Salta i links e vai al contenuto

Vorrei scappare!

Giuro, in certi momenti vorrei scappare… vorrei scappare dalla mia testa, essere ubriaca, smetterla di pensare, uscire dal mio corpo e prendermi a calci da sola, dirmi “sveglia!” …
Non ne posso più di essere fatta come sono fatta… Stupida, fragile, indecisa, mi odio a morte!
E va bene, non stavo bene oggi, ma come si fa a rimanere fino alle 5 del pomeriggio sul divano a vedere ogni sorta di cavolata in tv?
Quando potrei studiare, alzare le chiappe ed andare a fare un giro, iscrivermi a quella dannata palestra invece di continuare a lamentarmi che non sto bene con me!
Non cambio niente stando sul divano… niente.
Ogni tanto esplodo! Sì, ho gli attacchi di euforia, penso “ora faccio questo, quello, quell’altro”… Poi parlo coi miei, vedo come ragionano, e boh, mi deprimo, mi sparisce tutto dalla testa, penso “ma che credo di poter fare?”… e non combino mai, assolutamente nulla.
E se mi vedono stressata, ogni volta, mi sento dire “massì, è per l’università”, e palle varie…
Sììì, è l’università… E non solo! E’ una marea di cose… Sono io, sono loro, è la gente, è il materialismo, è il tempo che corre con me che gli arranco dietro e…
E sono un’incapace, non so fare un gran che e poi mi scoppia la testa, voglio scappare!
Via da questa casa, via dai problemi stupidi, via da me… voglio svegliarmi diversa, voglio svegliarmi a 14 anni, rigorosamente diversa, o almeno avere il tempo di non diventare così!
O voglio svegliarmi a 26, laureata, voglio sposarmi, sentirmi bellissima e amatissima per quel giorno, ho troppa fantasia, già vedo le foto che farei… voglio un matrimonio in un giardino, pieno di fiori, voglio lui, voglio progettare una vita nuova, trasferirmi dove di Italia non c’è nulla, fare dei figli, so già come li voglio crescere! Diversamente da me, più liberi, più comunicazione, più immaginazione, più viaggi, conoscenza, apprendimento… Vita da arrivare a 30 anni e dire “però, quante cose ho fatto”, e lasciarli a tirare su qualcuno, come io avrò fatto con loro…
E lo so, lo so che sembrano cavolate, so che posso dire “beh, ho vent’anni, ho qualche anno per lavorare su di me, sui miei difetti i miei dannati 26 anni stupendi arriveranno, no?” …ma che so, alle elementari aspettavo i 19, non so perchè, avevo la fissa dei 19… beh, sono arrivati, che ho guadagnato? Nulla…
Non che io avessi grandi aspettative… Ma non sento di aver avuto tutto quello che hanno avuto i miei coetanei…
Non sono pronta a crescere, non voglio.
Voglio tornare indietro e fare solo cose belle, voglio i viaggi, le feste di compleanno, le sbronze (sì, lo so, non è una cosa bella, però boh, mi chiedo perchè non mi sono mai ubriacata…), perchè no, anche relazioni stupide…
Ho una mente così aperta a tutto, la voglia di fare (o forse l’avevo, non so)… A 15 anni volevo lavorare, avevo progettato la mia casa ideale, la mia mente produceva così tante cose!
Ma perchè sono ancora qui a vivere come un’ameba? Perchè?
Non è che mi lasci trasportare dagli altri, anzi, ma sono ameba comunque! Se non dalle persone, mi lascio trasportare dalla vita… E’ una cosa schifosa…
Non sono felice, per niente. Non riesco a studiare, non riesco ad appassionarmi nemmeno alle cose che mi piacciono, non trovo la motivazione, sono stanca di essere me…
Di essere la me che sono, non quella della mia mente, quella impegnata fino al collo ma che riesce comunque a farcela e a trovare tempo per i propri affetti…
Invece… Sono quella pesante, nel cuore, che reprime il proprio amore e non fa altro che lamentarsi e mamma mia quanto mi odio a volte…
Sono così stufa anche di scrivere…
Mi aiuta aiutare le persone… Ma a me quando ci penso?
Ma perchè devo essere autodistruttiva?
Perchè devo avere paura dei giudizi delle persone? Perchè non devo rompere quel fottuto specchio e riguardarmici solo fra un po’ di anni?
“Perchè alla sera mi fai sempre ste storie?” …perchè la sera mi guardo e mi spavento, non mi piaccio.
Perchè non mi danno un calcio verso l’indipendenza, verso la fatica di diventare chi voglio essere?
Perchè non fanno altro che ripetere o che vado bene così, o che blaaa blaaa blaaaaaa, battutine varie?
Io sono così stupida… Che mi innervosisco, che rispondo male…
E mi sento uno schifo… Fossi almeno brava…
Mi sento così oppressa…
Vorrei scappare da tutti quelli che conosco e fare una vita nuova, sono stanca, non ce la faccio, diavolo, me ne voglio andare.

L'autore ha scritto 15 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

9 commenti

  1. 1
    lory -

    Ciao Empatica,

    ho appena finito di leggere la tua lettera e ti devo dire, che mi sembrava di averla scritta io, guarda mi sono riconosciuta in tutto. Anch’io faccio l’università, ma al momento non riesco a studiare, mi voglio prendere un anno di pausa, lavorare, mi sforzo a fare tutto, ma in realtà non ho voglia di fare niente. Vorrei essere spensierata, essere di nuovo bambina, ma al contempo già adulta e laureata. Io sto seguendo al momento un corso di zumba, guarda te lo consiglio, è divertente, ti puoi sfogare e sudi senza accorgertene.
    Io ti capisco perfettamente, sei esaurita, forse dovresti prenderti un periodo di pausa, fatti una vacanza con delle amiche, cambia aria e poi riprendi a studiare. Sai già cosa vorresti fare dopo la laurea? Poniti un obiettivo e inseguilo, lo so non è facile. Se stai tutto il giorno in casa ti deprimi di più, fai uno sforzo e iscriviti a un corso, che ne so di ballo o appunto zumba o qualcos’altro, inizia da qualche parte, hai bisogno di sfogarti. Hai scritto che vorresti tornare indietro e fare viaggi e anche sbronze (guarda anche in questo punto ti comprendo benissimo:)) puoi ancora farlo, VIVI, hai bisogno di VIVERE. Hai delle amiche? Cerca di uscire con loro e passarti una bella serata, senza pensare troppo, senza farti paranoie, rilassarti. Ti vorrei dire tante cose, perché mi sento molto simile a te. Mi scuso se non ho scritto benissimo in italiano, ma vivo in Svizzera e diciamo che parlo solo italiano popolare:)
    Un caro abbraccio

  2. 2
    Biscottina -

    Risvegliarti a 14 anni ??
    Io ho 14 anni , quasi 15 e mi sento esattamente come te, forse anche peggio .
    A 12 anni ero piena di amiche , di ragazzi che mi venivano dietro , la mia famiglia era sempre dalla mia parte , ero più magra , più carina , avevo una gran voglia di vivere la mia vita al massimo , l’unico problema è che come ogni bambina volevo il mio principe azzurro, ma..
    Quando è arrivato questo principe azzurro , tutto si è capovolto , le amiche si sono rivelate false , ragazzi non se ne sono più visti , la mia famiglia mi da sempre contro , sono ingrassata , mi sono imbruttita e adesso .. ??
    Mi ritrovo sola tutta la giornata buttata sul divano a guardare la TV e ogni tanto muovo solo il braccio per prendere un telefono e chiamare quel maledetto principe azzurro che sta ancora con me, ma che non mi pensa e mi tratta anche male , ho scelto una scuola superiore che a me non piaceva solo per seguirlo ed ora ho deciso di cambiare e quindi la mia vita sociale si è proprio distrutta..
    Ma sai cos’è ?! Io non ho voglia di scappare , perchè so che i pensieri mi tormenterebbero lo stesso , io voglio morire..
    Tutti dicono che le cose le risolve il tempo, ma non è vero devi capire l’ origine del tuo problema e devi affrontarlo .. il mio è quel dannato principe azzuro e quando l’odio che provo per lui avrà il sopravvento sopra quel briciolo di amore che c’è già ..
    ” Avrò Vinto “

  3. 3
    Cantautore -

    Io tra pochi giorni me ne andrò davvero da qui e volterò definitivamente pagina, dando una grossa svolta alla mia vita.
    E saluterò per sempre solo quei pochi amici veri e fedeli che mi sono sempre rimasti accanto e che non mi hanno mai abbandonato, soprattutto nei momenti di grossa difficoltà.
    Me ne tornerò a Parigi, città in cui sono nato.
    Buona fortuna anche a te, Empatica.
    Un caro saluto.

  4. 4
    FateRidere -

    Perchè non fate un viaggio in Cina, nella provincia dello Yunnan, a Qujing e cominciate a lavorare in Miniera?

  5. 5
    lory -

    Fateridere, ma che vuol dire? Scusa una persona solo per il fatto di non dover lavorare in miniera deve essere felice? Mai dai, tu mi fai ridere…tipiche frasi che si dicono in queste circostanze..Empatica è una persona molto sensibile e riflessiva e perciò sente questo disagio, non ci trovo nulla di male, per uscirne bisogna dare un senso alla propria vita, avere degli obiettivi da raggiungere..

  6. 6
    Dakar -

    Capisco il tuo stato d’animo Empatica..purtroppo la società in cui viviamo spesso non permette più relazioni umane degne di essere, le persone si allontanano, i sogni perdono i loro contorni e ti sembra di vivere una vita inutile.
    Per carità lungi da me l’intenzione di fare della psicanalisi da quattro soldi, era solo per tentare di dirti che non sei la sola ad aver attraversato momenti come questo..momenti che si superano, stai serena..e ti dirò..sono momenti che si possono ripresentare anche più avanti nella vita. L’ho passata io a 16/18 anni e la sto riattraversando da diverso tempo anche ora che di anni ne ho 32. Non so da cosa dipenda..mi piacerebbe darti la soluzione a tutto questo perchè leggo che è un qualcosa che ti sconvolge internamente non poco.
    Ma mi pace pensare che il tuo sfogo sia dettato, al contrario, dalla voglia di non arrendersi alla banalità dela vita..questo è ciò che dico a me stesso e lo sai? funziona..quindi metti lo zaino in spalla e viaggia..esci dalla routine..vai da qualche parte..lontano..sbronzati..suda..bestemmia..impara qualche lingua..dacci dentro e riprenditi te stessa.
    Vedrai che al ritorno sarà diverso e ritroverai tutti i tuoi progetti lì ad attendere di essere realizzati.

    Stai bene.

    Dakar.

  7. 7
    silvana_1980 -

    non fartene un dramma, sono momenti che passano non appena si ha l’occasione di svagarsi un pò
    allo stato attuale anche io la sera invece di tornare a casa farei tappa all’aereoporto e prenderei un volo a caso verso qualche posto caldo spegnendo cellulare, pc e tutto quello che ci sta dietro
    è positivo avere queste sensazioni, perchè significa riconoscere che si può fare meglio del passato e non guardare al passato proiettandosi verso il futuro, migliore
    se non sarà adesso sarà nelle vacanze estive…ascolta il vento del cambiamento e non ti spaventare
    sembra un malessere ma porta al benessere…a differenza di chi invece continua a coccolarsi nel passato con il rischio di fossilizzarsi in qualcosa che è già morto da un bel pezzo e non può più tornare
    tu dici di non volere crescere solo perchè vuoi svagarti un pò…secondo me invece è umano quello che senti, si può crescere anche divertendosi mica siamo morti, percarità…si può uscire e divertirsi anche da sposati con figli, anche da quarantenni è lo spirito che conta
    il non voler fare certe cose perchè si è grandi, perchè si è sposati, perchè si hanno figli secondo me non fa bene a nessuno….si fa un pò più di fatica, ma si possono ancora vivere certe emozioni
    e non reprimere l’amore, direzionalo solo verso chi merita…
    baci e good luck

  8. 8
    Mudrick -

    ciao, mi sconvolge leggere la tua lettera perchè capisco esattamente quello che stai passando (sono nella tua stessa identica situazione) quindi ti dirò quello che mi sono risposta quando mi sono fatta le tue domande:
    1 Passi tanto tempo a vedere fesserie in tv perchè spengi il cervello e così non pensi alla vita reale
    2 svegliarsi a 14 non è la soluzione perchè, per quanto posso ricordare, non era chissà che divertimento
    3 Aiuti le persone perchè è gratificante farlo (ed è una buona cosa)
    4 Ti preoccupi di quello che pensano gli altri perchè è tipico della natura umana e non c’è scampo
    Nessuno ci butterà verso l’indipendenza che cerchiamo, l’unica possibilità che abbiamo è prendere il controllo della nostra vita e darci da soli un’opportunità. Capisco che possano sembrare parole al vento (io stessa mi non mi condividerei se in questo momento non fossi in uno stato di tranquillità) ma dobbiamo darci una mossa, svegliarci nel “qui e ora”. Per cominciare trova qualcosa che (vabè scusa stamattina mi sono svegliata poetica) faccia brillare la tua anima: hai un hobby particolare? che ti rende felice? (guardare la tv non vale!) sviluppalo. Inoltre cerca di non restare sola; vai all’università no? resta a pranzo con qualche collega, studia con amici (ma studia! XD) esci la sera. E infine un consiglio appassionato NON PRENDERTI SBORNIE COLOSSALI CHE NON SERVE A NIENTE ti prego non farlo, non lo direi se non ne avessi pagato le conseguenze. Se hai bisogno sono a disposizione!

  9. 9
    Anch'io come te... -

    Ciao, la tua lettera mi ha molto preso… anch’io mi sento proprio così,vorrei avere il coraggio o la pazzia necessaria per andarmene… lasciare tutti, una famiglia che non mi vuole, amici che non sentiranno la mia mancanza. Vorrei sparire, non essere me, perchè cambiare è difficile …è tutta la vita che ci provo, inutilmente.
    Vorrei qualcuno che mi amasse almeno una volta, tanto per sapere com’è.
    Sono nata in una famiglia che mi ha maltrattato, umiliato, mi ha fatto sentire sempre un peso, qualcosa che se non ci fosse stato, sarebbe stato meglio. Lavoro per pagarmi l’università, che voglio finire, per avere una possibilità in più di crearmi una vita dignitosa, però in giorni come oggi il mio passato e presente mi pesano così tanto da sentirmi soprafatta… e allora chiudo gli occhi e mi immagino, per esempio, in maccina in un bellissimo viaggio on the road senza mete precise, senza nome nè cognome, viaggiare e fermarmi solo per vedere il gran canyon o l’alba… da sola o magari con un uomo che sappia salvarmi da me, e che un giorno mi aiuti a riacquistare il coraggio di tornare sulla terra in questo mondo così macchinoso da rimanere, come charlie chaplin, incastrato tra gli ingranaggi. Solo questo sogno, che mi impongo di realizzare, mi da la forza di continuare a studiare e di sopportare gli insulti e le offese…
    Dai Tiriamoci sù insieme, perchè noi sappiamo cosa significa sentirsi in gabbia…
    Un Abbraccio Silvia

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili