Salta i links e vai al contenuto

Uscirne… e come?

Lettere scritte dall'autore  

Buongiorno a tutti, dopo aver letto tante e tante lettere su questo sito, e altrettanto tante e utili risposte, mi trovo mio malgrado a sentire il bisogno di scrivere a tutti voi, per esternare ciò che sento, confrontarmi, e ricevere qualche consiglio.
La storia sarà per voi trita e ritrita, ma in questo momento è il mio “dramma” personale, e mi sta mangiando l’anima.
Marzo 2010: conosco lei, 31 anni, io 33, mi piace da subito, cominciamo a sentirci e a frequentarci in compagnia, da amici, pian piano la conoscenza si approfondisce, lei dice di essere un po’ incasinata ma single, cominciamo a sentirci in maniera assidua, io pian piano me ne innamoro.
Giugno 2010: le dico che mi son preso una cotta per lei, mi risponde che per me prova un “affetto smodato ma nulla di più” (i miei amici tutt’ora mi prendono in giro ricordando una battuta di balle spaziali sulla “velocità smodata”) , io ci sto male ma le dico: “ok, no problem, certe cose non si comandano, anche se mi era sembrato provassi qualcosa di più.. ma vabbè, mi sarò sbagliato”. Cerco di allontanarmene ma non c’è verso, continua a cercarmi, cerco di limitare gli incontri in compagnia ma in alcune occasioni cedo, e me la ritrovo appiccicata, sempre addosso, cominciamo a tenerci per mano, una sera passiamo un viaggio di rientro in macchina da una festa coricati e abbracciati.
Ok, mi dico: la ragazza non ha le idee molto chiare vediamo di chiarigliele. Ci organizziamo una serata romantica sul lago, arriviamo sul molo, provo a baciarla, e si scansa. A quel punto mi incazzo e dopo una bella discussione le do una sonora pedata nel sedere e la faccio uscire dalla mia vita. Sto da cani.
Luglio 2010: dopo 20 giorni senza contatti si fa viva, mi chiede di uscire per parlare, accetto, mi dice che aveva appena iniziato a rifrequentare l’ex con cui è stata per 5 anni, che non è convinta e che la mia entrata nella sua vita l’ha un po’ sconvolta, e si sente spaesata.. mi dico che ci può stare come giustificazione al suo precedente comportamento, e poi sono accecato da quanto la desidero, quella sera ci baciamo, e inizia il casino.
Agosto 2010: Pensavo di chiarirle le idee, di farle prendere una certa direzione, invece da li è iniziata una lunga battaglia contro i mulini a vento. Mentre sono in vacanza con amici, sognante, alla partenza mi aveva salutato con una lettera d’amore, dal nulla mi arriva un sms in cui mi dice di essere via col suo ex, una decisione dell’ultimo minuto, in quel momento mi si apre una ferita non ancora sanata, mi par di morire.. sopravvivo, mi dice che con me inizia a provare sentimenti nuovi, mai sentiti, mi prega di non mandarla a quel paese e mi vuole a tutti i costi vedere al suo rientro.
Settembre 2010: Mi dico che tutto quel dolore dovrà pur avere uno scopo, che non posso esserci stato così tanto male per nulla, mi incaponisco anche perché i suoi sentimenti li sento, accetto di rivederci credendo fosse facile farle abbandonare una situazione che lei ha sempre definito “mai soddisfacente”. Da quel momento in poi inizia il vero calvario.
Ottobre 2010. Io non ci sto a fare l’amante innamorato, è contro i miei principi, e mi logora dentro, ma lei mi dice che è solo “vivendomi” che troverebbe la forza di lasciare una situazione nella quale si sente “incastrata” da paura di cambiare, da certezze che comunque quest’altro le dà, da sensi di colpa, da una famiglia che la vuole con lui, e da dispiaceri che darebbe alla “situazione al contorno” (Una figlia di lui avuta con un’altra donna che ha praticamente tirato su lei) . Vabbè, mi dico che una crisi ci sta nella vita di chiunque.. ci provo a starle vicino, come dice lei a “farmi vivere”, passiamo tempo insieme, arriviamo a fare l’amore, nei pochissimi momenti sereni è una favola, ma c’è tanta, troppa passione e io sento che mi sto forzando oltre i limiti, che non stiamo facendo la cosa giusta, e per la maggior parte del tempo vivo con ansia, e angoscia, lei lo sente, e mi dice che questo mio stato d’animo la destabilizza, e non riesce a mollare l’altro.. lentamente muoio dentro, da ottobre in poi cerco di allontanarla, e lei ritorna, sempre e inevitabilmente, in lacrime, con lettere d’amore e regali, dice di amarmi di soffrire senza di me, che sono quello che aveva sempre sognato, l’amore da favola, quello dolce e sensibile…. ma continua a stare con lui, “quello freddo e bastardo che non ha gli strumenti per raggiungere rapporti profondi”. A Dicembre riesco a tenerla lontana e a non rispondere ai suoi messaggi per quasi un mese, ma poi, all’ennesimo sms strappalacrime mi illudo che le cose possano essere cambiate e le concedo di vederci per una colazione, e così siamo arrivati a questo sabato, dove ci siamo visti, dove ha pianto, dove ha provato a baciarmi, dove mi dice che l’ho abbandonata, e dove mi chiede di non sparire di nuovo, ma dove continua a dirmi di non avere la forza e il coraggio di cambiare le cose…con questa persona dice di stare “benino” (ditemi voi, e scusate lo sfogo, ma come c@xxo si fa a stare “benino” con la persona con cui dovresti costruire il tuo futuro????! ) ..
Io le ho provate tutte, penso almeno di averle provate tutte, è mesi che fatico a dormire di notte, a volte mi pare di impazzire e di perdere il controllo, ho voglia di liberarmi da questo che più che amore è un cancro dell’anima.. Mi sento una bella persona, che vale, dolce, sensibile, con un carattere di un leone, con una ferrea volontà quando si tratta di prendere decisioni sul “volersi bene”, ma ora quel leone lo sento sconfitto e imprigionato in una gabbia, e fatico a riconoscermi. Voglio uscirne, perché l’ho idealizzata, perché non mi merita, perché è immatura, perché tutto ciò che è razionale mi dice che non può andare, e che ho investito troppo.. ma era anche tanto che una donna non mi scaldava così profondamente l’anima, non ci credo che mi abbia preso in giro, l’ho sentito bene il suo stomaco stringersi quando ci baciavamo, dopo tutta la sofferenza ancora l’altro giorno l’ho vista arrossire ai miei sguardi, piangere, e cercarmi, e faccio una fatica boia a lasciarla andare. Io mi sto inevitabilmente allontanando, la strada che lei ha scelto, non avendo il coraggio di scegliere altro, la porterà ad una vita piatta, scialba, e alla lunga infelice. Non le dirò mai queste parole in questi termini, paradossalmente non le ho mai espressamente chiesto di mollare l’altro per me, ho bisogno di avere accanto una persona che persegua ciò che ama e in cui crede con tutta se stessa, così come faccio io, volevo c’arrivasse da sola, ma così non è stato, e tutto ciò è molto triste e difficile da accettare.
Mi cercherà ancora, lo so, qualcuno mi dica che se ne esce, per favore.
Scusate le sicure sconnessioni, e se mi sono dilungato, e grazie per la lettura.

L'autore ha scritto 1 lettera, clicca per dettagli sulla pubblicazione.

Lettere correlate:

Continua a leggere lettere della categoria: Amore

9 commenti

  1. 1
    Adele. -

    Ciao Cenere. Tu hai già capito molto, ora devi solo avere il coraggio
    di accettarlo nel tuo cuore ed andartene.
    Credo che se ti piace una persona, veramente, vuoi costruire qualcosa
    con lei, passare del tempo con lei, innamorarti di lei. Se non lo fa è perché non riesce, è perché in fondo in fondo non è amore quello che
    prova per te, ma sei solo una salvagente che la salva dalla monotonia
    di quel rapporto.
    Ti posso dire mille cose su cosa è l’amore e di sicuro amore per te
    non ne prova o non ti farebbe stare cosi male, ma rifletti solo su una
    cosa, che anche tu sai già, in fondo, in fondo….
    “Ma tu ti fideresti di lei, nel tuo cuore pensi che una donna così è
    affidabile? Pensi che non potrebbe farlo con te? Pensi che non è il
    suo modo di essere. Lei non sa stare sola e capire cosa vuole, perché
    è tanto più facile tenersi il suo ex ed avere l’amante”.
    Io non starei mai tranquillo e alla fine sarebbe un inferno.
    Le persone non cambiano. Hanno un’indole, lei è più cinica di altri,
    ha meno sensi di colpa…ma come fa a tornare allegra e felice dal suo
    ragazzo? Perché se stanno ancora insieme, lei riveste il ruolo della
    ragazza perfetta.
    E inoltre come può pretendere che tu te la viva serenamente? Se non
    provassi niente ok, ma lo vedi che se provi qualcosa vuoi di più e sei
    lei invece ancora non lo vuole, vuol dire che quel qualcosa NON LO
    PROVA.
    Inventiamo mille scuse pur di giustificarli, ma la verità è sotto il
    nostro naso!!!
    Tu l’ami e lei probabilmente no o probabilmente non sa ancora cosa è
    l’amore. Tu meriti la felicità completa e lei per come si è comportata
    non te la darà mai.
    All’inizio sembra impossibile vivere senza quella persona, ma il tempo
    ti assicuro FA UN GRAN BENE. E fallo per te…cerca di volerti bene.
    Un abbraccio.

  2. 2
    Zoa -

    Ti posso dire per esperienza che ne puoi uscire solo se ti allontani, è un rapporto malato, avete bisogno di un distacco totale e rischi solo di diventare quel qualcosa in più che le manca con lui e nient’altro..sono stata legata ad una persona che in tutti i modi ha cercato di non farmi allontanare e di non avvicinarmi a nessuno solo per la sua possessività ed egoismo, senza però prendere mai una decisione..decisione che poi ha preso in un secondo momento quando finalmente la mia forza mi ha permesso di resistergli..abbiamo tutti diritto, credo, di vivere un rapporto solo nostro, e non si puo’ perdere tempo a logorarsi e ad annullarsi con persone insicure e furbe credimi perchè alla fine è solo questo che sono..Abbiamo la stessa età, non siamo più dei ragazzini con la voglia di giocare a farsi desiderare..siamo quel che siamo nel bene e nel male e devi dedicare il tuo tempo a persone dalle idee più chiare, capisco questo genere di atteggiamenti solo in persone con problematiche più importanti, non so..tipo sposate, con figli, ecc..ma non pagliacciate come quelle che ti racconta lei..non perdere altro tempo..dille di farsi rivedere solo e quando non avrà più legami..tu ti fideresti di lei anche se lo lasciasse? Rispondi sinceramente..non riesco a vedere vittima una persona che tiene tranquillamente il piede in 2 scarpe..

  3. 3
    Tordek -

    sai come si dice, le donne con gli uomin, sono come le scimmie con le liane..non ne lasciano mai una, se non ne hanno un’altra a portata di mano..ed è esattamente ciò che sta facendo la tua tipa…ha visto quando tu sia preso da lei..ma lei al momento preferisce la sicurezza che le dà il suo fidanzato storico, dato che lo conosce già e ci ha già vissuto insieme…ma intanto ti tiene vicino impedendoti di andare via..così quando si sarà stufata di lui (o lui l’avrà mollata), ta-da ecco che verrà da te professandoti amore eterno e stando con te…ma solo xkè non sta più con l’altro (e te lo dico x esperienza personale…a me è successo la stessa cosa..dopo 2 anni di storia con una già fidanzata, ma che voleva stare con lui, quando lui l’ha lasciata si è avvicinata di più a me, venendo quasi a vivere da me…ma poi dopo 6 mesi io l’ho allontanata, sapendo ciò che stava succedendo, stava rimpiazzando il suo ex con me, non xkè mi amasse, ma xkè lui non c’era più!)

  4. 4
    p -

    Ti sarai accorto che e’ disturbata… Allontanatene, con cautela, puo’ essere pericolosa…

  5. 5
    Cenere -

    Ciao a tutti, grazie per le risposte.
    Devo dire che mettere nero su bianco, scrivere, mi ha aiutato molto.
    Ieri è stata una giornata “parossistica”, oggi sto molto meglio.
    Penso che abbiate detto tutti cose molto vere.
    Adele e Zoa: sono ancora nella fase in cui se tornasse dicendomi che ha troncato con l’altro e mi dimostrasse di volermi le darei una possibilità. Perché in fondo mi ha sempre detto di non volerlo un amante, io non sono molto docile, non accetto compromessi, non le ho mai reso la vita facile, non le ho mai permesso di accomodarsi e cercare di capire, era la prima volta che si trovava in una situazione del genere (come me d’altronde) e ho sempre forzato la mano: i miei termini sono sempre stati “il tuo rapporto è chiaramente in crisi, se non hai la capacità di troncare io sparisco”, trasportato dalla passione probabilmente ho preteso troppo, in maniera troppo decisa, i miei sentimenti uniti al mio carattere non hanno concepito le mezze misure, me ne sono andato più volte ed è sempre stata lei a cercarmi, e l’ho vista stare molto male. Tutti possono sbagliare, il sottoscritto compreso.
    Adele hai ragione, l’amore è tutt’altra cosa, ne sono sempre stato ben consapevole, ma i presupposti c’erano tutti, e per questi ho combattuto.
    Vedo una persona molto insicura e fragile non in grado di prendere delle decisioni. Per molto tempo queste giustificazioni, i sentimenti, e la mia testardaggine mi hanno fatto tenere “la porta aperta”. Ora, con tutto il bene di questo mondo, penso non sia più un problema mio, perché sarà poetico e struggente ma macerare nel dolore non è una delle mie massime aspirazioni.
    Ho troncato, un’ennesima volta, forse questa volta un po’ più dolcemente, ma semplicemente perché sento di essermi arreso, mi cerca e non le rispondo, lo farò, più avanti, con parsimonia perché non voglio rancori.
    Avesse le palle di prendere una decisione mi stupirebbe e le darei una possibilità. Ma anche questa porta si sta lentamente chiudendo.
    Sono circondato da persone fantastiche, so di meritare ben altro, mi voglio molto bene, sono orgoglioso e indomito, magari cadrò di nuovo, ma tornerò a stare bene molto presto.

  6. 6
    Kim -

    Cenere, ci metto la mano sul fuoco che questa ragazza non ti ha preso in giro, che ti vuole realmente bene, ma é pur sempre una ragazza disequilibrata. Anche qualora lasciasse il suo ragazzo, e si mettesse con te, non avrai scampo. Riuscirá a farti stare male ancora, perché questo tipo di ragazze sono cosí, non cambieranno, cercheranno alttre emozioni perché non riescono a vivere una vita serena, perché probabilmente non amano la tranquillitá, hanno bisogno di costante tensione nelle loro relazioni e nella vitta in genere, sono sicuro che fa molto piu fatica a non vedere il suo ragazzo bastardo e superficiale, che te. So che é difficile, perche non riesci a abbandonare una ragazza cosi fragile e con problemi, che ti piacerebbe prennderti cura di lei, che ti sembra constantemente che abbia bisogno di te, e questo ti riempie di felicitá, ma il rischio é grande Cenere, le persone che ne subiscono le conseguenze peggiori non sono i bastardi e i superficiali, ma noi. Io mi sono letteralmente annullato per una ragazza dello stesso stile, non riuscivo quasi a dormire per i suoi comportamenti, e per cercare di capirla. Un anno e mezzo, fatto di momenti in cui ero immerso da una gioia immensa, peró la maggiorparte del tempo la passavo soffrendo, a domandarmi mille perché, a starle dietro, a sentirmi sconfitto, e chiaramente tutto cio si rifletteva sullla mia vita lavorativa, sulle amicizie, sulle passioni. E´stata dura, ma sono riuscito a staccarmi, e adesso sono insieme a una ragazza che nemmeno nei miei sogni piu belli avrei immaginato potessi avere. Ho pace, amore e serenitá. Era anche amore con la ex? Probabilmente, pero grazie, preferisco altro.

  7. 7
    arturoboschi -

    Ciao, avrei voluto non rispoderti proprio perchè io penso che noi uomini dobbiamo darci una svegliata…. prima partiamo con il sesso… poi iniziamo a fare i fidanzatini….
    io mi domando e dico: ma siamo sicuri che queste “ragazze” si innamorino di noi ? dei nostri caratteri ? del nostro aspetto fisico ? del nostro vero io ??? o sono solo appagate di come stanno con noi ??? non so se mi riesco a spiegare… ma io su questo aspetto ho perso la fiducia da un bel pò.
    ( ovviamente chi ti scrive è fidanzato e tra poco anche sposato )

  8. 8
    Mo -

    Ciao Cenere. E’strano come sia facile dall’esterno sorridere mestamente e compatire gli altri… E’evidente la tua sofferenza e la tua confusione, e non si può far altro che augurare che passi al più presto.Perchè passa. Credimi. Ed il brutto, paradossalmente, sarà proprio quando la tua porta si chiuderà e sentirai che è quello che vuoi. Ripenserai a quanto l’hai voluta e al dolore che hai provato, ma tutto è meglio di un limbo… Sto vivendo una storia che ha attraversato momenti cupi e stagnanti, ma malgrado le difficoltà e le incomprensioni, tra di noi non è mai mancato il rispetto reciproco e la sincerità; nessun altro in mezzo, nessun gioco crudele.
    Possono esserci milioni di problemi, milioni di ostacoli tra te e la persona a cui vuoi bene, ma non un terzo. Nessun altro che può avere il suo corpo, e per quanto ne dica lei e per quanto ne sappia tu, anche la sua anima. Solo il corpo basterebbe per esser già troppo. E il trascinarti avanti nel fango è quanto di più meschino si possa fare. La forza si trova. Se non la trova e non la troverà, bada bene, vuol dire che non è quello che vuole. Sincerità e rispetto, sempre. Non si torna la sera a casa da un altro…con quale coraggio vi guarda negli occhi? Mi dispiace molto. Sai che puoi avere molto di più. Hai bisogno di disintossicarti. Vai e respira aria pulita, ti servirà 🙂 Buona Fortuna

  9. 9
    Cenere -

    Ciao Kim, nel tuo intervento hai esplicato ciò che per mesi sono stati i miei timori, praticamente fin da subito, quando ho conosciuto questa persona, ho iniziato a farmi questa domanda: ma è veramente ciò che vuoi? risposta: no. Perché sapevo che il suo modo di essere mi avrebbe comunque fatto soffrire, nonostante mi dessi questa risposta ho dovuto risbatterci il naso, darle ulteriori possibilità, mi rodeva (rode) troppo aver investito così tante energie e dolore in una chimera. A volte bisogna saper accettare la sconfitta e guardare avanti, il tuo intervento mi dona fiducia per il futuro.
    Mo: Sorrido anch’io, mestamente, e mi sono pure compatito. Di certo sono confuso, ma sento che mi sto risvegliando dal torpore mentale in cui ero sceso, la voglio pure io l’aria fresca, pure io punto al rispetto e alla sincerità, non tornerò mai indietro, mi farebbe vacillare solo lasciando l’altro, ma, giuro, spero che non lo faccia 🙂

Lascia un commento

(Massimo 2 commenti per lettera alla volta)

▸ Mostra regolamento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

 caratteri disponibili