Salta i links e vai al contenuto

Anno Zero

Lettere scritte dall'autore  

Un grande Marco Travaglio ad anno zero.
Prima di ogni commento (se volete) guardatevi questo filmato.
anno zero
Oggi, essere italiano significa vivere senza dignità per colpa di certi politici votati da noi stessi.
Grazie. 

 

L'autore ha scritto 20 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Attualità - Politica

21 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    filippo -

    tutto già noto ed arcinoto, ma raccontato da Marco Travaglio con la sua solita puntualità è un lavoro di cesello impareggiabile.
    tuttavia, non dire che è colpa di politici votati da noi stessi, sennò devo rifarti la storia degli ultimi 60 anni per dimostrare che il vero marcio sta in una Costituzione antidemocratica, statalista, burocratica, antiliberale, partorita da una banda di antifascisti dell’ultim’ora sopra un retroterra monarchico-fascista mai demolito, perché faceva comodo all’autoritarismo dei partiti emersi dalla Resistenza, la cui unica preoccupazione era di impedire un secondo fascismo impedendo alla popolazione di respirare con una statocrazia pilotata da sé medesimi.
    il resto della storia è un di cui, sul quale la gente non ha mai avuto una vera scelta, perché il voto, date le suddette condizioni al contorno, oltre ad essere una mera formalità, è stato ridotto ad una doppia delega rilasciata ai giochi di partito di un arco costituzionale che fin da subito ha cominciato con gli accordi di corridoio, le lottizzazioni e le connivenze clericali e mafiose; un Presidente della Repubblica fantoccio, una gerarchia pletorica e sovrabbondante, centri di potere periferici per gestire le clientele etc…
    in conclusione, nonostante l’ottimo lavoro istruttorio di Marco, non ne usciamo se non abbattiamo questo Stato, ossia quest’impalcatura costituzionale ed istituzionale di merda e ricominciamo “DA ZERO” con una Costituzione davvero liberale e democratica e Istituzioni congruenti.

  2. 2
    Gino Restivo -

    Leggete questo articolo:

    http://www.cittanuove-corleone.it/Fascismo%20e%20nazi9smo,%20Levita.html

  3. 3
    filippo -

    ho letto il lungo post di Levita, ma l’unica cosa che vi ho trovato di pertinente rispetto al post di Bruno è la seguente frase:

    “si commentava un particolare momento della politica della nostra Nazione e si concludeva dicendo che alcune scelte fatte dai nostri governanti erano riconducibili alle follie fatte ai tempi del nazifascismo”

    il resto era una contestazione dell’identificazione del Fascismo con il Nazionalsocialismo proposta da qualcun altro.
    comunque, meglio il post di Levita che le 4 righe di insignificante commento che l’accompagnano.
    se dunque il riferimento a Levita era per proporre il paragone di quel piccolo pezzo, dissento profondamente: una cosa era il clima di follia ideologica del Fascismo, altra cosa è la politica clerical-delinquenzial-mafiosa italiana contemporanea.
    questa è criminalità consapevole, motivata esclusivamente dal tornaconto economico individuale o di Lobby e, come dicevo più sopra, tutto il pletorico ordinamento dello Stato, messo in piedi dall’ideologica costituente del ’46, è funzionale per gli scopi di questa criminalità, non certo per la fondazione di una Repubblica seriamente democratica e soprattutto liberale.
    l’intervento di Marco Travaglio, là dove contesta l’idoneità della commissione antimafia e degli pseudo-riformatori dell’Amministrazione giudiziaria, è una pennellata.

  4. 4
    mario -

    grazie per la trasmissione sopratutto quella di giovedi scorso con ospite il sig mastella,anzi meglio chiamarlo madre mastella di calcutta come da lui stesso ribadito in trasmissione come seguace e modello della chiesa cattolica di oggi. Anch’io sono cattolico e diversamente da mastella rispetto e ammiro tutti quelli che hanno fatto una scelta di fede,di amore,di unione diversa da quella di mastella.Rimango stupito dalle dichiariazione fatta dallo stesso all’indomani della trasmissione che l’immagine del gay preide a turbato la sensibilità di una certa fascia di ascoltatori, ricordo semplicemente che quelle immagini semplici e colorate fatte da persone che credono evivono la loro esistenza, sono migliori dai tanti salotti televisivi che il sig mastella frecquenta. Sarei curioso sapere cosa pensano gli telespettattori ai preide televisivi dei zequila,pappalardo.sgarbi,mussolini ect ect. Una cosa è sicura che madre teresa ,di questa gente cosi diversa da mastella ,se può le aprirà per prima le porte del cielo. grazie

  5. 5
    filippo -

    Mario,
    spero tu non sia davvero convinto che i gay pride fanno gli interessi degli omosessuali, perché li fanno meno di quanto le femministe facciano l’interesse delle donne.
    egualmente, spero tu non pensi che la politica si stia davvero interessando di PACS e DICO per ideali di giustizia sociale; a quelli interessano solo i voti di 500.000 cittadini e su questo stanno giocando al mercante in fiera.
    spero poi tu sappia che i parlamentari hanno già da anni i diritti dei conviventi e che quindi la cosa non è una novità.
    Casini, senza tanti PACS e DICO avrà la reversibilità della sua immeritata pensione per la convivente Azzurra Caltagirone, che non ne ha alcun bisogno, perché, in quanto figlia di un noto ladrone, è ricca di suo.
    se fossi un omosessuale, non infangherei la mia dignità di persona in mezzo a quelle carnevalate, o vendendo il mio voto in cambio di un’illusione.
    ciò non toglie, ovviamente, che se avessi per le mani degli ipocriti clericali opportunisti come Casini o Mastella o Ruini (meno male che se n’è andato, spero a fan…) saprei che trattamento riservare loro.
    quanto a Santoro, che fosse un fantoccino comunista si sapeva, ma che fosse anche un emerito cretino, lo si è scoperto nell’ultima puntata di Anno Zero; se voleva far apparire il Mastella come una povera vittima del massimalismo comunista c’è riuscito. si vede che il rientro in TV gli ha fatto male al cervello.
    tralascio di dire quello che penso di Vauro.

  6. 6
    Bruno -

    Santoro nella sua vita ha fatto bene solo due cose: Ridicolizzare Bondi per bocca di Marco Travaglio, e il mastellino che ha un solo obbiettivo: fare soldi, non importa come, ma farNe tantI e subito.

    Ritengo opportuno ricordare che l’italiano medio e’ un ciuco convinto e non vuole nemmeno imparare.

    Gli italiani, devono CAPIRE UNA VOLTA E PER TUTTE che questa classe politica non va!
    Bisogna avere coraggio di dire BASTA!
    Non siamo capaci di mandare in pensione personaggi come andreotti, cossiga , pininfarina e tanti vecchi che hanno colonizzato il parlamento da piu’ di 50 anni!
    Ci costano un occhio e non servono a nulla, nemmeno come carta igienica.

  7. 7
    andrea antonini -

    mi chiedo perchè ogni volta che devono essere rappresentate persone omosessuali in TV ci sono sempre e solo i gay pride. Quel gruppo di persone, rispettabilissimo, rappresenta solo il 10% della popolazione omosessuale italiana e vista l’eccentricità dei personaggi riconferma al mondo televisivo che i gay sono solo e soltanto loro. Questo è sbagliatissimo, è l’ora di smettere di far vedere solo i gay pride come immagine degli omosessuali. Perchè non fate una ripresa delle due Camere e ci scrivete sopra che il 30% delle persone riprese sono omosessuali, perchè non riprendete un concistoro di cardinali e ci stampate sopra che il 60% sono omosessuali oppure una qualsiasi manifestazione di partito, di piazza e ci scrivete sopra la presunta percentuale dei gay. L’omosessuale oggi è l’uomo della porta accanto, la persona cortese, gentile che non rompe le scatole, riservato e che fa i fatti propri …. cerchiamo di insegnare questo al popolo italiano che ci crede tutte checche svampite in attesa di travestimenti alle prima occasione. Basta, rivediamoli questi luoghi comuni e facciamola finita di nascondersi sotto il casco. Ci sono tre ti pipologie di uomini al mondo : gli eterosessuali (per fortuna, ripopolano il mondo), gli omosessuali e gli omosessali sposati…che sono la stragrande maggioranza sommersa dei gay. Quest’ultimi , personaggi che non hanno avuto il coraggio di essere se stessi e hanno preferito vendersi la propria immagine ad una ipocrita societa piuttosto che affrontare una vita da soli. Ma va bene ognuno fa le proprie scelte, ma diciamolo però com’è la vera situazione non lasciamola sepolta nell’immaginazione collettiva. Tanto ormai non si scandalizza più nessuno, e tantomeno il ns grp politico omnicompresi da dx a sx. Hanno imparato il gioco di Guardia e Ladri e ad ogni elezione si scambiano il ruolo, restano sempre sulla poltrona e ci prendono per il culo alla faccia delle esigenze collettive del miglior vivere. Loro lo stipendio, la pensione ce l’hanno automaticamente e una volta che hanno sistemato il loro entourage (parenti e amici) è fatta. Che tristezza, verrebbe davvero voglia di andare in Polinesia a fare i pescatori e lasciarci dietro tutta questa falsità della ns vita moderna.
    un saluto
    Andrea Antonini

  8. 8
    aldo -

    caro travaglio perche’ non scavate nel passato della sinistra? siamo stanki di sentire cazzate su berlusconi lo sò ke vi fa rabbia ma la politica e così comanda il piu onesto.

  9. 9
    kikko77 -

    Ma giornata anti berlusconi !!!! Ma vergognatevi andate contro a l’unica persona che ha fatto e sta facendo qualcosa per l’Italia !! ma tu baffetto scemorappresentante della tua folla di folli vai in un convento a confessare quanto 6 fesso.!! Sparatevi forse e’ questo ilmeglio peril ns. paese. Se non vi va’ bene andate da Prodi e la sisistra che ha rovinato lItalia .!!! Sarebbe da FARE IL NO DEFICENTI DAY !!! NO IL NOBERLUSCONI DAY !!

  10. 10
    Franca -

    Ma perchè il “Belpietro”è sempre ospite di Annozero o Ballarò e anche altrove? Si capicse subito com’è,basta guardarlo in faccia.E’ un misogino,irriverente,maleducato.tronfio,e ride sempre,chissà perchè (avesse almeno un bel sorriso). Io non amo le persone false,bugiarde e ingiuste:lui ha tutte queste”qualità”,ma non se ne rende conto e straparla.E non è il solo:potrei fare un elenco di almeno 15-20 persone che non mi piacciono,tra politici e giornalisti,e vengono sempre invitati…per fare audience?Io ne farei volentieri a meno e spesso spengo il televisore per non sentirli e non vederli,anche se queste sono le trasmissioni che seguo sempre. E le donne del PDL?Stendiamo un velo pietoso.Alla gente non servono persone così,sono irritanti e non danno niente,anzi ostacolano la libera espressione di coloro che invece hanno qualcosa di utile da dire!
    Ancora complimenti a voi e buon lavoro,avanti senza paura,quella la deve avere chi ha torto.
    Franca.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili