Salta i links e vai al contenuto

Coppia a tre

di

Mi chiamo Alberto e ho 22 anni. Da 6 mesi sto con la mia attuale ragazza di anni 20. La mia relazione è completa a 360°: intesa sessuale, instesa di coppia, sincerità/onestà e ammetto che molte volte la sua intelligenza mi scavalca. Nell’ultimo mese, abbiamo riscontrato un problema: poco dialogo, tanto sesso (e ammetto questa cosa mi ha dato un po’ fastidio) . Per 10 giorni lei si è assentata, e io mi sono preso questi giorni come una riflessione, nonostante mi sia fatto sentire tutti i giorni. Il problema è venuto fuori quando ho visto qualcosa di più in una ragazza dalle curve “pennellate” che esce in compagnia con noi (nonché amica della mia ragazza) . Ho raccontato la mia attrazione sessuale che provavo per questa ragazza alla mia ragazza e giustamente l’ha presa male. Preso dalla confusione, ci siamo baciati e abbiamo fatto sesso. Una volta tornato a casa mi sono venuti sensi di colpa accompagnati da conati di vomito e pianto. Io la amo e voglio stare con lei perché una ragazza così non penso di ritrovarla. Soffro per questa cosa che ho fatto e desidero dirgliela. Come faccio? Meglio che mi liberi la coscenza dando spazio a lei di starci male o meglio mantenere la cosa nascosta?
PS: questa ragazza con cui ho fatto sesso, mi ha assicurato che manterrebbe il segreto ma come dice il detto: “tutti i nodi tornano al pettine”.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere attinenti a:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Sesso
Una lettera scelta dal caso proprio per te...

11 commenti a

Coppia a tre

Pagine: 1 2

  1. 11
    Amico -

    In questo caso però, alla semplice pulsione emotiva, è seguita anche una fase attuativa che ha portato Alberto a tradire il tacito contratto stipulato tra i partner, che ha di fatto interrotto il rapporto con la propria compagna, indipendentemente dal fatto che essa ne sia consapevole o meno. Questo comporta la necessità ad assumersi le proprie responsabilità, rendendo consapevole la propria compagna dell’accaduto, sciogliendo formalmente il rapporto. Soltanto dopo questo passaggio è possibile tentare di costituire un nuovo contratto, se si è interessati a che ciò avvenga, sempreché la propria compagna ne sia interessata, oppure lasciare definitivamente terminare l’esperienza vissuta. Altre possibilità non vi sono, se non una squallida condizione d’ipocrisia vissuta all’insegna della menzogna, e che naturalmente non può che condurre ad una vita grama, preludio d’infiniti fallimenti.

Pagine: 1 2

Scrivi un Commento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18, 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica etc) o promozionali. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema": per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
(1) modifica possibile prima della pubblicazione solo dallo stesso computer e IP del commento (da qualsiasi postazione se hai fatto il LOGIN).
(2) i commenti fuori tema vengono cancellati alla sessione successiva; le risposte a commenti fuori tema non vengono pubblicate, è possibile però rispondere in Chat.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili
Ricorda che sei personalmente responsabile di quanto scrivi su questo forum: prima di inviare il commento verifica che non infranga norme di legge e che non arrechi danno, non offenda la reputazione e non violi la privacy di alcuno.