Salta i links e vai al contenuto

Vorrei rimpatriare in Italia

Ciao a tutti,
vorrei presentarmi, mi chiamo Agostino e ho 51 anni. Vivo dal mio decesimo anno in germania a Brema, cioé già 41 anni.
Scusatemi dunque, se il mio Italiano non è attuale e pieno di errori.
Mi rivolgo a voi perché non ho la minima idea a chi potrei rivolgermi o domandare.
Ho una grande volonta di rimpatriare, anche se tutti mi contradiscono e mi consigliano di rimanere.
Ma io vorrei ritornare anche perché mi piacerebbe godermi la mia “patria” dove sono nato, dove c’é la mia famiglia.
Sono all’ultimo terzo della mia vita, ecco perciò.
Poi mia madre da alcuni anni vedova con 80 anni di età ha ( come potrete capire ) paura di vivere sola. Io vorrei accompagnarla nei suoi ultimi tempi.
Però ho i miei dubbi perché non so come potrei pagare la mia vita in Italia.
Il governo italiano non mi sembra assolutamente amichevole con noi emigranti, non ci sono aiuti che io sappia. Al contrario sembra che sono più contenti se noi rimaniamo fuori dal paese per evitare in caso spese.
Ma forse c`è un aiuto, qualcuno mi saprebbe informare? Dove potrei rivolgermi?
Possiamo dimenticare tranquillamente di sprecare tempo col pensare al consolato italiano.
Forse qualcuno ha un`idea come potrei risolvere il mio problema?
Il mio e-mail — agostinova@yahoo.co.uk
cordiali saluti.
AgosTino

L'autore ha scritto 3 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate

Continua a leggere lettere della categoria: Mondo

70 commenti

Pagine: 1 2 3 7

  1. 1
    Leilaluna -

    ma se fai venire tua mamma da te?? forse sarebbe meglio.. da italiana ti dico questo.. lassa sta!

  2. 2
    psYco -

    Ascolta se hai un lavoro ti conviene decisamente rimanere lì. Qui le cose vanno piuttosto male e se c’è un paese che si salva è proprio la Germania. Quindi vedi tu cosa ti conviene fare… Mi spiace per tua mamma ma se lei ha un problema dopo il problema lo avrete in due.

  3. 3
    AgosTino -

    Vi ringrazio per i vostri commenti.
    Ciao leilaluna,
    Certo che far venire mia madre qua sarebbe una soluzione, ma lei qui risulterebbe per primo anche se Comunita Europea
    una straniera, e ci sarebbero alcuni problemi da risolvere, come l’assicurazione di malattia, la lingua, (tv+radio)la
    comunita che parla tedesco, alimentazione, la piccola pensione,e poi, e poi,……… certo tutto a una soluzione.
    A che costo?? Solitudine.
    Ho un lavoro, ma lo stipendio basta solamente per dare a mangiare al governo, i fornitori di energia, e l’affitto.
    Il piccolo resto che rimane e solo spaghetti alhio e olio.
    E a volte manca perfino l’aglio.
    Il cargo mensuale anche qui e pesantissimo e molte volte mi fa pensare che non vale più la pena lavorare visto che quello che pianto se lo mangiano quelli seduti in poltrona con la pelle di cuoio, che hanno visto una zappa solo in qualche libro. Il mal di schiena gli viene dal star seduti 24 Ore serviti da noi fessi col caffè.
    Cordiali saluti AgosTino
    Ciao psYco
    non e solo la germania che si salva, in svizzera si vive migliore, in Francia, in Finlandia, in Denemarca, Svezia,etc.
    Ma hai ragione, la rete sociale qui e ancora migliore che in Italia. In Italia dopo sei mesi(?) di disoccupazione se non hai una famiglia che ti puo aiutare muori di fame se non trovi lavoro oppure vai a rubare.
    Posso capire, mi dipiace solo che quei covardi vanno a rubare ai poveretti e no a quelli che hanno :-(.
    Qui invece continuano dandoti un “mantenimento” che ti fa SOPRAVVIVERE onestamente senza constringerti a rubare.
    Naturalmente devi provare che sei seriamente disposto e in cerca di lavoro.
    Ma ti dico che anche qui stanno tagliando dove possono e in breve in qualche modo avremmo L’Italia anche qui.
    Non capisco come fa la gente (in Europa) ad averne tanta pazienza.
    “Loro” mangiano come gli antichi romani fino a che non entra più niente, dopo mettono il dito nella gola e tutto ricomincia.
    Ma tutto questo non risolve il mio problemino, da una parte lo spiega solamente.
    La mia domanda rimane, ci sono instrumenti che aiutano a chi vuole rimpatriare? A chi posso rivolgermi?
    Se voi vorreste rimpatriare, quale stato italiano schegliereste? Non certo la calabria. O?
    Dopo poter esaminare i fatti avro come decidermi.
    Ringrazio la vostra attenzione.
    Cordialmente AgosTino.

