Salta i links e vai al contenuto

Cerco un paio di consigli pratici di “sopravvivenza” sociale

Lettere scritte dall'autore  

Ciao a tutti, sono una ragazza che, da utente, frequenta poco questo forum; nonostante ciò, mi è venuto in mente di confrontarmi qui su una questione che potrebbe sembrare ridicola, e infatti lo è, ma non sapendo io come agire e finendo per rovinare le cose e passare dalla parte del torto, preferisco chiedere un confronto (non posso farlo nella vita “reale” per non essere ridicola alla mia età, di 27 anni). Chiedo scusa in anticipo a tutti quelli che pubblicano problemi seri, rispetto a questo, spero che non vorrete offendermi o considerarmi una persona frivola che non ha di meglio a cui pensare.

Veniamo al dunque: mi sta capitando in palestra, (“palestra” di un piccolo paese e frequentata da persone che si conoscono da anni), di sentirmi a disagio e ogni volta correre a fare il mio corso e poi scapparmene via tenendo la testa bassa, perché ho notato che un ragazzo in sala (che non avevo mai visto, ci tengo a sottolinearlo) mi guarda con “quella dolce insistenza” che vorrebbe un segno da parte mia per potersi avvicinare. Ora, essendo io impegnata, fin da quando ho notato questo comportamento ho cercato pur senza atteggiamenti stizzosi di far capire che non ero interessata non ricambiando gli sguardi, e fin qui tutto normale (penso che in questi casi si agisca così, con educazione sempre ovviamente). Purtroppo devo dire che lui, piuttosto che ritirarsi e basta, dapprima è sembrato molto deluso facendomi pena mista a tenerezza (è un ragazzo dall’aspetto e dallo sguardo molto gentili e mi è parso come se avesse avuto un colpo molto forte alla sua autostima ), e poi ha continuato a guardarmi ogni volta che arrivo, o quando entro in sala, come se non avesse capito quindi che io non ricambio, o peggio ancora come se stesse insistendo perché non riesce ad accettare che io non ricambi.

Questo mi porta ad assumere atteggiamenti strani che io non vorrei avere, ad essere dura nello sguardo pur non volendo, a parte il fatto che si mette pure fuori alla porta della mia sala di ballo a guardare dentro ed io allora mi fermo perchè vado in imbarazzo (essendo le lezioni molto difficili per me che sono goffa ed incapace e non ho mai fatto attività sportiva). Insomma un disastro.

Mi capitò una situazione analoga all’università, anzi due volte e per entrambe, i ragazzi coinvolti sono arrivati ad odiarmi senza che io facessi niente, solo perché “non c’ero stata”. Però loro si erano anche diciamo avvicinati, ed io dovetti pormi da amica ed essere chiara su questo, mentre il ragazzo in questione in palestra si sta stizzendo da solo per uno sguardo non ricambiato! All’università questi due vollero mettermi le loro amiche contro, passavano le giornate a prendermi in giro, insomma ci furono delle situazioni sgradevoli che ancora oggi se ci vediamo non si sono risolte. Si trattava di due ragazzi entrambi bellicosi, che si sono comportati male anche con altri/e, ma io con il senno del poi non ho mai capito come avrei potuto fare per essere “più diplomatica”.

E ho il terrore che mi accada anche qui una cosa del genere! Quando poi è da poco che frequento ambienti più sociali oltre all’università per la mia grande timidezza e le mie scarse capacità sociali!

La cosa più triste è che io non sono nemmeno una di quelle ragazze belle che possono essere presuntuose, sono nella media più o meno e ho qualche difetto abbastanza marcato che mi fa essere considerata dalle ragazze “brutta” (i commenti dei ragazzi invece preferisco non sentirli…va bè non sono mai piaciuta ai ragazzi che mi piacevano eccetto il mio unico ragazzo con cui ancora sto per cui mi rispondo da sola su questo punto)…insomma faccio cornuta e mazziata….magari le ragazze belle continuano ad avere i loro pretendenti dietro, io invece me li….inemico!

Ci sono uomini che possono spiegarmi come dovrei fare, cosa dovrei fare, cosa vorrebbero che fosse fatto in queste situazioni? 

Io inizio a pensare che questo ragazzo in palestra sia un grande presuntuoso, e che si aspettasse che io fossi caduta ai suoi piedi! Ve lo descrivo: ha la mia età come minimo (diciamo tra i 27 e i 30 massimo), ha un viso molto semplice ma veramente fatto bene, ha un profilo che sembra scolpito nella pietra e fisicamente sta in forma, è anche abbastanza alto tra 1.75cm e 180cm. Non voglio essere ipocrita, se non fossi stata impegnata mi sarei sorpresa che uno così mi avesse guardata, probabilmente avrei ricambiato gli sguardi per avere un’opportunità di conoscerlo! Parla molto bene, probabilmente ha studiato all’università, ed è gentile ed educato, poi molto socievole: mentre fa gli esercizi parla e scherza con tutti e con tutte, ma con grande garbo, non fa lo scemo con nessuno/a. Mi fa tenerezza e sembra una persona davvero buona e sincera, ho notato che gli parlano tutti con educazione e tranquillità quindi di sicuro hanno una buona idea di lui.

Sarà per i miei traumi passati ma venendo io “da fuori” ed essendo timida, complessata, non proprio una bellezza canonica,  goffa (mentre lui è un super sportivo e si vede da come si muove che è in gamba e sveglio) ,a  volte pure troppo introversa, non vorrei che questo capendo definitivamente che io non ricambio mi si metta contro e a quel punt non so che potrebbe fare. Già ieri sera si è messo giusto davanti alla porta della mia sala a parlare a lungo con una ragazza bella, segno classico di volermi infastidire (ho innumrevoli amici e amiche che hanno adottato questi stratagemmi).

Io non vorrei niente, solo stare tranquilla, so che se gli parlassi sarebbe come aprire una speranza di flirt, mentre se evito e basta capisce che non mi piace e si offende, sinceramente non voglio avere dei nemici e abbandonare la palestra, e trovo profondamente ingiusto che gli uomini appena decidono di flirtare se non sono corrisposti arrivano a sbattere fuori dai circoli sociali le ragazze.

Potete aiutarmi con qualche consiglio molto pratico? 

L'autore ha scritto 12 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso - Relazioni

7 commenti

  1. 1
    Yog -

    La sventurata rispose. Fai altrettanto.

  2. 2
    iosonoio -

    La cosa più semplice e logica e chiarire diretramente. Magari è solo un equivoco.

  3. 3
    kylie10 -

    @yog spero che stai scherzando! ahahah!

    @iosonoio così verrò maltrattata sicuramente!

  4. 4
    kylie10 -

    Qualsiasi ragazza o ragazzo si sono trovati in queste situazioni e tutti sanno “come giocare”, soltanto qui nessuno è in grado di dare un consiglio “astuto”…mi pare strano!

  5. 5
    marinella -

    Ciao… Io non credo di saperti dare consigli, infatti ti scrivo per consigliarti un libro carino che si chiama “Manuale di autodifesa verbale” di B. Berkhan, prova se lo hanno nella tua biblioteca… Nel caso dovessi parlarci usa questo… Mi ricordi tanto me, io non vado in palestra proprio perchè non mi piace essere guardata dagli uomini, se sono tutte donne ok ma in questi casi di palestre miste non mi piace per niente… So che è un mio limite ma io sto meglio così. Capisco molto bene come ti senti, vorrei un consiglio anch’io… Spero che qualche maschio ci illumini.

  6. 6
    Gaudente -

    avvicinalo e digli “sono 50 euro”.
    O te ne liberi, oppure guadagnerai 50 euro in meno di mezz’ora.

  7. 7
    kylie10 -

    @gaudente il tuo commento mi ha fatto molto ridere! Ah ah ah !!! E’ una grande idea, e non sto scherzando! Difficile solo perchè mi trovo in un paesino piccolo e mi rovinerei all’istante ah ah !!

    @marinella grazie per il libro, sai che cercavo qualcosa del genere da molto tempo?

    io comunque ho risolto, il tipo in questione si è presentato per due/tre volte con un muso pazzesco e non guardandomi nemmeno per finta e ho capito che l’ha smessa. La cosa davvero sconvolgente è che non mi pare più la stessa persona di prima, come se avesse mutato personalità improvvisamente O.O..ha un atteggiamento aggressivo, un’espressione negli occhi che boh…addirittura mi sono ricordata che l’avevo già incontrato in questa palestra proprio quando mi iscrissi e che tentò un paio di volte di farsi notare ma devo dire che mi spaventai più che altro perchè mi guardava con gli occhi spalancati tipo pazzo…non ci posso credere che sia quel personaggio lì…màh non so se sono io ad avere problemi mentali o sono gli altri. Però una cosa devo dirla: secondo me la gente normale organizza approcci più classici, più sensati, più “normali”, e poi è anche più distaccata..magari una ragazza esteticamente può anche piacere, ma chi ti dice di buttarti in questa maniera? Un ragazzo sano di mente, poi di 30 anni, ha sufficiente esperienza da andarci piano….e poi….potrei essere anche, tanto x dire, “fidanzata”, come infatti sono, no?!!? Che senso ha accanirsi tanto senza nemmeno sapere se l’altro è disponibile. Mi avrà vista come una poveraccia e avrà dato per scontato che stavo in astinenza sessuale forse! Bèh, in questo caso, avevo ragione a insospettirmi!

    Sto notando spesso atteggiamenti del genere e non so cosa sta accadendo in testa all agente, mi sa che scriverò un’altra lettera per discuterne!!

    Grazie a tutti comunque!

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili