Salta i links e vai al contenuto

Cuore dalla voce spenta

  

Meglio anticipare che una vita come la mia non andrebbe mai raccontata, protagonista di un universo tanto proibito quanto fragile.. una dimensione che senza i suoi misteri non potrebbe sopravvivere.
Ho 22 anni e vivo vicino Bari. Non ho mai avuto una vita facile, ma veniamo al presente: Ho avuto vicino davvero poche persone, ma loro, per quanto eccezionali, lentamente stanno andando via, come spinte da una corrente radiale a me. Eppure il problema non è tanto questo, quanto il fatto che la solitudine, a mio parere, è una condizione mentale, poiché ci si può sentire protagonisti in mezzo a eserciti di bambole o soli in un’aula universitaria gremita di persone, come accade a me nella vita di tutti i giorni. Non mi sono mai sentito appartenente a un gruppo: le mie amicizie sono sparse e alternative l’una a l’altra, sebbene dimorino nello stesso comune, quindi non è possibile incontrarne più di una per volta. Tra chi la sera ama drogarsi, chi esce con il partner, chi lavora, chi vuole dormire, chi deve andare in discoteca, va a finire che mi passa la voglia di stare con una di queste amicizie, soprattutto perché è triste dover costantemente entrare nei loro mondi, quando poi nessuno è disposto ad entrare nel mio. Sicuramente avrò gusti parecchio stravaganti, al cinema vedo i film horror e adoro le serate in casa tutti insieme davanti a un videogioco, ma, a lungo andare, coltivare le proprie passioni da solo, sapere, al risveglio, che la sera non succederà nulla di emozionante, porta a un incupimento del cuore.
Adesso è arrivato Natale, e sotto l’albero avrei tanto voluto mettere un party game per WII, ma non mi è stato possibile, perché, anche comprandolo, non avrei avuto nessuno con cui giocarci. Vorrei tanto uno o più amici con cui incontrarmi più volte per svolgere tante attività, tra cui le mie.
Magari qualcuno vicino per spazio e ideali, leggendo la mia lettera, potrà voler condividere queste passioni con me. Purtroppo non si può dire al vento “più vento” o al fulmine “meno fulmine”, la speranza c’è ancora, ma la sfida è ardua, e mi sembra che un cuore come il mio non abbia nessuna assonanza con quelli di nessuno.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

3 commenti a

Cuore dalla voce spenta

  1. 1
    Daniele -

    Quanto ti sbagli invece, sai? Capita anche a me. Esattamente la stessa cosa.. E’ come
    se avessi scritto io quello che hai scritto tu..

  2. 2
    ventolibero -

    Ti vuoi arrendere? Credi davvero che il tuo cuore non possa gridare il suo urlo un giorno,o troppo vicino o troppo lontano? Per entrare in sintonia con quei cuori che senti distanti e distratti sei disposto a rinunciare alle tue passioni,ai tuoi ideali,alle tue speranze,alle tue attese? Caro ragazzo,la vita,come dice una canzone a me molto cara,”dura solo il tempo di un gioco,non sprecarla in sogni da poco”. Ma il vivere non è un gioco,e per questo bisogna insistere in sogni e passioni vere e sincere che ci facciano sentire vivi. E tu,cos’è che ti fa sentire vivo?
    Vivere non è facile per nessuno,da ogni parte esistono gli oppressi e gli oppressori,gli offesi,gli umiliati,i dimenticati,i calpestati,gli sfruttati,quelli che non hanno niente e perciò non sono niente.Ma dentro di loro hanno qualcosa che li fa sentire vivi e insistono e si impegnano.
    Dovessi dirti quante ne ho dovute subire io,quante assenze e quante mancanze ci sono state,quante mie manchevolezze,omissioni,ipocrisie,disattenzioni e superficialità…ma non gioverebbe a nessuno,non gioverebbe a te. Ecco,quello che posso dirti è che non devi attenderti risarcimenti,e nessuno tornerà indietro a chiederti “ehi ragazzo come va la tua vita” perchè tutti corrono spediti sulle loro strade maestre…non c’è tempo per fermarsi,per incontrarsi,per rivedersi e parlare,conoscersi meglio e di più…Tutti affannati,tutti di corsa,tutti carichi di impegni e responsabilità! E si perdono i legami e gli affetti e ci si ritrova soli,con la propria solitudine e le tante inquietudini.Ma se scappi,se fuggi,se svicoli via furtivo nessuno si accorgerà del tuo affanno e magari,una mano amica e più sensibile pronta a stringere la tua non avrà modo di esserti,come vorrebbe,vicina e solidale.Per condividere passioni e sogni e speranze…
    “A che ti serve un ponte talmente più largo del fiume? Necessità giustifica cortesia! Vedi che tutto viene a punto: tu hai bisogno,io sono qui,già pronto ad aiutarti”. Shakespeare in TROPPO RUMORE PER NULLA…
    Non rinunciare a sentirti vivo…buona vita!
    Alessandro

  3. 3
    Yoshy -

    E perchè dovrei sbagliarmi? E in riferimento a cosa poi? Ho letto la tua lettera, ma di dove sei?

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili