Denuncia ai carabinieri via internet

di viseminara

Lo Stato ha messo a disposizione dei cittadini un servizio di denuncia via web. Si, da due anni circa nelle città di Roma, Padova, Avellino .In questi comuni è possibile effettuare una denuncia da casa, cododamente seduti cliccando il sito www.carabinieri.gov.it e seguendo le indicazioni dal pc, per poi ritirare la copia con tutta calma. Il risparmio di tempo burucratico è notevole, l’iniziativa è lodevole ma non ancora attiva in tutta Italia , e c’è chi vorrebbe, specialmente al sud usufruire di questo servizio. Sarà utilissimo nelle città ad alta densità di criminalità organizzata. QUANDO POTRA’ ESSERE ATTIVO ?

L'autore ha scritto n.107 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione

Continua a leggere: Attualità - Cittadini

Scrivi una Lettera    Ultime Lettere    Ultimi Commenti    Lettere Senza Risposta

83 commenti a

Denuncia ai carabinieri via internet

Pagine: 1 7 8 9

  1. 81
    retretre 7890 -

    Anzi lei non è stato condannato altrimenti avrebbe avurto a che fare con i corrotti bulli che per un anno molestano, provocano, e torturano in continuazione per farsi l’encomio, ogni giorno, ogni giorno? E’ una prassi per certuni di giorno e di notte? Poi se gli stanno antipatici o non gli danno raccomandazioni peggio, se lei è un personaggio dello spettacolo stia attento certuni sono degli sciacalli?

  2. 82
    tutta la verità 098 -

    ricevo ancora circonvenzioni, sento rumori in casa mia?

  3. 83
    Dario Mongiello -

    Carabinieri al posto del 118. Bambino che non respira soccorso e salvato
    Spesso, ingiustamente, si accusano i carabinieri di non essere presenti in caso di necessità. In realtà la storia che raccontiamo, dimostra il contrario. L’altro giorno, in via Carmagnola a Pinerolo, la pattuglia dei carabinieri di Pinerolo sono fermi al distributore di benzina per il rifornimento di carburante al mezzo di servizio. All’improvviso, dal portoncino del condominio di fronte, esce un uomo M. V. con un bambino di due anni in braccio che urla. “Aiuto mio figlio non respira più.” Dietro all’uomo la moglie, tutti e due sconvolti. “La testa del piccolino era sorretta dal braccio del papà – racconta il nostro testimone – il volto era bianco e in effetti non respirava. Ho visto i due carabinieri che gli sono subito corsi incontro e hanno portato i due genitori con il bambino dentro l’ auto di servizio e, senza pensarci due volte, hanno invertito la marcia e con i sistemi d’emergenza accesi sono andati via verso l’ospedale. In ospedale il bambino viene subito rianimato e per i genitori un grande sospiro di sollievo, e in lacrime riferiscono alla pattuglia voi siete “angeli chiamati Carabinieri” .

Pagine: 1 7 8 9

Scrivi un Commento
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie.
Rispetta l’autore della lettera e gli altri utenti: resta in tema, non chattare, usa un solo nome, fai un uso limitato di abbreviazioni SMS e Maiuscole.
Puoi inserire al massimo 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Il server pubblica in via automatica i commenti alle ore pari (2, 4, 6, 8 ...).
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.

Il tuo indirizzo email non verrà pubblicato.

 caratteri disponibili

Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.