Salta i links e vai al contenuto

Depressione, solitudine e fine di una storia

Ciao a tutti,
eccomi qua a raccontare la mia storia nella speranza che questo mio sfogo mi aiuti a capire molte cose e a ricevere qualche consiglio da persone che hanno vissuto o stanno vivendo la mia stessa situazione… tutto è cominciato qualche settimana fa con l’ennesima fine di una storia che sinceramente non aveva ne capo ne coda e che comunque era destinata a concludersi, una mattina dopo qualche giorno dalla separazione mi sono svegliato con un senso di ansia e angoscia, mi mancava l’aria e il mio cervello è andato in tilt, per i dottori quello che ho avuto è stato un crollo psicologico e la fine di questa storia è stata la goccia che ha fatto traboccare il vaso.
Da quel momento sono entrato in tunnel da cui al momento non riesco a vedere la fine, l’angoscia e l’ansia si presentano alla mattina appena mi sveglio e me le porto avanti per tutta la giornata. Per calmare questa situazione mi sono stati prescritti dei medicinali che prima o poi spero facciano effetto, comunque mi è stato consigliato anche un supporto, esterno per intenderci uno psicoterapeuta, da cui sono già stato due volte e che mi ha aperto gli occhi su molte cose (depressione latente portata avanti per anni) . Situazioni, eventi, emozioni passate che pensavo di avere superato (una fra tutte? mi stavo per sposare ma a pochi mesi dal matrimonio ci siamo lasciati) sono venuti a galla con conseguente black-out della mente.
Solo le persone che ci sono passate possono comprendere quello che sto vivendo, l’ansia e i continui pensieri che mi assillano stanno minando anche alla mia salute fisica (perdita di appetito ecc. ) . Quello che mi fa più rabbia è che in questo momento il mio unico pensiero è la mia ex fidanzata, quella della storia senza capo né coda, non riesco a togliermela dalla testa anche se non ci stavo bene assieme, penso solamente a lei facendomi mille domande e paranoie, ci sentiamo e siamo rimasti in contatto, lei in qualche modo cerca di starmi vicina in questo momento, ma cosa dovrei fare? Non so se questo legame di amicizia mi fa più bene o più male, continuamente controllo il cell. sperando in un suo messaggio. Penso di avere una visione distorta della sua figura forse la vedo come un’ancora di salvezza a cui aggrapparmi. La mia famiglia è lontana e qui ho solo pochi conoscenti con cui condivido qualche uscita… mi sento solo… anzi sono solo io con i miei pensieri…
un abbraccio a tutti

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

54 commenti a

Depressione, solitudine e fine di una storia

Pagine: 1 2 3 6

  1. 1
    natonel1983 -

    Ciao. Purtroppo dolori come questo spesso restano dentro noi per tanto tempo sopratutto quando non troviamo risposte e ne vie di fuga da essi, l’unico modo per cercare un pò di serenità è dire alla tua ex cosa realmente pensi di lei e sapere cosa lei pensa di te, la verità ti aiuterà sia a te che a lei a fare più chiarezza

  2. 2
    diego.s. -

    Ciao. Ti ringrazio per il consiglio, lo seguirò sicuramente… spero che questo possa aiutarmi a superare questo periodo, non sarà facile ma devo reagire… voglio solamente ritornare sereno e spensierato.

  3. 3
    Spectre -

    Ti han detto delle cose decisamente sensate, in quanto mi sa che hai delle questioni dentro di te che “usano” questo distacco per uscire allo scoperto ringhiando. Una volta mi dissero che per quanto chiudi nello sgabuzzino certi pensieri o situazioni, non elaborandole per qualsiasi motivo (tipo paura o incapacità a farlo), queste non spariranno, anzi, diventeranno sempre più affamate di ascolto, finendo per aggredirti come animali che nel caso potrebbero essere rappresentati da quest’ansia. L’ansia e il panico, sempre citando a memoria e sperando di non sbagliarmi, sono le maniere più forti che l’inconscio ha per ripulirsi. Per come l’ho capita io, è come la sensazione di “pulizia” dopo un’influenza che ti assassina il fisico. Il fisico spurga così, l’inconscio colà… se ho capito bene.

    E’ capitato a tutti di andare in tilt per un evento scatenante, questo potrebbe essere il tuo, e per fortuna che ti rendi conto che la tua storia non aveva nessun futuro. Tra l’altro, “guarda caso”, certi avvenimenti hanno quella capacità di essere in sincrono con dei periodi personali d “crisi e/o evoluzione”. non avvengono mai per sbaglio.

    Penso troverai conforto nel trovare il senso all’attaccamento che hai verso al tua ex. te lo dice uno che sta cercando di capire che “scopo” ha una persona nella sua vita. in parte ti capisco, perchè provo anche io, ho meglio, ho provato soprattutto qualche mese, la sensazione di sentire un illogico “attaccamento” incontrollabile a livello mentale con qualcuno che razionalmente non andava bene per me. eppure è sempre lì che naviga nella mia testa. oggi meno tempo fa molto di più.

    Sai cosa ha aiutato me? Pensare che fosse una sfida da vincere.

  4. 4
    diego.s. -

    Grazie Spectre, sei ci sei passato sai quello che provo, a volte mi sento ridicolo e mi dico che non ne vale la pena e per qualche minuto mi sento meglio poi come per incanto ricado in un profondo sconforto. Qualche minuto fa ho letto su una rivista che dovrei accogliere la mia tristezza come una guida e farne tesoro per rissollevarmi. Penso che tronchero definitivamante i contatti con la mia ex forse questo allontanerà come dici tu questo “illogico attaccamento” …e poi cercherò di scrivere un nuovo capitolo della mia vita.

  5. 5
    Alessandra -

    cerca di staccare il cervello e di partire… devi rompere con la quotidianeità che ti circonda e che ti ha circondato per questi anni…. la rottura con il presente forse ti aiuta a vivere meglio nel futuro!
    Parti immediatamente, ciò di cui hai bisogno, secondo me, è allontanarti dal contesto che ti fa stare così male!
    Io sto passando un momento molto simile al tuo…. ho finito una storia meravigliosa di 4 anni ed arrivati alla grande decisione della convivenza, mi ha lasciata dicendomi che un giorno lo ringrazierò! Da allora sto malissimo, ho perso più di 10 kg, non mi diverto più, ho perso la voglia di vivere, non trovo alcuna curiosità e stimolo nell’uscire con gli amici nè, tantomeno, nel lavoro che faccio, allora ho deciso di dover staccare!
    Convinta che ciò di cui ho bisogno non è una vacanza, perchè non voglio avere tempo libero, standomene sdraiata in spiaggia in qualche parte del mondo, con il cervello che inizia a macinare pensieri e punti di domanda, ho deciso di partire per un mese a Londra ad imparare la lingua.
    E’ l’unico modo per allontanarmi dal mio ambiente e per tornarmene, fra un mese, con una lingua in tasca, sicuramente con altri amici, e probabilmente con dei ricordi che mi allontaneranno giorno per giorno dai tristi ricordi che da mesi ormai mi fanno stRE COSÌ!
    PENSACI…. certamente non può che giovarti!

  6. 6
    Sergio -

    Io ci sono passato alla grande in questo tipo di sofferenza, non ho mai preso medicinali, perchè comunque credo che i problemi vadano affrontati e comunque catalogati per quello che sono.

    Questi sono solo episodi della vita, sta a noi non ingigantirli.

    Alessandra, in un mese non imparerai nulla… al max ti ammazzi di birra 😀

  7. 7
    analissa -

    ciao diego mi dispiace per quello che tu stia passando ,ma nella tua letera non ai scrito il motivo per qui vi siete lasciati? estata lei che tia molato?
    anche io o visuto una storia quasi simile tua,ero per sposaermi pure io e alla fine lui mia lasciata per un altra,o sofferto molto al inizio e pensavo che la mia vitta non avrebbe piu senso senza di lui,ma mi sbagliavo.sai limportante stare in compania degli amici uscire,non chiuderti dentro cosi solo pegiori.credimi.non e lunica donna e se tia lasciata lei meglio cosi.ai una vita davanti.e secondo me non ti fa bene ne anche tu la senti…non vale la pena tesoro la vita e cosi bella..goditela finche puoi..buona fortuna

  8. 8
    Mo -

    ciao diego,mi spiace molto per la situazione che stai vivendo, l’unica cosa che mi viene da dirti, che magari risulterà banale è, purtroppo una certezza e una maledizione dell’uomo;il tempo non ce lo restituirà mai nessuno, viviamo, spesso sopravviviamo, e la sabbia nella clessidra passa inesorabile. Non devi farti sfuggire questo dono prezioso che è la vita e il tempo concesso. ho trascorso giornate intere a controllare un telefono che non sarebbe suonato, sprecato lacrime e battiti del cuore.la lezione purtroppo si impara sempre dopo, ma in certi casi bisogna armarsi e cercare di aggrapparsi per tirarsi su. ho adottato un metodo, che voglio consigliarti, il fatto che tu scriva qui già significa che ci hai pensato ma, prova a scrivere,come una sorta di diario, compra un bel quaderno, magari uno di quelli con la copertina di pelle e le pagine ruvide, e butta giù quello che ti passa per la testa.qualsiasi cosa, dalle esclamazioni stupide ai pensieri più concreti. dai forma alla tua sofferenza, rendila consistente così da poterla combattere. cerca di capire che la questione non è la tua ex, per quanto tu adesso possa pensarle, la questione sei tu.ci sei tu in gioco, sei tu la cosa più importante, la tua vita, i tuoi sogni,le tue speranze.non lasciare che dipenda dagli altri,mai.devi volerti bene,perchè sei tutto quello che hai 🙂 dovresti secondo me staccarti da questa amicizia,concentrarti su altro,risolvi i tuoi problemi passo dopo passo,non uscire se non ne hai voglia, non forzarti e non fare cose che non ti senti di fare.pensa, piangi, sfogati. pensa a quante cose potresti fare nella vita. parti da quelle piccole, che so, provare la cucina vietnamita, tagliarti i capelli, leggere un libro che hai sempre voluto ma non hai mai comprato… sono solo idee, tutto per dire, in conclusione, che c’è sempre del buono in tutto questo.
    vedrai che ce la farai. 🙂 forza…

  9. 9
    silvia -

    caro diego mi dispiace terribilmente per te
    …ti capisco…ma vedrai che passerà…
    Anche le orme lasciate sul cemento fresco, presto o tardi svaniscono.

  10. 10
    Fabrizio -

    Ciao Diego , io ti posso capire , la mia situazione è analoga ma in certi versi molto peggiore.
    Sto’ cercando di separarmi da mia moglie dopo che ha distrutto tutto quello che abbiamo costruito insieme da un giorno all’ altro .. all’ improvviso.
    Ho cercato di perdonarla per quello che ha fatto , ma un tradimento per uno come me che sà perdonare tutto è stato troppo. Ora come se non bastasse lei non vuole separasi da me e mi stà mettendo i bastoni tra le ruote.Non è finita, proprio nel momento in cui mi è successo tutto questo , ho ripreso casualmente i contatti con una mia ex , ma parecchio ex ( saranno passati piu’ di 10 anni ) e ora sto’ peggio di prima. Lei è fidanzata da 7 anni , e dato che il suo ragazzo non è a Roma , ogni tanto co vediamo , per parlare, lei ha così colmato tutto quello che il suo ragazzo non fà e io inizialmente colmavo i miei disagi passando qualche serata insieme a lei , ma dopo 6 mesi che và avanti questa storia me ne sono innamorato .. e ovviamente lei ora ha messo , penso giustamente , la sua relazione prima i tutto e io ora sto’ peggio di prima! Penso che seguirò il consiglio di Mo , voglio provare a scrivere tutto quello che mi passa in mente su un diario , magari chissà , un giorno rileggendolo , mi farò una risata.

Pagine: 1 2 3 6

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili