Salta i links e vai al contenuto

Il decreto Gelmini e le politiche del governo

Lettere scritte dall'autore  

Con la scusa che si vuole migliorare, peraltro solo riguardo i libri di testo (art. 5), ché la storiella del grembiulino e dei voti in decimi è una presa per il c…, è passato in pratica un decreto che riduce il tempo-scuola, riduce la preparazione della primaria, fa pagare (a chi ha i soldi) la necessità familiare del tempo pieno lasciando a piedi chi quei costi non se li può permettere (artt. 4 e 8,comma 1).

Dalla scuola catto-comunista alla scuola classista; che progresso!

La gente s’incazzerà parecchio e cosa farà Berlusconi, l’amico delle Banche e dell’Industria e nemico della gente che lo paga con le tasse? manderà l’esercito anche contro la gente oppure si metterà a piangere che lui non è compreso perché la gente è plagiata dalla Sinistra comunista?
Questo losco figuro non è diverso da Mailat; piange lacrime di coccodrillo sulle sue malefatte, solo che per Mailat si apriranno le porte del carcere, mnentre lui s’è costruito l’immunità con la complicità di tangheri della sua specie.

Viva l’Italia, l’Italia liberata,
l’Italia del valzer, l’Italia del caffè,
l’Italia derubata e colpita al cuore.
Viva l’Italia, l’Italia che non muore.
Viva l’Italia, presa a tradimento,
l’Italia assassinata dai giornali e dal cemento,
l’Italia con gli occhi asciutti nella notte scura,
viva l’Italia, l’Italia che non ha paura.

L'autore ha scritto 55 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

- Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Politica

24 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    agata -

    Ti sei già risposto da solo con questa frase:”la gente è plagiata dalla Sinistra comunista”….lasciando perdere i soldi e quant’altro andiamo molto più a fondo ai problemi sociali…oggi giorno si parla tanto di integrazione,poi senti dai media insulti gratuiti a soggetti disabili,emarginati dalla società,disabili,stranieri…cosa si parla a fare di integrazione??bene allora al via alle classi differenziate…almeno questi soggetti potranno condividere gli stessi problemi con persone uguali senza ricevere in cambio insulti gratuiti….poi….Era già da tempo che si parlava e tutt’ora si parla di bullismo nelle scuole…bene allora ben venga il voto in condotta…
    mi chiedo….
    Vengono rilevati una miriade di problemi nelle scuole…come vogliamo risolverli???Almeno qualcuno si sta impegnando x farlo!….

  2. 2
    luc -

    il futuro è la scuola di CASTA, la scuola solo per i ricchi che così perpetueranno i privilegi. è un concetto contrario non solo a quello cattocomunista di uguaglianza, ma anche a quello liberal-democratico-borghese di meritocrazia, perchè, ponendo un filtro finanziario, chi proviene da famiglia povera e ha talento comunque non potrà permettersi di studiare e sarà costretto a rimanere nella casta dei lavoratori-schiavi. lo schiavo non lo si deve far studiare. questo obiettivo finale ve lo propineranno naturalmente a piccole dosi, ma tempo qualche anno e andranno in fumo tutte le conquiste raggiunte dal popolo in secoli di immani sforzi, conquiste pagate anche con molto sangue. ma non c’è niente da fare, la gente è stregata dalle tv del “redentore”, la maggioranza l’ha votato e continuerà ad osannarlo anche quando nuoterà nella melma, gente infame e malata che ha beneficiato delle conquiste sociali dei propri padri e nonni e che ora è felice di darsi la zappa sui piedi. per chi non lo sapesse, wikipedia: “banca rasini”.

  3. 3
    aromatic -

    ma per favore!ben venga la riforma della scuola!mia figlia con la media del nove,voleva entrare a scuola e glielo hanno impedìto! Noi non siamo ricchi, ma chi ha voglia di studiare andrà avanti.ben venga la meritrocàzia,mia figlia che studia al classico si merita questo e altro.la maggior parte dei ragazzi che sono in piazza non sanno neanche di cosa parla la riforma. Ma vadano a studiare che è meglio!asini!

  4. 4
    filippo -

    Beh, Agata, che dire, se ti fa piacere pensarla così, fai pure; sei un danno per tutta la Comunità, ma che diamine, la Democrazia funziona così: se la maggioranza è tanto imbecille da veder la luna nel pozzo e ci si butta, tanto peggio.
    Non ti dico neanche di leggerti “La paga dei padroni”, ultimo uscito da 2 giornalisti, uno del Sole 24 Ore, il quotidiano della Confindustria, l’altro del TG7.
    Saresti capace di dire che sono Comunisti!
    Vuol dire che chi non ha la visione distorta va nella direzione opposta per conto suo.
    Infine, non è che il solito banale ripetersi della Storia: è già successo con la Germania nazista, l’Italia fascista, la Russia comunista, l’Argentina, il Venezuela, il Cile, il Messico e tutti gli altri paesi in cui pochi cabrones si sono impadroniti del potere a spese di molti.
    Spiace per quelli che sono costretti a restare in Italia loro malgrado.

  5. 5
    Redmoussaief -

    Bene in termini di lettura vi consiglio di leggere anche ” L’ALTRA CASTA ” sui sindacati MILIARDARI.

  6. 6
    lauretta -

    Di certo non tutti i ragazzi che vanno a manifestare capiscono bene cosa sta succedendo ….
    ma credo e ne sono fermamente convinta che nn tutti i PARLAMENTARI o la maggior parte di coloro che parlan tanto bene di questa riforma ne capiscon di piu’…
    SIAMO ALLO SFASCIO!!!!!!!!

  7. 7
    marilu' -

    condivido qualcosa della riforma …
    non tutti i punti tanto citati ed esposti…si parla di uguaglianza beh….lasciamola x quanto conviene x qualche altro disegnop politico!!!!
    condivido con filippo il pensiero…con luc alcuni punti escluso quello dell’ometto della destra che in tante cose mi piace…e con lauretta che ha detto la pura verita’…

  8. 8
    marilu' -

    uno dei miei cantanti preferiti cantava:

    In Italia ci sta il mare
    Per nuotare e per pescare
    Con le spiagge tutte bianche
    Gli ombrelloni stesi al sole
    In Italia si sta bene
    In Italia ci sta il sole
    Per asciugarsi quando piove
    Con la frutta di stagione
    Con le pesche e le albicocche
    Da mangiare quando hai fame

    Ma guarda un po’
    Che fortuna stare qua
    In mezzo a tanta “civiltà”
    Guarda tu
    Che fortuna stare qua
    Stare ancora qua

    In Italia c’è l’amore
    Da quando nasce a quando muore
    Se sei brutto o se sei bello
    Se sei brutto o se sei bello
    Se sei ricco oppure no

    Ma guarda un po’
    Che fortuna stare qua
    In mezzo a tanta civiltà

    In Italia si sta male
    Si sta bene si sta male
    In Italia si sta male
    Si sta meglio si sta peggio
    Si sta bene anziché no

    Qua si sta come si sta

  9. 9
    filippo -

    Aromatic, ma di che meritocrazia parli?
    Di quella dei soldi?
    Guarda, ti faccio un prospettino della situazione, peraltro confermata da quel pagliaccio impomatato di Berlusconi, che quando apre la bocca tiene sempre il cervello staccato e perciò si tradisce e poi si smentisce (“questa non è una Riforma ma un provvedimento di tagli”):
    1. 21 agosto 2008 (guarda caso!), il Decreto 112, Tremonti, diventa Legge 133, col titolo “Disposizioni urgenti per lo sviluppo economico, la semplificazione, la competitività, la stabilizzazione della finanza pubblica e la perequazione tributaria”. Contenuti specifici: Taglio dei finanziamenti pubblici all’Università (Fondo per il Funzionamento Ordinario, FFO), riduzione del turn-over, proposta di “Università come Fondazioni”.
    2. L’FFO perderà 300 milioni/anno per 5 anni in una situazione già da anni fortemente penalizzata rispetto alle altre nazioni industrializzate. L’impoverimento comporterà un declassamento delle Università a Licei++, anziché a produzione di idee per lo sviluppo scientifico, economico ed industriale.
    3. Il recupero di fondi dalla drastica riduzione del turn-over non porterà recupero finanziario perché tali fondi tornano allo Stato.
    4. La necessaria conseguenza di questo attacco alla Università pubblica ed alla Ricerca sarà un aumento enorme delle tasse universitarie, che emarginerà un numero elevatissimo di studenti. Il finanziamento privato dalle ipotetiche Fondazioni, su impianto federalista, significherà che le Regioni più povere non avranno Università.
    5. La Ricerca, che sopravvive grazie a Precari mai stabilizzati per i pregressi tagli alle assunzioni, si fermerà. Tra queste anche la Ricerca primaria, come la Fisica, la Medicina, la Geofisica, che servono a parare il tuo immeritevole culo da molte cose poco gradevoli.
    6. Il Decreto cosiddetto “Gelmini”, ma che è emanazione di Berlusconi e Tremonti, segue la stessa linea: chi ha i soldi va avanti, chi non li ha resta indietro, ALLA FACCIA DELLA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI, DELLA COSTITUZIONE, DELLA COMPETITIVITA’ e della grande ammirazione che questo Governo dice di avere per gli Stati Uniti d’America, che hanno già capito l’importanza di certe cose, come cultura ed Ambiente, troppo a lungo accantonate a favore del privato che calpesta e distrugge!!
    Per la scuola primaria, le conseguenze del Decreto le ho elencate all’inizio.
    In tutti questi provvedimenti NON c’è una riga che riguardi gli sprechi, i concorsi truccati, le baronie, il miglioramento organizzativo, ossia i problemi dell’Istruzione e della Ricerca.

    In conclusione, se c’è un asino, che tra l’altro non ha letto il Decreto e non sa da dove proviene, quello sei tu!
    Quelli come te mi preoccupano più di Gasparri.
    Consiglio da amico: fuma meno .. aromi e guarda meno l’Isola dei famosi!

  10. 10
    agata -

    X Filippo…
    Il mondo è già rovinato di suo…chi cerca di rimediare a qualche danno rischia l’ergastolo!!!!Funziona così…cmq destra o sinistra poco importa…sono abituata a dire sempre ciò che penso senza timore e senza mascherarmi dietro a chissà chi…Porto sempre avanti le mie idee,non solo politicamente parlando, ma in generale…Mi sono sempre distinta dalla mischia!!!!….Si parla tanto di letture, io che vivo x la musica ti dedico la canzone di Fabri Fibra e G. Nannini ” In Italia”…..IL PAESE DELLE MEZZE VERITA'”….

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili