Salta i links e vai al contenuto

Come posso dare la giusta importanza alla scuola?

Ciao a tutti! Mi sono appena registrata principalmente per sfogarmi e trovare qualche buon consiglio. Mi sono accorta di essere sempre troppo ansiosa e dare un’esagerata importanza alla scuola: ho 17 anni, frequento il quarto anno al liceo classico e studio tante, tantissime ore al giorno. Spesso, quando non studio, mi sento in colpa… Per non parlare dell’ansia che mi viene ogni volta prima di una verifica! Una volta è capitato anche che mi alzassi di notte per andare a ripassare. Mi viene spesso il batticuore, mi sento sempre insicura e agitata… ora sono stufa.

Fortunatamente quasi sempre queste fatiche sono ripagate, ma quando questo non succede vado in crisi. Mi dispiace ammettere che è accaduto ben tre volte in due mesi che scoppiassi a piangere istericamente in classe, davanti a prof e compagni, in seguito a una valutazione al di sotto delle mie aspettative, ma comunque più che sufficiente. Mi rendo conto che queste reazioni non sono normali, ma io mi impegno sempre al 100%, dedico anima e corpo allo studio e quando non raggiungo i risultati sperati non riesco a fare altro che piangere e singhiozzare. Lo so, non serve a nulla, ma è una reazione istintiva e non riesco a controllarmi. Io non mi voglio arrendere e voglio superare questa cosa.

Cosa posso fare? Io penso anche al futuro: se un domani, a un colloquio di lavoro, mi rifiutassero, sarebbe ridicolo comportarsi così…

Margherita

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere con argomenti simili:
Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso - Scuola
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

6 commenti a

Come posso dare la giusta importanza alla scuola?

  1. 1
    camy -

    ciao.. la tua è l’ansia della perfezione.. hai subito forse pressioni in famiglia (tua madre, tuo padre ecc..) riguardo i buoni risultati nello studio? hai percepito che loro ci tenessero particolarmente? o forse anche in senso generale sui tuoi comportamenti che ne so: aiutare in casa, essere “brava” e “ubbidiente”, cavartela da sola senza dover chiedere molto a loro.. insomma ti sei forse sentita fare delle pressioni forse anche solo percepite e non dette chiaramente da parte dei tuoi familiari più stretti? potrebbe venire da lì il tuo problema.. che non vuoi deluderli..
    ma spesso i genitori non si rendono conto che non è importante che i figli siano perfetti ma solo che siano felici..
    se non è per questo non so quale altro possa essere il motivo della tua ansia.. ma puoi pensarci e scoprirlo, almeno saresti a metà della cura.. un saluto!

  2. 2
    Rossella -

    E’ importante prendere sul serio il proprio lavoro; per esperienza ti posso dire che questo stato d’animo mi assaliva solo quando mi confrontavo con la lingua straniera… purtroppo non tutti sono portati per lo studio, secondo me diventa frustrante passare ore sui libri sapendo che non riuscirai a cavare un ragno da un buco… la mia media era abbastanza alta perché studiavo veramente tanto ma ti posso dire che ho rimosso tutto! Il mio inglese è veramente pietoso.

  3. 3
    rob -

    Sei una di quelle persone che vuole primeggiare….nel tuo più intimo c’è la consapevolezza di essere la migliore e non puoi deluderti!!..ma spesso a quelle come te…quando devono confrontarsi si autodistruggono…gli altri..come tu gli giudichi…vivono molto più rilassati..e di conseguenza spesso fanno centro..e se qualora non lo facesserò..ciò non distrugge la loro autostima!!Questo non accade con te

  4. 4
    Bobo -

    Ciao Margherita, il consiglio che ti posso dare, per quanto banale possa essere, è questo : rilassati.
    Rilassati con la consapevolezza che la scuola che stai frequentando ti darà un diploma che altro non è che il passaporto per la disoccupazione (a meno che tu non sia ricca e ti possa permettere di non lavorare), rilassati perchè le scuole italiane sono dei diplomifici completamente vetusti sotto tutti i profili (programma di studio, normative vigenti, ecc.), rilassati perchè prendere 8 in una cazzo di interrogazione su Sallustio non ti aprirà MAI NESSUNA PORTA NELLA VITA.
    C’è necessità di specializzarsi, SPECIALIZZARSI, e non è con il latino o il greco antico che uno può guadagnarsi il pane, a meno che tu non sia fra le grazie del clero, inteso…
    Non agitarti, la scuola italiana non merita tanto, non per nulla siamo ultimi in Europa ( e forse nel mondo, a questo punto..) anche nell’aggiornamento dei programmi scolastici.
    Vai tranquilla cara

  5. 5
    Redhead -

    Cara Margherita sono nella tua stessa situazione, quarto anno al liceo classico, crisi sempre più frequenti e, dall’anno scorso, disturbi alimentari. La verità? Sono terrorizzata all’idea di deludere gli altri… perché alla fine è questo che ci mette ansia, che ci butta a terra: le aspettative più altrui che nostre. Bisogna per prima cosa arginare quelle altrui, far capire ai genitori che non devono pressarci (in questo bisogna essere molto decise, la vita è nostra non loro), non preoccuparsi di deludere l’insegnante (si accorgono dell’impegno quando questo è sano, se diventa una fissazione cominciano a preoccuparsi e a perdere fiducia, mostrati matura capendo che il voto è una valutazione contingente e non certo data alla tua persona ma alla tua prestazione), non aver paura di dire agli amici cosa voui (punti al 9? diglielo a costo di sembrare una secchiona, ti sapranno aiutare allentando la tensione). Per finire, e qui viene il difficile, comprendi i tuoi limiti, organizza lo studio tenendo conto del fatto che sei umana. Lo svago libera la mente: “Mens sana in corpore sano” mia cara compagna classicista ;) è meglio perdere un credito che farsi venire un’ulcera, anche perché il voto dell’esame di quinta non se lo fila nessuno una volta finita la scuola. Pensa a te stessa e vedrai che anche con un atteggiamento un po’ più spensierato riuscirai a mantenere ottimi risultati <3

  6. 6
    mario -

    il Liceo Classico da che mondo è mondo è una scuola impegnativa che richiede ore e ore di studio per ottenere dei buoni voti
    nonostante le baggianate che si sentono è ancora l’unica scuola che apre veramente la mente e consente di sviluppare varie doti che risultano utili in futuro, qualsiasi sia la strada intrapresa, non credere a chi ti dice che non è così
    comunque ti consiglio di ritagliarti del tempo per te stessa, imponiti ogni giorno almeno 1 ora di relax, durante la quale fare quello che più ti piace, leggere, fare sport, coltivare un hobby, uscire con un’amica, qualsiasi cosa ti faccia stare bene e ti rilassi, devi svuotare totalmente la tua mente in quel momento
    e nel week end ritagliati anche più di un’oretta se puoi, magari anche una giornata intera se non hai verifiche il Lunedì, ok?
    mi raccomando

Scrivi un Commento

I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte ai commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.