Salta i links e vai al contenuto

Ciao papà (2)

Caro papà, carissimo uomo della mia vita,
Oggi sono due anni, due mesi e ventisette giorni, che aspetto ancora un segno da Dio, ma nulla, dicono che il tempo allieva il dolore, ma non è così.
Tu sei qui, vicino a me; sei nel mio respiro, sei la mia aria.
Il tuo sguardo è su di me, lo sento, anche se spenti sono gli occhi tuoi
e come un angelo mi abbracci e mi proteggi.
Calde lacrime scendono quando ti penso e sento le tue dita che le asciugano e le portano via.
Come ti vorrei ancora accanto, come vorrei sentire ancora il calore della tua mano sul viso,
come vorrei ripararmi tra le tue braccia!
Senza te la mia vita è quasi senza senso.
Il vuoto che hai lasciato in me è incolmabile e vorrei poter tornare indietro nel tempo,
darti ancora un abbraccio, dirti quanto profondo, intenso ed eterno sia il mio amore per te.
L’amore che mi hai donato in ogni giorno della mia vita
è la cosa più bella che potessi desiderare e lo porto sempre con me.
mi avvolgo in quel calore e mi sento al sicuro, protetta e invincibile.
Forse sono parole che ogni figlia dedica al proprio padre,
ma tu per me sei stato il papà migliore,
l’uomo che mi ha fatto capire l’importanza della parola onesta’,lealta’ e amore,
l’uomo che mi ha sempre dato la forza per andare avanti,per non arrendermi di fronte
alle difficolta’, e di credere sempre in me stessa..quanto mi manca la tua voce!
i tuoi consigli e anche i tuoi rimproveri.
La morte è il più grande mistero della vita. Assieme all’amore. Pochi secondi prima, stavamo parlando. Ho girato gli occhi e lui non c’era più. «Papà rispondimi», gridavo. Non poteva farlo. E non ci puoi credere. Ti senti quasi tradito, perché avevamo dei progetti, dovevamo fare un sacco di cose insieme. Tutto finito in un soffio.
In un attimo diventi il primo della fila, l’uomo su cui si regge un’eredità morale, gli insegnamenti di almeno tre generazioni, dal bisnonno trovatello dell’Annunziata emigrato in Francia a oggi.
La morte non aspetta. Arriva anche quando non sei pronto. E quando la incontro, mi è accaduto spesso ultimamente, mi scoppia una grande voglia di vita. È come se ogni mio caro che oltrepassa il Confine, distillasse il senso della mia vita. Come se mi scoppiasse la voglia di pace, di rispetto, di autenticità.
Se la morte ha un senso per chi resta, credo sia questo. Come se il silenzio che lascia, fosse un urlo per vivere con più intensità e meglio. In fondo il tempo è un’ipotesi, una convenzione. Mi sembra ieri che mio padre è volato via. Ieri e domani sono un soffio.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

5 commenti

  1. 1
    Angelo9 -

    Carissima, alle tue commoventi parole non occorre aggiungere nulla da parte mia, se non che mi hanno emozionato come padre e che le ho percepite come espressione di un amore vero e vissuto. Non ho mai creduto che il tempo possa alleviare certe ferite, semmai le scava ancora piu’ in profondita’ e fa loro assumere una forma che sembra piu’ digeribile. Ma tuo padre sara’ felice nel vederti dal cielo procedere in questa via seguendo la strada che lui stesso ti ha saputo indicare. Ora tocca a te, alla tua intelligenza e alla tua sensibilita’, quella sensibilita’ che ha colpito l’animo di uno sconosciuto muovendolo alla commozione per un uomo che – ne sono certo leggendoti- doveva essere una persona straordinaria, cosi’ come lo sei tu. Prego per tuo padre, o forse, anzi, dovrei io pregare tuo padre. Tu vai avanti nel cammino della vita e vedrai che lui vivra’ sempre in te, ma non dimenticare che tu sei una persona unica e indipendente, chiamata ora da Dio a procedere con la propria forza e con quella che tuo padre ha saputo trasmetterti.

  2. 2
    rossana -

    Giulia,
    sei stata molto fortunata a essere stata amata e ad aver imparato ad amare da un padre che ti ha dato tanta vita emotiva, non soltanto fisica e protettiva in senso economico.

    spero tu sappia apprezzare come merita quanto hai avuto e quanto ti resta in eredità psichica da un simile grande uomo. non sono frequenti i padri così!

    ora, però, lui stesso vorrebbe che tu guardassi avanti, senza dimenticare ma anche senza troppo indugiare su un passato che non è più e che non può essere ricreato con le stesse modalità.

    un abbraccio.

  3. 3
    jho -

    Cara,
    Non ho parole di quanto hai scritto, davvero commmovente! Ti posso solo dire di seguire i consigli di tuo padre che è stata una persona sicuramente unica. Ti Auguro una vita prosperosa di felicità e serenità. Un bacione

  4. 4
    giuliaborrelli -

    Grazie mille delle parole,gentilissimi.

  5. 5
    unamanoanonima -

    Complimenti,mi hai toccato il cuore,purtroppo a casa mia c’e’ stata sempre la guerra,fin da piccolo ho visto sempre cose brutte comunque mi sarebbe piaciuto essere voluto bene da qualcuno.
    Cordiali saluti e ancora complimenti per le belle parole

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili