Salta i links e vai al contenuto

Io vorrei un bimbo ma lui no

Lettere scritte dall'autore  farbia
La lettera è pubblicata a Pagina 1

L'autore ha scritto 4 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

71 commenti

Pagine: 1 2 3 4 5 8

  1. 21
    maria grazia -

    Everest che posso dirti… io non sono affatto convinta che la famiglia tradizionale sia l’ unico modello da perseguire, l’ unico modello positivo possibile. ma ovviamente rispetto anche il tuo punto di vista. secondo me il fatto che sempre più donne vogliano un figlio MA NON UN COMPAGNO è un segno dei tempi che cambiano, è indice del fatto che tante donne, dopo un equilibrio e un’ indipendenza faticosamente raggiunti, magari lottando contro tutto e tutti, adesso molto probabilmente non hanno voglia, a 30/35 o 40 anni di rimettere tutto in discussione perchè arriva un pinco pallo che gli suggerisce cosa devono pensare, come devono vivere, cosa devono scegliere. non so, azzardo un’ ipotesi… ma forse queste donne, proprio come ormai anche tanti uomini, vedono la presenza di un partner fisso più come un’ invasione nelle loro sfere che come un naturale completamento o una necessità. un tempo uomini e donne avevano ruoli più distinti e più definiti, e ognuno era FUNZIONALE all’ altro. oggi non può essere più così, perchè alla donna è richiesto tanto quanto all’ uomo di COMBATTERE per conquistarsi il suo posto al sole, e questo non ci permette più di essere compagne accomodanti e rassicuranti, con un conseguente forte disappunto degli uomini. Insomma, noi donne di oggi – per tante ragioni – non possiamo più essere solo quelle che figliano, tacciono e obbediscono!
    ecco perchè oggi molte famiglie che si formano sul vecchio modello poi scoppiano! perchè quel modello non è più funzionale alla realtà DI OGGI. Da qui l’ esigenza, per molte donne, di crescere un figlio da sole, piuttosto che insieme a un partner con cui sarebbero in perenne conflitto.

  2. 22
    Sarah -

    MG quella frase di mio padre non è certo stata detta a chi si è sempre approfittata dei suoi soldi, se vai via di casa sei come marchiata. Rimaniamo ancora in un paese troppo arretrato a livello intellettivo!

  3. 23
    maria grazia -

    Everest ti lascio questa e-mail se vuoi parlare un pò in privato. ciao

    xvkiul@pwrby.com

  4. 24
    maria grazia -

    saraah, marchiata ??…. altro che marchiata ! io andando via di casa per vivere da sola ho dovuto subìre rinfacci e umiliazioni di ogni tipo e non solo da parte della mia famiglia. ma la cosa più assurda di tutte è che, nonostante io sia una donna che se l’ è sempre cavata da sola senza mai chiedere un caxxo di nulla a nessuno, vengo scansata da molti uomini perchè pensano che cerco il pollo. che cerco uno da FREGARE !! IO ????? ma se non ho nemmeno accettato di farmi mantenere dai miei genitori ! figuriamoci se accetto di farmi mantenere da un uomo! si sarah è vero. se sei una donna indipendente in Italia viene MARCHIATA, a PRESCINDERE da come vivi o non vivi ! ecco perchè la mentalità di questo paese mi fa schifo, e gli uomini che si attengono a questi ragionamenti mi fanno ancora più schifo perchè sono solo dei grandissimi ipocriti, dei PORCI INSIDE d.o.p.!! finti “bravi uomini”, VERI OMUNCOLI ( come tutti i loro amici.. ) !

  5. 25
    Sarah -

    Gi uomini sono attratti dalle donne forti perchè per loro è una sfida ma non riuscendo a sottometterle e sentendosi inferiori, ecco che partono le offese, i rinfacci e storie inventate apposta per convincersi e convincere i loro 4 amici scemi come loro che hanno ragione e la donna è cattiva.
    Mio marito era felice che abitassi da sola e se prendessi più di lui non gliene fregherebbe una cippa, siamo una squadra, non due individui separati, lavoriamo ogni giorno in coppia, ognuno fa il suo e quello che può ma sono cose rare MG. La mia famiglia sta in un posto pieno di maschilisti dove la donna si sposa giovane sennò è scandalo e vedi come tante ragazze sposate si ritrovano cornute e devono solo stare a casa a fare le schiave e a soddisfare il maritino a schiocco di vita…la fine che sta facendo mia sorella e il bello è che sono convinte che saranno felici facendo le mantenute, si mantenute ma schiave!

  6. 26
    maria grazia -

    le cose sarah funzionano più o meno così: le donne forti attraggono, sopratutto perchè sono percepite come molto focose a letto. e i primi tempi va tutto bene, finchè poi gli amici e i conoscenti di paese – PER PURA INVIDIA – cominciano a instillare nell’ orecchio del protagonista del neonato duo amoroso, tutta una serie di dubbi laceranti, più o meno di questo tenore: “minghiaaa cumpààà…. ma vero èèè ??? davvero con quella femmena vuoi stareee ?? QUELLA BOCCIANA E’ !”
    Ho usato la cadenza siciliana perchè, in queste situazioni, è quella che rende meglio l’ idea 😀 ma ovviamente queste cose accadono anche nel resto d’ Italia, dove i consigli vengono espressi in altri dialetti ma sono comunque gli stessi. naturalmente questi “cari amici” che danno consigli, sono quasi sempre ( ma mi sa che possiamo anche togliere il QUASI ) uomini mediocri e sfigati che nella vita hanno avuto scarso successo con le donne, e darebbero non so cosa per trovarne una bella, intelligente e anche sessualmente disinibita. ma con le loro facce da culo e il loro cervellino limitato non gli è concessa tanta grazia, e allora cercano di distruggere le storie altrui, possibilmente sul nascere, in modo che la felicità dell’ altro non arrivi a urtarli troppo. TIPICHE USANZE DI PAESE.
    Come anche quella di tenere in vita il caro vecchio patriarcato ( che prevedeva appunto il mantenimento materiale della donna in cambio della sua totale assoggettazione ), e tanto caro anche ai misogini di LAD, come io e te ben sappiamo 😉

    ciao cara 🙂

  7. 27
    Sarah -

    credo che la gente non abbia ancora imparato a farsi i caxxi suoi… 😀

  8. 28
    M. -

    MG,

    un uomo che permette ai suoi “amici” di parlare in quella maniera della donna che è (momentaneamente) al suo fianco, è un uomo che ha la stessa consistenza di una loffa. È un uomo incapace di farsi rispettare.
    E se una persona che non è capace a far rispettare se stessa, con quale autorevolezza può aspirare ad una forma di rispetto verso la (momentanea) sua donna?

    Io ho sempre “sfidato” le cosiddette donne forti.
    Quelle che appaiono come dure, irraggiungibili.
    Quelle che non te la danno vinta se non dopo averti fatto sputare un po’ di sangue.
    Forse è una questione di gusti, di temperamento, di carattere, ma io una donna capace solo a pronunciare “sissignore” non la calcolerei.
    Non mi attirerebbe. Nemmeno se avesse quel tipo di bellezza che a me piace. Non la troverei stimolante.
    È più che altro una cosa mentale, di testa.
    Durante la mia “carriera amorosa” ho sempre avuto donne un po’ più grandi di me, e non solo per una questione puramente sessuale, ma anche per una questione di semplice fascino.
    Una donna consapevole di sé è una donna che affascina molto.
    Secondo me molti uomini scappano da questo.
    Scappano di fronte a quella sensazione di instabilità che si crea quando si subisce un qualcosa che non si riesce sempre a controllare. Una donna ed un uomo affascinanti, questa instabilità, la creano.
    Una donna forte, consapevole, questo fascino lo emana, e tutti gli uomini ne sentono “l’odore”, anche quelli invidiosi che tendono a minare i rapporti altrui.
    Stessa cosa vale per le donne, ovviamente.
    Se fossi una donna non mi fiderei mai di un uomo che lascia questa libertà di parola a questi suoi “amici”.

  9. 29
    M. -

    Sarah,

    la mia “sfida” nei confronti di certe donne, non mirava alla loro sottomissione.
    Io sono uno che ha bisogno di litigare, ogni tanto,con chi mi sta vicino, e come “lancio piatti”, così li ricevo, ed una donna sottomessa non arriva ad uno scontro frontale con un bruto come me.
    Scontri furibondi, ma sempre e solo verbali. Sia chiaro.
    La mia sfida consisteva nel riuscire ad entrare nella testa, e nella sfera affettiva, di quelle donne che parevano irraggiungibili.
    Non so se mi spiego.
    È una cosa un po’ contorta.
    In parole povere, di fronte a queste donne forti, dure, fredde, volevo a tutti i costi raggiungere la loro parte sensibile, volevo la loro dolcezza, della quale io ero sicuro dell’esistenza.
    E devo dire che riuscire a conquistarsi i lati più nascosti delle persone, è una bellissima sfida ed una bellissima vittoria, e più divento “grande”, più mi accorgo di quanto sia importante saper gestire con cura quella sfera affettiva, amorosa, che una persona che ti ama consegna nelle tue mani.
    Io questa cosa l’ho capita, non attraverso una cura amorosa della mia sfera affettiva che avevo consegnato ad una donna che amavo, ma attraverso il dolore che mi è piombato addosso dopo che questa mia sfera era stata frantumata da chi “doveva” curarla.
    Le sfide che mirano alla sottomissione, non sono sfide.
    Sono atti di pura ignoranza, e si sa che l’ignoranza trova delle autostrade sulle quali avanzare.
    Ciao

  10. 30
    maria grazia -

    M.
    a sentire voi uomini sembrerebbe che la donna forte, volitiva e imprevedibile piace a tutti, ma non mi sembra che sia così, altrimenti io avrei già trovato la mia “metà”, non ti sembra ? e non credo neanche francamente che esistano uomini immuni a qualsiasi condizionamento esterno nella scelta di una compagna, perlomeno io non ne ho mai conosciuti finora. ma se tu sei l’ unico caso a sè, mi levo il cappello ! certo quello che ho descritto sopra, facendo l’ esempio del paesino di provincia, è un caso piuttosto caricaturale e folcloristico, eppure come dice anche sarah in molti casi è quello che ancora oggi succede, specie nelle realtà piccole. se tanti uomini hanno bisogno di farsi spalleggiare dagli amici nel valutare una certa situazione, è segno che evidentemente c’è qualche vuoto, qualche debolezza di fondo che non hanno risolto. ma rimane il fatto che noi donne con queste cose ci dobbiamo fare i conti tutti i giorni, perchè influenzano l’ evolversi delle storie più di quanto non si creda. e non lo dico perchè sono paranoica, ma perchè l’ ho vissuto sulla mia pelle costantemente nel corso degli anni. quindi, tu sarai anche l’ eccezione alla regola. ma siccome io, NEI FATTI, con le “eccezioni” non ci ho mai avuto personalmente a che fare, rimango della mia idea: e cioè che, perlomeno nei rapporti di coppia, noi donne siamo più forti e meno influenzabili degli uomini, e se ci interessa seriamente una persona andiamo anche contro il mondo intero!
    se poi uno fa quello che gli suggeriscono gli amici perchè di quella persona in fondo non gli frega più di tanto, quello è un altro discorso. e in quel caso il consiglio di un amico avrebbe fatto comunque poca differenza. ma io ti parlo proprio di uomini che da un giorno all’ altro cambiano completamente atteggiamento, che sembrano aver compreso la situazione e poi invece da un momento all’ altro ti si rivoltano contro come iene. e lì capisci che c’è stata un’ opera di convincimento !

Pagine: 1 2 3 4 5 8

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)


▸ Mostra regolamento
I commenti vengono pubblicati alle ore 10, 14, 18 e 22.
Leggi l'Informativa sulla Privacy. Usa toni moderati e non inserire testi offensivi, futili, di propaganda (religiosa, politica ...) o eccessivamente ripetitivi nel contenuto. Non riportare articoli presi da altri siti e testi di canzoni o poesie. Usa un solo nome e non andare "Fuori Tema", per temi non specifici utilizza la Chat.
Puoi inserire fino a 2 commenti "in attesa di pubblicazione" per lettera.
Se non vedi i tuoi ultimi commenti leggi qui.
La modifica di un commento è possibile solo prima della pubblicazione e solo dallo stesso dispositivo (da qualsiasi dispositivo se hai fatto il Login).

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili