Salta i links e vai al contenuto

Dopo la tempesta arriva sempre il sereno?

Eccomi qua anch’io… perchè scrivo? Non lo sò probabilmente voglio solo lanciare uno sfogo e vedere se mi ritorneranno indietro nuovi spunti di riflessione.
Nella mia vita ho avuto momenti di up e momenti di down, ora è un momento di down, riesco ad arrivare alla mia vita ideale una relazione felice, una rete di amicizie, un lavoro sicuro, una sicurezza economica, la salute mia e dei miei cari, poi mi si sbriciola tutto tra le mani, mi trovo senza nulla, mi rimbocco le maniche vado avanti motivata e positiva riesco a raggiungere nuovamente la cima e tutto mi sembra più bello e meritato di prima… per poi risbriciolarsi tutto tra le mie mani… è questa la vita? una tempesta che t’inzuppa, seguita da un timido sole che fa capolino ogni tanto e non riesce neanche ad asciugarti del tutto che ricomincia la tempesta? francamente sono un pò stufa di questo ciclo dove i momenti neri lasciano cicatrici che i momenti radiosi non riescono mai a ricucire del tutto. Perchè non ho una scorza più dura? Perchè le cose belle semplicemente non arrivano per restare? perchè l’erba del vicino è sempre più verde, più alta più morbida più facile da coltivare?

Sono una persona tendenzialmente positiva, ma sono in un periodo in cui mi sento un pò provata, e ho bisogno di una voce esterna che mi dica che si risolverà tutto, che ho passato periodi ben peggiori e che questa la supererò fischiando, che arriverà tutto, l’amore, il lavoro, la sicurezza economica, la salute, la serenità e le amicizie, che sono una bella persona e merito la felicità come chiunque altro, scusate lo sfogo, ma io queste cose me le sono ripetute fino alla nausea e mi sembrano ora solo parole sbiadite, per favore ricordatemi che dopo la tempesta arriva il sereno, ditemi che anche voi avete avuto momenti in cui tutto sembrava andare a rotoli ed ora siete felici, adtemi una speranza ed una motivazione a credere che è solo una fase che mi aiuterà ad apprezzare meglio “i momenti di gloria”.

Grazie mille davvero a che vorrà rispondermi e scusatemi lo sfogo, davvero, di norma sono solare e positiva, ma al momento sono un pò sfiduciata e spero passi presto perchè non mi piace sentirmi così…. grazie ancora

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

15 commenti a

Dopo la tempesta arriva sempre il sereno?

Pagine: 1 2

  1. 1
    Syd -

    Ti lascio il test tradotto di una canzone piuttosto famosa di Burt Bacharach (ecco il link del video: http://www.youtube.com/watch?v=xbYWkegobTU&feature=related). L’ho ascoltata per tutto il giorno: non ha risolto i miei problemi e non risolverà i tuoi. Ma forse ti strapperà un piccolo sorriso e ti darà un po’ di speranza. Coraggio.

    “Continuano a cadere gocce di pioggia sulla mia testa
    e come il ragazzo le cui gambe erano troppo grandi per il suo letto
    Niente sembra andar bene
    quelle gocce stanno cadendo sulla mia testa, continuano a cadere
    cosi ho parlato un po’ con il sole
    e ho detto che non mi piace il modo in cui lui fa le cose
    dormendo sul lavoro
    quelle gocce stanno cadendo sulla mia testa, continuano a cadere
    ma c’é una cosa che so
    Il blues che hanno mandato ad incontrarmi non mi ha sconfitto
    non ci vorrà molto fintanto che la felicità mi sorriderà
    Continuano a cadere gocce di pioggia sulla mia testa
    ma questo non vuol dire che I miei occhi diverranno rossi presto
    piangere non fa per me
    perché non fermerò mai la pioggia lamentandomi
    perché sono libero
    niente mi sta preoccupando
    non ci vorrà molto fintanto che la felicità mi sorriderà
    Continuano a cadere gocce di pioggia sulla mia testa
    ma questo non vuol dire che I miei occhi diverranno rossi presto
    piangere non fa per me
    perché non fermerò mai la pioggia lamentandomi
    perché sono libero niente mi sta preoccupando”

  2. 2
    Davilmaycry -

    Ciao giraluce, se sapessi le lettere che ho scritto qui crederesti che sono l’ultimo che può dare un consiglio, ma come spesso capita nella vita siamo abilissimi a dare soluzioni per gli altri ma quando si tratta di noi stessi sembriamo non crederci più, che su di noi non funziona, che sono solo consigli per gli altri. Comunque cosa posso dirti? Io di momenti up magari ad averli avuti, ho 29 anni e solo di un anno nella mia vita ho un buon ricordo. Il resto è solo tempesta. Ho dato sfogo al dolore scrivendo anche due libri che forse pubblicheranno o forse no, ma non importa erano frutto di uno sfogo, il che significa che fai bene a scrivere, aiuta. Nella vita quando ti soffermi troppo a lungo a pensare ai mille perché, a volte riesci anche a risponderti, ma la voce di chi sta al di fuori è sempre terapeutica, desideriamo alle volte essere smentiti anche se sappiamo che abbiamo già tutto il necessario per tirare le somme. Io ho capito una cosa fondamentale della vita; l’uomo per come è uomo è il risultato del fallimento della natura! E’ stato creato con tanta intelligenza da percepire il dolore come nessun altro essere sulla Terra è capace, e allo stesso tempo è troppo stupido per capire la vita come senso stesso del termine. Tutto è effimero, destinato a finire, che sia un lavoro, la salute, l’amore, etc. E quando questo avviene non siamo capaci di essere così freddi da non star male. E allora l’obiettivo seguente è riconquistare ciò che è andato perduto, magari riuscendoci. Succede poi, che come per la prima volta, perdiamo di nuovo tutto! E qui subentra la sfiducia, giungiamo alla consapevolezza che ogni gesto è vano, che è quasi inutile lottare una guerra che vincono sempre gli altri. Ed ecco però che poi arriva il momento in cui ti suggerisco di guardarti profondamente negli occhi davanti uno specchio. Sentirai un senso di rabbia e di impotenza ma allo stesso tempo la tua anima che prende forza, che ti racconta che mollare non è opzione, poi comincerà a parlarti l’orgoglio, ed esso non conosce la resa, in nessuno! Tu sei viva e il tuo più grande istinto innato nella tua forma è quello di sopravvivenza! Siamo nati per questo, con questo unico istinto che mai ti lascerà! La vita nel suo significato più primitivo non ha scopo di godere di lussi e di superficialità! E per nutrirsi ha bisogno solo di amore, prima per se stessi, poi per gli altri! Invece oggi l’unica frase più usata è “l’amore non esiste”! Ti direi di non contare l’età, di non contare i soldi o i giorni unti di tristezza, perché per quanto fa schifo la vita basta che domani tu sia davvero felice e non ti verrà voglia di pensare a quanta acqua sporca ti è piovuta addosso! Il senso della vita si è perduto da tanto tempo. Queste sono le parole di un assiduo aspirante suicida, e se ci credo io devi sperarci anche tu! Spero possano farti riflettere per tirare da te un po’ di forza per capire che tutto ciò che finisce è solo un’occasione per un altro inizio. Tifo per te.

  3. 3
    giraluce -

    @ Syd ti ringrazio molto, conoscevo questa canzone, ma non mi ero mai soffermata sul testo, non solo mi hai starppato un sorriso, ma sono partiti anche testa e ginocchio andando a tempo :-)

    @ Davilmaycry Caro Davil e se tu conoscessi me ti stupiresti del fatto che ho scritto una lettera qui… Sono bravissima ad analizzare le situazioni, ad essere lucida e a dare consigli, ma come giustamente dici siamo molto bravi per gli altri quando si tratta di noi perdiamo lucidità…
    Vedrai che i momenti up arriveranno anche per te, te lo garantisco, quello che non posso garantire, perchè al momento non ci credo nemmeno anch’io, e che durino per sempre… però ti assicuro che nel prossimo momento di up che avrò non mi farò domande nè sul perchè nè su quanto possa durare questo momento di grazia ma cercherò di prendere tutto ciò che di bello arriverà anche fosse per qualche attimo, lo userò come boccata di ossigeno tra un down e l’altro…
    Ti auguro che i tuoi libri vengano pubblicati ed io avrò piacere ad acquistarli e leggerli, hai ragione, scrivere è terapeutico, mi aiuta tanto scrivo un sacco, riflessioni, appunti, pensieri che mi balenano nella mente e voglio fermare su carta prima che svaniscano veloci come sono arrivati, e hai ragione anche sul fatto che una voce esterna è terapeutica, soprattutto se questa voce è sulla mia stessa lunghezza d’onda ed è molto sensibile, perchè può capire ciò che provo ma ha l’imparzialità necessaria per vedere le cose in modo lucido.
    E’ vero dentro di me ho tutto il necessario, sò che questo momento è solo una fase, sò che devo essere forte e fiduciosa e che presto girerà meglio, però chissà come mai se la stessa voce ch si trova dentro di noi arriva anche dall’esterno è come se fosse più autorevole…che errore… non è vero?
    Lo sò che la vita è un dono, ne sono grata, e ti assicuro, che devo dire grazie all’istinto di sopravvivenza se nonostante tante batoste sono sempre riuscita a cadere in piedi, però a volte quando capitano certi momenti in cui sei intenta a costruire il tuo castello di carte per l’ennesima volta e appena sistemi l’ultima vedi crollare tutto, ti viene da dire “ma chi me lo fa fare ad essere ottimista e sperare in tempi migliori, magari il mio destino è vivacchiare portando a sera le giornate con i minori danni possibili” ed io invece voglio essere felice, schifosamente felice e per il più a lungo possibile, ed è quello che auguro anche a te, perchè pur nella tua situazione, hai trovato il tempo per una parola di conforto ad una perfetta sconosciuta, ti ringrazio per tutta la lettera, ed in special modo per le ultime righe, mi hai davvero fatto pensare ed hai toccato i tasti giusti per infondermi coraggio e speranza e per questo ti ringrazio infinitamente, anch’io tifo per te! :-)

  4. 4
    Davilmaycry -

    Ciao Giraluce, sono davvero contento di averti trasmesso qualcosa di positivo, a volte la consapevolezza di essere stato d’aiuto a qualcuno è una gioia che ti ritorna indietro, un raggio di sole che per un attimo ti illumina la giornata. Tu mi ringrazi per aver trovato il tempo di scrivere ad una perfetta sconosciuta, ma ti dirò: quando ho letto la tua lettera in verità sei stata una persona assai vicina, nel momento in cui la nostra mente è impegnata nella lettura la tua voce è dentro la mia anima. Posso ascoltare il tuo dolore, e nulla è più forte del desiderio di porgerti la mano, a volte si riesce ad essere un po’ d’aiuto e altre meno. Ti ringrazio anche per aver risposto alla mia lettera. Anche se credo che nello scriverla ho sbagliato a spiegarmi, e il senso di quello che volevo dire si sia perduto. Forse riesco a spiegarti in una sola riga; “Io so cosa mi piace, io sono padrone dei piaceri e dei miei voleri, so tenere le redini della personalità, ma il dolore è sì forte, della sua mancanza, che mi sembra di fare peccato, come se tutti i miei modi di essere e di agire siano stati causa della sua perdita, e per questo li odio e mi odio”. Detto questo so benissimo che solo il tempo potrà tendermi la mano per alzarmi un giorno, e penso che alla fine ognuno ha quel che merita, ma non per disegno divino, ma perché il nostro carattere e la nostra personalità tracciano il nostro cammino. Lo dico a te come a tutti coloro che leggeranno quanto scritto: Io credo che ognuno di noi debba capire in questa esistenza qual è che sia il suo carburante. Le auto vanno a benzina, gli elettrodomestici a corrente, i mulini a vento etc. Io ho bisogno d’amore, altrimenti mi spengo. C’è chi ha bisogno di gratificarsi nel lavoro, chi nel corpo, chi nella mente e così via. Io sono una persona che ha bisogno d’amare ed essere amato per alzarmi dal letto e godere del calore del sole. Se c’è questa forza che mi fa gioire, riesco a superare ogni difficoltà, senza mai pensare che un ostacolo sia troppo grande o impossibile. Sarò sciocco, sarò un romantico sognatore, ma ho capito di cosa ho bisogno per sentire la vita scorrere nel mio corpo. Il momento più bello della mia vita è stato quando ho baciato il viso in lacrime di chi amavo, asciugandolo con le mie labbra. Bere le lacrime dell’amore, lì ho capito che splendide creature siamo, e che nessuna tempesta sarebbe potuta arrivarmi addosso per il semplice fatto che ero io il sereno. Tutto questo per dire cosa? Non lo so, ma credo che se i nostri obiettivi fossero diretti alla conoscenza di noi stessi intesi come esseri interiori, beh…la moneta corrente non sarebbe il dollaro o l’euro, ma un po’ di solidarietà per rendere questa vita più bella a tutti. Scusatemi per la lunga lettera che forse in molti giudicheranno senza senso.

  5. 5
    giraluce -

    @ Davilmaycry Ciao Davil, cito le tue parole “come se tutti i miei modi di essere e di agire siano stati causa della sua perdita, e per questo li odio e mi odio”. Allora… è giusto, onesto ed ammirabile saper riconoscere la propria parte di errori nella fine di una storia, ma mettersi sulla croce delle colpe non è giusto,io credo che addossarsi tutte le colpe per la fine di una storia, sia un’autodifesa… mi spiego meglio, se sono stata io ad allontanare Pinco Pallo per il mio atteggiamento X, posso pensare che se cambiassi il mio atteggiamento X, forse Pinco Pallo tornerebbe da me e per noi ci potrebbe essere un futuro, e così il soffrire anche se fa male è attenuato… Quello che invece dobbiamo fare è accettare la realtà che sarò io, sarà lui, sarà la situazione Y, non ha funzionato… darsi tempo e ti assicuro che prima o poi ti riprendereai e riuscirai a provare desiderio, amore, emozioni e sensazioni per un’altra persona anche se ora ti sembra impossibile…
    Penso che il “carburante” debba essere però qualcosa che puoi produrti da solo, e non un dono dall’alto sennò nella tua esistenza sarai sempre dipendente… Quando avrai smesso di soffrire per questa ragazza, magari ne arriverà un’altra e se dovesse per mille motivi andare via anche quest’altra che farai? Non puoi incentrare il tuo equilibrio su qualcun altro che non sia tu… sennò sarai sempre soggetto a probabili cadute… E’ bellissimo tu abbia voglia di amare ed essere amato, anch’io lo desidero, ma se il mio destino dovesse essere quello di non trovare la mia anima gemella che devo fare appendermi via? Devo cercare di rendere appagata e piacevole la mi vita esclusivamente con i mezzi che ho, e tutto quello che dovrà arrivare in più sarà preso e accettato come un graditissimo dono…

  6. 6
    Davilmaycry -

    @ Girasole, che dire sta diventando un raccontarsi a vicenda eh eh. lo so mia cara, che non posso incentrare il mio equilibrio su qualcun altro. Infatti la differenza tra ciò che si vorrebbe e ciò che si può è il risultato del malcontento dell’intero mondo. Non per questo me ne sto seduto senza agire naturalmente. Ho espresso solo un timido pensiero. AD ogni modo cara Giraluce, parlare con te lo trovo molto interessante e piacevole, sarei lieto di poter conversare ed instaurare un’amicizia, anche solo virtuale, dato che non ho idea di dove tu sia. Se a te dovesse far piacere qui sotto ti scrivo una delle mie caselle email di riserva, dove se tu deciderai di scrivermi ti invierò la email principale di facebook qualora tu avessi un account lì. Ad ogni modo ti auguro tutto il bene di questo modo. email

  7. 7
    mysoul -

    ciao giraluce, leggere la tua lettera mi fa sentire meno sola. Anch’io da un po’ di mesi sono entrata in un periodo down, uno dei peggiori della mia vita..come è successo anche a te, il castello che avevo faticosamente costruito si sta sgretolando piano piano, tutte le mie certezze vacillano e mi ritrovo da sola a pormi milioni di domande e con mille preoccupazioni per il futuro..ogni giorno però mi ripeto che devo farmi forza e cercare di andare avanti come posso, sono convinta che gli sforzi prima o poi vengono sempre premiati, non dobbiamo mollare, dobbiamo essere forti..non è la prima volta che ricomincio da capo, già in passato mi è capitato di partire da 0 in una nuova città, lontana dalla famiglia e da tutti i miei affetti..è stata dura ma poi ce l’ho fatta..non so quanti anni hai, ma presumo anche tu sia giovane..io credo che la vita di una persona possa cominciare/ricominciare in qualsiasi momento, basta volerlo..possono accadere anche piccole cose che la sconvolgono, spesso inaspettate, perciò mai dire mai :)!!! coraggio..siamo già in 2 a “lottare” :)!!!

  8. 8
    giraluce -

    @ mysoul mi ha fatto molto piacere leggerti, siamo nella stessa situazione quindi… anch’io come te mi ripeto che dvo essere forte, positiva, dignitosa e verrò premiata, anche a me come a te è capitato di dover ricostruire tutto da zero e anch’io ce l’ho fatta… 2 mesi fa festeggiavo il contratto a tempo indeterminato ed ero in una situazione sentimentale da film, con un ragazzo bello come un modello che mi stringeva a se davanti al camino acceso… ora per problemi dlla ditta mi ritrovo senza lo stipendio di 2 mesi,con in mano la lettera di licenziamento, in più sono con l’influenza ed il modello è evaporato… lo sò che non sono questi i problemi, però cara mysoul sono stufa…
    si sono giovane, ho 32 anni e ancra tanto da costruire e ricostruire… però che palle…
    Hai ragione, la vita può cambiare nel giro di pochi minuti… possono succedere cose bellissime, però per quanto? Ciclicamente sono sempre nella stessa situazione, con gli stessi identici problemi… tengo dei quaderni su cui scrivo ciò che mi capita… sono andata a leggerne uno scritto a ottobre 2010, sembra scritto da me ieri…non ho dubbi che ce la farò, ce l’ho fatta altre volte, ce la farò anche questa volta, come non ho dubbi che ce la farai tu, però sarà sempre tutto così precario? E la felicità che avrò fra qualche mese avrà anch’essa una data di scadenza? 2 mesi fa… mi scoppiava il cuore dalla gioia, dentro di me continuavo a ripetere “grazie grazie grazie”, mi sembrava di avere tra le mani la ricompensa per essere sempre stata corretta, forte e fiduciosa nell’arrivo del famoso momento migliore,ed ora se mi guardo indietro mi trovo solo ridicola e patetica per essere stata tanto felice in una situazione ce da li a poco sarebbe crollata miseramente…

  9. 9
    mysoul -

    capisco come ti senti, non mi dici nulla di nuovo!!! io credo che spesso sia una questione di carattere..chi è corretto e agisce con onestà non sempre è poi adeguatamente ricompensato ..quanto agli uomini, beh meriterebbero un capitolo a parte..potrei scrivere un libro con tutto quello che ho passato, i bei ragazzi poi sono i peggiori, ma è anche vero che ce ne sono anche di bravi e seri, solo che magari siamo attratte da quel genere di uomo un po’.. “stronzo” ecco!!! ad ogni modo se ti fa piacere possiamo chiacchierare in privato, parlare con una persona che attraversa una situazione analoga può essere un aiuto oltre che un conforto, magari ci diamo qualche consiglio utile, che dici??? :)

  10. 10
    giraluce -

    Oggi la mia mamma è passata da casa mia per vedere se avevo bisogno di qualcosa, mi ha portato la macchinetta per l’areosol, un libro di cui ho visto ieri il film(per la cronaca “storia di una gabbianella e del gatto che le insegnò a volare”), il latte (le avevo detto che ero rimasta senza, e al super sottocasa non hanno i brick da 1/2 lt, però le avevo anche detto che avrei bevuto il the…), e un cofanetto di cioccolatini della lindt mandato da mio zio che sta in svizzera, chissà se ci sono anche in Italia, non ci ho mai badato… bhè dopo averlo guardato con diffidenza tutto il pomeriggio, stasera ne ho mangiato uno, poi ancora uno e un’altro ancora… si ok uno per tipo ;-) W la cioccolata, mi sento positiva di buon umore e senza sensi di colpa, e dirò circondata d’amore perchè ho solo detto “ho finito il latte berrò il the” ed è arrivato di tutto di più, mi ricordo una massima di mio padre che diceva “l’amore è quando ti viene chiesto un bicchiere d’acqua e tu ci metti una fetta di limone sul bicchiere”, è vero è questo l’amore, dare di più di quello che ti viene chiesto, sentire l’esigenza di esaudire i desideri della persona amata prima ancora che possa chiedere, probabilmente l’amore di un genitore è quello che più di tutti va vicino all’amore incondizionato… si a volte mi fanno impazzire quando mi chiamano per ricordarmi se ho pagato il canone rai, o il bollo o l’assicurazione della macchina, mi sento trattata come un’irresponsabile di cui non avere fiducia… eppure oggi ho capito che per loro non sono una donna con l’influenza, ma la loro bambina malata che abita da sola (ci separano 10km!), e per quanto sono indipendente e sgorbutica mi ha fatto piacere, mi sono sentita come quando hai un brutto sogno e dormire nel lettone tra mamma e papà ti fa sentire invulnerabile, intoccabile, protetta e amata…
    Volevo condividerlo con voi… mi sento stupida perchè sto facendo un viaggio e invece di guardare il panorama mi fisso sulle buche, sui moscerini che si spiaccicano contro il parabrezza… sui dettagli stupidi che alla fine dei conti sono irrilevanti e ti hanno solo fatto perdere energie e tempo… oddio magari ho sbagliato esempio perchè a parte l’influenza e il tipo del camino il resto no è che sia proprio irrilevante, però forse quello che volevo dire a me stessa che dovrei dare alle cose positive quanto meno lo stesso peso che dò a quelle negative… e invece a volte quelle positive le dò per scontate mentre enfatizzo quelle negative finendo per sentirmi una specie di tiro al bersaglio per il destino… bhè forse non è proprio così…
    E’ la vita va a fasi ora sono in discesa presto ci sarà una salita, poi un’altra discesa, poi un’altra salita e così via fino alla fine… quello che ho capito che le cose davvero solide non si fanno buttare giù con la caduta del castello di carte… e quindi se è bastato un soffio per buttare giù tutto, vuol dire che non era solido… certe cose non dipendono da me, altre si, e ogni volta devo

Pagine: 1 2

Lascia un commento

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.