  4. 4
    ChiaraMente -

    Qui la vita è un bordello. La gente muore di fame o quasi. i politici se ne fregano e tagliano sulle pensioni. Per gli emigranti non ne parliamo, ti danno il permesso di soggiorno per ricongiungimento familiare e poi ti tocca vivere acarico dello stato che non ti da un c….! Perchè tanto lavoro non ce n’è regolare manco per gli italiani. Vi sfruttano. Porta via tua mamma se puoi. Sennò ti condanni a una vita d’inferno “per la tua patria”.

  5. 5
    Francesco... -

    Ciao Agostino..le tue intenzioni sono buone..ma dato ke tu hai diciamo tutto li a Brena, cerca di far venire da te tua madre dato ke è sola, per quanto riguarda l’opzione di trasferirsi te lo sconsiglio..ultimamente ci sono molti problemi in italia e la situazione non cambia e credo ke non cambierà mai..ma io penso ke tutti questi problemi non possono allontanare un figlio dalla propria madre..fai di tutto per stare con lei mi raccomando!!
    Ciao e buona fortuna!
    Francesco…

  6. 6
    pedrito -

    ..nei consolati italiani esiste un avvocato che ti consiglia gratis. Informati a che punto stai con il diritto alla pensione o contributiva o sociale. Allargati con gli orizzonti…a stare male in Europa…meglio scegliere un paese dove il clima e’ caldo tutto l’ anno !(sarebbero quei paesi che stanno 20 gradi di paralleo sopra e sotto l’Equatore…)tua madre e’ un problema che si risove con la richiesta di assistente sociale Inps…o aspetta che se ne vada. Europa e’ in crisi, i valori, i desideri tuoi,..sono cose che non ci si puo’ piu’ permettere.

  7. 7
    Agostino -

    Ciao ragazzi, vi ringrazio per i vostri commenti e consigli.
    Alla fine…… tutti voi avete ragione, le cose che mi avete scritto centra in pieno quello che so anch’io.
    Mia madre gia si e spostata e vive con me.
    Per tutti noi penso che è chiaro che a lei con i suoi 79 anni, gli manca l’Italia, per lei l’italia non e male.
    Anch’io penso i miei paesani non sono male, purtroppo abbiamo un Governo che veramente se ne frega del popolo che gli da a mangiare.
    Ma alla fine siamo “noi” a votare.
    Di me i governanti si ricordano solamente quando ci sono le votazioni. Ma che cretinata, come faccio a sapere la situazione politica in Italia? A chi voto??
    Berlusconi si dice che è della mafia, i comunisti mi fanno ricordare la Russia, Cuba , Cina, un’altra bella fregatura, i socialisti non sono sociali, una rete sociale in Italia non è mai esistita. I neri neanche a pensarci, quei tempi li abbiamo passati negli anni 30, 40 qui in Germania erano i marroni e sappiamo bene il successo e che significa.
    Dunque a chi votiamo???
    Per Pedrito
    Il consolato purtroppo mi ha fatto capire che L’Italia ne rimane più felice se noi emigrati rimaniamo dove siamo,
    andar fuori dall’europa? Si magari, ma mi puoi indicare un Paese dove ci si vive “migliore” e ti danno il benvenuto anche se non hai soldi??
    Purtroppo il caso del soggiorno ci impedische muoversi veramente liberi.
    Prendi come esempio l’Italia e il problema dei marocchini.
    Un cordiale saluto
    Agostino

  8. 8
    Anna -

    Ciao, conpaesani, anche noi pensiamo di andare per sempre in Italia.
    Sono nata in Germania e ho 41 anni, ma da Ragazza ho vissuto circa 5 anni in Italia,in quel periodo ho imparato in Italia la parrucchira,
    poi a 17 anni sono tornata in Germania mi sono sposata mio marito e tedesco e adesso sono qui. Pero ho conosciuto la vita in Italia e sono contenta. Perche li non si lavoro soltanto ma si vive anche, Noi come Parrucchiere lavoravamo dalle ore 8:00 o. 9:00 secondo la stagione fino all`una Poi a Pranzo a casa o a Mare secondo come volevi alle 17:00 iniziavi fino alle 23:00 sempre secondo la stagione in estate era piu a lungo, pero alle 23 uscivamo andavamo in piazza o al porto per una Pizza o un Gelato con gli amici eravamo piu contenti, Giovedi quando c`era il mercato andavamo per Passeggiare comprare era normale la padrona non aveva niente in contrario, cio è
    non eravamo sciavi del lavoro.

    Poi sette anni fa, amici miei sono tornati in Italia lei tedesca, parla benissimo il Siciliano, hanno un appartementino piccolo, lei lavoro in banca per pulire due ore al giorno e prende 240 € al mese,
    e lui libera rubinetti e cabinetti pero secondo occasioni uno o tre volte alla settima, poi fa ogni lavoro che gli capita, sembra che non hanno molto ma quando siamo in Italia hanno tutto il vino il pesce la carne formaggio olive insomma tutto, come fanno? sti cose non ce lai neanche in germanio che lavoriamo in due 8-10 ore al giorno, be capite cosa voglio dire, sono contenti, prima il mio amico in germania aveva sempre la depressione, adesso e contento, non dico felice ma contento. Io penso che se sai fare qualcosa, e abile, entro un anno o due ti ambienterai. E questione di pazienza e buona volonta, e devi andarci con la consapevolezza di voler cambiare la vita. per la Krankenversicherung se non guadagni piu di una certa cifra sei assicurato statale senza pagare un centesimo, poi devi informarti prima e chiaro no, buona fortuna !!!!!!

  9. 9
    Agostino -

    ciao Anna
    non deluderti, presto vedrai che dalla Germania all’Italia esiste una grandissima differenza, ti sbagli dicendo che in Italia si vive un po di piu. E poi “noi” in Italia non siamo piu italiani. L’assicurazione di malattia,se aspetti alla statale muori. Se devi andare in ospedale e non stai morendo ti fanno aspettare mesi. Gli amici dicono…. ma no aspetta, io ho un amico che ha un amico che lavora in ospedale ed é amicone con il professore di chirurgia, vedrai, presto ti farai l’operazione. Balle cara Anna, vogliono soldi per essere attesa un po prima. Questo X propria esperienza. Mia madre soffriva di dolori a una gamba, stanca di aspettare alla statale e andata ai privati. Dopo tante consulte pagate gli dissero che un’opoerazione alla sua età era rischiosa, meglio non farla. Lei adesso vive con me in germania, un orthopede la transferi all’ospedale, quei dolori oggi sono solo un brutto ricordo. Per il lavoro, ci ho provato, ma neanche i miei familiari hanno potuto aiutare, sono qualificato tecnico elettronico e non incontravo niente, neanche X 4 soldi. Poi se devi aspettare 1 o 2 anni per stabilirti, dovrai pur vivere di qual’cosa, come paghi le olive,l’affitto, il pesce? La disoccupazzione e solo x sei mesi, poi se non guadagni niente, ti fanno crepare. Nessun aiuto statale.
    C’é altro ancora, io per esempio non ho piu residenza in Italia, il mio nome risulta al AIRE ( anagrafe dell’italiani residenti allèstero)ho ancora il passaporto Italiano, si ferma li.
    Cioe sono solo un numero. Poi la e carissimo e se hai qualcosa, hai la mafia dietro la porta. Qui si vive piu tranquillo. Se qui hai un diritto, lo ricevi, non hai bisogno di amici, capisci? Si mi piacerebbe l’Italia ma, non e piu possibile. L’Italia é cambiata, decidi tu se per il bene o X il male. Sono nato vicino a bari e vivo dal 67 qui in Germania, non mi e mancato mai niente, con o senza lavoro. Qui (ancora) non ti fanno crepare. In Italia si.
    Buona fortuna.

  10. 10
    Anna -

    Ciao Agostino, era solo un upininione mia, e vero che qui si è piu umani, rigurdo i medici, non C´e da ridire.

    Pero è anche vero che i miei amici che si sono ritirati vivono pure, come fanno? Per esempio, i miei zii si sono ritirati dalla Germania 30 anni fa. Mio zio si era aperto la pizzeria, si sono fatti certi palazzi, a 4 figli, adesso tutti sposati, anno case dal Padre, dai suoceri, officini Carrozzeria, Magazzini da Bombole è Bevande, insomma lavorono sempre pero lavorono, e se vai a casa sua, hanno tutto di lusso. Le case, che puoi mangiare sul pavimento, 200 qm di appartamento, terreni an non finire,insomma come fanno, io ho un appartamento di 82 qm di proprietà, ma È discreto niente di particolare. È lavoriamo io e mio marito, abbiamo studiato tutti e due, io Ragionieria e mio marito tecnico elettronico.
    I miei figli studiano tutte due, questo e un lusso, ma secondo noi necessario. I figli dei miei cugini, che vivono in Italia sono tutti,come “dire “fasola a scuola” pero quelli erediteranno tante case, che non si devono neanche muovere. è questo lo trovo malissimo, perche il lavoro e una sottisfazione, che ti aiuta a crescere.

    Noi pensiamo, di andare in Italia, quando i ragazzi saranno per conto suo, e noi in pensione, forse passeremo l èstate in Italia, chissa,
    anche se puo essere solo un sogno mi piace sognarlo.
    Quando vedo, il Programma Italiano, mi viene la nostalgia di stare li,
    forse ti sembrera strano, ma quando, la sera ci sediamo e accendiamo il programma italiano ci sentiamo meglio, la musica, i spettacoli, sono allegri,
    Non guardiamo mai il programma tedesco, e noioso da morire.
    Come gia avevo detto, da Ragazza ho vissuto in Italia, Chissa. un giorno? ma.

    A, volevo dirti tu vieni da pr. Bari, io dalla sicilia Pr. Agrigento,
    ma spesso andiamo a fare le vacanze a Manduria Pr. Taranto. S. Pietro di Bevagna conosciamo un po di gente li, e bello ci sono sempre bei concerti di cantanti italiani, mio marito ne È PAZZO CIAO Anna

Pagine: 1 2 3 7

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili