Salta i links e vai al contenuto

Vorrei cambiare ma non ci riesco

Lettere scritte dall'autore  

Buonasera a tutti, sono un ragazzo di 23 anni e dentro di me c’è il vuoto. Ho una ragazza stupenda che a poco a poco sto perdendo. Dopo cinque anni di fidanzamento non riesco più a corteggiarla, non riesco a farla sentire importante e sembro essere disinteressato a lei.
Quando ancora ero studente, la mia mente era molto più tranquilla e serena e riuscivo sempre a stupirla e a farla impazzire x me, da quando poi mi sono diplomato e ho iniziato a lavorare la mia vita è cambiata. Sono una persona molto emotiva e sensibile e molto pessimista. L’impatto col mondo lavorativo mi ha fatto capire che non valgo niente, mi sento o meglio sono un inetto e così da ormai un po’ di anni penso al suicidio perchè non riesco a cambiare rotta, non ho la forza x farlo…. A questo punto se la mia raga mi lascia forse è un bene così almeno lei si salva. Il mio stato depressivo invade tutta la mia vita, la mia raga vuole che io vada da uno psicologo, ma io non ho il coraggio x farlo. Spero che qualcuno\a di voi mi possa dare un consiglio da amico.

L'autore ha scritto 5 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Me Stesso

4 commenti

  1. 1
    ylenu -

    Il mio consiglio è: dai ascolto alla tua ragazza e a tutti coloro che ti amano e che ti daranno consigli!

  2. 2
    andrea -

    anch io come te ho iniziato a lavorare da poco tempo. Se può esserti d aiuto penso che chiunque quando ha iniziato a lavorare si sia sentito un incapace, soprattutto nelle aziende piccole dove non si riceve nessuna formazione e per imparare il mestiere si deve contare solo sulle proprie capacità di imparare in fretta. Nelle aziende, in TUTTE le aziende, se fai una minima minchiata ti verrà subito rinfacciata, mentre se fai bene il tuo lavoro mai nessuno ti verrà a fare nessun tipo di complimento. Non è bello ma è così e bisogna farci il callo se non si vuole soccombere. Le critiche vanno sempre ascoltate ma bisogna dare loro il giusto peso, senza mai incazzarsi ma nemmeno facendosi trattare come minorati mentali, soprattutto se, dopo un attento esame di coscienza, ti rendi conto che la colpa dei tuoi errori deriva dal fatto che non sei stato messo nelle condizioni di far bene il tuo lavoro. E in questo caso bisogna pacatamente farlo notare a chi di dovere. Certo tu devi impegnarti al massimo nel lavoro, ma assolutamente non darti la colpa di qualunque cosa succeda, se fai così per te è finita. Forza e coraggio

  3. 3
    Davide -

    ho la sensazione che spesso i problemi ce li creiamo noi nella testa ma che in realtà non esistono. spesso si vede il bicchiere mezzo vuoto quando in realtà è mezzo pieno. agisci, non farti abissare dai pensieri negativi e difendi la tua ragazza, non farla scappare. se sta con te sicuramente dei pregi li hai. lavora su te stesso e sulla tua autostima, fatti aiutare dalle persone vicine e dalla tua ragazza come ti ha detto ylenu. ho imparato nella vita che non bisogna mai cambiare per gli altri ma per se stessi. fai questo sforzo, migliorati prima per te stesso, poi eventualmente per gli altri. in bocca al lupo

  4. 4
    alf -

    grazie a tutti,mettere in pratica le cose che dite è difficile.cmq ci proverò.grazie ancora amici.

Lascia un commento

Max 2 commenti x volta ▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili