Salta i links e vai al contenuto

Deluso ma voglio crederci ancora

Buongiorno a tutti
Mi chiamo massimo ho quasi 32 anni e scrivo dalla provincia di Milano.

Forse scrivo solo per sfogarmi, forse solo perchè ho estremo bisogno di avere un riscontro in qualcuno!

Da ottobre ad ora la mia vita è mutata letteralmente, fidanzato da 10 anni tra cui 3 di convivenza, dopo una settimana di atteggiamenti strani finisce tutto, “Lei mi dice che non c’è più amore che ha bisogno di tempo…..ecc…ecc…” basta è finita la mia storia che mi ha riempito d’amore per 10 anni, ora non sento più il suo profumo nell’aria, ora non sento più la voglia che avevo prima nel fare le cose, ora mi sembra tutto cosi inutile senza un vero scopo, a distanza di 3 mesi lei convive con un altra persona, e io scesi totalmente nel buio di un baratro!

Difficile far finta di niente difficile svegliarsi la mattina ed avere ancora il sorriso sulla faccia e la voglia di vivere la giornata!!!
Presi una settimana di malattia perchè non riuscivo a stare tranquillo, non potevo andare in ufficio in quelle condizioni…..
Rientrai dopo una settimana e a distanza di 3 giorni venni convocato dal direttore, il quale mi disse che sarebbero stati dei tempi molto duri e chiaramente mi ha detto di guardarmi attorno (premetto che ero in azienda da 8 anni assunto con contratto indeterminato) ….. be a distanza di 15 giorni la comunicazione che tutto l’ufficio creativo per il quale lavoravo poteva scegliere 2 strade, l’azienda essendo assorbita da una piu grossa proponeva l’integrazione del personale in un altra sede a 200 kilometri o senò accettare una proposta economica per il licenziamento.

In 5 mesi la mia vita è cambiata totalmente
Prima mi svegliavo col sorriso e amavo la vita.
Ora non so dove sto trovando la forza di andare avanti ogni giorno!!!!

Scusate lo sfogo.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Lavoro - Me Stesso

7 commenti a

Deluso ma voglio crederci ancora

  1. 1
    KATY -

    Perdere il lavoro e i punti di riferimento affettivi è orribile.

    Ti capisco perfettamente, mi è capitato anni fa ed è stato abbastanza spaventoso.

    Mi sembra però che sei piuttosto lucido e credo che tu possa accettare questa (faticosa!!!!!!)nuova sfida.

    Hai scritto che puoi trasferirti a 200 km…se non hai particolari problemi, penso tu possa rifletterci sù.

    Può essere davvero utile cambiare posti, aria, ambiente, ecc.

    In bocca al lupo!

    Katy

  2. 2
    jojo -

    Caro Massimo,credo che la tua situazione lavorativa non c’entri nulla con la tua storia romantica. Ti ci vorrà del tempo per riprenderti da cio che la tua ex ti ha causato,ma c’è un momento in cui cadere e uno in cui,dopo un po che le cose vanno male e ci si accorge di non poter continuare a vivere da depressi,in cui bisogna rialzarsi lentamente e trovare nuove strade da percorrere. Accetta quei 200km,te lo consiglio,di questi tempi è difficile trovare lavoro. Riguardo alla tua storia d’amore,cerca rifugio nei tuoi amici,svagati,vai alle feste,ritrova l’abitudine di andare al bar a prendere un caffè con i colleghi e discutere,esci dal tuo cuore e imbocca la via dell’istinto che troverai a fianco dei tuoi piu cari amici. Stammi bene!

  3. 3
    Aton -

    Sono due cose diverse. La prima non è così infrequente, perciò te la devi incantare. La seconda in realtà è una non scelta: ci andrai. Meglio, così cambi ambiente.

  4. 4
    Ross822 -

    Cosa intendi fare? Comunque ti capisco, è successo anche a me. Se ti va lasciami la mail così ti scrivo in privato.

  5. 5
    massimo1982 -

    grazie per le parole di tutti!!!

    la mia mail è: massimopersani@gmail.com

    grazie

  6. 6
    Luna -

    eh, ti capisco anch’io, ho presente la questione “multisfaccettata”. pero’ e’ vero, sono due cose diverse e se posso darti un sentito consiglio non indugiare troppo in «tutte insieme, tutte a me». e anche se e` anche vero che per ragioni diverse sei piu’ stressato e in fase di cambiamento non indugiare neanche su «fino a tot fa mi alzavo sorridente» ecc. Credimi, non aiuta. ti toglie anche le energie per affrontare meglio il tuo presente martellarti troppo con la visione di un te leggiadro dei tempi passati e poi. La cosa del lavoro di questi tempi e’ frequente, non ti consola se succede a te, ma intendo dire che non e` un segno che sfiga ti colse. infatti non sei mica l«unico in azienda. La cosa dei 200 km neanche a me pare male. ma sai tu. in ogni caso se non la prendi solo in negativo e con piu’ lucidita’ che puoi puo’ essere un`occasione anche per tirare fuori energie insospettate. entrambe le cose sono arrivate e non le hai scelte, ma con il tempo potresti scoprire anche che il cambiamento non e’ stato un male ma una deviazione utile o positiva. io credo che visto che i pensieri comunque ci condizionano tanto vale cercare di non scegliere quelli castranti. lo dico perche’, riguardo al lavoro, anche di necessita’ virtu’, anche se i tempi sono scandalosi per molti versi, ho visto tante persone tirare fuori ancora di piu’ il meglio di se’, talenti abbandonati o inespressi. Forza Massimo. Si’, credici ancora, in te soprattutto. alla fine che hai da perdere a farlo?

  7. 7
    Vesper -

    è una gran m*rda. Posso capire quello che provi. Fatti coraggio. Io ti consiglio (se non hai nulla da perdere nella tua vita attualmente) di accettare di essere spostato a 200 km di distanza. probabilmente così cambierai aria e avrai almeno una possibilità in più. al massimo ti puoi licenziare.
    Fatti coraggio.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili