo. D’altra parte però posso dirti che quella relazione era stata da sempre molto intensa, ma piena di silenzi, di cose lasciate al buio per paura delle conseguenze. La comunicazione purtroppo era mancata da entrambi anche perchè una volta che si rese conto del mio malessere preferì far finta di nulla. Solo dopo qualche mese che ci siamo lasciati siamo riusciti a parlare ed ha fatto malissimo. Purtroppo questo ritardo ha fatto si che sebbene fossimo soli e provassimo ancora qualcosa, tornare insieme era ferirsi ancora.
    Al giorno d’oggi dopo più di un anno penso che quella che descrivi non si tratti di una caratteristica esclusiva delle donne, ma semplicemente del maturare e sapere comunicare le nostre voglie e i nostri disagi. Non so se sono arrivata al 100% della mia maturità, ma oggi ho imparato con il dialogo ad evitare sofferenze sia a me che all’altro.

  5. 5
    Taffy -

    Io credo che le storie nascono con una data di scadenza anche perché le persone cambiano, sono cose della vita che purtroppo bisogna accettare, in questo caso le donne sono da ammirare perché hanno una forza d’animo che le aiuta a dimenticare e voltare pagina quando un rapporto finisce, meglio avere solo rapporti di amicizia qelli si che durano.

  6. 6
    massi_a -

    @ Serenella, @ Galooth
    io non capisco proprio un punto saliente: “una volta che se n’è reso conto”, ci può stare che un uomo non percepisce certi segnali, ma una situazione grave io credo che si dovrebbe esternare, poi va a finire come dici tu e come ho già dovuto ascoltare “ti avrei dovuto parlare”. Voglio dire perché non farlo? Allora come dice qualcuno, non accade perché la testa è già altrove da un altro? Allora mi viene da pensare che questo è vero egoismo, e allora penso veramente che non si può dare nulla per “scontato”, soprattutto il pensare di avere di fronte una persona sincera e che ha rispetto per i sentimenti altrui.
    Brutto arrivare a 45 anni e capire che non ti puoi fidare di nessuno neanche della persona alla quale gli hai affidato il cuore ed un grande pezzo della propria vita.

    @ Taffy,
    sinceramente non sono sicuro se è un comportamento da “ammirare” voltare le spalle ad un compagno di una vita o meno dopo aversi messo la storia alle spalle in silenzio.

    Nel mio caso forse sono vittima della mia stessa visione del “amore romantico” che credo non sia più di questo mondo o forse non lo è mai stato, probabilmente sono sbagliato, ma voglio pensare che ci sia sempre una controparte femminile “sbagliata” come me, prima o poi da incontrare.

  7. 7
    Serenella -

    @massi “una volta che se n’è reso conto” nella mia esperienza si riferisce al momento in cui si è esternata la situazione. E fui io ad esternarla, ammettendo tra l’altro di averlo fatto tardi.
    Può essere che se ne fosse internamente reso conto anche prima, ma non l’ho saputo se non una volta dopo esserci lasciati.

    Ricordo ancora che una volta, dopo 3 mesi che ci eravamo lasciati lui mi disse che aveva intuito che ci fosse qualcosa che non andava e che prima o poi l’avrei lasciato, ma che sarebbe stato inutile parlarne e fare qualsiasi cosa dato che era un problema solo mio, e da cui avrei dovuto uscirne io.

    E’ proprio questo che sbagliamo e a volte sbaglio ancora oggi: pensare che se una persona ha un problema deve risolverlo da sola e quindi non se ne parla.

  8. 8
    KATY -

    Ho lasciato una volta sola in vita mia.

    Le altre due volte hanno lasciato me.Con le seguenti indicazioni:

    I storia:
    “NOn voglio figli, se decidi di tenerlo te lo tieni ma farai da sola, non voglio saperne.”.

    II storia:
    “La bellezza non mi basta, sei davvero carina ma stare con te è una noia mortale, non ti piace uscire, non ti piace andare a ballare, con gli altri neanche sai aprire bocca.”
    e:
    “sei troppo giovane, hai anche un figlio e questo per me è un problema,”

    L’unica volta che ho lasciato io
    era perchè la persona in questione viveva lontano,
    e dopo 3 anni di treni, macchina,ecc, nonostante gli volessi un bene matto,
    ero esausta.

    MI aveva chiesto di lasciare il lavoro per lui, per andare a vivere insieme,
    ma non me la sono sentita. Non mi sono fidata, non so.
    E gli ho detto che non ci credevo piu. Sbagliando tutto.

    Spero di aver scritto in maniera decente, spesso sono confusa nell’esprimermi.

    Ciao.

  9. 9
    MR X -

    Mi chiedo cosa speri di ottenere, chiedendo questa cosa alle donne, risposte? Ma loro ti risponderanno dal loro punto di vista, come ha fatto Tafy e come, anche se in maniera un po’ più obiettiva ha fatto Serenella. Non otterai la verità chiedendola a loro, la verità la si evince dalle numerose lettere di questo forum (che peraltro hai letto). Le risposte sono lì, lampanti, tra le righe delle centinaia di lettere di questo forum. Devi capire che se una donna è carina, avrà sempre qualcuno che la corteggerà, avrà centinaia di occasioni di conoscere altri uomini, e prima o poi, troverà quello che gli piace e a quel punto comincerà a pensarlo, e quando comincerà a pensarlo, per l’altro sarà la fine. E’ un processo che richiede del tempo, perchè comunque lei deve trovare delle scuse, degi alibi ( i famosi “segnali” non sono altro che il tentativo della donna di giustificare il tradimento, seppur solo mentale, che sta compiendo). Intanto si confida con le amiche, che ovviamente gli daranno supporto nella sua decisione e l’incoraggeranno a lasciare il vecchio per il nuovo, che nel frattempo farà del “pushing” per convincerla a mettersi insieme a lui. A quel punto, dopo circa 6-7 mesi, lei si è lavata la coscienza e potrà lasciare senza remore, conscia del fatto che lei non ha tradito, no, no, non è una meretrice, ma è colpa delle circostanze delle poche attenzioni che riceve, per lei diventa quella la causa della separazione, e, con questa convinzione ancorata nel suo cervello, potrà cominciare una nuova storia, senza sensi di colpa…..Sensi di colpa che poi verranno fuori in seguito, se e quando si accorgerà di aver fatto lla scelta sbagliata, allora tornerà, ti è più chiaro adesso?

  10. 10
    cogito -

    AHAHAHAH massi_a apri gli occhi prima di farti nuovamente male!! il cosiddetto amore romantico esiste da soli 200 anni circa (romanticismo) ma da sempre le cose son andate molto diversamente. e la prova provata è che son proprio loro a schifare i romantici!! ed è inutile che tu t’illuda di trovare la femmina “sbagliata” come te. La fata turchina non esiste.. son tutte così!! a tutte piace lo str0nzo ed in tutte è presente l’istinto di crocerossina(“bello e impossibile io ti salverò..”). TUTTE nessuna esclusa! è un pattern universale, non è soggettivo come possono esserlo i gusti od il carattere!! a noi c’han rovinato le favole che ci raccontavano da piccoli e i giochi come ghost’n goblins in cui il prode cavaliere salva la sua amata dal cattivone di turno e…vissero per sempre felici e contenti! Nella realtà la fanciulla rapita s’innamora del rapitore.. fallo tu invece un gioco: comportati per un mese da str0nzo con una femmina qualsiasi e vedrai cosa succede!! resterai stupefatto!! Buon divertimento..

Pagine: 1 2 3 11

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili