Salta i links e vai al contenuto

Violenza psicologica da parte del partner

Salve
ho 18 anni e volevo raccontare per sfogo uno dei tanti problemi che mi affligge in questo periodo. Ho deciso di scriverlo qui perché è da troppo che sta andando avanti e ho bisogno di consigli da chi magari ha vissuto le stesse esperienze:
Sono stata 9 mesi assieme a un ragazzo. Molto bello, aveva un fascino particolare, diversamente dagli altri. Mi innamorai di lui. Dopo 1 mese che eravamo assieme mi regalò un anello e mi chiese di sposarlo. Io ne fui sorpresa ma non entusiasta, l’idea del matrimonio proprio era ed è tutt’ora lontana dai miei obbiettivi. Lui ci rimase male per il rifiuto e interpretò la mia risposta come un segno che non lo amo abbastanza. Iniziò ad essere geloso dei miei amici, mi faceva scenate di gelosia perché secondo lui tutti ci provavano con me. Io reggevo la mia opinione che non era vero ma alla fine non sopportando più il litigio che avevo con lui decisi di accontentarlo, e smisi di sentire e vedere molti miei amici. Iniziò perdipiù a riempirmi di regali, specialmente dopo un aver litigato. Successivamente anche se uscivo con amiche femmine per lui diventò un problema: diceva che poi io ci provavo con i ragazzi, che loro ci provavano con me che secondo lui io andavo non dalla mia amica ma da un altro e che lo tradivo… e quando tornavo dalla mia amica mi teneva il muso, diceva che secondo lui io mi sono fatta un altro. Capii dopo 2 mesi di essere nuovamente oppressa da un uomo (dico nuovamente perché mi era già capitato prima anche se in forma molto più lieve una cosa simile) e così cercai di lasciarlo. Lui scoppiò in lacrime, mi disse che se lo lasciavo si sparava, si uccideva… io ne ebbi compassione e capii che aveva bisogno di me (si lo so sindrome della crocerossina, fa parte di me purtroppo) e così non lo lasciai. Dopo la cosa andrò avanti, litigavamo ogni giorno o quasi e da semplici pianti iniziò a ricattarmi con autopunizioni, si puntava coltelli alle vene e si tagliava, mi diceva che se lo lasciavo si sarebbe tolto la vita li davanti a me. Varie volte si tagliò davvero, io cercai di fermarlo ma capitò ancora che dovetti medicagli le ferite e pulire il sangue per terra e tranquillizzarlo con la solita frase “ti amo ancora, non ti voglio lasciare, sei la mia vita” anche se in quel momento avrei voluto scappare restare da sola e andarmene via. Se non aveva oggetti con cui autopunirsi ciò sfociava in attacchi di panico fortissimi, lui diceva che in realtà era il cuore che lo stava abbandonando e che era colpa mia, ma in realtà erano crisi fortissime che gli causavano svenimento, convulsioni, mancanza d’aria, male appunto al cuore, perdita della coscienza… io sempre a cercare di farlo riprendere, a volte duravano 10 minuti o 15… all’inizio credevo anch’io fosse il cuore… ma poi capii che era una forma inconscia per ricattarmi. Una volta si prese 10 pastiglie di calmanti… roba da schiattare, invece era sereno, come se fosse rinato. E la cosa mi spaventava soltanto. L’unica cosa che mi resta furono i momenti d’amore con lui, a volte tra un litigio e un altro c’era passione e amore, molto forti, avevamo bisogno l’uno dell’altra. Io fui fuori di testa per tutti quei mesi, non mi truccavo, mi accontentavo di 4 stracci per uscire, sembravo una barbona, ero sempre giù di morale e non davo o meglio non potevo dare troppa confidenza alle persone… poi mi decisi a rivolgermi a uno psicologo, egli mi disse che l’unico motivo per stare meglio era lasciarlo. Mi disse che se la relazione sarebbe durata sarebbe arrivato a mettermi le mani addosso e che era durata già fin troppo. Disse che l’unico modo era dirlo ai miei genitori, per evitare che lo facessero salire in casa. Lo dissi ai miei, loro erano già insospettiti dai miei comportamenti, io non rivolsi parola a loro su nulla fino a quel momento. Mi dispiaceva metterli in mezzo ma purtroppo l’unico rimedio furono loro. Lui capii alla fine di non farsi più vedere anche se ritentò varie volte, ma io avevo l’obbligo di non parlare assolutamente con lui. Mi costrinse a restituirgli tutti i regali e li scoppiò in una delle tante litigate, prese a pugni cassonetti e reti per non picchiare me (come faceva sempre) e mi urlava dietro che ero una puttana… io i primi 2 mesi ero disinteressata da lui totalmente anche se quando lo vedevo mi saliva la paura, tachicardia fortissima e sudore freddo. Poi iniziai invece e tutt’ora continuo a interessarmi della sua vita, lo amo ancora e ci sto malissimo a non riaverlo più affianco, lo so che sbaglio ma non capisco neanch’io il perché… lo amo ancora, tanto, mi danno fastidio le sue “amiche” intime che si scopa ogni tanto, vengo a sapere informazioni di lui da altra gente e ci sto male. Lo desidero ancora, vorrei amarlo nuovamente, non riesco più a rifarmi una vita con nessuno perché ho sempre in testa lui, anche se è un soggetto con problemi che mi ha fatta impazzire e andare completamente in esaurimento nervoso. Sarò scema ma ogni volta che cerco di conoscere un uomo mi sembra o un idiota o uno sfigato, tutti uguali tra l’altro… ho bisogno di uno come lui, e non lo trovo, appunto perché in realtà è lui che cerco. Non riesco proprio a dimenticarlo e vorrei tanto una risposta… perché cerco ancora lui?! dopo tutto quello che mi ha fatto… le sue foto mi assillano, i suoi ricordi sono sempre più nitidi, l’ho lasciato da quasi 1 anno, e da da quasi 1 anno che soffro di insonnia… la notte la sua immagine mi tormenta, anche nei sogni… di giorno sono di conseguenza stanchissima, e manco di concentrazione per tutto. Per favore evitate insulti che sono già a terra di mio.. grazie…

L'autore ha scritto 6 lettere, clicca per elenco e date di pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore - Me Stesso

9 commenti

  1. 1
    sarah -

    ciao piccola io credo che tu sia caduta in una sorta di ossessione.Il tuo ex è una persona aggressiva e malata e hai fatto bene a lasciarlo.Non puoi dire di volere uno come lui e che gli altri sono degli sfigati,pensa invece a tutto ciò che lui ti ha fatto,hai perso i tuoi amici,ci litigavi sempre,ti ricattava,ti insultava devi capire che questo è quello che NON VUOI.Può averti fatto pena ma questo tipo di persone sono autodistruttive e distruggono chi gli sta accanto.Guarda io non sono arrivata al tuo punto ma ti dico stavo con un uomo che mi insultava,era aggressivo a parole,spaccava tutto e temevo che prima o poi picchiasse me,lo amavo ma non lo vedo più oramai e sto molto meglio anche se lui ha cercato più volte di ricontattarmi.Io ti consiglio di farti seguire sempre dallo psicologo,anche io ci vado,pensa che neanche io riuscivo a dormire e da qualche mese piglio delle gocce e ho ripreso a dormire,ora piano piano sto riducendo la cura,ci sono ancora gli attimi di sconforto ma ora lui non mi manca più e anche la rabbia si è affievolita,sei molto giovane e anche fragile,devi dedicarti a te stessa e basta.Comincia a recuperare le tue amicizie,fai qualche corso,palestra,dedicati a qualche hobby,non stare da sola mai,cerca di stare semrpe in compagnia,anche se pensi a lui devi costringere la tua testa a distrarsi,i primi tempi è stata dura,ho cominciato ad andare dalla psicologa tutte le settimane,mi sfogavo,piangevo,urlavo,ho iniziato a pigliare le gocce per dormire,mi sono iscritta in palestra e facevo un corso di pilates che riusciva a farmi stare meglio,non ho incontrato nessuno prima di diversi mesi ma già sapevo che indietro non volevo tornare,il tuo ex probabilmente ha avuto un ossessione per te,ti ha chiesto di sposarlo dopo un mese,dai voleva possederti in tutti i sensi.Evita ogni luogo che ti ricordi lui,per quanto possibile,io ho evitato per mesi il quartiere dove abitava,evita di ascoltare canzoni che te lo ricordano,truccati,fatti bella,valorizzati,vai a guardare un film che ti fa ridere,ora viene il caldo,esci e piglia un pò di sole,comprati qualche vestito nuovo,un paio di scarpe carine,cancella il suo numero,cambia il tuo di numero,cancella ogni prova di lui,foto,messaggi,email,è difficile ma aiuta molto,ogni giorno elimina una piccola parte di lui nella tua vita,oggi i messaggi,domani le foto,poi i regali,dalli a qualcuno,anche io li avevo,li ho regalati vederli mi faceva solo male,non chiedere informazioni su di lui e se qualcuno te ne parla non starlo a sentire,non cedere mai,non voltarti indietro,vai per la tua strada,lui non è l’uomo della tua vita,lui è una persona che voleva distruggerti,ne sei fuori,rimanici.Ci vorrà tempo ma se non cominci a fare piccoli passi passerai anni a perdere tempo dietro a una persona che ti ha fatto così male.non cedere ti prego,se ti viene da cedere vai da un amica,parla con qualcuno,non stare sola,fai qualsiasi cosa per impedire a te stessa di cedere.Coraggio!

  2. 2
    Gabriele -

    Condivido in pieno l’opinione di Sarah, sei giovanissima e hai il diritto di vivere la tua vita e di avere VERO AMORE, il tuo ex è seriamente malato e anzi sono convinto che riallacciare eventualmente la relazione con lui possa sfociare in episodi di violenza nei tuoi confronti. A 18 anni proprio non vale la pena stare male per uno che non vuole amarti ma possederti, come se tu fossi una “cosa” sua. Buona vita cara.

  3. 3
    blacktear -

    grazie mille…sarà difficile perchè lui abita proprio a pochi isolati da me e usciamo nello stesso paese…lo trovo in giro ovunque…pultroppo l’unica speranza è stà benedetta patente che stò facendo per poi uscire più lontano…avevo anche intenzione di trsferirmi un giorno se riesco a trovarmi un lavoro (cosa che non trovo) e appunto ad avere la macchina…ora come ora sono bloccata qui…e stà ossessione è sempre più forte di prima… blacktear

  4. 4
    sarah -

    non vuoi magari andare all’università?così andresti via.

  5. 5
    blacktear -

    voglio solo andare a lavorare il più presto possibile e farmi la mia vita…l’università (nel mio caso l’accademia di belle arti) oltre far spendere ai miei i soldi per un lavoro che manco sò se riuscirò ad ottenere mi rende solo dipendente ancora da loro…e vorrei avere dei soldi miei e farmi la mia vita come si deve…non ho intenzione di arrivare a 23-25 anni ancora a scuola senza un soldo…così la penso io poi sono sclete…e credo anche che ciò mi aiuterebbe anche a dimenticarlo di più che andare ancora a scuola…ma questo è un altro problema… 🙂

  6. 6
    sarah -

    io ho fatto l’accademia e ti capisco comunque se decidi di studiare puoi informarti e vedere se ti danno al borsa di studio io l’avevo e avevo anche la casa…cmq fai tu non è facile trovare lavoro oggi.

  7. 7
    allegra -

    Ciao blacktear come stai a distanza di un po’ di mesi??Leggendo le tue parole, finalmente, posso leggere di qualcuno che è nella mia stessa situazione. Io ho provato più volte a lasciarlo ma ogni volta lo giustificavo. Pochi giorni fa sono riuscita a lasciarlo, ma lui ha iniziato a scrivermi e mail con offese, poi l’ho rivisto e ha cercato di farmi del male fisico, oltre che mentale. Dieci minuti dopo che sono tornata a casa mi ha chiamata e chiesto come stavo, facendo il gentile e dicendo che gli manco.Sono mesi che non mi curo, che sto male. Anche per me, l’inizio con lui è stato una favola, per questo sono attaccata a quel ricordo. Spero tu stia meglio……

  8. 8
    Gaia -

    Ê uguale alla mia stori, uguale lui é convinto che tutti vogliono portarmi a letto e dice ho i miei atteggiamenti fanno in modo che gli uomini Mi cerchino perché sono una facile. Non vuole che mi vesta in un determinato modo non vuole che parli con uomini non vuole che sia troppo aperta con ragazzi della comitiva entrati da poco. Ma non so perché non posso fare a meno di lui , mi umilia usa parole offensive ma io lo voglio . Non si fida dice che si vergogna di me quando siamo in giro ma io ho sempre avuto tanti amici sono sempre stata simpatica e nessuno mi aveva trattato così. Eppure per lui ho fatto tante rinunce tante ma ne vuole sempre di più dicendo che sono prove d’amore. Ma lo amo ma perché amo un uomo che so che ê malato e non accetta le mie giustificazioni . La cosa che mi fa piacere é sapere che non sono l’unica e che altre ragazze purtroppo vivono la mia stessa situazione. che stana condizione . Saluti a tutte

  9. 9
    sarah -

    gaia vedi che manco tu sei tanto normale,fatti aiutare o te ne pentirai!

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili