Salta i links e vai al contenuto

Andare a vivere con lui appiccicati alla sua famiglia

Lettere scritte dall'autore  Maria290

Siamo ormai fidanzati da alcuni anni e lui, avendo una casa molto grande con cui vive con i suoi genitori, ha deciso di ristrutturare il piano inferiore di questa casa creandosi un proprio appartamento e, da quello che mi ha detto, dando per scontato che in un possibile futuro insieme io avrei acconsentito ad andare a vivere li con lui. Ok, l’appartamento diventerebbe indipendente, ma io non vorrei vivere appiccicata alle nostre famiglie, che sia la mia o la sua. Reputo che la coppia debba avere una propria indipendenza, crearsi un proprio “ecosistema” esente da gente esterna, quantomeno i primi anni. E poi, che significa indipendente? casomai dovessimo litigare sentirebbero ogni singolo strillo, casomai avessi la musica ad alto volume potrei arrecare fastidio, sarei osservata uscendo ed entrando. Inoltre i suoi genitori sono molto anziani, quindi non onestamente non penso molto ai classici problemi di invadenza in cui loro verranno senza avvisare in casa nostra. Penso invece a lui come un possibile problema: è un ragazzo estremamente ed eccessivamente apprensivo nei confronti della propria famiglia, al punto che a volte io vengo messa da parte per loro. E per carità, io capisco che la famiglia sia molto importa e non voglio assolutamente che lui per me si allontani da loro. Però se io dovessi andare lì, temo che lui ogni due per tre vada ad affacciarsi da loro. Temo che con il passare del tempo e il progressivo ulteriore invecchiamento di loro, si possa arrivare a stare eccessivamente a casa loro o peggio, che loro possano finire a stare con noi. Temo che non essendo appunto casa mia, non potrò poi molto impedire questa cosa in quanto mi sentirei un ospite io.
Parlarne con lui? Certo. Una casa in affitto “lontana” sarebbe una follia dato che si ha una casa gratis e soprattutto nuova. Il che a mio parere è estremamente corretto, razionalmente però, emotivamente mi distrugge.
Parlargli di questo suo eccessivo attaccamento alla famiglia? Converrete con me che è impossibile, non posso dirgli io di staccarsi da loro in quanto io domani potrei essere la sua famiglia, è una cosa che deve capire lui. Non potrò un domani in casa sua dirgli di non ospitare i genitori o di non vederli 45 volte al giorno, mi sentirei una brutta stronza che vuole tenerlo tutto per se. In realtà nel momento di bisogno della sua famiglia, io sarei la prima a correre accanto a lui, sono del parere che nel momento in cui ci si fidanza, i miei problemi diventano i suoi e i suoi problemi sono anche i miei. Vorrei solo una nostra indipendenza, non allontanarlo da qualcuno, nè tenerlo tutto per me, nè pretendere che non veda la famiglia. Vorrei solo evitare gli eccessi.
Forse sbaglio a fasciarmi la testa prima ancora di rompermela? Magari sono problemi che non avrò ed esistono solo nella mia mente? Forse andrà tutto bene e io esagero..

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Condividi su Facebook: Andare a vivere con lui appiccicati alla sua famiglia

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Famiglia - Me Stesso

21 commenti

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    Bohemien82 -

    E quale sarebbe il problema nell’avere anche più di un occhio di riguardo verso i genitori che invecchiano. Verso i suoi ed i tuoi ovviamente. Però poi se ci sono bimbi, i nonni servono eh..
    Ma quante pretese e presunzioni hai. Ne hai parlato approfonditamente con lui? Fallo e spero lui abbia il mio carattere perché ti mollerei seduta stante. Ma come si può pretendere giá dall’inizio di volersi sostituire, da estranea, alla famiglia d’origine del partner! Hai la fortuna di avere una casa gratis, che ti lamenti. E questo discorso vale anche al contrario, non sia mai che si dica che parlo così perchè l’autrice è donna.

  2. 2
    Isa -

    I suoi li conosci già o no? Da come scrivi, o non ci parli più di tanto o, al contrario, li conosci bene e hai capito chi sono.
    Non ti va di fare da badante e condividere la tua vita con loro: probabilmente sei ancora giovane con altre esigenze. Non hai vincoli scritti, quindi prova e poi se non ce la fai, cambia, o casa o fidanzato.
    Io ho fatto l’errore con il lavoro: razionalmente tutto ok, ma istintivamente avevo diversi dubbi, che si sono ingranditi mese dopo mese, facendomi andare fuori di testa.

  3. 3
    Maria290 -

    Bohemien82 non credi di dover leggere un po’ meglio? È stato scritto esplicitamente che non ci deve essere nessuna sostituzione tra fidanzata e famiglia di origine. Non credi sia un giusta pretesa per una coppia avere la propria indipendenza dai genitori anziché averli sempre in mezzo? Inoltre hai letto che l’occhio di riguardo sarà dato sia dal ragazzo che dalla fidanzata ai genitori di entrambi?

  4. 4
    Memore -

    Poveraccio……….
    Una distruggi maroni all’ orizzonte.

  5. 5
    alisee -

    Copisco le tue apprensioni, è un problema reale
    il tuo, le nuove famiglie dovrebbero stare
    separate da quelle dei loro genitori, è decisamente sconsigliabile stare nella stessa
    casa.
    Diverso sarebbe stare nella stessa città,
    sarebbero comodi per tenere i nipotini.
    Ma stare nella stessa casa o nell’appartamento
    vicino no!
    Anche dipendere economicamente da loro non va bene, perchè prima o poi lo farebbero pesare.
    Spero che lui non sia un “mammone”, come non
    pochi maschi.

  6. 6
    Angwhy -

    Se i suoi sono molto anziani forse nn ne avranno x molto,non pensi che allontanandosi da loro presto sarà costretto a correre avanti e indietro per ogni evenienza?alla fine restera comunque tutto a voi,o no?

  7. 7
    Bohemien82 -

    Maria, inutile che te la canti. Ho letto molto bene. I genitori, se sono stati buone figure genitoriali, vanno sostenuti nel momento del bisogno. Esattamente come loro hanno fatto con noi durante l crescita. Tutto il resto è egoismo. Ovviamente quest’ultimi non devono essere sette giorni su sette a casa della nuova coppia… ma non mi pare questo sia avvenuto e tu stai giá mettendo le mani avanti.

    E giá Memore..poveraccio lui.

  8. 8
    Gimmy -

    Vedo che gli ultimi avvenimenti drammatici, che hanno coinvolto molte famiglie a causa del covid, non hanno davvero insegnato nulla. Trovo corretto il discorso che ha fatto Bohemien82, e le aggiungo che se vuole essere cosi indipendente sarebbe meglio rimanere single; la vita di coppia da quanto fa trasparire non fa a caso suo. Temo che le responsabilità che ad un certo punto le dovranno cadere addosso, per forza di cose possano angustiarla e mandarla in corto circuito. A tal proposito le consiglio vivamente di non fare figli, anche lei ahimè dovrà invecchiare e non credo voglia caricarli delle stesse preoccupazioni che in questo momento l’affliggono; come madre è un dovere pensare già adesso al loro futuro.

    P.S. La prossima volta che vuole farsi un film, scelga una sceneggiatura diversa, magari un bungalow alle Bahamas, qualche sbronza di mohito e relax in completa autonomia……e se ci mette anche il distanziamento sociale a cui tanto aspira ci vorrà tirare pure le cuoia.

  9. 9
    Marconi -

    Assolutamente da evitare una situazione del genere, ti sentirai un’ospite per tutta la vita… e questo influirà sul rapporto con il tuo ragazzo.
    Lo stesso tuo ragazzo con i genitori al piano di sopra si sentirà meno libero, quindi la situazione non farebbe bene nemmeno a lui… si ammoscerebbe e smetterebbe di piacerti dopo poco.
    Prendetevi una casa vostra staccata dai parenti, quando li volete vedere lo potrete sempre fare e se avranno bisogno li potrete aiutare comunque.

  10. 10
    Mister T -

    Io sono sempre d’ accordo con quello che scrive Bohemien ma questa volta meno 😛…anche io non cè la farei a stare nello stesso edificio o appartamento dove vivono i genitori della mia fidanzata. Tengo molto alla mia indipendenza e avrei paura di continue intromissioni da parte loro. Ciò detto si può tranquillamente vivere un pò distanti e non fare mancare niente ai propri vecchi. Il discorso che fa il tuo ragazzo da una parte è giusto in quanto avreste un appartamento giá di proprietá senza dover spendere dei capitali però è anche giusto il ragionamento che fai tu. Prova a parlarne con lui e vedi se riuscite ad arrivare ad un compromesso. Magari quando decidete di andare a vivere insieme puoi tentare un periodo di prova per vedere come si comportano i sui vecchi e se la cosa sia fattibile. Può essere che siano persone molto riservate e poco invadenti.

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili