Salta i links e vai al contenuto

Avere 50 anni

  

Cari amici lettori vorrei porre un quesito. Ma perché a 50 anni non puoi piu’ avere un lavoro? Chi lo ha deciso tutto cio’? Chi parla e’ un uomo di 50 anni che dovrebbe essere fiero della sua eta’ ma invece e’ infelice perché i suoi 50 anni che dovrebbero rappresentare una risorsa per quanto riguarda il lavoro, invece oggi in Italia rappresentano un handicap. Nessuno ti un da lavoro perché sei vecchio anzi non vieni neanche considerato, tanto che sei costretto a rinchiuderti in te stesso perché pensi di essere un fallito anzi un emarginato sociale. Prima quando andavi a cercare un lavoro suonavi al citofono ti aprivano e ti facevano parlare con un responsabile del personale, oggi invece ti lasciano fuori la porta dicendoti che non hanno bisogno e se vuole puo’ lasciare il curriculum dentro la cassetta della posta, che poi non sai che fine fara’ e altrettanto vale se lo invii via internet. Ma dov’e’ finito il rapporto umano, noi cinquantenni non abbiamo piu’ nessuna possibilita’ viviamo di speranza e di false promesse. Ora mai non ci resta che appendere la nostra divisa da lavoro come un indumento solo da ricordare o da usare a carnevale. Io mi vergogno adesso a dire alle persone che conosco e che incontro per strada, che ancora non lavoro e mi sento mortificato quando mi dicono: ma ancora non lavori? sembra quasi che sei tu che non vuoi lavorare mentre chi ha un lavoro non sa quello che sta succedendo fuori perché loro bene o male lo stipendio lo portano a casa mentre io non mi ricordo piu’ com’e’ fatta una busta paga, in questi anni ho dimenticato cosa significa lavorare. Provo vergogna nei confronti anche di mia moglie e dei miei figli, perché magari non lo dicono ma lo pensano: Mio marito o mio padre e’ un fallito. Ho provato ad iscrivermi in tutte le agenzie di lavoro e mandato curriculum dappertutto ma solo colloqui di conoscenza ma nessuna chiamata di lavoro, mi sono offerto anche per altri mestieri anche quelli piu’ umili, ma anche li ti chiedono l’esperienza, se sei in mobilita’, il patentino, la macchina propria che io sfortunatamente non ho perché ho dovuto demolirla e perche’ non potevo mantenerla. Arrivato a questo punto non so piu’ cosa fare, sfortunatamente non ho una bacchetta magica per cambiare le cose ma se c’e’ qualcuno che puo’ cambiare la mia vita lo aspetto volentieri perché non giusto vivere cosi, tutto questo ti porta alla depressione e a perdere la tranquillita’ familiare. Non immaginavo di vivere questa vita anzi ho sempre sognato di vivere una vita normale come fanno tutti i lavoratori che dopo una certa eta’ hanno raggiunto una certa sicurezza economica garantendo anche un futuro ai propri figli. Da padre di famiglia mi sento umiliato da questa societa’ che ha tolto la dignita’ a molte persone e ad alcune anche la vita. Chiedo con umilta’ e con quel poco di dignita’ che mi rimane, se c’e’ qualche industriale o imprenditore di Busto Arsizio cittadina in cui vivo e anche nei limitrofi ( perché non ho ne un mezzo e neanche i soldi per gli spostamenti). Non chiedo l’elemosina ma solo un lavoro per sopravvivere e per avere un po’ dignita’.
Giacomo Fasone

L'autore ha scritto 33 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

30 commenti a

Avere 50 anni

Pagine: 1 2 3

  1. 1
    filipp -

    Caro mio Giacomo, io ho 24 anni e la situazione è tale e quale alla tua. Oggi cercare un lavoro, consegnare curriculum, è come chiedere l’elemosina. Non so che dirti e mi sento ipocrita ad incoraggiarti…. Perché sono io il primo a credere che le cose non cambieranno… Cmq umanamente ti sono vicino e ti abbraccio.

  2. 2
    Angelo9 -

    Giacomo, condivido tutto quello che hai scritto ma, come dice Filipp, anche per i giovani è dura. Questo paese non assicura più niente a nessuno, nemmeno la sopravvivenza: una vergogna.
    Continua a cercare, a chiedere senza stancarti, come la vedova del Vangelo che, alla fine, ha ottenuto giustizia.
    Siate uniti come famiglia e confortatevi a vicenda. Non posso dirti né fare altro, se non sperare con te che qualcuno che può, ti ascolti.

  3. 3
    ILSaggio -

    Mi spiace molto per la tua situazione, però mi chiedo anche chi tu abbia votato in tutti questi anni.
    Per carità vallo a trovare il politico corretto e ok, ma ci sono alcuni partiti che hanno remato sempre contro per anni a quelli che in molti chiamavano “i padroni” ovvero gli imprenditori e adesso che pure questi sono alla canna del gas licenziano o si spostano all’estero, e i dipendenti oggi si lamentano.
    Per carità ripeto, non sarà il tuo esempio forse, però a questa situazione hanno contribuito quasi tutti gli italiani ad arrivarci.
    Un forte in bocca al lupo per te.

  4. 4
    giacomo -

    Grazie ragazzi per avere commentato la mia lettera e sono molto amareggiato soprattutto per i giovani che studiano per non avere un lavoro. Ma dovete essere voi giovani a cambiare questo sistema perche’ noi siamo vecchi per poter lottare, siete voi il futuro del paese, chiaramente pacificamente. Io non smettero’ mai di cercare lavoro perche’ rischio di condanarmi gia’ a priori. Spero tanto che Dio mi dia sempre la forza ma certe volte vorrei rassegnarmi anche perche’ c’e’ troppa ingiustizia sociale e si riconosce anche nella poverta’ perche’ anche in questa condizione c’e’ pure chi ti discrimina. Non parlo di politica perche’ oggi non si puo’ piu’ definire tale anzi piu’ che politica adesso mi sembra abuso a sfavore della povera gente che si e’ fidata di loro. Spero tanto che qualcosa possa cambiare affidandomi alla volonta’ di Dio e degli uomini perche’ ancora per fortuna ce ne di gente buona e altruista.

    Grazie….

    Giacomo.

  5. 5
    IO -

    @Saggio
    lascia perdere la politia e i “padroni” perchè è proprio quelli che tu hai votato che ti hanno portato a questo, i sindacati che si inventano pensioni d’oro e non hanno il dovere di prudurre bilanci, una sinistra che parla di popolo e poi va nei resort in vacanza, ma tu ancora ci credi?
    il problema è solo uno, a prescindere dalla crisi, un 50enne costa ad una ditta come 2 ventenni, se lo stato non capisce (e lo sa perfettamente)che deve abbassare il costo del lavoro non ci sono soluzioni ad es. se tu prendi 800 euro, tu alla ditta ne costi quasi 2.000! lo sapevi? forse no, se fai ancora discorsi ideologici. perchè non lo fanno? perchè devono mantenersi tutti i loro privilegi anche quelli di estrema sinistra, tutti. Sono come le squadre di calcio, allo stadio si scontrano e poi li vedi in discoteca a braccetto.. mentre i tifosi sono fuori a cercare nemici. I popolo viene indotto a pensare ad altro (stupidaggini solitamente) e loro continuano a regnare
    Le ditte chiudono e quelle poche che ancora sono rimaste stanno cercando di sopravvivere, non parlo delle mega aziende, ma di quelle che hanno fatto forte l’italia, quelle piccole, gli aritigiani e così via.. non esistono i padroni come ai tempi della rivoluzione industriale.
    @Sicily
    ti leggo spesso e mi dispiace, il problema è che sei uno di tantissimi e più passa il tempo e sempre meno lavoro ci sarà, posso solo dirti di cercare altrove, busto non è più la citta degli anni 90.. vai oltre la tua provincia e magari pure in svizzera. Buona fortuna!

  6. 6
    Giacomo -

    Non voglio entrare nel discorso politica se no ci perdiamo ma hai perfettamente ragione. Per quanto riguarda il costo di un 50enne al posto di un 20enne hai anche ragione ed proprio questo il motivo perche’ non trovero’ lavoro.Comunque speriamo che i giovani riescono a trovare almeno loro un lavoro se no chi lavora solo i vecchi. L’unica sfortuna che abbiamo noi e’ quella di aver perso il lavoro ad una eta’ che al momento non vale nulla, aggravata ancor di piu’ da questa crisi.Si dice chi vivra’ vedra’ e speriamo di vederci bene.

    Che Dio ci aiuti.

  7. 7
    ILSaggio -

    @IO
    Non ho capito cosa hai capito, o se non ho compreso io quello che hai scritto, ma giusto per informazione io sono proprio dalla parte opposta agli estremisti di sinistra.
    No, non ci credo, ho infatti detto che i politici sono tutti ridicoli, sono tutti dei falsi ecc ecc però torno a ripetere che fra tutta la merda che c’è al governo di certo non andrò mai a votare quelli che fino a qualche anno fa che ancora si stava bene hanno dato contro agli imprenditori, supportati dai loro elettori.
    Vedevano lo sfruttamento dei lavoratori ovunque, gli si è sempre dato degli evasori, ora infatti stiamo inziando a ridere, la gente che gli remava contro ora sta perdendo il lavoro e l’imprenditore se ne va in altri paesi dove lo stato non impone tasse su tasse (esempio: vedi Croazia).
    In Italia invece che favorire e agevolare l’apertura di nuove imprese italiane non facciamo pagare le tasse per 5 anni ai cinesi, poi però ci lamentiamo che ci portano via il lavoro.
    Il problema che dici è adesso, perchè è vero che il 50enne costa di più ma è vero anche che ha esperienza che il giovane non ha, ma ora come ora non gliene frega più a nessuno, e se fossi pure io un imprenditore mi comporterei così per forza di cose, è colpa mia? No dello stato.
    I padroni, quelli che sono stati chiamati così, ci sono ancora altro che balle, sono gli stessi che fino a 10 anni fa davano da mangiare con le piccole/medie imprese e che oggi non riescono più nemmeno a far vivere loro stessi.
    Fino a quando la gente non capirà che posto di lavoro per stranieri adesso non se ne può dare, fino a quando non capirà che le aziende italiane vanno agevolate in un momento così e non tassate, fino a quando ci saranno gli allocchi che penseranno che 80€ in più al mese in busta paga faccia risollevare il paese andremo sempre peggio.
    Saluti.

  8. 8
    IO -

    @Saggio
    ti ho frainteso, ho pensato fossi uno di quelli di sinistra che pensa che siamo passati dalle stelle alle stalle per esclusiva colpa di berlusconi..
    siamo sulla stessa lunghezza d’onda ma, per me, ormai, la politica è tutta uguale, ovunque si manifesti, che sia di destra o di sinistra, pensa solo al proprio intimo benessere e torna conto, pensare o sperare che un politico ci faccia star meglio, per me, ormai è solo una barzelletta.
    Il disocorso sull’esperienza è vero, ma l’esperienza non serve in tutti i campi..
    per assurdo in italia ci vorrebbero veramente un paio d’anni di estrema destra

  9. 9
    remu -

    Ciao, io ho un’azienda nel settore torneria meccanica, ho licenziato tutti i dipendenti che avevo, è diventato insostenibile avere personale, siamo rimasti solo io e mio padre, tasse fin sopra i capelli(inail inps ecc), non se ne può più, la tua situazione non è legata all’età, siamo tutti sulla stessa barca affondata da un pezzo. chissà che caxxo succederà tra qualche anno, io non vedo segnali di ripresa, non sei un fallito, sei uno dei tanti inghiottito da questo sistema balordo. non sò che dirti, ti auguro tante buone cose, mi dispiace, ma almeno non colpevolizzarti….

  10. 10
    maria grazia -

    L’ Italia ormai è un paese senza speranze, chi può farlo deve scappare via da qui. Qui non può farlo, sarà costretto nella maggior parte dei casi ad accettare di svolgere lavori sporchi o ai limiti della legalità per tirare avanti. IL RESTO SONO FAVOLETTE PER GLI ILLUSI. e non è che uno possa stare sulle spalle dei vecchi genitori vita natural durante, sopratutto se anche loro stanno messi male. E’ questa ormai la realtà dei fatti di questo paese governato da criminali veri e propri, che arraffano tutto quello che possono alla faccia della povera gente che stenta a campare, senza alcun senso di responsabilità civica e alcuna coscienza. e nessuno logicamente ha voglia di iniziare una rivoluzione per vedersi poi magari rinchiuso in una cella e dimenticato da tutti. L’ ITALIA E’ MORTA. prendiamone atto e incamminiamoci verso il futuro ( USA, AUSTRALIA, CANADA, PAESI NORDICI ).
    Io personalmente comunque non disdegno nemmeno i paesi considerati “strani” da un punto di vista “immigrativo”. sarei ad esempio disposta a trasferirmi per un pò di tempo anche in Vietnam, in Cambogia o in Kazakistan, se in questi posti trovo una valida collocazione professionale. poi certo tutto dipende dalle proprie esigenze.

    “Fino a quando la gente non capirà che posto di lavoro per stranieri adesso non se ne può dare, fino a quando non capirà che le aziende italiane vanno agevolate in un momento così e non tassate, fino a quando ci saranno gli allocchi che penseranno che 80€ in più al mese in busta paga faccia risollevare il paese andremo sempre peggio.”

    GIA’ !!!….

    https://www.youtube.com/watch?v=fPZq2L8Jq6E

    https://www.youtube.com/watch?v=WndsihJIh4A

Pagine: 1 2 3

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili