Salta i links e vai al contenuto

…………………

Lettere scritte dall'autore  

Ciao…… la prima volta che scrivo su un sito, non avrei mai pensato di riuscire a farlo, quei puntini che stanno li facendo finta di essere un titolo… Rappresentano me… Rappresentano giornalmente come mi sento dentro…. Eppure all’esterno la gente avvolte riesce a pensare che sono il miglior compagno per un viaggio,un buon amico…. Pensano che io sia un ragazzo capace… Ma io non lo sono… Io ho fallito in tutto quello che ho provato a fare…. Ho deluso persone a me care ho deluso i miei genitori che credevano davvero in me… Poi ho trovato il vero amore… cosi credevo… forse lo credo ancora, son riuscito prima a distruggerlo pur tenendoci davvero, poi a ricostruirlo e adesso sta crollando tutto di nuovo… tutto questo perchè ho paura di non andare bene , ho paura di stare qffrontando qualcosa più grande di me.. ho paura,ho sempre paura.. da sempre io ho solo ed esclusivamente paura…… temo me stesso… non mi son mai piaciuto,avvolte mi odio… io voglio sparire … o meglio scappare…per tornare tra vent’anni , voglio andare in cerca di quello che sono non di quello che la gente pensa di me…. io con me ci sto male….. quella ragazza la amo…ma so gia che perdero anche lei……..spesso piango,mai per dolore fisico, nessuno di tutta la gente che conosco conosce questa parte di me… tranne lei…la mia lei….. lei sa conoscermi, se solo potessi far capire loro che non sono quello che pensano…forse smetterei di deludere il mondo che mi circonda…. forse aprirei le braccia alla vera persona che sono ………

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

11 commenti

Pagine: 1 2

  1. 1
    silvana_1980 -

    mah da quel che scrivi mi sembri un tipo che non riesce a lasciarsi andare nei suoi sentimenti, come se qualcuno alla fine di quello che fai alzasse la paletta e ti dasse un voto
    rilassati, se sbagli non sei l’unico, sei uno dei tanti che sbaglia…se dimostri quello che senti magari non avrai il risultato che vuoi, ma almeno sei te stesso e puoi dire di averci provato fino in fondo
    non è facile per nessuno e le delusioni sono tante da parte nostra e da parte di chi conosciamo
    però, la vita è lunga e ci da la possibilità di rimediare
    magari non subito, magari aspettando ma volendo occasioni di migliorare se stessi e i rapporti con gli altri ci sono
    non forzare le cose, ma se ti capita una buona occasione sii te stesso e non pensare agli altri. pensa a quel che vuoi tu.

  2. 2
    alice -

    la paura è la consigliera più improbabile.
    Fidati anche da soli si può stare bene, soprattutto se ci si è abituati.
    Temere la propria paura è come temere la propria ombra, inutile.
    Le ombre vanno amate.
    Vivi e saluta le tue paure, almeno la metà non ti servono.

  3. 3
    gessy -

    ciao emi

    inizia ad amare te stesso ed apprezzarti per ciò che sei,senza preoccuparti di deludere gli altri,perchè in realtà chi ti ama lo fa solo perchè sei importante e non perchè sei perfetto al mondo.
    non dar peso agli altri,dallo solo alle persone che meritano il tuo affetto,e abbandonati al tuo amore per quella ragazza perchè lei conosce il vero te e lo ama per tutto ciò che è ,con i suoi difetti ed i suoi pregi.
    non ti abbattere

  4. 4
    edns -

    Ti capisco molto bene, vivo da sempre la stessa identica cosa.. è terribile. io credo questo:che ci son persone che davvero riescono a vedere piu degli altri,quindi se nn ci si riesce ad aprire.. non sempre dipende da noi, ma spesso è proprio che captiamo al volo che certe persone e certi contesti proprio nn ci capirebbero davvero, sarebbero senza volerlo giudicanti o un pò derisori.. PER SILVANA 1980: io non la farei cosi facile come la fai tu. per i motivi appena scritti. ci son persone che sorvolano di piu,altre meno. spesso son proprio gli altri che non sono adatti a capirci,quindi nn ci apriamo. io a mie grosse spese ho capito che SIAMO TUTTI DIVERSISSIMI, è MOLTO PIU DIFFICILE ESSER CAPITI che non esser capiti. Bisogna proprio cercare gli ambienti e persone giuste per se, poi dopo allora forse riesci a stare anche con chi non ti capisce davvero

  5. 5
    silvana_1980 -

    @edns: si e no.
    Cercare le persone e gli ambienti giusti per se indubbiamente fa sentire a proprio agio e ti regala la fatica di non doverti cimentare con realtà troppo diverse dalla tua, ma è un pò limitante.
    Mi spiego facendo un esempio tarato su di me.
    Io di carattere sono un tipo molto chiuso e diciamo che il contatto con il pubblico non lo amo molto. Figuriamoci per me cosa voleva poter dire tenere un corso di formazione come docente.
    Paura, sana paura. Paura di non farcela essendo poco portata a tenere discorsi, essendo poco portata a gestire gli imprevisti, a dare una risposta a delle domande fatte all’improvviso.
    La mia prima reazione è stata “non voglio farlo”. Il mio capo si è impuntato “no, lo fai, perchè sei una persona compentente hai le conoscenze si tratta solo di trasmettere agli altri. Sono stanco di usare persone brave a parlare ma che non sanno quello che dicono quindi ci vai tu”. Non ho potuto fare altrimenti. Ho fatto un bel respiro profondo, l’ho fatto sebbene non fosse nelle mie corde piena di paura, evidentemente tesa, e si vedeva. Parlare davanti a un pubblico mi agitava non poco.
    Risultato finale: i corsisti erano più contenti con me che mi incantavo due volte su 3 con le parole ma che magari se avevano un problema a livello pratico, andavo da loro e cercavo di capire e risolvevo mostrandogli come fare….piuttosto che con l’altra docente prima di me che spiegava benissimo con una dilaettica eccezionale con la voce impostata ma che alla domanda “ok posso veder come si fa sul mio computer?”…aveva una risposta standard “mi devo informare”.
    I ritorni al mio capo da parte dei corsiti sono stati positivi, il giorno dopo è entrato me lo ha detto aggiungendo: “io lo sapevo. ora lo sai anche tu. si cresce anche così uscendo dagli schemi abituali”
    Spesso ci sottovalutiamo, ma se ci cimentiamo con cose diverse da noi, diverse da quello che facciamo o che pensiamo abitualmente possiamo avere delle belle sorprese.
    E’ questo il messaggio che voglio dare all’autore di questo post. Di buttarsi. Tanto la brutta figura non buttandosi la fa comunque tanto vale provare e mettercela tutta. Magari va.

  6. 6
    fioredicampo -

    ….è curioso sai…dopo aver letto il tuo pensiero ho provato delle strane sensazioni…

    Ormai è da molto tempo che quotidianamente frequento questo sito…mi fa sentire meno sola…alcuni post a volte mi danno la forza di andare avanti…altre volte mi sento più triste perché condivido in pieno la sofferenza che si percepisce…spesso piccole lacrime mi accompagnano nella lettura….lacrime che non vogliono lasciare andare via quella piccola speranza che in ogni cuore è racchiusa ma che a volte si cerca invano di nascondere….

    ….non ho mai scritto niente…non perché non volessi farlo, ma perché in qualche modo volevo proteggere quella che è la mia storia, le mie emozioni, le mie sensazioni…non volevo che intrusioni esterne potessero intaccare quello che per me è stato (e lo sarà per sempre) estremamente importante e speciale…nonostante io sia approdata qui…colma di tristezza…perché a volte la vita sa essere molto crudele e dura…perché troppo spesso ci si perde…e anche ‘noi’ ci siamo persi…

    …tu mi ricordi molto lui…la sua estrema fragilità…il suo animo gentile…la sua grande sensibilità che lo faceva sentire così inadeguato…così sbagliato…ed io proprio per questo mi sono follemente innamorata di lui…quella paura di non essere mai all’altezza…la sensazione di essere sempre e comunque giudicato…di non fare abbastanza…ho cercato di proteggerlo in tutti i modi, ma non ci sono riuscita…scappare purtroppo non aiuta, perché quello che cerchi lo puoi trovare solo dentro te stesso…lui alla fine è scappato…è scappato da un ‘noi’…proprio per quella paura di cui parli tu…

    …purtroppo oggi ci si scontra con una realtà sociale che non aiuta ad essere se stessi…non aiuta a smettere di avere paura…ma io credo che il vero coraggio sia semplicemente quello di vivere per come si è…senza badare troppo agli altri…cercando soprattutto di perdonarsi… perché nessuno è perfetto…perché tutti sbagliamo…perché la vita può essere così assurda e irrazionale che niente è mai perduto…e solo il nostro cuore ci può indicare la strada…ed io sono qui…che spero un giorno di trovarmi a percorrere quella strada di nuovo insieme a lui…

  7. 7
    emi.2o -

    Non avevo mai provato la sensazione di essere capito…. leggendo i vostri commenti mi son sentito diverso, mi son sentito comune, mi son sentito in mezzo a voi, e la prima volta che discuto dei miei problemi, dei miei pensieri, ed è fantastico rivedersi in ogni parola letta.. eh si.. avvolte penso che scappare sia il modo giusto per guarire altre volte vorrei restare solo per capire , per scoprire realmente chi sono…. io mi sento vivo quando scrivo, é la prima volta che lo faccio sul web, ma e da un paio di anni che riempio quaderni, alla mia ragazza ho scritto mille lettere , tutte diverse , tutte vere.
    mi nascondo dietro un foglio?non riesco ad affrontare i miei stessi problemi? mi capita di farmi mille domande e mai di trovare 100 risposte… ho la testa colma di pensieri di domande troppi perche.. grazie comunque 🙂

  8. 8
    rossana -

    per fioredicampo
    quasi certamente il tuo post è la cosa più bella che oggi mi possa capitare d’incontrare sul mio “binario morto”. grazie!

    fra l’altro, scrivi benissimo. fallo più spesso!
    ti auguro di tutto cuore che il tuo lui ci ripensi e torni da te.

    per emi.2o
    anche per te provo tanta tenerezza, soprattutto per il tuo scrivere tutte quelle parole sui quaderni e sulle lettere destinate alla tua ragazza.

    è un buon sentiero, che di certo, prima o poi, ti porterà non solo al tuo vero te stesso ma anche alla capacità di esserlo, di fronte a tutti, con umiltà ma sempre a testa alta.

    un abbaccio.

  9. 9
    fioredicampo -

    …grazie rossana…di cuore…il tuo messaggio per me è stato come un raggio di sole durante una tempesta…

    …credo che tutti prima o poi approdino sul proprio “binario morto”…forse si tratta di un passaggio obbligato…o forse no…chi può dirlo…molti si sentiranno di esserci in questo momento…altri forse ci arriveranno…altri ancora probabilmente sono riusciti a farlo rivivere…forse è questo il segreto…voglio solo sperare che un giorno ognuno di noi riuscirà a dargli un senso…

  10. 10
    rossana -

    hai ragione, fioredicampo, l’importante è che si possa dare un senso anche al “binario morto”. il mio ha tanti colori, tutti quelli che ho sperimentato e assaporato durante il viaggio e che posso ricordare ogni volta che lo desidero.

    un abbraccio

Pagine: 1 2

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili